Assaltatori

Come Lucasfilm ha fatto causa al tizio che ha realizzato i caschi degli Stormtrooper... e ha perso

>

Se c'è una cosa per cui Lucasfilm è sempre stata conosciuta, è creare alcune delle storie, dei personaggi e delle proprietà più iconiche nella storia della cultura pop.

Se c'è qualcos'altro il Guerre stellari il motore è sempre stato conosciuto per le cause legali.

Una volta Guerre stellari è diventato un fenomeno culturale e tutti volevano un pezzo, lettere di cessazione e diffida e ingiunzioni vomitate dagli uffici della contea di Marin della compagnia come squadroni di TIE Fighters dalle baie di lancio della Morte Nera. Ma una causa intentata dalla società è arrivata fino alla Corte Suprema del Regno Unito.



Il designer di oggetti di scena, scultore e designer industriale inglese Andrew Ainsworth, che ora ha 70 anni, ha iniziato a lavorare al cinema solo per sovvenzionare la sua attività principale nel design industriale. 'Se ti impegni nel mondo del cinema, devi giocare a quel gioco e essere compromesso e consumato dalle società di produzione', ha detto a SYFY WIRE. 'È un brutto affare.'

2001 un'odissea nello spazio spazio baby

Cattiva? Cosa è successo esattamente?

È iniziato un giorno nel 1975, quando l'amico e collega di Ainsworth, Nick Pemberton, un artista di poche porte più in basso, è venuto a trovare Ainsworth nel suo laboratorio a Twickenham, un sobborgo di Londra. Pemberton era stato avvicinato da un ragazzo che aveva bisogno di caschi futuristici per un film spaziale e aveva realizzato un modello in argilla del casco, che aveva presentato a un giovane regista di nome George Lucas negli studi di Elstree a Londra.

Lo scenografo che lavorava al film, John Barry, ha ammesso a Pemberton di aver iniziato il proprio lavoro di progettazione sull'armatura per le futuristiche truppe dell'esercito fascista, ma non sapeva come avrebbero effettivamente realizzato.

Pemberton ha detto a Barry che conosceva solo l'uomo, e quando Barry ha chiesto ad Ainsworth di rilevare la produzione, non è stato stipulato alcun contratto o accordo sui costi.

'Non gli abbiamo addebitato nulla', dice Ainsworth. 'L'abbiamo fatto come una scommessa per vedere se c'era del lavoro nel mondo del cinema. Abbiamo appena venduto loro i caschi a £ 20 ciascuno [circa $ 25]'.

spider gwen ultimo uomo ragno

Lo sforzo dello studio fu abbandonato e Ainsworth scolpì circa 40 stampi che componevano l'armatura, che formò sotto vuoto in plastica ABS bianca. Le varie modanature sono state poi saldate insieme chimicamente per creare le tute finite adatte per le riprese d'azione.

Con le riprese programmate per iniziare in Tunisia poco dopo per scene ambientate su un pianeta deserto popolato da contadini, feccia e malvagità, Ainsworth ha realizzato e spedito in fretta alcune dozzine di set di armature su cui lui e Pemberton avevano lavorato, e il resto è film ( e merchandising) storia.

Stormtrooper di Star Wars

Credito: Lucasfilm

SECONDA VITA

Avanti veloce di quasi tre decenni, quando Ainsworth e il suo partner hanno trovato vari elmetti finiti e oggetti di scena del film sul retro di uno scaffale della sua azienda, Shepperton Design Studios . Aveva lasciato da tempo il mondo del cinema, ma con La vendetta dei Sith In arrivo, Guerre stellari la febbre era di nuovo alle stelle e pensò di possedere un pezzo di storia che molti avrebbero volentieri acquistato.

'Il mio partner ha chiamato [la famosa casa d'aste britannica] Christie's per vedere se valevano qualcosa. Sono arrivati ​​in circa mezz'ora!' Ainsworth ride. Aveva conservato tutti gli stampi e la documentazione originali, più per la tenuta dei registri che per future opportunità commerciali, ma quando i caschi hanno raggiunto circa $ 76.000 all'asta di Natale di Christies le risate si sono fermate.

Ainsworth ha continuato a lavorare su alieno (stampi per il corpo facehugger), Superuomo (la Fortezza della Solitudine ha incastonato i cristalli), Flash Gordon (il costume del principe Vultan e gli elmi degli Hawkmen), e Kull il Conquistatore (i costumi del Guerriero Bestia), ma improvvisamente si rese conto che poteva esserci un mercato premium per i caschi degli stormtrooper. E a differenza delle imitazioni del terzo mondo, aveva gli stampi originali. Dopo averne realizzati 56 per il film, contrassegnarne di nuovi con i successivi numeri di produzione potrebbe renderli oggetti da collezione con un'infinita credibilità da geek.

Sono volati via dagli scaffali metaforici, Ainsworth ha realizzato un nuovo flusso di entrate e poi è caduta la bomba. 'L'addetto alla licenza di Lucas - non un uomo simpatico in realtà - ha telefonato e ha detto: 'Chi diavolo sei?' Ho detto: 'Sono il tipo che ha fatto tutta questa roba per te'. Gli ho inviato copie della documentazione e gli ho suggerito di usarmi per un po' di marketing, dicendo che dovevamo metterci in affari insieme. Invece, mi hanno mandato un mandato».

Stormtrooper Star Wars: Una nuova speranza

Credito: Lucasfilm

L'IMPERO COLPISCE ANCORA

Lucasfilm ha fatto causa ad Ainsworth in California per costringerlo non solo a smettere di produrre i caschi – i cui design considerava proprietà intellettuale dell'azienda – ma a richiedere 20 milioni di dollari di danni.

Assumendo frettolosamente un avvocato e, sentendosi un po' come un X-Wing ribelle che scivola nella fossa della Morte Nera, il primo passo di Ainsworth è stato quello di cercare di far cambiare la giurisdizione al Regno Unito perché era stato informato che la legge sul copyright degli Stati Uniti non sarebbe volata a casa.

Un tribunale di Hollywood ha respinto la richiesta di trasferire la causa e Ainsworth non ha avuto altra scelta che smettere di vendere armature da stormtrooper negli Stati Uniti, dove la maggior parte del suo mercato era stato grazie all'interesse dei fan rabbiosi, alle convenzioni, ecc.

Ma Lucasfilm non aveva finito. Ha cercato di far rispettare la causa nel Regno Unito per fermare del tutto la vendita di Ainsworth e guadagnare $ 20 milioni. Quasi tutti gli avvocati a cui si è rivolto sono passati, non volendo scontrarsi con una società potente e ricca di tasche come quella che possedeva Guerre stellari . Come uno gli disse: 'Andrai in tribunale e avrai la legge, non la giustizia'.

Si è persino avvicinato a John Mollo, il defunto costumista che ha lavorato non solo su Una nuova speranza ma Barry Lyndon , Zulu Dawn , alieno , Gandhi , Chaplin , Orizzonte degli eventi , e molti altri, e con il quale Ainsworth aveva avuto un ottimo rapporto durante Guerre stellari ' pre-produzione.

i migliori film di Stephen King

Mollo sapeva bene come gli artisti Fox Liz Moore e Brian Muir avessero lavorato internamente a progetti che furono successivamente abbandonati quando Ainsworth risolse i problemi di progettazione e produzione attorno ai caschi, ma quando chiese a Mollo di fungere da testimone a suo nome, qualcuno alla Lucasfilm era arrivato per primo a lui.

'Lucas ha chiesto a Mollo di essere un testimone per lui', ricorda Ainsworth di aver detto Mollo. 'A quel punto era in pensione e faceva affidamento su di loro per il suo reddito a causa di tutte le convenzioni, gli ingaggi e cose del genere. Lucas gli ha detto che comunque non sarebbe mai arrivato in tribunale, ma [quando lo ha fatto] ha finito per essere tremendamente compromesso ed estremamente imbarazzato per quello che aveva da dire.'

10° dottore non voglio andare
Stormtrooper Star Wars: Una nuova speranza

Credito: Lucasfilm

ATTACCO DEI CLONI

Il caso è andato in tribunale nel 2008 e la fortuna (così come la legge britannica) è stata dalla parte di Ainsworth. Era protetto da una clausola del Copyright, Designs and Patents Act del 1988 del Regno Unito chiamata Sezione 51, che afferma: 'Non è una violazione di alcun diritto d'autore in un documento di design o registrazione di modelli o incorporazione di un design per qualcosa di diverso da un'opera artistica o un carattere tipografico per creare un articolo sul disegno o modello o per copiare un articolo realizzato sul disegno o modello».

In altre parole, poiché aveva prodotto un certo numero di caschi per la produzione piuttosto che semplicemente un singolo design specifico, la legge britannica li considerava parti industriali con 'scopo utilitarista' piuttosto che opere d'arte, che attirano il tipo di copyright e Protezione IP che Lucasfilm stava cercando di imporre (se siete interessati alla sentenza, potete leggerla qui ).

Che i caschi fossero un'opera d'arte o pezzi di ricambio, l'altra questione che Lucasfilm voleva essere risolta era che Ainsworth non era soggetto al copyright americano al di fuori degli Stati Uniti.

Quando il caso è stato riesaminato nel 2009, dopo che Lucasfilm ha fatto appello, la sentenza dei giudici d'appello – secondo cui il tribunale della California non aveva giurisdizione sul lavoro e sul reddito di Ainsworth nel Regno Unito – ha rappresentato una minaccia molto più grande di un tizio che vendeva attrezzatura da stormtrooper senza licenza. Se le richieste di violazione del copyright negli Stati Uniti non potessero essere presentate contro i querelanti in Inghilterra, la società non sarebbe in grado di farle rispettare da nessuna parte. I produttori di tutto il mondo potrebbero iniziare a fabbricare le proprie spade laser o maschere Jawa dopo aver setacciato i contratti per le scappatoie della Sezione 51?

L'altro asso che Ainsworth aveva nella manica era un principio legale chiamato 'sparare', che riguarda la generazione del lavoro creativo. Se tu o io iniziamo a vendere Guerre stellari o Avatar T-shirt, stiamo violando il copyright su un'opera esistente. Ma Ainsworth ha realizzato gli elmetti degli stormtrooper prima che il film esistesse, il che significa che il film si stava effettivamente spacciando per il suo lavoro piuttosto che il contrario.

Star Wars Luke Skywalker Stormtrooper

Credito: Lucasfilm

FOLLIA DA CINEMA

A differenza della maggior parte delle cause legali che Lucasfilm ha intentato contro artisti, imprenditori e produttori di tutto il mondo, il loro sparare ad Andrew Ainsworth e alla sua attività di armature da stormtrooper offre alcuni aspetti unici.

Innanzitutto, si tratta della miriade di artisti e registi che contribuiscono alla realizzazione di film e danno un volto umano a quel nebuloso termine 'collaborazione'. La realtà è che un regista spesso non scolpisce, illumina, costruisce o programma nulla; lui o lei semplicemente guida una visione creativa e sceglie le persone migliori per eseguirla. Pensa ai famosi venditori di VFX di oggi che sono responsabili dell'estetica creativa in molti film di successo moderni come qualsiasi regista.

Purtroppo, si tratta anche della pressione al ribasso sui salari vivibili imposta da studi e società di produzione nell'era dell'ossessivo taglio dei costi. In un'epoca di blockbuster da un miliardo di dollari dopo l'altro, penseresti che il tizio che ha progettato l'elmo degli stormtrooper nuoti tra i bottini. Ma come dice lo stesso Ainsworth a proposito del motivo per cui è uscito dagli oggetti di scena del film, 'non ci sono soldi'.

'Sei dalla parte sbagliata della catena alimentare', dice. 'Per noi ha funzionato solo perché abbiamo trovato qualcuno come John Mollo che è all'interno del sistema per assicurarsi che venissimo pagati. La maggior parte degli attori e dei produttori di oggetti di scena [meno conosciuti] finiscono per farlo per niente. Quando il film è stato realizzato, la società che era stata costituita per realizzarlo è stata liquidata ed è scomparsa.'

E oggi, mentre il business delle armature degli Stormtrooper è ancora fiorente, ad Ainsworth sono rimasti costi per quasi 7 milioni di dollari per combattere la causa originale. Non ha rimpianti, ma dice che ha rimandato la pensione per un po' più di quanto avesse voluto.

fantasma dell'opera in bianco e nero

... e sì, grazie a John Mollo, la Lucasfilm ha pagato il conto originale circa sei mesi dopo.




^