Burlone

Come l'imprevedibile improvvisazione di combattimento di Joaquin Phoenix ha reso Joker ancora più pericoloso

>

Benvenuto ai contendenti ai premi. Questo mese, SYFY WIRE sta parlando con attori, registi, designer e artigiani il cui lavoro è stato presentato nei migliori film e offerte TV del 2019 e che ora sono i principali candidati ai premi. Oggi parliamo con il coordinatore degli stuntmen George Aguilar, nominato al SAG, di Burlone .

la nuova stagione dei morti viventi

Arthur Fleck era sta per uccidere il suo ex collega clown Randall . Questo era chiaro. Meno ovvio era come lo farebbe. Il coordinatore degli stunt George Aguilar non sapeva dove avrebbe colpito l'attore Joaquin Phoenix, sulla strada per la transizione di Arthur nell'assassino Joker. Avrebbe pugnalato al cuore la controfigura? Nel collo? Acrobazie come queste sono sempre meticolosamente coreografate, ma quando lavori con un attore come Phoenix, che ama fare l'inaspettato, è richiesto un certo grado di flessibilità.

'È come un ballo', dice Aguilar. 'Devi adattarti a quello che fa. Quindi abbiamo detto alla controfigura: 'Questo è quello che abbiamo preparato, ma tu non lo sai, e in pratica devi andare avanti'.



Phoenix ha optato per una rapida spinta al collo, poi l'occhio e qualche colpo di testa per buona misura. 'Non sembrava affatto provato', dice Aguilar. 'Sembra solo violento e feroce, ed è quello che volevamo perché è la prima volta che vedi davvero Arthur impazzire per qualcuno.'

La tendenza di Phoenix a uscire dal copione e inventare nuove e inaspettate azioni ha tenuto Aguilar, la squadra degli stuntman e altri attori sulle spine, soprattutto perché l'attore spesso non voleva provare in anticipo - li faceva provare senza lui. Nel preparare la scena in cui Arthur Fleck uccide tre ragazzi in metropolitana , Aguilar ha abbozzato l'azione con i tre attori e li ha avvertiti: 'Guarda, questo è quello che abbiamo pianificato, ma probabilmente cambierà quel giorno'.

E lo ha fatto, con Phoenix che si è improvvisamente ripresa. 'Non erano stuntman, erano attori', dice Aguilar. Dovevano solo picchiarlo e all'improvviso ha iniziato a difendersi. Ha cercato di prendere a calci il ragazzo che lo ha preso a pugni circa quattro volte.' Gli attori si sono divertiti e uno di loro ha persino improvvisato una battuta: 'Abbiamo un bel colpo, eh?' L'infruttuosa resistenza di Arthur ha cambiato la dinamica della scena.

Una delle acrobazie più difficili da orchestrare è stata quella in cui Arthur, fuggendo dalla polizia, viene investito da un taxi . Phoenix ha fatto tutta la corsa e quasi è stata colpita , ma una controfigura ha preso il colpo più duro, arrotolando il cofano fino alla cima della macchina, e poi ruzzolando di nuovo in avanti sulla strada. Da lì, Phoenix ha fatto un pezzo in cui si è ripreso e ha continuato a correre.

Ma per pianificare tutte le contingenze, Aguilar ha detto a tutti i conducenti di essere pronti affinché Phoenix superi il suo segno, in qualsiasi direzione - e di stare molto attenti, perché se Phoenix avesse dovuto evitare un'auto, avrebbe potuto correre nella direzione sbagliata e ha colpito una delle travi d'acciaio che sorreggono la piattaforma della metropolitana. 'Questa era la nostra principale preoccupazione', dice Aguilar. 'Una trave d'acciaio non perdona molto.'

Joker dietro le quinte

Credito: Warner Bros.

perché non vedi le stelle nello spazio?

Sebbene non sia menzionato nel film, quella collisione è una parte fondamentale della transizione di Arthur in Joker.

Prima di andare avanti Vivi con Murray Franklin , aveva pianificato di uccidersi in diretta televisiva. Ma mentre scappava dalla polizia, essere investito da un'auto lo ha scioccato e gli ha dato una scarica di adrenalina. Nonostante fosse ferito, non soffriva. In realtà si sentiva più forte, almeno temporaneamente. La sua frequenza cardiaca è aumentata, ha avuto un'ondata di energia e, con la sua concentrazione mentale improvvisamente affilata, è stato in grado di formulare rapidamente un nuovo piano.

'È un ulteriore vantaggio mentre partecipa allo spettacolo di Murray Franklin', afferma Aguilar. «Non appena ti trovi in ​​una situazione come quella in cui si trovava lui, l'adrenalina ti tiene su e il tuo istinto di sopravvivenza entra in gioco. Potresti sentirti invincibile. Penseresti: 'Questo non fa male. Non puoi farmi del male.' Non sentiresti il ​​dolore fino a molto più tardi.'

Con tutte le acrobazie del film, l'obiettivo era quello di rendere il dolore il più reale e immediato possibile. 'Non è un film di supereroi', dice Aguilar. 'Aveva bisogno di sentire che c'era causa ed effetto in ogni cosa. Ogni pugno faceva male».



^