Fast & Furious

Come l'originale Fast & Furious: Tokyo Drift ha cambiato il franchise per sempre

>

quando Il veloce e il furioso uscito nei cinema nell'estate del 2001, nessuno avrebbe potuto prevedere che quasi due decenni dopo sarebbe stato un franchise di successo internazionale con otto puntate sempre più gigantesche e di genere e uno spin-off di fantascienza ancora più grande. Ma lo sceneggiatore Chris Morgan, che si è unito al franchise per il suo terzo film, potrebbe probabilmente rivendicare in modo più credibile il merito di aver pianificato l'improbabile arco narrativo, come evidenziato dalla sua proposta originale alla Universal a metà degli anni.

Il suo lancio iniziale è diventato Fast and Furious: Tokyo Drift (2006), che è uscito e uscito dai cinema, ma da allora è diventato forse il più grande successo cult del franchise, con una base di fan devota tutta sua. Morgan da allora è stato uno scrittore su ogni singolo Veloce film, dimostrandosi ancora più una costante di Vin Diesel e Michelle Rodriguez. Ha anche ideato e condiviso la sceneggiatura del primo spinoff, campione in carica al botteghino Regali Fast & Furious: Hobbs & Shaw , e alla fine della scorsa settimana ha parlato con SYFY WIRE dell'improbabile evoluzione del franchise.

Il Veloce Il franchise ha subito una serie di cambiamenti di genere nel corso degli anni: è stato qualcosa che hai pianificato o uno sviluppo organico?



Sono entrato nel terzo film, e all'epoca una delle idee originali era quella di poter riportare la troupe ed espandere il mondo. E mentre i film andavano avanti, siamo stati davvero fortunati che il pubblico li abbia abbracciati e abbia amato i personaggi, e questo ci ha permesso di avere un po' di margine di manovra per progettare sempre le sfide per i personaggi in modo che i problemi personali che devono affrontare richiedono sempre una sorta di grande azione o pensiero laterale. È quel pezzo o quel cambiamento di genere per arrivarci.

Quello di cui sto parlando nello specifico è Cinque veloci . C'è un problema centrale in Cinque veloci che i nostri ragazzi hanno bisogno di uscire dalla rete per sempre. L'unico modo per farlo è avere un sacco di soldi. C'è potenzialmente un bambino che sta per nascere, è in qualche modo in gioco, quindi decidono di mettere a segno il colpo più grande. Quindi ci ha dato la posta in gioco per permetterci di trasformarci in una sorta di film di rapina.

Dato che i film sono andati avanti, abbiamo giocato con il genere delle spie. E ora, con Hobbs & Shaw , la posta in gioco per questo, la sfida è che abbiamo due personaggi alfa eroe, quindi devi creare un nemico così efficace in un modo che non hanno mai sperimentato prima che possa schiacciarli e abbatterli così male che l'unica speranza che hanno di risolvere il dilemma del film è che inghiottiscano il loro orgoglio e finiscano per lavorare insieme. Entra così nel genere di pietra di paragone del genere sci-fi-slash-superhero.

Sapendo che avevamo bisogno di qualcuno che fosse incredibilmente feroce ed efficace e sconfiggesse questi due eroi giganti, abbiamo fatto un paio di cose. Una delle cose più intelligenti che abbiamo mai fatto è che Idris Elba si unisca, cosa che stiamo provando da un po'. Ed è così incredibile. È un kickboxer, è eccellente nelle sue acrobazie e nei combattimenti. Ha una tale gravità ed è un attore così straordinario da fondare una sorta di dramma molto intenso. Quindi siamo davvero fortunati lì.

E poi due, gli abbiamo dato un po' di assistenza con cinque minuti nella futura tecnologia militare. Abbiamo fatto un sacco di ricerche su cose su cui DARPA sta lavorando e cose che i militari stavano cercando di mettere in campo per inviare soldati e poi ci siamo spinti un po' più in là e abbiamo dato tutte quelle cose al nostro personaggio Brixton, che gli permette di essere un nemico davvero, davvero formidabile per i ragazzi che normalmente non battono gli occhi ai cattivi. E per la prima volta si fanno davvero dare il culo.

Allora, com'è lanciare a Fast & Furious idea adesso? Ti danno carta bianca?

La cosa più bella di lavorare con Veloce è sempre l'idea migliore che vince dal primo giorno fino alla fine. C'è questo grande atteggiamento che tutti sul set combattono per il pubblico. Questo è quello che facciamo è prendere un'idea da qualsiasi luogo, cambieremo le cose mentre andiamo. Tutto ciò che lo rende un giro migliore per il pubblico, tutti noi siamo disposti a scavare e farlo.

mi ricordo su Otto veloce [ Il destino del furioso ], la presunzione originale, sono andato in studio e ho pensato: 'Ho questa immagine. Lascia che te lo dica.' E sono tipo, ok. E io sono tipo, 'C'è un campo di ghiaccio a perdita d'occhio. Forse siamo in Russia, forse siamo nell'Artico. Tutto quello che so è solo... È una giornata blu ed è solo ghiaccio. E poi senti il ​​motore di un'auto, e poi oltre la collina, ecco che arriva questa macchina e sta prenotando attraverso il ghiaccio. Nessuno lo insegue e nessun altro, nessuno. E poi senti una voce». Penso che all'epoca fosse la sorella di Tyrese o Roman a dire: 'Amico, devi andare più veloce. Devi andare più veloce».

E il pubblico dice: 'Non c'è nessuno che li insegue. Cosa sta succedendo?' E poi dietro di loro, boom, questo sottomarino arriva sotto il ghiaccio e cerca di investirli. E l'avevo proposto e lo studio ha detto, 'Sì, è abbastanza buono.' E abbiamo appena iniziato a lavorare da lì. Ma sì. Può venire da ogni parte, sai?



^