Opinione

Come la mummia ha sporcato Sofia Boutella

>

Per chiamare il reboot 2017 di Alex Kurtzman del classico film horror - e l'ultimo tentativo della Universal di stabilire un nuovo franchise - La mummia è credere che al film in realtà importi qualcosa del suo omonimo cattivo. In un film intriso di decisioni creative sconcertanti, narrazione noiosa e Russell Crowe che fa un accento cockney che permetterà a Dick Van Dyke di dormire sonni tranquilli per il resto dei suoi giorni, potrebbe essere il trattamento della stessa mummia, la principessa Ahmanet (Sofia Boutella) , che macina il maggior numero di marce.

Il film, il primo nel cosiddetto Dark Universe, aveva già una montagna di cinismo da scalare da potenziali spettatori con bei ricordi del reboot del 1999 con Brendan Fraser e Rachel Weisz. Le prime anteprime hanno fatto poco per risolvere il problema, poiché i centrotavola incentrati sull'azione hanno per lo più ignorato Boutella a favore del protagonista Tom Cruise (insieme a un'anteprima IMAX ormai famigerata con alcuni problemi audio). Eppure, anche dopo tutto ciò, pochi di noi avrebbero potuto prevedere quanto scadente sarebbe stato il film risultante, ed è nel suo trattamento del personaggio di Boutella che si trovano i maggiori difetti. Può essere chiamato La mummia, ma una delle stelle nascenti del cinema non ha mai il suo momento di brillare nel ruolo della protagonista.

La Universal ha passato decenni a cercare di incassare il suo iconico franchise di Monsters. Dagli anni '20, lo studio si affermò come la casa dell'horror nell'età d'oro di Hollywood, e mantennero quella posizione fino agli anni '50. Personaggi come quello di Lon Chaney il fantasma dell'opera e di Bela Lugosi Dracula cambiato il panorama del genere, e la loro influenza si può ancora trovare nel cinema fino ad oggi.



Mentre lo studio ha fatto tentativi per far rivivere quei personaggi, nessuno di loro ha davvero decollato con il pubblico: il pubblico si era stancato dei vampiri quando hanno pubblicato il remake del 1979 di Dracula , con Frank Langella; Il clamoroso blockbuster di Stephen Sommers Van Helsing (2004), con Hugh Jackman e Kate Beckinsale, ha ottenuto risultati rispettabili al botteghino, ma non ha mai lasciato il pubblico affamato di più; e Dracula indicibile (2014), la base originale per il loro Universo Oscuro, era così noioso che hanno deciso di fingere che non sia mai successo (scusa, Luke Evans).

Ora, mentre il modello di franchise multi-film dell'universo condiviso regna sovrano a Hollywood, dalla Marvel e DC all'universo esteso di Star Wars, ogni studio si sta adoperando per trovare una proprietà intellettuale riconoscibile che consenta loro di utilizzare lo stesso stampo e quindi garantire profitti regolari. La mummia trilogy (1999-2008) rimane il tentativo di maggior successo della Universal di avere due fulmini, quindi aveva senso usarlo come nuovo punto di partenza per I Vendicatori con i classici dell'orrore.

record del mondo di super mario 64
La-Mamma-Sofia-Boutella.jpg

Laddove l'Universo oscuro di Universal differisce, ad esempio, dal Marvel Cinematic Universe è nella sua enfasi sulle principali star di A-List per invogliare il pubblico potenziale. Il modello tradizionale di celebrità sta morendo nel settore, poiché il franchise diventa più redditizio del nome dell'attore sopra il titolo. Per quanto amiamo Chris Evans, non è lui il motivo per cui Capitano America i film fanno così tanti soldi. Benedict Cumberbatch ha i suoi fan accaniti, ma non erano loro il motivo Dottor Strange è stato uno dei 10 film con i maggiori incassi del 2016. Questo modello ha i suoi vantaggi, consentendo ai talenti meno conosciuti di godere dei vantaggi del lavoro di successo che in precedenza sarebbe stato loro negato perché i film sono essenzialmente a prova di recensione.

Per la Universal, il ritorno al modello stellare degli anni passati è un punto di forza a cui pochi studi si stanno concedendo su questa scala al giorno d'oggi. Prima di La mummia uscito nei cinema, è stata rilasciata una foto del cast che mostra le future star del franchise: Russell Crowe nei panni del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde; Javier Bardem nel ruolo del mostro di Frankenstein; Johnny Depp come l'uomo invisibile. Sofia Boutella è l'outlier qui. Non solo è l'unica donna tra i principali attori (la Sposa di Frankenstein a quanto pare si unirà alla squadra ad un certo punto, anche se deve ancora essere scelta) e facilmente la più giovane, è l'unica che non è un nome familiare. La sua stella è indubbiamente in ascesa grazie a ruoli di spicco in Star Trek Oltre e Kingsman: Il servizio segreto , ma spicca la sua inclusione tra alcune delle star più acclamate e bancabili dell'epoca. Una volta che ti siedi e guardi La mummia , il perché di ciò diventa immediatamente evidente.

Il retroscena della principessa Ahmanet è un racconto piuttosto standard di fame di potere, ma è soprattutto una scusa per incentrare tutto sul vero protagonista del film, Nick Morton, interpretato da Tom Cruise. Ahmanet cerca il potere e il suo accordo con il dio Set per affermarlo richiede che lei sacrifichi un uomo con uno speciale pugnale Macguffin per trasferire il suo spirito in una forma umana. Ha fallito in questa impresa a suo tempo prima di essere mummificata viva e trasferita in Mesopotamia (l'attuale Iraq), ma quando Nick e la sua squadra la scoprono, lei si fissa immediatamente su di lui, maledicendo Nick per essere la nuova nave per Set. Le sue interazioni con lui sono inquadrate come in parte spaventose, in parte sexy, mentre lo cavalca sull'altare di una chiesa e lo accarezza in preparazione per il suo primo tentativo di sacrificio.

sofia-boutella_1.jpg

Rivestito solo di bende deteriorate, Ahmanet è costantemente postulato dalla telecamera come un oggetto sessuale, ma uno da cui dovresti essere un po' spaventato, un tropo che Anita Sarkeesian ha definito nella sua serie Tropes Versus Video Games come il 'sinistra seduttrice.' Riduce una cattiva donna potenzialmente interessante a nient'altro che un'altra scusa per Tom Cruise per dimostrare che ce l'ha ancora. Anche i suoi attacchi più viscerali servono solo a ricordare al pubblico il sesso, mentre trasforma gli ignari umani nei suoi scagnozzi zombi succhiando la loro forza vitale attraverso un bacio mortale.

Tutto ciò è in netto contrasto con le motivazioni di Imhotep, la mummia in entrambe le versioni del 1932 e del 1999. Con l'interpretazione del cattivo di Boris Karloff e Arnold Vosloo, la forza trainante dietro i suoi piani è radicata nell'amore. Prima di tutto, questi sono cattivi tragici che faranno di tutto per stare con la persona che amano. Non è più complicata della storia di Ahmanet, ma ha molto di più in termini di investimento emotivo, e il tipo che è ancora sorprendentemente raro nella narrazione di Hollywood: l'uomo che si strugge per il suo amore e combatterà per questo ad ogni costo. Invertire i sessi in una storia del genere cambierà ovviamente le dinamiche – la finzione non è a corto di storie di donne depresse per gli uomini – ma il racconto di Ahmanet è privo di emozioni. Non c'è niente di tangibile per il pubblico a cui aggrapparsi e tifare a favore o contro.

Non è colpa di Boutella. È una presenza sullo schermo immensamente carismatica e sta lavorando il più duramente possibile con le schegge di materiale che ha, ma il suo co-protagonista, che risucchia tutta l'attenzione per il merito di essere Tom Cruise, le offre anche poco in modo di chimica.

I rapporti dei traffici affermavano che Cruise aveva 'un controllo eccessivo' sulla produzione di La mummia , dettando la storia del film, le scelte dei personaggi e la direzione finale. Per Boutella, questo avrebbe significato perdere una parte significativa del tempo sullo schermo. In un articolo di Varietà , si dice che la sceneggiatura originale desse uguale tempo ai personaggi di Cruise e Boutella, che cambiarono una volta che il primo portò la sua squadra e aggiunse la svolta di Nick Morton che fu posseduto da Ahmanet. Ovviamente si tratta di speculazioni, ma se è vero, spiega molto.

qual è il vero nome di corvo?
La mummia Sofia Boutella.png

Fonte: Universal

Alla fine del film, Ahmanet viene scartata completamente a favore di Morton, anche se viene suggerito che potrebbe tornare per una puntata futura. Nick prende il pugnale di Set e lo usa per pugnalarsi, assicurandosi così che lo spirito di Set entri nel suo corpo e gli dia un potere incommensurabile. Lo usa immediatamente per punire Ahmanet e succhiarle la vita in una scena che è difficile da guardare date le ovvie connotazioni di un uomo che si forza su una donna mentre lei si contorce sotto di lui in segno di protesta. Dopo aver visto Ahmanet incarnare lo stanco cliché della sinistra seduttrice, succhiando la vita dagli uomini come una succube, vedere Nick fare la stessa cosa non offre alcuna conclusione soddisfacente o senso di giustizia. Invece, ispira solo disagio.

Alla fine del film, Boutella non è più nemmeno la mummia. Tecnicamente, ancora ospitando lo spirito di Set, Nick è... e così viene stabilito l'Universo Oscuro, privo di tutto ciò che ha reso la storia originale intrigante, divertente o addirittura egiziana. Ora, la mummia è in parte un bianco salvatore, in parte un allegro predatore, ma è tutta una manifestazione dell'ego di Tom Cruise. Sofia Boutella, una delle donne protagoniste più uniche ed emozionanti emerse da questo decennio, è ridotta a un sostegno per la prominenza di un uomo di primo piano. Non c'è da meravigliarsi se il pubblico nordamericano è rimasto lontano dai cinema a frotte.

Resta da vedere se le alte ambizioni della Universal pagheranno con l'Universo Oscuro. La mummia potrebbe perdere lo studio circa $ 95 milioni poiché gli incassi internazionali hanno mantenuto a galla il film, ma non abbastanza per compensare i costi di marketing. Forse se avessero permesso alla mummia stessa di brillare, il pubblico sarebbe stato più disposto a investire in questa follia.

Fortunatamente per i fan di Sofia Boutella, ha una brillante carriera davanti a sé, con ruoli imminenti in biondo atomico e l'adattamento pianificato di HBO di Fahrenheit 451. La mummia potrebbe averle negato quel tempo sotto i riflettori, ma sembra che altri nel settore siano più disposti a correre questa possibilità.



^