La Morte Di Superman

Come Reign of the Supermen di DC ha riportato in vita l'amato personaggio e ha introdotto quattro nuovi Supermen

>

Nel gennaio 1993, il team della DC Comics incaricato di uccidere Superman si stava divertendo Superuomo Il successo inaspettato di #75. Ma come fai a seguire una storia in cui hai ucciso il supereroe più riconoscibile al mondo?

Per La morte di Superman 's scrittori - tra cui Dan Jurgens, Louise Simonson, Karl Kesel e Roger Stern - è stato un compito arduo. I media, i fan dei fumetti e l'industria nel suo insieme erano stati travolti dal crossover dei fumetti. Molti fan, per la gioia della DC, credevano che Superman potesse rimanere morto.

Sebbene i piani iniziali prevedessero il ritorno di Superman subito dopo la sua morte, gli editori della DC lo sapevano Superuomo Il successo di #75 richiedeva qualcosa di più grande. Negli anni precedenti a quell'evento, i team creativi dietro Le avventure di Superman , Superman: L'uomo d'acciaio , e Fumetti d'azione aveva accuratamente pianificato tutto mentre i libri erano legati insieme per formare una narrazione continua. Fino a La morte di Superman , hanno organizzato tutto, dall'arrivo di Doomsday al funerale di Superman.



Adesso era il momento di riportarlo indietro.

Tre mesi dopo, nell'estate del 1993, quattro misteriosi Superuomini scesero a Metropolis. Ma chi era il vero Superman? Era il clone adolescente superpotente? Superman potrebbe essere stato un cyborg per tutto il tempo? L'ultimo figlio di Krypton Superman è rinato? Potrebbe il metalmeccanico medio John Henry Irons aver assorbito i poteri e i ricordi dell'Uomo d'Acciaio?

Sulla scia del Regno dei Superuomini film d'animazione, SYFY WIRE ha chiesto ai creatori di fumetti Jurgens e Simonson e allo scrittore di lunga data di Superman Jerry Ordway di lavorare al famigerato arco di fumetti e come è stato creare una squadra di nuovi Supermen.

Superman #77 (disegni e layout di Dan Jurgens, rifiniture di Brett Breeding)

Credito: DC Comics

All'inizio del 1993 fu convocato un 'Super-vertice di emergenza'. A quel punto, i numeri di vendita roboanti per La morte di Superman era arrivato, e ora c'era la pressione per i creatori di consegnare l'atto finale. In una stanza d'albergo a Tarrytown, New York, i redattori di DC hanno utilizzato grandi lavagne per disporre ciascuno dei Superuomo titoli in ordine di pubblicazione man mano che gli autori hanno compilato le informazioni di contorno, comprese le sottotrame per i personaggi secondari.

Grazie a un piano di DC Editorial per accantonare tutto Superuomo titoli – una mossa che avrebbe tenuto segreti i loro piani per l'eroe DC dal ciclo di sollecitazioni – agli scrittori è stato dato un po' di respiro per nuove storie. Inoltre, ha aiutato i fan a credere che Kal-El potesse rimanere morto. Insieme a Superuomo #75 vendendo milioni di copie, i piani iniziali della DC di resuscitarlo in Le avventure di Superman #500 si sentiva affrettato, quindi hanno adottato un nuovo Superman.

Le avventure di Superman #500 (disegni di Tom Grummett, scritto da Jerry Ordway)

Le avventure di Superman #500 (disegni di Tom Grummett, scritto da Jerry Ordway)

Ordway aveva scritto vari Superuomo titoli dal 1986, e sebbene abbia letto l'arco finale da fan, ha avuto una grande mano nella sua creazione, culminando in Le avventure di Superman #500.

'La mia storia ha coinvolto Pa Kent che ha avuto un attacco di cuore, essendo in uno stato di pre-morte mentre il suo spirito vaga attraverso il limbo tra il paradiso e l'inferno alla ricerca di Clark', dice Ordway. 'Mentre la discussione sulla storia prendeva forma, le quattro squadre per i quattro titoli hanno presentato le loro idee per il Superman che sarebbe emerso.'

Karl Kesel ha assunto le funzioni di scrittura su Le avventure di Superman e lanciato Superboy. Roger Stern ha creato l'Eradicator (Last Son of Krypton), Louise Simonson e Jon Bogdanove hanno ideato Steel e Dan Jurgens ha lanciato Cyborg Superman. Alla fine, è stato Simonson a suggerire alla squadra di crearle tutte e quattro.

'In una precedente riunione, ho fatto un discorso appassionato su come questa sarebbe stata la prima volta dal rilancio di John Byrne che i fan non avrebbero saputo che aspetto avrebbe Superman al suo ritorno, e che valeva la pena usarlo per aumentare i fan' interesse,' dice Ordway. 'I libri non potevano essere richiesti normalmente, quindi Mike Carlin ha convenuto che i fumetti sarebbero stati sollecitati con un logo e copertine oscurate, stampate con 'top secret' sopra di loro. L'ho adorato! Al giorno d'oggi, sarebbe quasi impossibile garantire quel livello di segretezza.'

Come ricorda Jurgens, le prime parole di Mike Carlin alla sua squadra al Tarrytown Super-Summit sono state un avvertimento.

'Ha detto, 'Non possiamo rovinare tutto. Il mondo intero sta guardando e noi dobbiamo consegnare!' dice Jurgens. «Mike aveva perfettamente ragione, naturalmente. In tutta onestà, trovare l'angolazione di quattro personaggi diversi, ognuno dei quali afferma di essere Superman, è stato davvero espresso in modo importante. Siamo riusciti a sorprendere tutti con questo approccio. Ma, cosa più importante, è stata una storia buona e forte che ha reso il ritorno del vero Superman ancora più speciale.'

a che ora esce il pugno di ferro?

'È stato molto divertente, e mi piace pensare che renderne uno malvagio abbia davvero indirizzato la storia in una direzione diversa, molto epica', aggiunge.

Superman #78 (disegni e layout di Dan Jurgens, rifinito da Brett Breeding)

Superman # 78 (Disegni e layout di Dan Jurgens, rifinito da Brett Breeding)

edera velenosa (personaggio)

L'UOMO DI DOMANI

Quando Dan Jurgens ha presentato Hank Henshaw in Superuomo #42 (e successivamente lo ha usato in Le avventure di Superman #466), doveva essere un personaggio unico, che ricorda Reed Richards. Nella sua storia di origine, Henshaw guida una squadra di esploratori spaziali LexCorp sulla navetta Excalibur . Quando le cose vanno male e l'equipaggio viene colpito dalle radiazioni cosmiche, Henshaw ottiene dei superpoteri. Alla fine viene ucciso dalle radiazioni, il suo corpo distrutto, ma non prima di poter caricare la sua coscienza sul computer della nave.

'Era un po' un decollo sull'origine dei Fantastici Quattro', dice Jurgens. 'Mentre lavoravo alla storia, ho iniziato a vedere le possibilità per il personaggio e quello che potrebbe diventare, quindi ho trovato un modo per riportarlo indietro, di nuovo, come un tipo di storia one-shot. Una delle cose che ho fatto con quella storia è stata che [lo] scomparisse alla fine, lasciando la Terra in modo che potessi riprenderlo in seguito.'

Adventures of Superman #466 (Disegni e layout di Dan Jurgens, Finiture di Dick Giordano)

Avventure di Superman #466 (Disegni e allestimenti di Dan Jurgens, Finiture di Dick Giordano)

Quando è arrivato il momento di inventare un nuovo Superman, Jurgens è andato direttamente alla sua vecchia creazione.

'Volevo fare qualcosa di diverso facendo in modo che il mio fosse un cattivo. Ed è stato allora che ho avuto l'idea di usare Hank Henshaw per travestirmi da Superman, che lo ha portato a diventare Cyborg Superman', dice. 'Volevo davvero tirare fuori il tappeto da sotto i piedi dei nostri lettori.'

Hank Henshaw divenne presto malvagio, combatté contro gli altri Supermen e si unì a Mongul per distruggere Coast City. Nel processo di distruzione della città natale di Lanterna Verde, uccise anche la maggior parte dei suoi 7 milioni di cittadini ed eresse Engine City. Impazzito da Superman, che incolpa per la sua trasformazione, Cyborg Superman da allora è stato riconosciuto come uno dei cattivi più ambiziosi e malvagi della DC.

Superman #78 (disegni e layout di Dan Jurgens, rifinito da Brett Breeding)

Cyborg Superman appare per la prima volta in Superman # 78 (Disegni e layout di Dan Jurgens, rifinito da Brett Breeding)

'Il momento in cui abbiamo rivelato che Cyborg Superman era una presenza malvagia è stato un momento enorme e molto divertente', ricorda Jurgens. 'I lettori non l'hanno mai visto arrivare - nessuno di loro - e questo significa che abbiamo mantenuto segretamente quella e l'intera natura dei quattro Superuomini. Non credo che potremmo farlo in alcun modo nel mondo di oggi.'

Man of Steel #22 (scritto da Louise Simonson, matite di Jon Bogdanove)

L'uomo d'acciaio #22 (Scritto da Louise Simonson, Matite di Jon Bogdanove)

L'UOMO D'ACCIAIO

Quando Louise Simonson e Jon Bogdanove hanno iniziato a parlare del loro supereroe Steel, hanno giocato sull'idea di una versione comune di Iron Man. Cosa farebbe Tony Stark se non fosse ricco? Quale sarebbe stata la sua motivazione trainante per la creazione di un abito in acciaio?

Simonson e Bogdanove erano molto entusiasti di sviluppare un personaggio afroamericano durante quegli incontri di pianificazione, con i due che citavano un vecchio personaggio popolare di nome John Henry.

'Steel è stato creato come parte della trama del mondo senza Superman che era il seguito di Morte. Io e Jon siamo molto favorevoli alla creazione di fumetti che riflettano il mondo fuori dalle nostre finestre a New York: multirazziale, multiculturale, multireligioso. Lo abbiamo chiamato John Henry Irons, gli abbiamo dato un martello e gli abbiamo dato il nome del leggendario 'uomo che guida l'acciaio', fatto per riflettere la psiche di Superman', dice Simonson.

Simonson ha detto che sentiva che Steel sembrava un nome naturale per un ragazzo che cercava di sostituirsi all'Uomo d'Acciaio. Irons era un ferroviere ed ex militare che, dopo essere stato sepolto vivo sotto un edificio durante la lotta di Superman con Doomsday, costruisce la sua super tuta. Brandendo un gigantesco martello di ferro, Irons assume l'identità di Superman ma in seguito adotta il nome Steel.

'Jon è bravissimo a disegnare potere, azione ed emozione, e questo mi è piaciuto molto nelle nostre storie', dice Simonson.

Ash contro Jason contro Freddy
Man of Steel #22 (scritto da Louise Simonson, matite di Jon Bogdanove)

John Henry Irons debutta in L'uomo d'acciaio #22 (Scritto da Louise Simonson, Matite di Jon Bogdanove)

Steel doveva essere un uomo qualunque, un eroe per la gente; Fin dall'inizio, Simonson ha scritto Irons come un eroe operaio, rifiutando un lavoro da Lex Luthor, salvando Lois Lane e combattendo un ex partner per togliere le armi dalla strada. Il suo background di classe operaia è stato ulteriormente rivelato quando in seguito ha affrontato l'Ultimo Figlio di Krypton, che pensava stesse abusando del suo potere.

In un'intervista a SYFY WIRE l'anno scorso , Bogdanove ha affermato che l'ispirazione per il design di Steel derivava dal suo amore per John Henry da adolescente: 'Quando Louise ha sottolineato che era più di una semplice leggenda, che John Henry era una vera figura storica che ha davvero duellato con un trapano a vapore per la dignità dei lavoratori e ha vinto a costo della sua vita: sapevo che c'era un motivo da supereroe che doveva accadere.'

Adventures of Superman #501 (disegni di Tom Grummett, scritto da Karl Kesel)

Le avventure di Superman #501 (Disegni di Tom Grummett, scritto da Karl Kesel)

NON CHIAMATEMI SUPERBOY

Conosciuto come Connor Kent, o Kon-El, la versione di Superman di Karl Kesel è stata creata come un clone sfacciato e spericolato sia di Superman che di Lex Luthor. Intervenendo per sostituire Ordway su Le avventure di Superman , Kesel e l'artista Tom Grummett hanno basato la loro versione su Superboy e, secondo Jurgens, 'hanno saggiamente spinto un po' l'angolo dei ribelli'.

Sebbene Superboy non abbia affermato di essere il Superman recentemente deceduto, ha assunto il mantello in Le avventure di Superman #501 e si oppose con veemenza a chiunque lo chiamasse 'Superboy', arrivando persino a registrare il nome Superman.

Una parte importante della storia di Connor Kent era che amava essere un eroe. Kesel ha scritto il personaggio esattamente come se Superman fosse un adolescente negli anni '90; voleva l'attenzione, la lode e il bottino di salvare il mondo.

Adventures of Superman #501 (disegni di Tom Grummett, scritto da Karl Kesel)

Superboy aka Kon-El fa il suo debutto in Le avventure di Superman #501 (Disegni di Tom Grummett, scritto da Karl Kesel)

Dopo il suo debutto, Superboy è diventato uno dei preferiti dai fan negli anni '90 e ha recitato nella sua serie in corso. Più di recente, è stato resuscitato da Brian Michael Bendis in Giovane giustizia #1.

Secondo a CBR intervista con Kesel nel 2008, il design di Superboy è stato creato molto prima che Kesel avesse qualche idea sulla storia.

'Non ho avuto niente a che fare con la progettazione di Superboy, visivamente', ha detto. 'Tom Grummett ha fatto il suo solito lavoro fantastico in questo - infatti, ha disegnato lo schizzo iniziale del personaggio durante il Superman Summit che è venuto fuori con la trama 'Reign of the Supermen' ... molto prima che scrivessi una parola sul personaggio.'

Action Comics #687 (scritto da Roger Stern, disegnato da Jackson Guice e Denis Rodier)

Fumetti d'azione #687 (Scritto da Roger Stern, disegni di Jackson Guice e Denis Rodier)

L'ULTIMO FIGLIO DI KRYPTON

Un alieno kryptoniano fatto di puro potere, The Last Son of Krypton è servito come migliore ipotesi di molte persone quando stavano cercando di svelare il mistero di chi fosse il vero Superman. Roger Stern ha iniziato a scrivere fumetti di Superman nel 1988 e ha introdotto la sua versione di Superman in Fumetti d'azione #687 insieme agli artisti Jackson Guice e Denis Rodier.

L'ultimo figlio di Krypton, alias l'Eradicator, è stato seminato in una delle vecchie storie di Jerry Conway ( Annuale di fumetti d'azione #2) sull'antica tecnologia kryptoniana sviluppata per proteggere la cultura del pianeta. Stern ha usato di nuovo il personaggio in Superman: L'uomo d'acciaio #1, in cui gli fu dato un corpo umanoide e finì con l'Eradicator disperso all'interno della Fortezza della Solitudine.

Stern ha detto a SYFY WIRE l'anno scorso che durante il Super-Summit pensava che l'Eradicator potesse servire come sostituto di Superman per Fumetti d'azione senza che i lettori si rendessero conto di chi fosse fino all'ultima grande rivelazione.

Action Comics #687 (scritto da Roger Stern, disegnato da Jackson Guice e Denis Rodier)

Action Comics #687 (scritto da Roger Stern, disegnato da Jackson Guice e Denis Rodier)

Quando è apparso di nuovo in Fumetti d'azione # 687, è stato raffigurato come un Superman senza Clark Kent, un eroe che aveva poco riguardo per gli umani che doveva proteggere.

Nella storia di Stern, l'Ultimo Figlio di Krypton 'salva' Superman rubando il suo corpo e collocandolo in una matrice di rigenerazione presso la Fortezza della Solitudine. Ma le cose iniziano ad andare storte quando Lois Lane nota il suo distacco disumano; i rapporti sui metodi esagerati dell'eroe iniziano a turbinare.

In un'intervista a Superman Homepage nel 1995 , ha detto Stern per il momento Fumetti d'azione #687 è uscito, aveva praticamente finito con il personaggio.

'Non ho davvero alcun sentimento per l'Eradicator. Volevo che morisse alla fine di Regno dei Superuomini - e, in effetti, l'originale Kryptoniano Eradicator è morto allora - ma un 'Eradicator' di qualche tipo era già stato promesso all'ufficio di Outsiders, quindi ho messo insieme il personaggio di David Connor. Mi è stato chiesto di scrivere storie di Eradicator... ma non ho alcun interesse per lui.'

fumetti di harley quinn suicide squad
Man of Steel #25 (scritto da Louise Simonson, matite di Jon Bogdanove)

Man of Steel #25 (scritto da Louise Simonson, matite di Jon Bogdanove)

L'EREDITÀ DEI SUPERMEN

Ripensando alla morte e alla resurrezione di Superman, Ordway afferma di essere gratificato di incontrare fan che ricordano con affetto le storie e/o le citano come i fumetti che li hanno fatti acquistare. Superuomo .

'Questo è sempre stato l'obiettivo per me. Ho messo il nostro cuore nello scrivere e disegnare storie di Superman e, mentre molte persone amavano il lavoro, molte altre non erano interessate nemmeno a raccogliere un Superuomo comico', dice. 'La DC aveva la politica di spendere soldi solo per pubblicizzare nuove serie, quindi l'unica promozione che ci rimaneva era provare a creare storie che avessero elementi epici o degni di nota'.

Jurgens dice anche di essere contento che i fan ricordino così bene la trama.

'Mi sono divertito molto a farlo e ho avuto modo di lavorare con alcuni creatori favolosi che sono ancora amici fino ad oggi. È stato un periodo davvero unico per i fumetti, e vedere che è durato è davvero speciale', dice. 'Ogni singola convenzione o firma che faccio ha qualcuno - di solito più di uno, in effetti - che si avvicina a me e dice: 'Ho iniziato a leggere fumetti a causa di La morte di Superman .' Non ho dubbi che abbiamo portato un numero enorme di lettori nel settore, e molti sono ancora con noi.'

Per Simonson, il divertimento era nell'esperienza.

'Stranamente, una volta capito come funziona, mi è piaciuta la natura del 'salto alla corda' del lavoro su Man of Steel', dice. “Quando è il tuo turno, entri con il tuo capitolo, poi salti fuori e la squadra successiva salta dentro. È stato stranamente divertente, una volta che ci ho preso la mano. Ho adorato lavorare con Jon Bogdanove, ovviamente. Ho amato Mike Carlin come editore. Nessun altro avrebbe potuto gestirlo così bene. E il resto dei ragazzi che hanno lavorato a questi libri.'



^