Orrore

Exorcist 2: The Heretic è davvero il peggior sequel mai realizzato?

>

' Esorcista II è dimostrabilmente il peggior film mai realizzato. Ha preso il più grande film mai realizzato e lo ha cestinato in un modo che era da un lato farsa e stupido e dall'altro assolutamente imperdonabile. Tutti coloro che sono coinvolti in questo, a parte Linda Blair, dovrebbero vergognarsi per l'eternità». (Segna Kermode)

La reputazione di Esorcista II: L'eretico precede di gran lunga il film stesso. Nelle liste dei peggiori film mai realizzati, fa frequenti apparizioni, spesso citato come un attacco sacrilego di un sequel di uno dei film horror più iconici del 20 ° secolo. William Peter Blatty, l'autore del libro L'esorcista , ha affermato di essere stata la prima persona nel suo teatro a iniziare a ridere quando l'ha visto. Il regista del primo film, William Friedkin, ha sostenuto era' brutto come vedere un incidente stradale per strada. È stato orribile. È solo uno stupido pasticcio fatto da uno stupido». Anche l'uomo che lo ha realizzato, il regista candidato all'Oscar John Boorman, ha ammesso di aver probabilmente commesso un errore nel creare un film che non ha alcun interesse a assecondare le aspettative del pubblico.

Il film ha alcuni fan notevoli. Pauline Kael ha apprezzato il suo stile visivo e nientemeno che Martin Scorsese ha detto che ha superato l'originale in termini di interpretazione della colpa cattolica. Tuttavia, il film è generalmente considerato nel migliore dei casi un fallimento fuorviante e nel peggiore una profanazione di un classico del genere. Anche le persone che non hanno mai visto il film si affrettano a respingerlo. Quindi, è Esorcista II: L'eretico davvero il peggior sequel mai realizzato?



Da un punto di vista puramente visivo, L'eretico è gloriosamente pazzo. Varie scene si svolgono in stanze multi-specchio che ti fanno venire voglia di dare il cinque al direttore della fotografia per essere riuscito a rimanere fuori dall'inquadratura. La maggior parte dei momenti sono illuminati come a lume di candela, creando un tocco espressionista che non fa che aumentare le stranezze ipnotiche che seguono. Una ripresa in POV che coinvolge una locusta rimane un momento clou del film. È come se Boorman avesse guardato il film di William Friedkin e avesse deciso di fare l'esatto opposto di tutto ciò che il film ha scelto di essere visivamente. Lo stesso vale anche per come suona. Tutti ricordano le 'Tubular Bells' della colonna sonora del primo film, ma la colonna sonora di Ennio Morricone per L'eretico è acusticamente affascinante, a metà tra un canto funebre religioso e una cerimonia tribale.

L'eretico è un film stranamente incentrato su più fedi, dato lo status dell'originale come probabilmente il film più cattolico del 20 ° secolo. Il cattolicesimo è tutto qui, ma è mescolato con l'ideologia New Age e lo gnosticismo del vecchio mondo. Se il primo film parla dell'ultima battaglia del bene contro il male, il secondo è più interessato a un concetto più complicato: e se il più forte attrattore di un grande male fosse un grande bene? La nozione di brave persone che vengono messe alla prova con il più crudele dei mali è un vero cristianesimo dell'Antico Testamento, e Boorman lo fonde con altre fedi piuttosto che avere il cattolicesimo come grazia salvifica. Nessuno potrà mai vincere questa battaglia perché le due forze sono destinate a fare i conti l'una con l'altra per sempre. È un concetto molto meno promettente rispetto all'idea di un prete che trova la sua fede e il potere di affrontare l'oscurità interiore.

Il film non è certo a corto di ambizioni, ma a livello di sceneggiatura di base, non può tenere il passo con tutte queste idee. Ci sono molti dialoghi terribili ('Ho volato con Pazuzu in trance! È difficile da spiegare, ero sotto ipnosi.') e alcuni archi di personaggi, come l'evoluzione di Padre Lamont, sembrano affrettati o incompleti. Le scene che utilizzano il sincronizzatore non possono fare a meno di sembrare hokey, forse perché il pubblico è troppo abituato a vedere l'ipnotismo mal fatto su pellicola. Linda Blair è fantastica come Regan adulta, ma puoi praticamente sentire l'odore del gin che si irradia da Richard Burton in ogni scena grazie alla sua esibizione distante e al suo sguardo di confusione perpetua che va oltre il conflitto di Padre Lamont e ben nel territorio di un attore a cui semplicemente non importa.

Per alcuni, L'eretico sarà semplicemente troppo sciocco per essere preso sul serio. Le scene di ipnosi saranno troppo involontariamente comiche, le scelte visive troppo là fuori per assorbire le emozioni desiderate, e momenti come James Earl Jones vestito da una locusta gigante che ringhia come un leopardo troppo poco... esorcista . Questo sarà l'ostacolo che molti spettatori non potranno superare. Questo non è L'esorcista e non è proprio un sequel di L'esorcista . Questo è probabilmente ciò che ispira tale derisione nei confronti del film, anche se non è certamente degno dell'etichetta del peggior sequel mai realizzato. Troppi trasformatori i film esistono perché ciò accada. Esorcista II: L'eretico è una curiosità per molti cinefili che lo conoscono solo per la sua cattiva reputazione, ma è completamente degno di rivalutazione. In un'epoca in cui ogni film horror ha 17 sequel, spin-off e il proprio universo cinematografico, è sorprendente vedere un sequel nel genere le cui ambizioni sono altrove.



^