Donne Guerriere

Come She-Ra ha affrontato le battaglie di giocattoli di genere degli anni '80

>

Se sei un ragazzo degli anni '80 e '90, allora è probabile che tu abbia guardato molta TV e posseduto molti giocattoli. Questo non era un fenomeno unico per la nostra fascia d'età, ovviamente. Nomina un bambino che non ha guardato tonnellate di televisione o ha una preziosa collezione di bambole, action figure e accessori correlati. Ciò che differenzia questi divari generazionali è quanto inestricabilmente fosse intrecciato il nostro intrattenimento visivo con i giocattoli che desideravamo così tanto.

Durante gli anni '80, l'amministrazione del presidente Ronald Reagan ha spinto per un'immensa deregolamentazione di tutti i mercati, ma in particolare nel mondo delle trasmissioni. Nel 1987, la dottrina dell'equità della FCC è stata abolita e quindi è diventato molto più facile per le aziende utilizzare la programmazione come mezzo di pubblicità. Per un'intera epoca di ragazzini, gli spettacoli da cui erano ossessionati dopo la scuola e il sabato mattina mentre masticavano i loro cereali non erano altro che espedienti di marketing sottilmente velati. Il presidente della FCC Mark S. Fowler ha dichiarato con orgoglio che la televisione per bambini dovrebbe essere dettata dal mercato. Il risultato finale è stato un eccesso di spettacoli che esistevano quasi esclusivamente per vendere giocattoli, giochi, vestiti, cibo e così via.

Le amate serie per bambini come G.I. Joe, Transformers , Gli orsetti del cuore , e He-Man e i padroni dell'universo offriva intrattenimento insensato (spesso prodotto a buon mercato) che poteva essere mercificato all'ennesima potenza. Se potesse essere trasformato in merce, allora potrebbe diventare uno show televisivo. Questa mentalità era così dominante negli anni '80 e '90 che Michael Eisner, allora CEO della Disney, commissionò un cartone animato basato sulle caramelle gommose perché suo figlio si divertiva così tanto a mangiarle e, naturalmente, c'erano dei giocattoli da realizzare !



Questo campo era redditizio. Il ciclo infinito di contenuto e merce era praticamente una macchina per stampare denaro. Era anche, tuttavia, un campo profondamente definito dalle aspettative sessiste. Mostra come trasformatori , I veri acchiappafantasmi , G.I. Joe , Thundercats , ed ovviamente, Egli uomo erano storie dominate dagli uomini che spesso avevano un personaggio femminile simbolico, se mai ne esisteva uno. La saggista Katha Pollitt ha definito questo fenomeno in un articolo del 1991 come 'Il principio della Puffetta', in cui un cartone animato per bambini ha un assortimento di vari personaggi maschili ma solo una donna il cui ruolo è essenzialmente quello di essere 'la donna' e nient'altro.



^