Esso

Come il 2017 è diventato l'anno di Stephen King

>

Stephen King una volta disse: 'La finzione è la verità dentro la menzogna', ed è difficile discutere di questa idea, specialmente quando proviene da una delle figure più influenti della cultura pop moderna. È difficile sopravvalutare la vastità dell'influenza di King. All'età di 70 anni, con oltre 60 romanzi, 6 libri di saggistica e quasi 200 racconti a suo nome, il meglio del Maine è l'ombra che incombe su tutto nel cinema, nella letteratura e nella televisione moderni. Grazie alla sua natura compulsivamente prolifica e all'immaginazione apparentemente illimitata, King ha creato alcuni dei racconti più popolari e terrificanti del XX e XXI secolo.

Ognuno ha il suo lavoro preferito: forse sei un fanatico del suo lavoro soprannaturale, come 'Salem's Lo t o Semateria per animali domestici. Forse le tue preferenze risiedono nei suoi racconti realizzati in modo impeccabile, come la raccolta quasi perfetta Stagioni diverse. Potresti essere uno dei tanti fan accaniti della sua incursione nel fantasy epico di genere, La Torre Oscura. Può essere che tu sia influenzato dalla sua cassetta degli attrezzi essenziale del mestiere della letteratura, Sulla scrittura .

Anche le persone che non hanno letto un singolo lavoro di Stephen King probabilmente apprezzano il suo lavoro in qualche forma, grazie agli innumerevoli adattamenti su palcoscenico, schermo e musica. Come le figure inquietanti dell'horror classico, l'iconografia di King è abbastanza distintiva da essere riconoscibile anche a un occhio inesperto. Ci sono stati più adattamenti di King di quanti ne voglia contare, ma il 2017 ha presentato una selezione decisamente varia dei mondi di King attraverso il cinema e la televisione. Non meno di cinque adattamenti saranno arrivati ​​al pubblico una volta che l'anno si concluderà: La Torre Nera, IT Parte 1: The Loser's Club, Gerald's Game, Mr. Mercedes , e La foschia . E questo è solo l'inizio di quella che potrebbe essere una nuova era del potere di King.



Stephen King.jpg

Il 2017 si è rivelato un buon anno per gli orrori. Forse la desolazione della vita reale è diventata la tela ideale per esprimere le nostre paure per il futuro, o forse vogliamo solo una fuga più viscerale da tali agonie attraverso il mezzo della finzione. Blumhouse Productions, i celebri distributori indipendenti, stanno aiutando a rilanciare il mercato dell'horror attraverso un attento mix di storie di alto livello e adoranti omaggi al mezzo, e sta ottenendo grandi profitti al botteghino. Mentre ogni studio tenta di lanciare il proprio universo espanso in stile Marvel, Blumhouse ha usato tranquillamente quelle basi per formare una solida serie di film con le loro radici saldamente nell'influenza di King e nelle opere che lo hanno ispirato. Cos'è l'evocazione serie se non una lettera d'amore ai film sulla casa stregata della vecchia scuola, o La purga trilogia – destinata a continuare per molti altri film – se non un richiamo ai distopici paesaggi infernali del periodo di Richard Bachmann di King?

Dove Blumhouse ha davvero dominato la conversazione horror è stato con il thriller di satira sociale di Jordan Peele Uscire , che è già diventato il film più redditizio del 2017. Credi al clamore: è un racconto di suspense tagliente, dolorosamente preciso e assolutamente terrificante con le sue radici saldamente nella nostra realtà. Il regista Peele merita tutto il merito per aver realizzato un film così incredibile. È il tipo di storia che ci viene spesso detto che non si venderà a un pubblico più ampio, ma i fan dell'horror sono sempre consapevoli dell'eterno fascino del genere, e Stephen King lo ha sfruttato per decenni con effetti inquietanti. L'horror non è solo di nuovo bello nel 2017, è acclamato dalla critica. Che tempismo perfetto per il ritorno di King all'ovile.

King ha sempre avuto un'abilità incredibilmente accurata nel catturare le nostre paure più primordiali: perdere completamente il controllo sul proprio corpo e sulla propria mente, essere costretto ad affrontare un male con cui non si può ragionare, la disperata consapevolezza che sei solo nella tua miseria e nessuno crederà mai al tuo dolore. Questo è ciò che sta al centro del suo lavoro, anche nel suo concetto più alto e stravagante. Anche alcune delle sue opere più deboli hanno al centro quella forza angosciosamente umana e fin troppo riconoscibile: guarda Cacciatore di sogni , un libro mediocre (trasformato in un film davvero terribile) con una metafora grafica per il cancro al colon che sconvolge anche gli stomaci più forti.

Serie TV The Mist 2017.jpg

La foschia.

Tutto il grande orrore è definito dalla capacità di grattare via gli orrori che ribollono sotto la superficie del mondano, e nessuno lo capisce meglio di King. C'è una ragione per cui le persone più malvagie nei suoi libri sono quelle che rimangono intatte dalla contaminazione del soprannaturale: la madre evangelica di Carrie, la fan ossessiva Annie Wilkes, i bulli perenni del Loser's Club, Henry Bowers, la fanatica dalla lingua argentea e pericolosamente instabile Mrs. Carmodia. Gli incontri con il soprannaturale non fanno altro che far emergere la malizia che già c'era. Ora, più che mai, questo sembra un punto pertinente da fare sull'umanità: a volte ci sono solide ragioni per cui le persone si comportano male, a volte sono spinte alla cattiveria, ma a volte sono semplicemente inspiegabilmente cattive e la nostra incapacità di controllarlo ci terrorizza tutti.

Questa è una forza trainante in molti degli adattamenti di King di quest'anno, ma soprattutto nella tanto attesa versione per il grande schermo di quella che molti considerano la più grande opera horror di King: ESSO . Pennywise the Dancing Clown potrebbe essere l'immagine che la maggior parte delle persone ricorda quando pensa al romanzo mastodontico, con il suo status di icona dei coulrofobici ovunque. Distorcendo ancora una volta la fantasia pittoresca del classico americano degli anni '50 nella sua orribile realtà, King tesse la trama di una forza quasi invincibile che terrorizza un gruppo di bambini, i quali vivono con un immenso dolore separato dallo spettro che sfrutta le loro peggiori paure. È il libro che ha definito una generazione di amanti dell'horror, con King che usa ogni strumento del suo arsenale ben fornito per spremere ogni briciolo di paura dai suoi lettori.

Ha senso che ESSO sarebbe uscito sul grande schermo per la prima volta quest'anno (in precedenza era stata una miniserie della ABC), e i suoi produttori saranno senza dubbio grati che arrivi meno di un mese prima dell'uscita di uno dei suoi discendenti più sorprendenti. di Netflix Cose più strane è l'ultimo figlio del lavoro di Stephen King: un dramma horror ambientato negli anni '80 con tutti i segni del classico King, dalla storia dei 'bambini in missione' al travolgente senso di terrore in una piccola città andato orribilmente storto. I creatori dello show, The Duffer Brothers, non sono stati sottili nel proclamare le loro più grandi influenze, e gli spettatori esperti possono individuare tutte le uova di Pasqua dei libri di King, fino al carattere dei titoli di testa progettati specificamente per evocare tali ricordi.

Torre Nera Idris Elba.jpg

Il suo successo a sorpresa, che ha incluso la vittoria di un SAG Award e 22 nomination agli Emmy, ha riacceso un fervore mainstream per i libri di King, riaccendendo i ricordi di ciò che rende il suo lavoro così buono. Ha anche dimostrato ulteriormente la sua influenza: ora, tutti i bambini cresciuti negli anni '80 leggendo i libri di King sotto le coperte di notte sono abbastanza grandi da raccontare le proprie storie e vogliono renderle omaggio. Ora, il cerchio è arrivato al punto di partenza, come la più grande influenza su Cose più strane ottiene il suo film, con l'ambientazione anticipata agli anni '80, facendo eco a ciò che ha ispirato. Fondamentalmente, ESSO è qui per mostrare ai bambini come si fa.

L'influenza di King può essere avvertita anche in luoghi meno attesi. Poiché ogni serie di film e serie TV è costretta a modellare un universo espanso in stile Marvel, nel bene e nel male, gli studi e i produttori si stanno affannando per trovare materiale familiare da modellare in un creatore di soldi garantito di simile longevità. Per Stephen King, questo stile è un vecchio cappello. Il suo lavoro è sempre stato una rete intrecciata di incroci, temi e personaggi ricorrenti e un accumulo decennale verso un climax terrificante. King ha creato un trio di città del Maine - Castle Rock, Derry e Jerusalem's Lot - che fungono da ambientazione per una varietà di storie, da La Zona Morta a Cose necessarie a ESSO a La posizione . In quasi quattro decenni di romanzi e racconti, King ha creato una comunità viva e respirante che funge da epicentro per un complesso ecosistema di personaggi, idee e paure. Riunire tutto questo sotto un'unica narrativa dominante in film o programmi TV è sempre stato un compito di grande ambizione, ma ora è uno che nientemeno che J.J. Abrams è pronto a intraprendere.

Mr Mercedes.jpeg

Brendan Gleeson e Mary Louise Parker in 'Mr Mercedes'.

Nel febbraio 2017, è stato annunciato che King, Abrams e Hulu avrebbero collaborato su Castle Rock , una serie limitata che riunirebbe gran parte del canone di King sotto l'ombrello di una nuova storia. Se questo è un successo, potrebbe rivoluzionare un approccio cross-mediale alla narrazione che nemmeno la Marvel ha ancora decifrato. L'influenza di Stephen King può essere di vasta portata, ma c'erano alcune aree in cui il resto del mondo aveva ancora bisogno di tempo per raggiungerlo.

C'è ancora molto da venire da King. Netflix presenterà in anteprima l'adattamento di Il gioco di Gerald , uno degli sforzi più claustrofobici di King, e Sony sembra stia ancora andando avanti con il suo adattamento televisivo pianificato di La Torre Oscura , nonostante la performance fiacca del film al botteghino. Una società di produzione ha già acquisito i diritti del suo prossimo romanzo Bellezze addormentate (co-scritto con suo figlio, Owen), una storia di suspense ispirata alle fiabe su un incidente che fa addormentare tutte le donne del mondo. Hollywood ha appena scalfito la superficie del lavoro di King e c'è ancora molto altro da sfruttare, oltre ai modi in cui la sua incommensurabile influenza sarà inevitabilmente vista nei prossimi decenni della cultura pop. Per ora, il 2017 ci offre un promemoria tempestivo che un nome incombe su tutti gli altri nel genere. Dopotutto, è re per una ragione.



^