Hulu

Come gli Animaniac sono tornati con una vendetta (ma senza il loro creatore originale)

>

Dopo 22 anni, tre amministrazioni presidenziali, l'ascesa dei media in streaming e la scomparsa dei blocchi di cartoni animati televisivi della rete, i Warner Brothers, Yakko e Wakko, e la loro sorella, la principessa Angelina Contessa Louisa Francesca Banana-Fana Bo-Besca the Third (aka Dot), è tornato sui nostri televisori nel riavvio di Hulu di Animaniac .

Nel corso di 13 episodi della prima di una serie di due stagioni pianificate, i Warner - insieme ai preferiti dai fan Pinky and the Brain e una piccola collezione di nuovi personaggi - scherzano, parodia e prendono in giro tutto, infilzando robot russi , social media, opinionisti conservatori, film di successo della Warner Bros., Edward Snowden, il lavoro di Agatha Christie e persino il concetto stesso di reboot.

Per molti di noi ragazzi degli anni '90 che ricordano di aver seguito ogni giorno le marachelle dei Warner dopo la scuola o il sabato mattina, il ritorno di Animaniac è un momento per festeggiare, ma per la persona responsabile della creazione dello spettacolo, ha portato sentimenti di dispiacere e delusione.



baita nel bosco 2

Come nella serie originale premiata con Peabody e Emmy, il reboot è prodotto da Steven Spielberg (che fa la sua apparizione nei momenti iniziali della serie). Volendo che la serie assomigli a commedie animate per adulti come I Griffin e padre americano , ha messo I Griffin il veterano Wellesley Wild come produttore esecutivo e co-showrunner. Parlando con SYFY WIRE su Zoom insieme al co-produttore esecutivo della serie Gabe Swarr, Wild afferma che l'obiettivo del riavvio era di mantenere quanto più possibile dello spettacolo originale, mentre i Warners e Pinky and the Brain portavano il loro caotico, demenziale e umorismo di riferimento a tutte le schifezze che sono successe negli ultimi quattro o cinque anni.

Quando il cast — Rob Paulsen (Yakko, Pinky), Jess Harnell (Wakko), Tress MacNellie (Dot) e Maurice LaMarche (Cervello) - prima ho sentito parlare di Animaniac essere riavviati durante una cena privata con il capo dell'animazione della Warner Bros. Samuel Register, non erano esattamente sicuri che avrebbero avuto la possibilità di doppiare i personaggi ancora una volta, con Harnell che raccontava Il New York Times : È Hollywood, e vedremo.

Una volta a bordo, Harnell ha chiarito che non volevano essere coinvolti se non sarebbe stato all'altezza dell'originale. Non volevamo che fosse inferiore a, perché non volevamo che la gente dicesse: 'Oh, vorrei che fosse come una volta'. coinvolto ancora una volta. È stato un grande successo, dice Paulsen, perché sapevamo che si sarebbe assicurato che la qualità fosse alta.

Una volta che il cast ha incontrato Wild e ha dato un'occhiata alle prime sceneggiature, sono diventati fiduciosi che la nuova serie non avrebbe sminuito l'eredità dell'originale, ma avrebbe aiutato a introdurre questi personaggi iconici a una nuova generazione. Per fortuna, i personaggi che amiamo e che ami sono ben curati e ben rappresentati, spiega Paulsen.

Animaniac Hulu

Hulu/Warner Bros.

la scena di apertura dell'ultimo Jedi

Una figura importante in Animaniac storia che non accompagna i Warner nel loro viaggio nell'era dei social media? Lo scrittore e produttore Tom Ruegger, l'uomo che li ha creati. Parlando con SYFY WIRE su Zoom all'inizio dell'autunno, Ruegger, che ha anche creato Piccole avventure dei cartoni animati e Un cucciolo di nome Scooby-Doo , chiamata Animaniac , la serie che amo di più.'

Per cinque anni il mio lavoro è stato ridere, ha continuato Ruegger. Ho riso durante la lettura delle sceneggiature, ho riso durante le sessioni di registrazione ed ero circondato dalle persone più divertenti che conoscerò.

Animaniac è uno spettacolo particolarmente personale per Ruegger, che ha basato la Warner sui suoi tre figli, e il concetto di Pinky e The Brain sulle conversazioni che avrebbe sentito tra una coppia di artisti che hanno lavorato alla serie, Tom Mitten e Eddie Fitzgerald. È stato aperto e schietto sui suoi sentimenti sul non far parte del riavvio, dicendo: Sono deluso dal fatto che i creatori originali non siano stati coinvolti, c'erano molti grandi artisti e scrittori che hanno realizzato quello spettacolo originale e tutti noi avremmo adorato essere stato invitato di nuovo, ma la Warner e la Amblin possiedono la proprietà e hanno deciso di andare con un nuovo gruppo, questa è la storia.'

Mentre il cast è d'accordo che Wild e il suo team hanno prodotto uno spettacolo che ha un livello di qualità che si addice al Animaniac nome, hanno tutti riconosciuto l'importanza di Ruegger e del suo team nell'aiutare a rendere Animaniac cosa sarebbe diventato. A livello emotivo, ci mancano tutti, ammette LaMarche. 'Questo non sarebbe qui se non fosse per Tom e le persone con cui ha costruito questo universo.

Il fatto che lo stiamo facendo di nuovo la dice lunga su ciò che hanno fatto Tom e il suo equipaggio. È notevole, un'eredità notevole, fa eco Paulsen.

quante scene di titoli di coda in Justice League?

A più di due decenni dalla loro ultima avventura fuori dalla torre dell'acqua, vedendo i Warner infastidire ancora una volta il dottor Scratchansniff, dando uno strattone pomposo a quello che gli sta succedendo, e prendendo le giuste frecciatine a Hollywood, la prima stagione della Warner in widescreen ha il tono familiare di l'originale. Gli showrunner e soprattutto il cast hanno ovviamente fatto tutto il possibile per mantenere la qualità di una delle pietre miliari dell'animazione e della cultura popolare degli anni '90 tagliente e spiritosa come lo era prima che lo streaming diventasse una cosa.

Per quanto riguarda Ruegger, pur deluso dal fatto di non poter più far parte della serie di cui è più orgoglioso e dalla possibilità di lavorare di nuovo con il cast con cui parla ancora regolarmente, ha chiarito che vuole che i personaggi continuino a continuare a vivere. Certamente voglio che la gente ami Animaniacs e se questo nuovo spettacolo potesse aumentare il pubblico e l'amore per Animaniacs, sarebbe fantastico, perché amo lo spettacolo e voglio che abbia successo.



^