Avatar: L'ultimo Dominatore Dell'aria

Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria è un anime? I creatori Michael DiMartino e Bryan Konietzko pesano

>

Ad un certo punto o in un altro, Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria i fan hanno dovuto chiedersi: lo spettacolo è considerato anime?

Bene, creatori Michael Di Martino e Bryan Konietzko neanche lo so bene.

'Volevamo fare una lettera d'amore agli anime. Non solo copiarlo', spiega DiMartino nel nuovo Nickelodeon Avatar: sfidare gli elementi podcast . 'In un certo senso so che sarebbe stato meglio se avessi semplicemente copiato delle cose, ma stavo cercando di fare la nostra piccola versione scadente.'



Al co-conduttore (e voce dello stesso Zuko) Dante Basco L'affermazione che lo spettacolo potrebbe essere considerato un 'anime americano', afferma DiMartino, 'Potresti parlare con 20 migliori registi in Giappone... e scommetto che otterrai 20 risposte diverse. Anche questa non è una cosa monolitica.'

Per Konietzko, non si trattava tanto di capire se la loro serie si adattava al genere, ma piuttosto di ciò che l'animazione americana poteva imparare da essa per crescere e migliorare. 'sto guardando Furi Kuri nel 2000 o nel 2001 e dicendo, 'Ok, siamo indietro di 20, 30 anni qui. Tipo, cosa stiamo facendo?'', dice. 'E 'Come potremmo anche solo ottenere un po' di questa magia in uno spettacolo americano prodotto da uno studio americano?''

Michael Dante Di Martino e Bryan Konietzko

Credito: Ethan Miller/Getty Images

E mentre sia il pubblico che la stessa Hollywood sono più consapevoli non solo della creazione di contenuti diversi e inclusivi, ma anche di chi può crearli, negli ultimi tempi, non era sempre così nei primi anni 2000, quando DiMartino e Konietzko stavano lavorando per la prima volta. la serie. Tuttavia, come osserva Basco, mentre i creatori potrebbero aver commesso alcuni errori lungo la strada, lo spettacolo era molto più avanti di come si avvicinava a fare arte basata su altre culture in un modo che non si appropriava di loro, ma le celebrava invece - il che suo eredità tra i fan continua a resistere, anche dopo averla resa una delle serie più viste su Netflix, giorni dopo la sua prima.

DiMartino afferma che erano consapevoli del fatto che erano entrambi uomini bianchi che lavoravano a una serie fortemente influenzata da diverse culture asiatiche.

'Vogliamo semplicemente rispettare le persone e le culture', spiega. 'Parte del motivo per cui abbiamo creato [Avatar] è stata l'ammirazione per i film di [Hayao] Miyazaki e la cultura asiatica. Quindi è venuto fuori da un amore e da un apprezzamento per esso. Quindi è stato naturale cercare di onorarlo nel miglior modo possibile.'

Aggiunge anche: 'Certo, abbiamo fatto alcuni passi falsi lungo la strada, e ora siamo ovviamente ancora più consapevoli e consapevoli di farlo bene'.

Konietzko concorda sul fatto che non erano sempre perfetti, ma afferma che il loro obiettivo principale era cercare di non 'alterare' le culture che stavano raffigurando.

'Anche il mondo Avatar non è monolitico. È molto multiculturale', continua a sottolineare. 'Siamo due tizi americani bianchi, ma non c'è una persona che possa rappresentare l'intero mondo Avatar. Riguarda la coesistenza di queste diverse culture e la bellezza e il dolore che ne derivano. Si tratta solo di un mondo che sta cercando di trovare un equilibrio e di coesistere. Questo è il nostro atteggiamento predefinito comunque.'

Questo è di buon auspicio per tutte le novità in arrivo Avatar contenuti di cui i fan saranno onorati, come DiMartino e Konietzko entrambi casco Avatar Studios , un nuovo studio che si concentrerà sulla creazione non solo di uscite cinematografiche all'interno dello stesso mondo immaginario, ma anche di spettacoli per lo streaming on-demand. Quindi, mentre Netflix è serie live-action non avrà le menti originali dietro lo spettacolo animato che ci lavorano, significa la possibilità di seguire le storie di più avatar, specialmente quelli prima di Aang e dopo Korra . Significa anche che l'universo può diventare più inclusivo in altri modi, come ad esempio introducendo personaggi più strani , qualcosa che è esistito solo nei fumetti recenti.

Avatar: l'ultimo dominatore dell'aria e Leggenda di Korra è attualmente disponibile per lo streaming su Netflix.



^