Giovanni Carpentiere

Come The Fog di John Carpenter è passato dal disastro al classico horror cult nel suo 40esimo anniversario

>

«Undici e cinquantacinque, quasi mezzanotte. Giusto il tempo per un'altra storia».

Così inizia La nebbia , il racconto soprannaturale di vendetta dall'oltretomba di John Carpenter, che celebra questo mese il suo 40° anniversario. Ma mentre oggi è comunemente vista come una sublime storia di fantasmi, le cose erano molto diverse nel 1980. Carpenter stava seguendo uno dei film horror più spaventosi e di maggior successo mai realizzati e, come se non bastasse, ha dovuto girare di nuovo, rifare -modificare e rifare la colonna sonora del film dopo aver dichiarato la versione originale un disastro. Allora come hai fatto? La nebbia passare dall'essere 'veramente cattivo' a un amato horror?

Halloween uscito nelle sale nell'ottobre 1978. Diretto da Carpenter e prodotto e co-scritto da Debra Hill, il film a basso budget ha incassato 47 milioni di dollari al botteghino degli Stati Uniti, oltre 200 volte il suo budget, ed è stato considerato uno dei film più film terrificanti mai realizzati. Quindi, come avrebbero fatto Carpenter e Hill all'altezza delle gesta di Michael Myers? Rivolgendosi a un genere letterario classico, uno dei capisaldi dell'horror: la ghost story.



'Volevo solo fare una storia di fantasmi vecchio stile con un cenno alle paure dell'infanzia', ​​ha detto Carpenter in un'introduzione del DVD del 2003; nel 1980, parlando con Fangoria , era più specifico riguardo alle sue influenze. Carpenter ha detto alla rivista che voleva fare 'Un film di Val Lewton ... volevo fare' Isola dei Morti o Ho camminato con uno zombi . Amo i film di Lewton: sono molto oscuri, tutti suggestivi, e ha ogni tipo di melodramma in corso. Ero un vero fan di quel genere di cose.'

L'ispirazione dietro la vera storia di La nebbia viene dalla realtà, dalla finzione e da qualche parte nel mezzo. Il concetto stesso della nebbia titolare derivava da una vacanza che Carpenter e Hill si presero in Inghilterra nel 1977, con Carpenter che affermò nel commento audio del DVD della MGM del 2002 che 'erano andati a vedere Stonehenge e, se ricordo bene, mi è venuta l'idea di qualcosa che esce dalla nebbia».

'Ricordo che era appena seduto all'orizzonte oltre Stonehenge', ha detto Hill nello stesso commento, 'e John mi ha detto: 'E se c'è qualcosa in quella nebbia? Non sarebbe spaventoso?' ed è così che si è evoluto.'

La nebbia è ambientato ad Antonio Bay, una città costiera della California la cui celebrazione del centenario è interrotta da una banda di pirati vivaci ma predoni che appaiono dall'interno della nebbia per scatenare una sanguinosa vendetta. Vedete, cento anni fa la nave pirata si stava avvicinando alla baia, ma sfortunatamente era stata esposta a un lebbrosario. Così i cittadini si sono riuniti e hanno acceso un fuoco sulla spiaggia; gli occupanti della nave credevano che il fuoco fosse destinato a essere una guida, ma invece è stato condotto sugli scogli vicini, dove è naufragato. La gente del paese, tra cui un prete, ha saccheggiato il relitto e ha rubato tutto l'oro che trasportava, utilizzandolo per incorporare la Baia di Antonio, motivo per cui, cento anni dopo, i pirati sono tornati per dare alla città ciò che si merita: un intero lotta omicidio.

la nebbia

Credito: Debra Hill Productions

Carpenter insiste che questo sia basato su eventi reali. 'La trama si basava su un vero incidente in California lungo la costa da Santa Barbara. A Goleta, in California, nel 1700, c'era una nave in arrivo con dell'oro, e hanno spento un fuoco per guidare la nave, ma hanno spento un incendio fasullo, ed è corsa sugli scogli in modo che potessero derubarla . Avevamo un sacco di pirati, ma c'era un po' di verità in questo».

Quindi, con questa conoscenza, Carpenter e Hill hanno scritto la sceneggiatura e hanno iniziato a cercare un posto dove avrebbero potuto girare il film. 'Abbiamo fatto un viaggio lungo la costa', ha informato Hill, 'e ci siamo fermati in tutti questi diversi fari lungo la strada, e quando ci siamo fermati a questo particolare faro era appollaiato su una scogliera. Sembrava molto spaventoso ma era molto, molto bello e molto, molto lunatico, e si è scoperto che è il secondo punto più nebbioso in America, dopo l'isola di Nantucket.'

Il film è stato girato principalmente a Inverness e Point Reyes in California, con una singola scena girata in un'altra famigerata location dell'orrore: Bodega Bay, l'ambientazione del film di Alfred Hitchcock Gli uccelli , che per coincidenza si trovava a poche miglia dalla costa. Carpenter e Hill sono rimasti con il loro direttore della fotografia da Halloween , il grande Dean Cundey, il cui uso di lenti anamorfiche Panavision ha conferito ai film non solo un tocco di classe ma anche un'estetica che ne smentiva il costo; La nebbia è stato preventivato a $ 1 milione.

Lungo la corsa davanti alla telecamera c'era il rientrante Jamie Lee Curtis di Halloween ; sua madre Janet Leigh, che era ancora un'iconica regina dell'urlo horror di Psicopatico ; L'allora moglie di Carpenter, Adrienne Barbeau, che aveva recitato nel suo film per la televisione Qualcuno mi sta guardando; Charles Cyphers, che era apparso anche in Halloween; e Tom Atkins, che in seguito avrebbe preso il comando nella scrittura di Carpenter Halloween III: la stagione della strega. Una piccola parte è andata a Nancy Loomis, l'amica di Laurie, Annie ad Halloween. Il prologo di apertura della 'storia di fantasmi' è stato narrato da John Houseman, che ha lavorato con Orson Welles e ha vinto un Academy Award per il 1973 La caccia alla carta .

Mentre tutti gli attori fanno un ottimo lavoro - anche Carpenter appare in un breve cameo - Barbeau è la luce splendente. Stabilisce una forte presenza materna, non solo apertamente con suo figlio, ma durante il suo lavoro come DJ; con la posizione unica che il faro le offre, finisce per informare la città di quello che sta succedendo alla radio come una specie di angelo custode. Incarna anche la giusta presenza fisica; non è costruita, ma ha la durezza di Howard Hawks, così quando combatte contro i fantasmi al culmine del film, sentiamo sempre che ha una possibilità. Bene, quante più possibilità puoi avere contro i pirati uncinati del mondo degli spiriti.

il poster della nebbia

Credito: Debra Hill Productions

La nebbia è stato il primo dei film di Carpenter a richiedere ampi effetti speciali. La nebbia stessa è stata filmata in camera, utilizzando una vera macchina del fumo. La troupe ha avviato la macchina, quindi ha usato una macchina del vento per soffiarla via, prima di invertire il film in modo che sembrasse che la nebbia si stesse dirigendo verso la telecamera, invece che lontano, portando ad alcune scene incredibilmente inquietanti con il fenomeno luminoso. Ingaggiato per truccarsi è stato il protetto di Rick Baker, Rob Bottin, che ha anche interpretato il capo dei pirati, il capitano Blake.

'Rob è stato fantastico', ha detto Carpenter Fangoria , 'un vero ragazzo amichevole e accomodante. Mi riunivo con lui e dicevo: 'Rob, ho bisogno di questo e questo', e lui arrivava con qualcosa di giusto. Ad esempio, Wormface, il fantasma con i vermi che gli strisciano addosso. Gli ho detto quello che volevo ed è tornato con un modello della testa del fantasma, incredibilmente elaborato. Il suo lavoro è stato davvero sensazionale: ha portato con sé i vermi!'

Nonostante ciò, Carpenter ha sparato ai fantasmi principalmente nell'ombra, dicendo 'H.P. Lovecraft scriveva sempre di queste cose orribili che se le vedevi, potresti diventare pazzo, erano indescrivibili. Ed è esattamente quello che abbiamo cercato di fare con i fantasmi, mantenendoli per lo più come sagome.'

Ma, dopo che le riprese sono state completate e il film è stato montato e montato, Carpenter ha capito di avere un problema: 'È stato davvero brutto', ha ricordato per il DVD del 2003, 'Voglio dire, davvero brutto'. Nel commento del disco, Debra Hill ha identificato un problema più contemporaneo con il film: 'Dovevamo diventare un po' più cruenti. Penso che a quel tempo David Cronenberg fosse appena uscito con Scanner , e aveva portato il genere a un punto in cui dovevamo tornare indietro e rivalutare alcune delle paure in questo film.'

In risposta, sono tornati indietro e hanno girato nuovo materiale progettato per aumentare il quoziente di paura in un'era in cui il sangue era diventato parte della vita. Inizialmente, Carpenter non aveva mostrato i tre pescatori uccisi sul peschereccio, mostrando solo la nebbia sulla barca, ma è tornato indietro e ha sparato a un incontro molto più viscerale in cui tutti e tre gli uomini vengono violentemente massacrati dagli uomini di Blake.

Carpenter ha anche deciso che era necessario materiale più spaventoso per l'introduzione, così lui e Hill sono usciti con la seconda unità e hanno girato le scene surreali della città che girano sotto i titoli di coda estesi. È un inizio brillantemente inquietante che dà davvero il tono, insieme al prologo della storia di fantasmi, su ciò di cui parla questo film. C'è quasi una parentela con il successivo adattamento di Carpenter di Stephen King's Christine , e senti che le scene di caos che arrivano su Antonio Bay come un'onda in quella sequenza sarebbero perfettamente a loro agio in un romanzo di King.

Insieme a una nuova colonna sonora più sottile e inquietante, la nuova versione è stata molto più soddisfacente per Carpenter e Hill. 'Ora è più eccitante', ha detto Carpenter nel 2003, 'e la sua spinta narrativa è molto più semplice ed è molto più divertente della prima versione che ho fatto'.

Sebbene la versione originale non sia mai stata mostrata pubblicamente, c'è fiducia nel montaggio finale di La nebbia che nessuno potrebbe mai interpretare come qualcosa di vicino al male. Forse è ironico che oggi La nebbia è diventato ciò che Carpenter e Hill avevano originariamente immaginato: una storia di fantasmi vecchio stile, soprattutto in giustapposizione con le versioni moderne del genere (senza nemmeno menzionare il remake approvato da Carpenter del 2005).

Il film è sicuramente una combustione lenta, ma la pazienza del ritmo di Charles Bornstein e Tommy Lee Wallace e l'eleganza della fotografia di Cundey consentono al film di intrappolarti lentamente nella sua rete prima di aumentare rapidamente la tensione a livelli insopportabili. Il punteggio di Carpenter fa lo stesso; il suo battito lento e pulsante e le note sparse e contenute sono le antitesi di Halloween E' frenesia, portando la sensazione di inevitabilità. La trama di Blake è un classico racconto di vendetta, ma in sostanza La nebbia la linea tematica principale di - entità soprannaturali che compiono vendetta perseguitando i discendenti di coloro che li hanno offesi, rivisitando così i peccati dei padri sui figli - precede il simile e decisamente più iconico Un incubo in Elm Street di quattro anni.

la nebbia 3

Credito: Debra Hill Productions

Al suo rilascio, La nebbia è stato un successo al botteghino, incassando 21 milioni di dollari a livello nazionale, ma non è stato particolarmente ben accolto dalla critica. Vincent Canby ha detto che è stato 'costruito con diversivi casuali', mentre Roger Ebert ha detto che 'l'idea del film non funziona'.

Nonostante questo, La nebbia ha guadagnato molto più pubblico negli ultimi anni, beneficiando della mania dei DVD in edizione speciale e di un crescente interesse per le storie di fantasmi di film come L'evocazione al punto in cui puoi entrare in un negozio e acquistare una action figure del Capitano Blake. La nebbia ha anche una grande rilevanza con le persone che cercano una valutazione più onesta della storia, con la trama di Antonio Bay che rispecchia intenzionalmente la fondazione dell'America, un altro evento sanguinoso che viene attenuato, di solito con una dose generosa di tacchino. Forse la nota migliore da lasciare viene dallo stesso Carpenter.

immagini di granato da Steven Universe

'Gran parte della storia americana - e gloriosamente, non credo che ci sia nulla di sbagliato in essa - è dovuta al fatto che eravamo questi pazzi fuorilegge, ladri, pirati, c'è molta corruzione in America e gloriosa corruzione. Ai vecchi tempi, abbiamo avuto un inizio piuttosto selvaggio.'



^