Lakeith Stanfield

Dentro la scena più cruciale di Sorry to Bother You

>

'Continuavano a chiamare la polizia contro di noi.'

Sto parlando con Doug Emmett, il direttore della fotografia sul surreale, sublime Mi dispiace disturbarla , che uscirà nelle sale cinematografiche il 6 luglio. Siamo seduti in un juice bar nel centro di Manhattan, risvegliando ricordi di produzione per il debutto cinematografico fresco ed energico di Boots Riley, un'opera informata da uno spirito proletario, ma anche disposti a interrogare efficacemente quello spirito - e gratamente diverso dalla maggior parte delle altre uscite in programma quest'anno.

'Avevamo presentato una petizione al sindaco un sacco di volte e Boots aveva avuto tutte queste persone nel consiglio comunale che cercavano di ottenere il permesso di sparare sui loro passi e nella loro hall', riferisce. «E i proprietari non l'hanno permesso, non volevano avere niente a che fare con noi. Quindi siamo là fuori con i megafoni che cantano [per la scena] 'F***, tu, RegalView,' ed è rumoroso, e abbiamo bombe fumogene che esplodono, e il fumo viene risucchiato nei loro condizionatori. Alzi gli occhi alle finestre e tutti i lavoratori stanno guardando fuori, e alcuni alti dirigenti erano incazzati. Ma in un modo strano, era quasi un'allegoria per il film: hai questa grande compagnia senza volto che non ha interesse a giocare a palla o ad essere gentile con noi, e ora stiamo fottendo con le loro ca**ate **.



Emmett sta descrivendo un edificio del quartier generale del conglomerato sanitario Kaiser Permanente a Oakland, in California, che funge inavvertitamente da sfondo toccante per le numerose scene di protesta del film, posando dipendenti e sostenitori contro una feroce milizia armata sul palcoscenico pubblico. Stanno lottando per migliori condizioni di lavoro per i dipendenti di RegalView Telemarketing, unendosi in sindacato mentre il personaggio principale del film Cassius 'Cash' Green [Lakeith Stanfield] rompe la linea.

Se il significato metaforico di 'contanti' che attraversa un picchetto ti colpisce, buone notizie: sei nello stato mentale giusto per interagire con Mi dispiace disturbarla .

Questo progetto appassionato e ambizioso è stato in qualche modo completato per $ 3,6 milioni. Certamente non sembra un film da tre milioni di dollari, ma questo implica che assomigli a qualsiasi altra cosa; è fantasioso e pieno di colori, e molto di questo deriva dal suo programma di riprese in loco, principalmente a Oakland e dintorni. Al di là dell'architettura senza volto in vetro e acciaio descritta sopra, Mi dispiace disturbarla la vibrante città natale di diventa un caratteristico paesaggio urbano in cui i ritmi esplorativi del film trovano il loro posto, ed è anche il terreno di gioco di Boots.

Il film rappresenta un notevole salto creativo per il frontman del gruppo hip-hop provocatorio The Coup, e l'approccio visivo anticonformista che Boots impiega mette il film in un fregio perplesso rispetto al torrente di sequel di luglio. È un miscuglio di gag visive, interruzioni anarchiche e commenti razziali che cambiano posto, e il lavoro di Emmett dietro la macchina da presa sembra cruciale per questi scopi.

trituratore tmnt fuori dall'ombra

Mentre il direttore della fotografia ha lavorato in particolare su un'ampia varietà di altri progetti, tra cui una fruttuosa relazione con i fratelli Duplass, Doug Emmett è sincero quando descrive Mi dispiace disturbarla come il progetto più importante della sua carriera.

Come ti sei iscritto al film?

Avrei dovuto girare un film a New York... e a volte sei fortunato in questo lavoro. Devi essere buono, gentile con le persone e avere talento, ma devi anche essere nel posto giusto al momento giusto. Quindi avrei dovuto girare un film a New York, che è andato completamente in pezzi. Sono tornato a casa, ero infelice, e questo era l'inizio di maggio - di solito, se vuoi girare un film in estate, devi essere assunto in tarda primavera, e mi sentivo come se avessi perso la mia occasione di essere assunto in un film per l'estate.

Sono tornato a casa, ero depresso e ho chiamato il mio agente dicendo: 'Devi trovarmi qualcosa'. E quello stesso giorno mi ha proposto il film di Boots – e il discorso non aveva letteralmente senso. E lui mi dice: 'Il budget è davvero basso e il ragazzo è un rapper'. Sono tipo, 'Non sembra che sarà un buon film.'

Ho detto al mio agente: 'Comunque, mandami il copione'. Poi ho passato la sceneggiatura a mia moglie Erin, dato che ero impegnato con qualcos'altro quel fine settimana, e ho pensato: 'Comincia a leggerlo e fammi sapere cosa ne pensi'. Presto mi stava urlando dall'altra stanza come: 'Vieni qui, è fantastico! Devi sederti subito e leggere questo.'

In realtà è stato carino: ci siamo seduti entrambi e lo abbiamo letto insieme. Ad esempio, abbiamo continuato a controllarci l'un l'altro tipo, 'Aspetta di arrivare a pagina 45!' Alla fine, sabato ho chiamato immediatamente il mio agente e gli ho detto: 'Dì a Boots che voglio salire in aereo e incontrarlo domani, per vedere se è libero'. Ho ricevuto una telefonata dal mio agente che mi diceva che avrebbe potuto incontrarci quella notte, quindi sono andato a comprare un biglietto aereo subito, ed ero all'aeroporto due ore dopo. Entro una settimana dall'incontro con Boots, sono stato assunto.

Penso che dobbiamo lavorare su film che sono fenomeni culturali per distinguerci come registi, scenografi, direttori della fotografia, ecc. Penso che tutti abbiamo bisogno di un successo e abbiamo bisogno di un regista che si spera possa portarci con noi.

Dimmi delle riprese a Oakland.

Boots era la guida turistica definitiva per Oakland. Ho avuto modo di vedere la città attraverso i suoi occhi, attraverso quell'obiettivo di musicista e artista, e prima di tutto come narratore, il che è stato davvero emozionante per me. E ci sono anche pochissime città in cui vai per uno scatto che hanno un'identità così definita; è solo onnipresente.

Le persone che praticano il loro mestiere e fanno la loro arte lì vivono e muoiono davvero per questo. Non sono ragazzini ricchi che vivono a Los Angeles che hanno un appartamento costoso pagato dai loro genitori e possono andare in giro a fare la loro arte. L'ho subito rispettato e l'ho visto, e poi ho pensato 'Come possiamo catturarlo davanti alla telecamera e abbracciare questa cultura di artisti indipendenti, liberi di pensare e laboriosi?' Perché questo è anche Boots. Volevo abbracciarlo e assicurarmi che il film rappresentasse Oakland in modo efficace.

Si parla molto di colore nel film, contrasto e cose del genere. Non importa dove vai a Oakland, vedi graffiti luminosi, vividi. E l'illuminazione in quella città è davvero fantastica, entrando nei negozi e nei bar, ci sono solo colori vividi. Le persone hanno trovato modi fantastici per decorare le loro case e i loro negozi attraverso l'uso del colore.

Mi sentivo come se il film chiedesse di essere fotografato in quel modo, selvaggio e libero con l'uso del colore.

Quando ho fatto lo screening Mi dispiace disturbarla a New York non c'erano molte persone, forse 15 o 20 al massimo, la maggior parte di loro era bianca. Lo dico perché volevo parlare di una scena, la 'scena rap' nel film. Mi sentivo come se la maggior parte delle persone nel mio teatro scoppiassero a ridere per quella scena, ma è francamente orribile. Non lo trovo per niente divertente.

di cosa parla la colonia?

No, è orribile, è davvero buio. E i neri lo capiscono. L'idea di una stanza di bianchi che dicono a un ragazzo di colore di rappare per loro è più o meno grave. Per me, questa è la scena peggiore dell'intero film e, in un certo senso, è la scena più reale. È fottutamente terribile.

E inoltre, è la prova che Boots è brillante, e anche Keith lo è. Perché se guardi il modo in cui è tagliata l'intera scena – dopo la scena rap, si parla di Keith chiaramente ubriaco e ubriaco, completamente imbarazzato, credo, per quello che ha appena fatto. E non so che i bianchi se ne accorgano. Potresti semplicemente vedere un ragazzo ubriaco, seduto su una sedia che ha bevuto tutta la notte a una festa, ma se ti chiedi davvero perché è in quello stato, lo capirai.

vigilia n il suo comportamento quando rappa è tipo, ferito, arrabbiato, si vergogna di se stesso.

Destra. E c'è anche un barlume di orgoglio per un breve momento in cui tutti iniziano a rappare insieme a lui. Lo vedi puramente nei suoi occhi, solo per cinque, sei, sette secondi. E questa è davvero una testimonianza di Keith e della sua abilità. È davvero spettacolare. Come attore, sta vivendo un momento reale.

Quali sono state le sfide nel presentare scene del genere? Mentre tu e Boots stavate girando il film, hai avuto la sensazione che la gente potesse fraintendere? Dispiace disturbarla Tu come pura commedia? È mai stato un problema?

No, non credo proprio che Boots abbia mai operato così. Devi guardare la sua musica come un riferimento a come è stato realizzato questo film e alle sue intenzioni. È lo stesso, e non ci siamo mai preoccupati che venissero fraintesi in alcun modo. E in particolare, guardando e girando quella scena, penso che fossimo tutti consapevoli di ciò che stavamo facendo in quel momento, dell'importanza di quella scena e del suo significato. E anche se tutti sulla telecamera sembrano divertirsi molto, girare quella scena è stata una cosa intensa per tutti noi di cui far parte.

Non ricordo di aver riso mentre lo facevamo, penso di ricordare di aver pensato: 'Questo è un po' orribile', il che è stato grandioso, perché se hai quella risposta mentre fai quella scena, allora sai che succederà stare bene più tardi.

Quando hai una risposta emotiva in qualsiasi momento durante la realizzazione di un film, allora sai che stai facendo la cosa giusta. Se sei l'uomo dietro la telecamera e guardi attraverso quell'obiettivo e non senti nulla, allora c'è qualcosa che non va.

Molte volte durante la realizzazione di questo film, mi sono sentito emozionato. E mi sentivo come se Boots dirigesse puramente d'istinto – questo è un ragazzo che non aveva mai diretto un film prima, ed è stato in grado di farlo. E sa molto sull'artigianato, l'ha studiato, ma quando hai una quantità limitata di tempo e risorse, devi davvero agire solo per istinto, e penso che io e lui ci siamo davvero fidati l'uno dell'altro nella collaborazione.

Successivamente siamo entrati in contatto con il regista Boots Riley, che ha questo da dire sulla scena di cui sopra: 'Questa è stata la risposta principale, risate. Non credo sia sbagliato, necessariamente. L'intero film parla di molte cose che esistono in uno spazio. Le cose possono essere scomode. È un po' la stessa sensazione, e questa analisi politica mira a mettere in luce la contraddizione. Questo è il modo in cui queste due forze lavorano l'una contro l'altra... e ho intenzione di abbattere l'intero sistema e fare a pezzi le cose per arrivare alla contraddizione principale, che è lo sfruttamento. Questo significa ridurre ed esagerare le cose per dimostrarlo. Ora, la contraddizione è molto simile all'ironia. E ironia e umorismo? È difficile separare queste cose.'



^