Protesta

L'ultimo cast di Airbender di M. Night Shyamalan è razzista?

>

M. Night Shyamalan non riesce a prendersi una pausa, anche con qualcosa di apparentemente innocuo come un film live-action basato sulla popolare serie televisiva animata Nickelodeon Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria .

Shyamalan - il regista di amalo o odilo di Il sesto senso, Infrangibile, Segni, Il villaggio, Dama nell'acqua e L'avvenimento --ha alzato i denti scegliendo attori bianchi come personaggi principali nella sua versione per il grande schermo Avatar . Il problema: Avatar , lo show televisivo, presentava un mondo decisamente asiatico con personaggi prevalentemente asiatici, tra cui Aang, il personaggio del titolo, il Prescelto che deve unire quattro mondi in guerra; Sokka, l'amico di Aang; e Katara, la sorella di Sokka.

Alcuni fan accaniti chiamano razzista Shyamalan, che sta scrivendo, producendo e dirigendo il film per la Paramount Pictures, per aver scelto Noah Ringer, un campione di karate del Texas, come Aang, crepuscolo di Jackson Rathbone nei panni di Sokka e Nicola Peltz di Conciati per le feste come Katara. Anche l'idolo della musica pop Jesse McCartney, scoraggiante per chi si è offeso, sarebbe in trattative per interpretare il rivale di Aang, il principe Zuko.



Loraine Sammy, una lettrice di SCI FI Wire, ha scritto per lamentarsi. 'Il Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria la serie animata era una [satura] nella cultura asiatica e inuit', ha scritto. 'Vedere il cast principale del live-action essere completamente affidato ad attori bianchi è stato uno schiaffo in faccia per coloro che sono fedeli allo show e, per estensione, per le persone di razza diversa. Ancora più rabbia è stata perché è probabile che il film rimanga in un mondo influenzato dall'Asia / Inuit, ma popolato da bianchi. Questo è orientalismo».

Sammy ha citato le citazioni dei dirigenti di Nickelodeon e i comunicati stampa che attestano il L'ultimo dominatore dell'aria 's asiatico piegato. Marjorie Cohn, vicepresidente esecutivo, sviluppo e programmazione originale, una volta ha dichiarato: 'I creatori Bryan Konietzko e Mike DiMartino hanno progettato un fantastico mondo asiatico con personaggi avvincenti e creature interessanti che cattureranno l'immaginazione e lo spirito dei bambini'.

Un comunicato stampa di Nickelodeon ha dichiarato: 'Gli attributi unici dello spettacolo - narrazione epica, influenza asiatica e grafica di qualità cinematografica - hanno generato una delle basi di fan più appassionate nella storia di Nickelodeon'.

Altrove su Internet, yoyoyo ha pubblicato quanto segue su lastairbenderfans.com: 'M. La notte è tutto esaurito. Un modo per rovinare una delle migliori serie animate di sempre.'

Sullo stesso sito, Avatar Browncoat ha scritto: 'Non sono molto contento. Prima di tutto, non sono arrabbiato per la razza di un membro del cast in particolare, ma per un tema importante di Avatar era la tolleranza della differenza[s]. Penso che selezionare un cast tutto bianco non sia fedele a questo, o forse la mia reazione non lo è [l'avvocato del diavolo]. Inoltre, sembra che nel caso di selezione di attori affermati, per quanto riguarda Katara e Zuko, a mio parere, il film abbia danneggiato. Un mondo nuovo di zecca si sta preparando per essere esplorato, [e] avere un'impressione esistente di un attore ti tira fuori dall'evasione e [rende] meno credibile. Infine, sento che se Jesse McCartney fosse stato scelto per il ruolo di Zuko, sarebbe stato fatto esclusivamente per ragioni di crossover mainstream. Penso che lo stesso sia vero per Sokka.'

Su mnightfans.com, David ha sostenuto quanto segue: 'Certo che il mondo di' Avatar non è il nostro mondo Ma c'è qualcosa che fa a pezzi l'argomento di coloro che dicono che il casting dei bianchi per Katara e Sokka è OK. Se esistesse una mitologia dei cartoni animati basata sulla cultura africana, e a causa della magia, chiaramente non era il nostro mondo, questo significa che quando si gira un film su di esso che si assumono dei bianchi per agire sull'argomento, che è basata sulla cultura africana? O invertire quello. Se ci fosse una mitologia dei cartoni animati basata sulla cultura e la storia britannica, se la trasformassi in un film, convinceresti gli africani a interpretare i personaggi principali? Penso che la cosa rispettosa da fare sia assumere persone per interpretare i personaggi che hanno davvero qualcosa a che fare con la cultura di origine su cui si basa la mitologia. Se qualcuno avesse intenzione di fare un film sulla seconda guerra mondiale, quando i giapponesi invasero Pearl Habor, ti immagini se scegliessero dei giapponesi per interpretare gli americani? E gli americani per giocare giapponese? Quel film sarebbe un tale scherzo. Non avrebbe senso. Lo stesso vale qui.'

Rispondendo a quel post sullo stesso sito, Brandon ha messo la discussione in una certa prospettiva. Ha scritto: 'Non avrei mai pensato di vedere Avatar rispetto a un film sulla seconda guerra mondiale. Ma in realtà, non ho mai visto lo spettacolo né so NULLA su di esso o sui personaggi. Mi potrebbe davvero importare di meno di quale etnia siano i personaggi, purché rimangano fedeli alla visione di Night dell'adattamento. Non tutto ciò che viene adattato deve essere ESATTAMENTE uguale alla fonte precedente. Il libro è molto diverso dal film, ma il film IMO è uno dei pezzi cinematografici più completi della storia. Tutto quello che sto dicendo è che il film si regge da solo, lascia che gli attori recitino le loro parti, vai a vederlo la sera della prima, e POI puoi lamentarti della corsa dei talenti. Se il film fa schifo, allora fa schifo. Non la fine del mondo ragazzi!'

SCI FI Wire ha tentato di contattare Shyamalan, nato in India ma cresciuto negli Stati Uniti, per un commento, ma non ha ricevuto risposta alle e-mail. Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria è in pre-produzione ora con un occhio all'apertura del 2 luglio 2010.



^