Salute Mentale

In che modo i giochi da tavolo come Dungeons & Dragons possono essere terapeutici per i giocatori

>

Quando ti stai divertendo con un gioco da tavolo di ruolo come Pathfinder o Dungeons & Dragons, potresti non pensare al gioco molto oltre a divertirti. Tuttavia, come molte altre forme di intrattenimento, i giochi di ruolo possono offrire più della solita esperienza divertente per i giocatori. L'impatto che i giochi da tavolo possono avere potrebbe non essere discusso tanto quanto i videogiochi o altri media, ma può offrire benefici quando si tratta di affrontare la salute mentale, tra cui depressione e ansia sociale.

Anche se questa tendenza è stata discussa fino a un certo punto come persone Condividere personale esperienze, le opportunità offerte dai giochi di ruolo da tavolo continuano ad essere esplorate in modo sempre più professionale. Dott.ssa Megan Connell è uno psicologo clinico che gestisce due gruppi di terapia D&D presso la Southeast Psych in North Carolina. Ha capito per la prima volta che il gioco poteva essere usato per la terapia quando giocava con la sua famiglia e, come psicologa, ha capito che i personaggi che ha creato devono condividere qualcosa in comune. Mentre li studiava, ha trovato dei punti in comune e si è resa conto di essersi imbattuta in un problema centrale di cui non si era resa conto che era ancora qualcosa su cui aveva bisogno di lavorare. L'esperienza le ha fatto desiderare di usare il gioco in terapia.

Ora, uno dei gruppi che gestisce si chiama The Self-Rescuing Princess. Si concentra sull'empowerment delle ragazze e su lezioni come come difendersi, come essere un leader e come lavorare insieme. Connell include situazioni che è probabile che le ragazze affronteranno nella vita reale, come riconoscere quando qualcuno ha una relazione emotivamente violenta e come possono aiutare quella persona a uscirne. Il gruppo consente ai membri di mettere in pratica ciò che farebbero in tali situazioni e di parlarne in seguito. Connell sfida le ragazze a creare personaggi che siano forti in qualcosa in cui si sentono deboli e a sfruttare quella forza.



Il punto debole di una ragazza era sempre dire di sì ai suoi amici, che la usavano come fattorino. Lo odiava, ma sentiva di dover dire di sì. Dopo una partita, la ragazza ha preso da parte Connell e le ha detto che l'ultima volta che i suoi amici le hanno chiesto qualcosa, si è sentita sul punto di dire di sì, ma poi ha pensato al suo personaggio che non avrebbe mai accettato. La ragazza ha deciso di essere come il suo personaggio di D&D e ha detto di no.

ragazza degli dei dell'Egitto

'Era la prima volta che diceva di no a uno dei suoi amici solo per un motivo egoistico di 'non voglio'', ha detto Connell a SYFY WIRE.

Il terapista Adam Johns e Adam Davis, che ha un background educativo incentrato sulla terapia del dramma, sono i fondatori dell'organizzazione no-profit Gioco per crescere , che gestisce gruppi di abilità sociali terapeutiche. Entrambi hanno giocato a D&D da bambini e ne hanno riconosciuto i benefici nel corso degli anni personalmente e nel loro lavoro. Johns ha visto come il gioco può essere utilizzato per creare una scena in cui il giocatore può difendersi da solo e costruire e rafforzare un'abilità specifica.

'È un mondo altamente fantastico, quindi sei abbastanza distante da esso in modo da non affrontare davvero il bullo a scuola, ma potresti affrontare qualcosa che te lo ricorda', ha spiegato Davis. 'Un barista meschino che non ti servirà a meno che tu non gli tenga testa o qualunque cosa sia quella piccola piccola cosa che ti permette di costruire un po' di fiducia o di costruire un po' di abilità.'

Giocare attraverso diversi scenari con i personaggi può portare a realizzazioni inaspettate. Davis vede molte persone creare personaggi che sono versioni idealizzate di se stessi o 'versioni ingrandite del loro sé attuale, comprese versioni estreme dei loro comportamenti disadattivi'. Il lavoro di Johns e Davis include spesso persone socialmente isolate. Una persona con cui hanno lavorato che aveva una grave depressione e ansia ha creato un giovane personaggio femminile che è fuggito da un manicomio e il cui unico amico era un gatto che solo lei poteva sentire.

'Si può già dire che c'è molta proiezione in questo personaggio. Il tipo di tendenze antisociali che questo ragazzo aveva manifestato totalmente nel personaggio ed era difficile per alcuni degli altri giocatori al tavolo relazionarsi con lui e quindi con lei', ha detto Davis.

Tuttavia, quando gli avventurieri si sono rivolti all'ultimo dracolich rimasto per chiedere aiuto in una ricerca, il drago non voleva lasciare la sua caverna. Non aveva parenti o amici, quindi perché avrebbe dovuto aiutare? È stato allora che il personaggio del bambino si è fatto avanti e ha detto che sapeva come si sentiva.

sonic the hedgehog poster del film gambe

'Lui e il dracolich si sono davvero uniti a quanto sia difficile non avere amici, non avere persone con cui relazionarsi, e poi il dracolich è diventato un alleato. Hanno lavorato con il dracolich e lo hanno convinto ad aiutarli, il che è molto diverso dal fare un patto con il diavolo e convincerlo che dovrebbe,' ha detto Davis. «Era empatico con il dracolich. Alla fine facciamo sempre una domanda che è: 'Cosa porterai via con te?' e questo giovane ha detto: 'Non mi sarei mai aspettato di provare empatia con un dracolich'.

Da allora, i personaggi del giocatore sono cambiati nei giochi e l'ultimo personaggio che ha interpretato è stato un assassino che ha sempre avuto persone intorno a sé.

snowpiercer (serie tv)
Gioco per crescere - Dungeons & Dragons

Credito: gioco per crescere

Il gioco di ruolo è stato utilizzato in terapia per anni, ma spicca il suo utilizzo tramite giochi da tavolo. Il Dott. Raffael Boccamazzo è psicoterapeuta e direttore clinico di Prendi questo , un'organizzazione no-profit che educa la comunità di gioco sui problemi di salute mentale e corre Camere AFK alle convenzioni. Lavora per sviluppare e rafforzare le abilità sociali in gruppi presso Aspiring Youth a Seattle e lavora con molti bambini con autismo ad alto funzionamento. Per Boccamazzo, il lavoro è una 'riapplicazione di tecniche che sono state utilizzate in psicoterapia per [molti] quasi 150 anni'. Ciò che è unico è la loro incorporazione di interessi speciali, secondo lo psicologo Dr. Ryan Kelly, che lavora anche a Southeast Psych e lavora molto con i bambini che hanno l'Asperger.

Davis, Connell, Kelly, Johns e Boccamazzo giocano a D&D insieme in una campagna chiamata Clinical Roll. Connell ha avviato il gruppo per lavorare insieme e non solo per aggiungere un altro incontro ai loro calendari. Invitano anche altri (o altri chiedono di essere inclusi) che lavorano con la terapia geek o RPG per connettere tutti nella comunità.

I giocatori del Clinical Roll stanno cercando di aumentare la consapevolezza di come questi giochi possono essere utili. Johns vede tutto il loro lavoro come 'riconoscere il potere che i giochi di ruolo hanno di fornire gli altri aspetti della terapia e gli altri aspetti della crescita psicologica e del cambiamento che possono derivare, ma da molte prospettive diverse più o meno allo stesso modo in cui fa la terapia'. .' Crede che ciò che il gruppo sta facendo per essere prolifico con le sue tecniche terapeutiche e ampliarle sia nuovo nell'area. In effetti, Game to Grow sta cercando di fare un passo avanti con Nucleo critico , un futuro 'intervento sulle competenze sociali sotto forma di un gioco di ruolo da tavolo'.

sonic the hedgehog film gambe

Mentre c'è stato ricerca nell'area di come questi giochi possono avere un impatto, c'è ancora molto potenziale nell'area.

'Penso che in questo momento sia solo una terapia drammatica che è fantastica, ma c'è questo enorme orizzonte di ricerca su D&D che non è ancora stato fatto in un ambiente controllato, quindi stiamo cercando di saltarci sopra', ha detto il dott. Kelly.

Vedere i modi in cui D&D può aiutare le persone non è passato inosservato all'editore del gioco, Wizards of the Coast.

Lo specialista di marketing dei prodotti D&D Chris Lindsay ha realizzato per la prima volta il potenziale del gioco come strumento terapeutico quando ha giocato da bambino. Lui ei suoi amici sono stati in grado di 'uscire dai loro gusci grazie a D&D' e alle loro interazioni attorno al tavolo. Lindsay ha anche visto questi vantaggi professionalmente al di là di Wizards grazie al suo background nel campo dell'istruzione, dove ha visto molti studenti avere la stessa esperienza. Per Lindsay, D&D ha aggiunto vantaggi a causa del forte elemento della storia e di come voler essere un eroe sia qualcosa con cui tutti possono impegnarsi fortemente. È un gioco che può aiutare qualcuno che di solito non è un estroverso a interagire positivamente con persone che condividono i loro interessi. Lindsay ha visto i benefici in prima persona anche nella sua famiglia.

'Quando si tratta di bambini con bisogni speciali, ad esempio il mio secondo figlio che compirà 26 anni quest'anno è cresciuto giocando a Dungeons & Dragons nella nostra famiglia e ha imparato alcune cose estremamente preziose sulla socializzazione, sul fare i turni e sulla condivisione di idee', ha detto a SYFY WIRE. 'Questa è una parte importante, credo, del suo successo personale da adulto ora'.

Secondo Lindsay, il team di Wizards interagisce con esperti su questo argomento ogni volta che può. Cerca di rispondere a domande sul gioco e sullo sviluppo della storia che potrebbero essere utili negli studi medici e, a causa dell'esperienza di Lindsay con suo figlio, fornisce 'suggerimenti e idee su cose che ho visto lavorare con lui al tavolo e si spera che li aiuta nella loro pratica.' Per i programmi educativi, cercheranno anche di fornire prodotti alle scuole che non hanno i soldi per acquistare materiali ma sono interessate ad avviare programmi o club di D&D.

Johns sottolinea che i vantaggi del gioco possono includere 'assunzione di prospettiva, tolleranza alla frustrazione, risoluzione di problemi creativi e capacità di collaborazione' che esistono 'al tavolo di qualsiasi dungeon master ragionevolmente decente'.



^