Interviste

Into the Unknown: Realizzare un documentario di Frozen 2 potrebbe farti piangere più forte del film

>

Congelato 2 ha infranto record di botteghino e cuori durante le festività natalizie, quindi forse era giusto che anche il documentario che raccontava gli ultimi mesi di produzione fosse straziante. Ora disponibile su Disney+, Into The Unknown: Making Frozen 2 è un viaggio in sei parti sorprendentemente emozionante che offre uno sguardo approfondito alle prove e alle tribolazioni della realizzazione di un sequel tanto atteso.

La regista Megan Harding ha prodotto una moltitudine di documentari e serie televisive tra cui Cambiamenti di gioco: all'interno delle guerre dei videogiochi , Raddoppia il pugno e TLC La mia pazza ossessione . Verso l'ignoto non è nemmeno la prima incursione di Harding nel documentare dietro le quinte su Congelato , avendo prodotto esecutivamente The Making of Frozen: Un ritorno ad Arendelle per l'ABC.

L'interpretazione di Harding del gelido sequel copre gli ultimi mesi di produzione dopo che anni di lavoro erano già passati al film. La spinta finale è dove possono verificarsi grandi cambiamenti e grandi decisioni vengono prese e invertite. Documenta un periodo frenetico, ma mostra anche il processo di creazione di un film d'animazione al suo apice. Ogni episodio si concentra su una fase diversa dei momenti finali del cinema. Dalla lotta con lo spettacolo Show Yourself per mostrare come gli animatori usano le proprie registrazioni e movimenti per aiutare con il loro lavoro, Verso l'ignoto cerca di non lasciare nulla di intentato. Congelato 2 i co-registi Jennifer Lee e Chris Buck hanno un posto di rilievo in tutta la serie, fornendo anche spunti chiave su come il film è nato.



Harding è saltato su una chiamata con SYFY WIRE per parlare di correre verso l'ignoto con il compito mastodontico di raccontare non solo la storia del fare Congelato 2 , ma anche le storie delle persone che hanno contribuito a crearlo.

Dentro ci sono tante meravigliose sorprese Verso l'ignoto . È il primo vero dietro le quinte di un film d'animazione Disney. È stato scoraggiante assumerlo?

Assolutamente sì, ma in senso positivo. Sapevamo che c'erano così tante storie meravigliose da raccontare, era davvero una questione di cercare di affinarle mentre andavamo avanti per trovare quali sono quelle vere gemme che dovrebbero entrare nella serie. All'inizio, è stato completamente travolgente perché ci sono molte persone che fanno questi film d'animazione e non possiamo raccontare la storia di tutti, ma avevamo davvero bisogno di entrare con l'idea di raccontare il più possibile del processo e di incontrare il maggior numero di persone che hanno davvero messo il cuore e l'anima in questi film.

Qual è stato il processo per affrontare effettivamente il documentario?

A dire il vero, si è evoluto. Eravamo arrivati ​​poco meno di un anno prima dell'uscita del film, che l'anno scorso è davvero il luogo in cui si svolge la maggior parte del lavoro. Sapevamo quali grandi pezzi dovevano ancora essere creati da zero e quello era 'Mostra te stesso', quindi abbiamo sempre pensato che fosse una parte centrale della serie.

Non sapevamo che sarebbe stata davvero questa grande pietra di paragone e che sarebbe stato così difficile per loro decifrarla e che saremmo stati in grado di vederlo.

C'è stato un momento che non ti è stato permesso di filmare. C'è stato qualcosa che ti sei pentito di non aver potuto includere?

Non proprio. Il momento della serie è letteralmente l'unico momento in cui ci è stato chiesto di lasciare la stanza. Sento che c'era una comprensione e un'apertura da parte dei registi e del produttore per farci entrare davvero quando possibile. Penso che, dato che abbiamo girato per 115 giorni, essere stato chiesto di andarsene solo una volta fosse abbastanza buono. Ci sono un paio di riunioni in cui Chris Buck dice 'non è una buona giornata per le telecamere', ma siamo rimasti comunque... ci ha fatto pensare che forse era una buona giornata per le telecamere.

congelato 2 doc

Credito: Disney

Ci sono meravigliosi elementi umani in questo che mettono in mostra le storie personali di coloro che sono coinvolti nella realizzazione del film. Perché è stato importante per te includerli nel documentario?

Questa squadra ha messo sullo schermo molte delle proprie esperienze personali. Le loro storie sono importanti per il perché Congelato 2 è così amato. Sembrava che non potessimo davvero esplorarlo senza capire che è più che scrivere una storia. Non sono solo i registi, sono anche gli animatori e i membri dello staff junior che estraggono la loro esperienza per metterlo sullo schermo, il che penso lo renda facilmente riconoscibile per il pubblico.

'Fai la prossima cosa giusta' è stato il segno distintivo di così tante persone diverse coinvolte nel processo. C'è qualcosa che è stato un punto di riferimento personale per te?

Devo dire che sono sempre completamente onorato che Chris Buck abbia deciso di condividere con noi la storia di suo figlio Ryder e ci abbia invitato a casa sua. Sono stati così incredibilmente generosi con noi. Mi sento molto onorato che fosse qui che volevano condividere quella storia. Sapevo di Ryder, ma non avevo intenzione di chiederlo a Chris perché in qualche modo mi sembrava troppo personale. Lo ha condiviso con noi inaspettatamente e non eravamo preparati.

Alla fine dell'intervista, io e il team della telecamera stavamo piangendo. È stato così incredibilmente commovente. Chris ci ha fatto sapere che hanno fatto la raccolta fondi per la fondazione di Ryder e che sembrava appartenere anche alla nostra storia. Era un luogo in cui questa squadra affiatata sarebbe entrata nella casa di Chris e avrebbe celebrato la vita di Ryder. Anche Ryder appare nel film, quindi sembrava un buon modo per dimostrare l'amore tra alcuni di questi creativi nel film.

dove guardare l'agente carter

Qual è il tuo 'sconosciuto'?

La serie di documentari. Era come se stessimo andando verso l'ignoto praticamente ogni giorno che eravamo lì perché pensavamo che avremmo girato qualcosa e nulla di quello che era in programma stava accadendo per vari motivi, e finivamo per girare un intero tante altre cose. E così tornavo in sala di montaggio, dove avevamo un brillante team di produttori e montatori e un'assoluta montagna di filmati.

Penso che siano state 1.500 ore [di filmati dietro le quinte] o qualcosa del genere. Quindi dovremmo dire: 'OK, ecco la nostra serie, proviamo a trovare la storia'.

Chi è il tuo personaggio o i tuoi personaggi preferiti dei film?

Nessuno me l'ha mai chiesto. Penso che dovrebbe essere Anna. Amo il suo spirito coraggioso e capace. È qualcosa a cui aspiro, ma non sempre sono all'altezza di questa aspettativa. È davvero fantastico vedere che qualcuno che normalmente ha una visione così incredibilmente positiva va in realtà nel profondo della disperazione. È davvero interessante. E coraggioso.



^