Steve Blackman

Come The Umbrella Academy ha dato vita a Pogo, il maggiordomo scimmia

>

Se lo strano è il tuo genere, ci sono un sacco di stranezze in cui andare in giro L'Accademia degli ombrelli , il nuovo spettacolo di Netflix basato sull'ex frontman dei My Chemical Romance Gerard Way e sull'omonima serie di graphic novel dell'artista Gabriel Bá. Stiamo parlando di gravidanze miracolose, una famiglia di bambini adottati diventati supereroi, assassini che viaggiano nel tempo con maschere color zucchero filato, feste da ballo anni '80 e, naturalmente, Pogo, alias il maggiordomo di famiglia dall'accento britannico.

Il che in realtà non sarebbe poi così strano, tranne per il fatto che Pogo è uno scimpanzé parlante super intelligente doppiato da Adam Godley. (È anche la cosa più vicina che i bambini Hargreeves danneggiati hanno a una figura paterna amorevole.)

Personaggio chiave nei fumetti di Way e Bá, Pogo è stato comprensibilmente uno degli elementi più difficili da tradurre dalla pagina allo schermo per lo showrunner della Umbrella Academy Steve Blackman. È anche uno che sarebbe stato quasi impossibile da fare solo pochi anni fa. 'Pogo sarebbe stato un uomo in giacca e cravatta 16 anni fa, otto anni fa, anche cinque anni fa', ha detto Blackman a SYFY WIRE la scorsa settimana a Toronto. Così com'è, si è parlato presto di rendere il personaggio un attore integrato con CGI, un approccio che ha rapidamente escluso.



L'Accademia degli ombrelli, Pogo e Vanya

Credito: Netflix

Invece, lo showrunner si è rivolto al team vincitore dell'Oscar di Weta Digital. 'Li ho telefonati e ho detto: 'Vieni a fare uno scimpanzé fantastico per me. Perchè no? Fai il meglio del mondo'', ricorda. Ha aiutato che Weta non partisse da zero, avendo già sviluppato il software necessario per il recente riavvio Pianeta delle scimmie franchising. Anche così, quel tipo di lavoro complicato in computer grafica richiede tempo.

Creare il prodotto finito - un perfetto rendering in CG con il viso di Adam Godley trasformato in quello di uno scimpanzé - è stato noioso, a dir poco. 'Ci sono volute 12 settimane solo per farlo', secondo Blackman. Ne è valsa la pena aspettare, dice. 'Penso che sia piuttosto impeccabile.

'Sono stati in grado di fare un lavoro davvero bellissimo', sgorga. 'Tuttavia, è stato difficile farlo con il nostro budget - e avevamo un buon budget, ma non come un Game of Thrones bilancio.' (Anche la magia degli effetti visivi dello show non si è fermata a Pogo. 'L'ultimo episodio di per sé aveva 500 colpi VFX, che è una quantità estrema di colpi VFX', dice Blackman, ridendo. 'È piuttosto selvaggio.')

Mentre Godley ha fornito la voce (e il volto) di Pogo, sul set, il personaggio era realizzato dall'attore canadese Ken Hall , un'aggiunta che secondo il cast è stata essenziale per rendere l'esperienza il più vicino possibile alla normalità. 'Tra Ken e Adam Godley, Pogo prende vita così bene', promette Tom Hopper, che interpreta Luther nello show.

Fuori dal cast principale, Hopper ha probabilmente la maggiore esperienza di condivisione di scene con personaggi in CG, tra cui Game of Thrones ' draghi sputafuoco (RIP Dickon Tarly, valar morghulis) - e dice che è stata un'esperienza molto diversa e più gratificante, scambiare linee con una creazione CG, invece di scambiare colpi. 'Di solito è un drago o un tizio vestito che interpreta una specie di creatura mitica che stai combattendo', dice con una risata. 'Non è proprio la stessa cosa.'

'La cosa fantastica è che abbiamo avuto l'incredibile Ken che recitava con noi. Ed è un attore così bravo di per sé, che Ken era Pogo per noi', continua. 'Siamo stati molto fortunati che non ci sembrava davvero di recitare con un personaggio mo-cap, con un personaggio CGI. Stavamo recitando con Ken, che era Pogo».

'È irreale', concorda Emmy Raver-Lampman, dicendo che Hall ha dato loro 'tutto' sul set, inclusa la capacità di uscire dal copione e improvvisare. 'Era molto presente nelle scene con noi'.

È stato fondamentale, dice Robert Sheehan, perché, anche se potrebbe sembrare imbarazzante condividere le scene con una co-protagonista coperta di puntini di motion capture, devi provare ad avvicinarti come qualsiasi altra scena. «Non puoi interpretare uno scimpanzé che indossa il gilet, lo sai? Devi solo interpretare la realtà della scena', spiega Sheehan. 'È come se quelle cose non ci fossero.' Alla fine, è diventato come una seconda natura, dice David Castañeda. 'Il pubblico vedrà Pogo, ma per noi è come parlare con te'.

Tuttavia, è stata un'esperienza surreale quando il cast ha finalmente visto il Pogo completamente realizzato sullo schermo. 'È stato un momento strano quella proiezione in cui stavamo tutti guardando il pilot e abbiamo visto Pogo per la prima volta. Ero tipo, 'Oh! Destra!' L'avevo completamente dimenticato, e poi ho iniziato a piangere perché ero tipo, 'Oh mio Dio, sembra così bello!'' dice Raver-Lampman. 'Perché abbiamo passato sette mesi a recitare con Ken.'

'Quando ho proiettato il primo episodio per alcuni amici intimi a Londra, quando Pogo entra in scena con Ellen [Page] in quella scena, tutti hanno detto, 'Oh! Che cazzo sta succedendo qui?'' Sheehan ride. 'E non ho nemmeno visto la stranezza di Pogo perché ero così abituato a quel punto.'



^