The Vampire Diaries

Come The Vampire Diaries ha affrontato Twilight ed è diventato molto di più

>

The Vampire Diaries ha debuttato sulla CW il 10 settembre 2009, nel bel mezzo di crepuscolo mania. Il primo crepuscolo uscito nelle sale un anno prima, e il secondo film della quadrilogia, Nuova luna , uscito nel novembre 2009, battendo ogni record di incassi. Sangue vero , avendo debuttato poco prima del primo crepuscolo film, stava andando molto bene su HBO. I cupi e romantici racconti di vampiri basati sui romanzi erano più eccitanti che mai, quindi non sorprende che la rete distorta di giovani abbia raccolto The Vampire Diaries alla serie.

Quando è stato presentato in anteprima, stavo lavorando all'ormai defunto FEARnet.com. Il sito horror decisamente hardcore generalmente non si scherza con crepuscolo sciocchezze, ma quando ho ricevuto uno screener dello spettacolo, ho pensato di dare un'occhiata, scrivere una recensione. La trama non era molto interessante (triangolo amoroso tra una ragazza umana e due fratelli vampiri), ma è stata co-creata da Kevin Williamson ( Grido ), quindi ho pensato che potrebbero esserci alcune buone uccisioni. Sono rimasto piacevolmente sorpreso. Non solo ci sono state alcune buone uccisioni, ma i personaggi erano a tutto tondo e avevano molta più profondità di quanto mi aspettassi. Non si trattava solo di Elena che sceglieva tra Stefan e Damon. Si trattava anche di fare i conti con la tragedia, affrontare sia gli alti che i bassi del liceo e rendersi conto che quale ragazzo ti porterà al ballo di fine anno non è la cosa più importante del mondo. Sono stato catturato praticamente all'istante - dall'episodio tre - e la mia copertura dello spettacolo su FEARnet è diventata settimanale. Nell'ottavo episodio, anche mio marito ha ammesso di essere dipendente.

Fin dall'inizio, TVD quasi consapevolmente cercato di non essere crepuscolo . Infatti, nell'episodio 4, Damon e Caroline hanno un'intera discussione sul perché crepuscolo fa schifo (Quando Caroline chiede perché Damon non brilla, la sua risposta: 'Perché vivo nel mondo reale, dove i vampiri bruciano al sole'. Più avanti nella conversazione, dice a Caroline che lei crepuscolo i libri hanno tutto sbagliato). Certo, c'è un sacco di sdolcinato, come le scene all'inizio in cui Elena e Stefan sono in vacanza alla casa sul lago, o praticamente qualsiasi scena con Bonnie ed Enzo. Ma poi c'era molto orrore, molto salasso e una quantità sorprendente di torture, che andavano dalla verbena gocciolata negli occhi ai paletti di legno conficcati vicino al cuore di un vampiro. C'è stato un episodio che ha avuto, credo, quattro cuori separati strappati dal petto a mani nude.



Una delle cose che The Vampire Diaries fatto che praticamente nessun altro spettacolo ha fatto è stato rendere ogni 'grande cattivo' non del tutto 'cattivo'. Il male non è mai stato in bianco e nero. Nella prima stagione, Damon è stato presentato come il cattivo, uccidendo tutti quelli che incontrava. Ovviamente, mentre portava quella compiacenza e la capacità di fare cose orribili fino alla fine della serie, dalla seconda stagione, era a malapena marcio. Elijah era il 'grande cattivo' nella seconda stagione, finché non ci siamo resi conto che Klaus era molto più spaventoso ed Elijah si è unito al Team Salvatore. Come tutti sappiamo, i vampiri originali si sono rivelati non così male e hanno ottenuto il loro programma televisivo. Le Sirene erano conniventi, ma ogni tanto aiutavano Caroline o Damon. Certo, di solito era per motivi egoistici, ma il loro tragico passato li rendeva, a volte, simpatici. Anche Katherine - la cui apparizione nel finale di serie suggerisce che i produttori la considerassero la grande cattiva della serie - ha avuto almeno momenti umani (come quando stava invecchiando rapidamente) e aveva un retroscena che ha ammorbidito i suoi spigoli vivi.

Lo spettacolo non sarebbe potuto durare otto stagioni se non avesse avuto trame folli. A volte le storie erano incredibilmente complesse (come Klaus e i suoi ibridi), e alcune erano un po' stupide (i cacciatori di vampiri). Alcune storie mi hanno affascinato, come la Gemini Coven o gli Heretics (e l'incontro con la madre di Damon e Stefan!); altri si sentivano noiosi, come Sila o gli Agostino. E anche se non mi aspetto necessariamente una serie di film come crepuscolo per ottenere mitologie intense, The Vampire Diaries addirittura superato Sangue vero , le cui trame 'migliori' includevano un movimento politico contro i vampiri e le fate. fate!

Parlando di otto stagioni, sento che sarei negligente se non parlassi del finale di serie. Durante tutta la stagione finale sembrava che mancasse una certa quantità di passione. Ho trovato l'episodio finale gravemente problematico, ma alla fine appagante, se questo ha un senso. C'è stata una lunga e fraterna scena 'No, lasciami sacrificare me stesso' che era noiosa, e la soluzione per 'il fuoco dell'inferno che minacciava di distruggere Mystic Falls' sembrava molto azzeccata. Mi è piaciuto il modo in cui sono stati in grado di riportare in vita molti dei personaggi 'morti', quelli che non sono usciti di soppiatto dall'Inferno (erano solo sottilmente 'lì', a vegliare sulle cose). Mi è piaciuto che ci fosse un epilogo. Mi piace sempre vedere cosa riserva il futuro a tutti: Caroline e Alaric hanno organizzato la loro scuola per bambini magici (con un piccolo aiuto di Klaus!); Matt ha continuato il suo ruolo di sceriffo; ed Elena e Damon hanno vissuto insieme una vita umana perfettamente normale. Non tutti sono stati in grado di avere un lieto fine nella vita, ma tutti hanno trovato la loro felicità nella morte.

The Vampire Diaries ha avuto una nascita intrisa di sangue in un mondo che era dominato da vampiri scintillanti e lupi mannari coccolosi. Dimostrò che i vampiri potevano ancora essere mostri feroci. Anche se lo spettacolo potrebbe essere rimasto un anno o due di troppo, ci mancherà comunque.

chi suona lucifero in lucifero


^