Scienza

Se stiamo cercando alieni, dobbiamo guardare la Terra attraverso i loro occhi

>

Supponiamo che ci siano davvero degli alieni là fuori che stanno strisciando sulla superficie di un pianeta lontano e sono riusciti a sopravvivere a tutto ciò che lo spazio ha lanciato loro finora. Come potremmo scoprire che esistono?

orphan black il prossimo capitolo

La risposta potrebbe risiedere nel modo in cui ci vedrebbero (ipoteticamente). Potremmo non sapere mai se ci sono davvero esseri intelligenti che hanno individuato il nostro pianeta mentre passava vicino al sole, ma osservarlo dalla loro prospettiva potrebbe aiutarci a vedere attraverso occhi extraterrestri. Questo è l'obiettivo del concetto di missione Earth Transit Observer (ETO). Guidato da un team di ricerca del Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL), ETO osserverà la Terra in transito come se fosse un'astronave inviata qui da altri esseri intelligenti.

I ricercatori Noam Izenberg e Kevin Stevenson, che saranno i responsabili del progetto se questa missione diventa realtà, e hanno co-guidato un studio recentemente presentato al 52a Conferenza di scienze lunari e planetarie , e Laura Mayorga, che ha anche co-diretto lo studio, credono che osservare la Terra dal punto di vista di un essere che non ha mai saputo che esistesse potrebbe darci nuove informazioni su come cercare pianeti abitabili e possibilmente abitati.



'Anche se un osservatore del transito terrestre non ci aiuterà esplicitamente a rilevare gli esopianeti, ci aiuterà a capirli e a scoprire meglio le loro possibili firme di abitabilità. C'è un problema fondamentale nella scienza degli esopianeti in quanto conosciamo solo i pianeti così come conosciamo le loro stelle', hanno detto.

Gli astronomi utilizzano il metodo del transito per trovare esopianeti dal 1999. Questo metodo determina quando un pianeta orbita di fronte alla sua stella, il che fa sì che la luce delle stelle si affievolisca mentre viene oscurata e si riaccenda quando il pianeta si è spostato. Le particelle nell'atmosfera di un pianeta possono anche assorbire la luce delle stelle ad alcune frequenze e la luce che attraversa può dire all'osservatore quanto è stato assorbito e se questo è un segno di un pianeta in transito. Ciò che il team ETO vuole sapere è se in futuro si potrà applicare di più a questo metodo.

Il problema con le stelle è che hanno vari gradi di luminosità ovunque, con le macchie stellari (come le macchie solari nella nostra stella) possono deformare ciò che gli scienziati pensano di vedere in un pianeta in transito. Tuttavia, le macchie scure sul nostro Sole sono documentate e seguite, quindi gli scienziati sanno come cambiano nel tempo. Le macchie stellari su corpi distanti rimangono in gran parte sconosciute. Quando non c'è un'idea chiara della loro dimensione o distribuzione, possono pasticciare con le osservazioni. La maggior parte degli esopianeti è anche troppo vicina alle loro stelle per distinguere i continenti e gli oceani che potrebbero avere.

'Anche se è possibile separare il pianeta dalla stella, la Terra riflette e assorbe la luce solare a diverse lunghezze d'onda', hanno affermato i ricercatori. 'Usi sempre il Sole come riferimento per dire che il pianeta è scuro perché assorbe la luce qui o è scuro perché la stella è scura qui e la riflette solo. Affinché una stella sia un buon riferimento, deve essere immutabile o è necessaria una buona comprensione di come cambia.'

Immagine della NASA della Terra dallo spazio

Se ci sono alieni intelligenti con telescopi ad alta tecnologia là fuori, come vedrebbero la Terra?

Quando si cerca di caratterizzare gli esopianeti, i telescopi spaziali come TESS e Hubble (e il James Webb Space Telescope quando si alza da terra) cercano quelli che potrebbero essere segni del potenziale di abitabilità di un pianeta. Le stesse particelle atmosferiche che assorbono la luce delle stelle possono anche rivelare se il pianeta ha qualcosa di simile all'aria che respiriamo o meno. Tali dati ci hanno parlato di esopianeti dove piove di tutto, dal metallo alla lava, anche uno così caldo che non solo vaporizza il metallo, ma strappa le molecole di vapore fino a quando gli atomi smembrati non vengono spazzati via dal suo lato notturno più freddo e hanno la possibilità di riorganizzarsi .

'Le future missioni astrofisiche della NASA, come JWST, richiederanno di impilare dozzine di spettri di trasmissione per creare un segnale sufficiente per le atmosfere relativamente piccole sui pianeti terrestri', hanno affermato gli scienziati dell'ETO. 'Le variazioni nell'atmosfera del pianeta e sulla stella sono come il rumore di fondo quando si cerca di discernere i segnali. Un osservatore del transito terrestre verificherà quanto può essere fatto bene l'accatastamento o se sono necessarie altre strategie.'

Ciò che è probabile che ETO veda è Il punto azzurro pallido di Carl Sagan , acquoso e coperto di nuvole, con un'atmosfera di azoto e ossigeno in cui precipita il vapore acqueo. La luce riflessa può anche rivelare se un pianeta ha oceani e potrebbe essere anche vita planetaria, che ha una riflettività molto bassa. Qualsiasi corpo celeste con acqua è visto dai terrestri come avere una maggiore possibilità di essere abitabile. Ci sono anche tracce di metano nella nostra atmosfera, e il metano è una sostanza organica che potrebbe dire a un osservatore alieno che il pianeta blu sconosciuto che stanno fissando potrebbe essere brulicante di vita.

'Guardando la Terra da lontano, cercheremmo prove (o segni) della vita come la conosciamo, che è esattamente quello che facciamo quando cerchiamo la vita su altri pianeti. Ad esempio, cerchiamo gas che sono prodotti solo dalla vita come la conosciamo o sono richiesti dalla vita come la conosciamo. Sulla Terra questi includono ossigeno, metano, ozono e acqua. Questi gas lasciano ciascuno la propria firma nello spettro osservato dell'atmosfera del pianeta.'

Tuttavia, la Terra potrebbe non essere così facile da demistificare dal punto di vista di un alieno. Stelle e pianeti sono dinamici. Bagliori e tempeste si verificano sempre sulle stelle, che vomitano anche plasma nelle espulsioni di massa coronale che potrebbero alterare il modo in cui vengono visti i pianeti in transito. Poi ci sono le stagioni in costante cambiamento sui pianeti che possono anche destabilizzare le osservazioni. Un astronomo alieno che cercasse di rilevare Marte risulterebbe sterile come il pianeta stesso.

'Possiamo fare un'osservazione in stile esopianeta e sapere esattamente cosa stanno facendo la Terra, il Sole, la navicella spaziale e come ciò influisce sul nostro prodotto finale', hanno affermato i ricercatori. 'Queste lezioni sono poi direttamente trasferibili alle osservazioni degli esopianeti.'

Naturalmente, il modello Gaiano è solo un riflesso di ciò che è necessario affinché la vita fiorisca sulla Terra. Nessuno sa se ci sono cose là fuori che restano in vita respirando veleno. Quando anche alcuni batteri della Terra possono mangiare rocce e metabolizzare il metano, devi aspettarti qualsiasi cosa.



^