Westworld

Il libero arbitrio è un'illusione come suggeriscono Devs e Westworld? La risposta potrebbe farti inorridire

>

La nuova serie di Hulu sviluppatori e la terza stagione di HBO's Westworld entrambi si sentono adeguatamente apocalittici per il nostro momento, ma almeno ci stanno dando qualcosa di interessante da guardare mentre stiamo tutti dentro per evitare di diffondere il coronavirus. Entrambe le serie sono complesse, danno agli spettatori molto su cui pensare e teorizzare, ed entrambe toccano una domanda davvero, davvero carnosa: esiste davvero il libero arbitrio? Riflettere Quello mentre sei a distanza sociale.

sviluppatori è incentrato sul dipartimento di sviluppo segreto di un'azienda tecnologica di successo guidata da Forest (Nick Offerman). L'azienda sta sviluppando una serie di innovazioni tecnologiche, ma Forest si concentra su un computer quantistico che sta tentando di svelare i segreti dell'universo. O piuttosto, il segreto. Ha confermato che l'universo è di natura deterministica. Non c'è possibilità, nient'altro che fisica, causa ed effetto e, di conseguenza, nessuna scelta.

Il primo episodio di Westworld La terza stagione ha coinvolto anche una società che ha setacciato i big data della realtà per avere un'anteprima di ciò che le persone faranno, indicando che non abbiamo molta scelta in materia. È interessante che entrambe queste storie abbiano colpito le onde radio all'incirca nello stesso momento. Ci si chiede cosa abbia indotto scrittori disparati a scegliere di raccontare queste storie ora - e se avessero avuto alcuna scelta.

Può essere vero che questa è semplicemente una lacuna nella nostra conoscenza, che dato abbastanza tempo potremmo eliminare l'incertezza dimostrata da Heisenberg e tornare a un universo veramente determinato. Ma forse no, e in caso contrario potrebbe aprire di nuovo la porta al libero arbitrio.

Harris, da parte sua, sostiene che l'aggiunta di casualità all'equazione non garantisce a una persona il libero arbitrio. A meno che una persona non sia l'autore di quella casualità o possa in qualche modo sfruttare attivamente quella casualità, allora siamo ancora in balia di forze al di fuori di noi stessi. Le nostre azioni quindi potrebbero non essere predeterminate, ma sono comunque determinate.

Sembra che, non importa come la guardiamo, uno sguardo materialistico all'esistenza non combaci con la nozione di senso comune che siamo gli autori delle nostre azioni e delle nostre vite.

Può essere vero che non abbiamo il controllo sulle scelte che facciamo, ma probabilmente ha senso per noi comportarci come se lo avessimo. Dopotutto, non conosciamo un modo migliore di vivere. Ma forse è proprio quello che dovevamo sempre pensare.



^