Tim Miller

Come si sono uniti gli spettacolarmente strani Love, Death & Robots di Netflix

>

Tim Miller e David Fincher mirano a mischiare e riorganizzare il volto dell'animazione televisiva con la loro ambiziosa serie Netflix Amore, morte e robot , che presenta brevi racconti per adulti raccontati in una varietà di stili. Al SXSW questa settimana, hanno debuttato sei dei 18 cortometraggi che sono andati in diretta su Netflix oggi. Questi cortometraggi osé spaziavano tra commedia, thriller, crimine, horror di fantascienza e tutto il resto.

Questa non è la prima volta che Fincher collabora con Tim Miller. Prima che Miller diventasse famoso come direttore di Piscina morta , possedeva il Sfocatura studio di animazione e VFX, e ha lavorato come ragazzo di Fincher per le sequenze dei titoli di apertura. I due hanno anche provato a ottenere un adattamento animato di Eric Powell's Il Goon da terra 10 anni fa.

In questa chiacchierata con Tim Miller e la sua produttrice e moglie Jennifer Miller, parliamo del processo di portare Amore, morte e robot alla vita, come ciò potrebbe potenzialmente aiutare a rendere il loro Continua anche l'adattamento è una realtà, e com'è stato destreggiarsi tra dozzine di registi e produttori.



Avevo circa 10 anni quando Televisione liquida successo e sicuramente ha avuto un enorme impatto su di me. Mi ha aperto la mente su ciò che l'animazione poteva fare oltre lo stile Disney. Ho avuto lo stesso tipo di atmosfera dai sei episodi di Amore, morte e robot avete fatto lo screening ieri sera. Una volta che inizi ad entrare nella storia dell'animazione, poi guardi gli anni '70 e vedi cose di Ralph Bakshi come Fritz the Cat...

Tim: Fuoco e ghiaccio , Metallo pesante , si. Il resto del mondo ha sicuramente l'animazione per adulti. Siamo un po' indietro rispetto alla curva qui in America.

remake di atlantis l'impero perduto

È stato qualcosa che vi ha spinto a farlo, sapendo che c'è una storia in questo tipo di animazione e quanto può essere efficace e come sia una strada inesplorata per la narrazione?

Tim: Beh, sai, penso che il motivo per cui qualcosa ha successo o no, dipenda dal tempismo. Il mondo è pronto o no? E penso che per qualsiasi ragione qui negli Stati Uniti, mi sia sembrato il momento giusto per farlo. Questi erano sicuramente degli effetti enormi su di me da bambino. ero a Metallo pesante proiezioni di mezzanotte e volevo essere un animatore, quindi l'idea che non dovessi fare i cartoni di Yogi Bear era super attraente.

Netflix è la tua casa per questo. Com'è stato il processo di creazione di questa serie lì? Era qualcosa in cui erano subito a bordo o ci è voluto un po' per convincerli?

Jennifer: Erano ottimi collaboratori. Decisamente. Erano come una mano che ti guida dolcemente sulla schiena. Ho pensato che fossero coraggiosi nell'abbracciare ciò che questo pezzo potrebbe davvero essere. Erano disposti a sperimentare un nuovo formato breve che è molto diverso sulla loro piattaforma e penso che siano davvero entusiasti dell'animazione di alta qualità in brevi bocconcini di storie.

Penso che sia anche interessante che siano così disposti a sperimentare ed è quello che vogliamo anche noi. tu parli di Televisione liquida . Era davvero innovativo e sperimentale e poi quando ci metti delle storie, che sono radicate, allora diventa qualcosa di veramente diverso e penso che l'abbiano abbracciato con tutto il cuore.

Si. Penso che sia per questo che quando la gente pensa a Televisione liquida loro ricordano Flusso Eone . Aveva una progressione che aveva qualcosa che puoi seguire...

Tim: Appena. (ride)

Voglio dire, c'era ancora una storia da punto A a punto B in un modo strano, super sexy in pelle.

Tim: Quando stavamo facendo Metallo pesante abbiamo fatto fare un segmento a Peter Chung. Ha sviluppato una storia di 12 minuti per Metallo pesante che era in quel mondo perché ci piaceva così tanto.

Come un videogioco fan, Ho visto queste incredibili scene tagliate che mi hanno fatto desiderare di vedere quel livello di animazione e narrazione in una forma narrativa. Hai alcuni pezzi che hai proiettato sentirsi così. Mi viene in mente il segmento della 'Guerra Segreta'. Era qualcosa che stavate cercando?

Tim: Totalmente, dal momento che questo è il nostro mondo, ma aveva davvero molto senso per gli affari, dal senso del modello di produzione, ma anche venendo da quel mondo conoscevamo tutti questi grandi... erano i nostri concorrenti, ma siamo tutti amichevoli ed è una specie di comunità. Quindi conosciamo tutte queste persone. Già alla genesi dell'idea, conoscevamo tutte queste grandi boutique. Come se i Blur fossero 120 persone ora. Non sono abbastanza grandi o interessati a realizzare lungometraggi tradizionali, eppure hanno molti artisti di alta qualità e grandi pipeline e possono fare qualsiasi cosa nel regno da cinque a 15 minuti in modo conveniente perché conosciamo i margini per quel lato di l'attività.

E ci sono molti artisti che sono lì perché non vogliono lavorare alla Disney o al tradizionale tipo di animazione degli animali parlanti, ma amano comunque l'animazione. Sembrava la soluzione perfetta per noi. Abbiamo storie interessanti, c'è un'azienda interessante che è interessata a farlo, mettiamola insieme.

E Netflix era super aperto a questo. Sono così disposti a provare le cose, mentre con gli studi tradizionali è un grosso rischio farlo. Potrebbe non funzionare. Potrebbe farli sembrare cattivi. Potrebbe costare un sacco di soldi. Netflix dice che non sappiamo se funzionerà, ma ci piace. Proviamolo. Era un'atmosfera completamente diversa.

Sì, hanno padroni diversi da accontentare. Hanno abbonati invece di dover invogliare le persone ad andare a teatro e in particolare a spendere i loro soldi su un singolo progetto.

Tim: Si. Non sto dicendo che gli studi siano pieni di persone che hanno paura perché non lo sono. Vengono realizzati molti grandi film e molti di loro sono innovativi e rischiosi, ma è un po' diverso con la casualità che Netflix è in grado di andare là fuori e prendersi dei rischi. «Sì, sembra interessante. Facciamolo!' Invece di (sussurrando) 'Va bene. Andiamo...' Quella paura di camminare fino al limite che David (Fincher) e io abbiamo avuto quando stavamo cercando di farlo come un film all'inizio.

Jennifer: Pensavo che 'The Secret War' fosse suonato così bene ieri sera, vero? La società che lo ha fatto, Digic che sono in Ungheria, sono semplicemente fantastici costruttori di mondi. Il dettaglio era così ricco. Mi sentivo davvero come se avessero davvero spinto lo stile di animazione. Era stilizzato quel tanto che bastava per esagerare le caratteristiche per rendere quei personaggi davvero radicati in un mondo davvero fantastico, ma non fotoreale. Era davvero unico. E poi solo per resistere a quella violenza fantastica. L'ultima battaglia è semplicemente epica.

Non credo che tu ed io abbiamo parlato nel tempo, ma ho parlato sia con David Fincher che con Eric Powell quando tutti voi stavate cercando di ottenere Il Goon decollare una decina di anni fa...

Tim: Non ci siamo arresi. Succederà.

Guardando quegli episodi da Amore, morte e robot ieri sera non ho potuto fare a meno di sperare che vada abbastanza bene per Netflix che forse andranno avanti e finalmente faranno Continua una realtà. Mi piacerebbe che questo spianasse la strada a Il Goon effettivamente accadendo.

Tim: Penso che sarà solo di aiuto, ma non ci siamo arresi Il Goon . Mai avuto, mai lo farà. E penso che sarai felice. Presto. Ne sono entusiasta e penso che tutto questo aiuti. Può volerci un po' di tempo. Non credo di parlare di scuola, ma l'ultimo inconveniente è stato che Eric aveva degli affari più vecchi che dovevano essere sgombrati perché gli avvocati fossero felici e cose del genere. Lo sento intensamente, come se fossi un fan e dicessi, 'Questi stronzi si sono presi i miei soldi e cosa ne hanno fatto?' Abbiamo fatto esattamente quello che abbiamo detto. Abbiamo una bobina intera. Abbiamo speso quei soldi e anche altri nostri. Abbiamo una bobina completa per il film. Sarà fantastico. È solo che qualsiasi film è una spinta verso l'alto. Per ( Amore, morte e robot ) David ed io abbiamo provato per 10 anni.

Dal momento che hai cercato di ottenere Il Goon da terra hai realizzato uno dei film di supereroi di maggior successo di tutti i tempi...

perché odin aveva un falso guanto di sfida all'infinito?

Tim: Ci sono voluti anche cinque anni per farlo, ma non ci siamo mai arresi. Davide non si è mai arreso. In questo spettacolo, letteralmente il fine settimana Piscina morta è uscito, David ha chiamato e ha detto: 'Ok, otterrai un po' di succo da questo e lo useremo per combinarlo con il mio potere e lo faremo avanzare.' La cosa di cui era bello Piscina morta , che David ha visto, era qualcosa che tutti dicevano che non avrebbe funzionato e poi hanno visto che non solo funziona ma funziona bene e c'è fame di questo tipo di materiale là fuori. Quella era la stessa porta contro cui stavamo spingendo con questa antologia animata R-rated. Quindi puoi vedere i corollari, e penso che la stessa cosa sarà per Il Goon . Perchè no?

Quel materiale originale è così divertente È una tragedia che non sia ancora successo, ma mi piace che voi ragazzi stiate ancora spingendo avanti su di esso.

Tim: David non si arrende mai e nemmeno io. Non è che non posso arrendermi perché ho investito così tanto tempo. Non ho mai smesso di piacermi. Non mi sono annoiato. A volte non riesci proprio a farcela. Hai sbattuto contro un muro e devi trovare un altro modo per aggirare.

Jennifer: Penso che sia una delle cose che ti fa avere successo. Camminerai attraverso un muro per arrivare a quel progetto. Ti ho visto farlo. Resisti per anni e anni. Quella tenacia è grande. Ne hai bisogno, specialmente in questo business.

Amore, morte e robot

Credito: Netflix

Stai producendo tutti questi cortometraggi diversi e ne hai anche diretto uno tuo. Hai scoperto che c'era molta differenza quando dirigevi e quando producevi gli altri progetti? Ti sei trovato in qualche tipo di mentalità diversa?

Tim: Non credo che i registi siano i migliori produttori perché è difficile per te non dire, 'Beh, come potrei farlo?' o 'Non lo farei mai'. Ma penso che dopo aver gestito uno studio per anni, Blur abbia quasi 25 anni. Abbiamo molti registi che fanno progetti e sono abituato ad aiutarli o, odio questa parola, ma fare da mentore ad alcuni di loro o semplicemente intervenire e con un parere quando mi viene chiesto. Non ho mai sentito di dover controllare tutto. Non sono quel tipo di ragazzo. E David decisamente no. Voglio dire, abbiamo fatto il Ragazza con il tatuaggio del drago apertura e David era tipo, 'Dimmi che sono il miglior fottuto cliente che tu abbia mai avuto.' Voglio dire, era la sua visione per quello che era, ma per quanto riguarda il dire 'No, fallo' o 'Taglia cinque fotogrammi in anticipo', non ha mai detto nulla di tutto ciò.

In effetti, l'ultima recensione era lui che diceva: 'Voglio fermarmi a vederlo'. E ho detto: 'Oh, perché?' È tipo perché è bello. Voglio solo passare a vederlo e sono nel quartiere». È così che è stato per l'intero progetto. E cerco di essere così. D'altra parte, Netflix si aspetta che noi, Blur, siamo il fulcro di tutta questa impresa per fare qualcosa di grande. Se non consegniamo, prima David dirà, 'Amico, che cazzo? Questo fa schifo.' E poi, in secondo luogo, Netflix dirà, 'Uhhh...' Quindi sentiamo un senso di responsabilità per assicurarci che raggiunga un certo livello di qualità, ma penso che tu possa farlo senza essere pesante. Forse dovresti chiedere agli altri registi. (ride) Abbiamo fatto piangere solo due o tre persone durante la produzione.

Jennifer: Uno dei tuoi superpoteri è trovare talenti eccellenti. Perlustrare Internet e trovare tutti questi grandi artisti che vengono a lavorare a Blur e ora stai setacciando Internet per trovare questi fantastici nuovi registi. Hai dato loro molta libertà e li hai preparati al successo con storie fantastiche e ha funzionato. Penso che l'eccellente assunzione di talenti ti abbia davvero preparato per essere in grado di lasciarti andare come regista e lasciare che facciano il loro lavoro.

Tim: Per quanto riguarda i tempi, ha funzionato abbastanza bene per noi. Quando Netflix ha detto di andare, abbiamo avuto un po' di tempo prima che dovessi andarmene e farlo Il Terminator . Abbiamo superato l'intero processo di selezione della storia. Abbiamo esaminato l'intera selezione dei registi e degli studi che stavano facendo il lavoro. Abbiamo superato le presentazioni iniziali di ecco come vorremmo che fosse e qui ci sono i nostri storyboard e, in alcuni casi, anche l'animazione prima che dovessi dire 'Ci vediamo dopo!' Terminatore era un'impresa sette giorni su sette, 24 ore al giorno. Anche Jennifer e il team di produzione sono coinvolti in tutto questo, quindi non devo preoccuparmi di questo. Blur può farlo senza alcun input da parte mia. È stato davvero un ottimo approccio di lavoro di squadra all'intera faccenda.

Quando hai a che fare con così tanti narratori e aziende diversi, deve esserci una qualità di base. c'è da essere controlli nel sistema per assicurarsi che tutti siano sulla stessa pagina. A che punto è arrivato questo controllo di qualità? Era giusto all'inizio o è entrato bene nello sviluppo?

Tim: Il nostro processo su tutti tranne due di questi è stato scegliere la storia e sviluppare la sceneggiatura con Phil Gelatt, che è uno scrittore con cui ho lavorato molto. Phil e io ne parlavamo e Phil scriveva una bozza. Lui faceva un giro o due di quello, poi io facevo una lucidatura e poi la mandavamo a chi stava per farlo. E questo di solito accadeva prima ancora che scegliessimo chi lo avrebbe fatto. Era solo, ecco la storia che funziona. Puoi cambiarlo, puoi renderlo migliore, supponendo che siamo tutti d'accordo sul fatto che lo stai cambiando e rendendolo migliore, ma almeno sappiamo che c'è una linea di base di ciò che penso quale narrazione di qualità. È una bella rete di sicurezza. Potresti sempre dire: 'Sì, ti stai allontanando un po' qui'.

Nonostante sia uno, penso che i registi siano... hai una probabilità molto più alta di incontrare stronzi nella divisione regia rispetto a praticamente qualsiasi altra parte del cinema. C'è molto ego. Meno, di sicuro, in questo gruppo con cui abbiamo lavorato, ma vuoi essere in grado di assicurarti che nessuno si senta come, 'Ora è la mia occasione per mostrare cosa posso fare!' No. Adesso c'è la possibilità di contribuire a quella che dovrebbe essere una grande gestalt per lo show. Non è la tua storia fare quello che vuoi con.

Può sembrare un controllo, ma non credo. Voglio dire, non mi sono mai sentito così facendo i filmati di gioco. Non è che stavo per dire: 'Sai una cosa? La mia visione di Batman è che veste di bianco e penso che come artista sia mia prerogativa farlo.' F**8 te, Batman indossa un fottuto completo nero! Non lo cambierai. Allora perché dovrebbe essere diverso? Ma non credo sia stato pesante. E poi quando entri nella sua produzione...

Jennifer: Abbiamo iniziato con migliaia di storie che abbiamo letto, quindi quando parli dei numeri non è davvero un controllo, è come incanalarlo nel giusto mix. È un buffet di molte storie diverse, ma ci sono 20 registi, ci sono 11 paesi e quando lo stai incanalando hai bisogno di un processo.

Amore, morte e robot

Credito: Netflix

Jennifer: Ma tutto quello che stai facendo è sfruttare la passione. Ogni singolo partner di questo progetto, società di produzione e registi, sapeva che questo era uno sport di squadra. L'animazione è uno sport di squadra. Alla fine penso che sia finito tutto su quello schermo. La bellezza di essere così appassionati è che possono avere quella visione molto focalizzata sulla loro storia. Allora abbiamo la prospettiva di dire: 'Sai una cosa? Possiamo vedere un piccolo ritocco qui, un piccolo editing lì per metterlo a punto e renderlo fantastico e adattarlo all'intera serie.'

Penso anche che la cosa bella sia che hai il marchio e la metodologia di progettazione delle slot machine, un senso di varietà, giusto? Non sai cosa otterrai in un dato momento. Hai una piccola sorpresa. È inaspettato. E penso che abbia piegato tutto insieme in una bella confezione ordinata. Quindi, quando parliamo di controllarlo, non so che controllare sia la parola giusta. Sai cosa intendo? Organizzare forse.

Ogni regista è responsabile della propria storia, ma noi siamo responsabili di questo e di come si inserisce nell'intero spettacolo.

Amore, morte e robot debutta oggi su Netflix.



^