La Scienza Dietro La Finzione

Come creare una vera tartaruga ninja adolescente mutante, melma e tutto il resto

>

È un po' strano che il Adolescenti tartarughe ninja mutanti esistere affatto. Erano il culmine di uno scherzo tra due amici, Keven Eastman e Peter Laird. In uno degli unici esempi positivi di gestione del rischio della storia, i due creatori di fumetti si sono spinti l'un l'altro in un'idea, più stravagante ad ogni iterazione, fino a quando non si sono conclusi con qualcosa che era una parte temerario parodia e un milione di parti radicali.

cinema amc vicino a me

È il genere di cosa che potresti inventare, tra amici, davanti a un paio di drink, ridere e scartare. Eastman e Laird, per fortuna, non l'hanno fatto. Hanno portato l'idea fino alla sua inevitabile conclusione: un fumetto completamente sceneggiato e disegnato. Così sono nate le Tartarughe Ninja.

Questa è la vera storia di come sono stati creati Leonardo, Donatello, Raffaello e Michelangelo, ma rettili così radicali potrebbero mai essere una realtà? Cosa ci vorrebbe per creare eroi in un mezzo guscio? Bene, richiederebbe una certa comprensione liberale di come funziona la mutazione, oltre a un potenziamento dell'intelligenza abbastanza grande da consentire ai nostri soggetti tartaruga di imparare le arti marziali.



Prendendo una popolazione di volpi, Belyaev scelse per un comportamento particolare: la volontà di interagire con gli umani. Oltre 40 generazioni di volpi, ha selezionato per questo comportamento fino a quando non si è ritrovato con una popolazione di volpi che poteva essere considerata, almeno in una certa misura, addomesticata.

Solo che non aveva una popolazione di volpi. Non proprio. Certo, discendevano dalle volpi e assomigliavano alle volpi, ma erano cambiate in alcuni modi molto cruciali. Non solo il loro comportamento era cambiato, rendendoli più suscettibili al contatto con gli umani, ma anche i loro corpi erano cambiati.

Questa ricerca indica che anche i geni responsabili del comportamento hanno un impatto sulla biologia. Non puoi cambiarne uno senza l'altro. Insomma, nei nostri tentativi di rendere più intelligente una tartaruga o un topo, dobbiamo necessariamente modificare anche la struttura dei loro corpi.

Questa è una buona notizia se il tuo ultimo desiderio è una squadra di eroi delle arti marziali che vivono nelle fogne.

spider man ps4 j jonah jameson

Tuttavia, non c'è nulla nella biologia terrestre che suggerisca che l'intelligenza richieda un piano corporeo simile a quello degli umani.

Gli scimpanzé hanno un'intelligenza simile, relativamente parlando, e un piano corporeo simile. Questa può sembrare una solida prova di qualche correlazione, ma in realtà non è sorprendente considerando che entrambi discendiamo da un antenato comune. Anche i delfini e gli elefanti hanno un'intelligenza elevata, con piani corporei considerevolmente diversi, nessuno dei quali si presta alle arti di combattimento.

Non è un gran tratto immaginare una popolazione di delfini o elefanti capaci di pensare alla pari dei nostri, ma con corpi drasticamente diversi.

jean del film x-men

Quindi, sembra ragionevole presumere che la creazione di una popolazione di animali umanoidi richieda più dei tipi di cambiamenti nel comportamento e nella fisiologia di cui siamo capaci.

Sicuramente l'evoluzione è in grado di trasformare una popolazione di animali in umanoidi; è stato fatto almeno una volta prima. E, date sufficienti informazioni, potremmo essere in grado di replicare il processo. Ma qualunque manovra biologica sia necessaria è attualmente al di fuori della nostra comprensione, almeno fino a quando una specie aliena conquistatrice non si presenta con una melma magica.

Forse un giorno la visione di Eastman e Laird diventerà una realtà, ma non lo è oggi. Nel frattempo, dovremo solo essere grati per più di 30 anni di storie e sperare per altri 30.



^