Fenice Oscura

Come 20 anni di film sugli X-Men hanno completamente fallito Jean Gray

>

Dobbiamo molto al X-Men franchising cinematografico. Prima che ci fosse un Marvel Cinematic Universe o comunque chiamiamo la serie di film DC ora, questi film erano qui fuori, tenendolo premuto per i fan dei fumetti di tutto il mondo. Certo, non erano sempre perfetti: chi di noi può pensare a quella frase di Storm sui rospi che vengono colpiti da un fulmine senza che si irrigidiscano fisicamente? – ma sono una parte importante del motivo per cui i film a fumetti sono ora un punto fermo dell'industria dell'intrattenimento.

Dal primo X-Men film ha debuttato nel lontano 2000, il franchise ha generato una dozzina di lungometraggi e spin-off. È stato riavviato e remixato e a un certo punto è persino riuscito a ottenere un po' di buzz da Oscar. Ma nonostante i suoi numerosi – e piuttosto vari – successi e fallimenti nel corso degli anni, c'è un aspetto della saga degli X-Men che questi film non sono mai riusciti a fare bene, nonostante quello che sembra uno sforzo quasi continuo.

Il X-Men i film deludono completamente il personaggio di Jean Grey, rispettando a parole l'idea del suo potere e dell'importanza del suo viaggio, ma alla fine scelgono di centrare una serie di personaggi maschili in quella che dovrebbe essere la sua storia.



Jean è uno dei personaggi più iconici di X-Men, un telepate e telecinetico con abilità che possono rivaleggiare anche con quelle di Charles Xavier. La sua storia è così nota e così importante per il franchise che questi film hanno tentato di adattarla in due diverse occasioni ( X-Men: L'ultima resistenza e Fenice Oscura ), con due diverse attrici (Famke Janssen e Sophie Turner) nel ruolo. Eppure nessuno di questi sforzi ha successo. Come mai? Perché anche se X-Men i film tentano di adattare vari pezzi della saga di Dark Phoenix, nessuno di questi film fa un grande sforzo per raccontare effettivamente una storia su Jean.

Come si sente riguardo ai suoi poteri? Come la influenzano davvero? Perché è il personaggio che viene così spesso descritto come particolarmente suscettibile all'oscurità? E perché alla fine sceglie la luce?

Dark Phoenix Sophie Turner Jean Gray

Credito: Fox

quanti anni aveva patrick stewart star trek?

Nonostante sia una delle poche protagoniste femminili del franchise, Jean ha poco da fare nella sua vita. Le sue storie sono quasi sempre usate come veicoli per altri personaggi, e non importa quello che sta passando, ha poca interiorità. Questo non è un problema nuovo per quanto riguarda questo personaggio: il X-Men i fumetti stessi spesso soffrono di problemi simili. Ma questo fatto non giustifica adattamenti multipli che raddoppiano gli aspetti peggiori del problema, dall'abbracciare alcuni dei peggiori tropi intorno alla cattiveria delle donne potenti all'usare il dolore di un personaggio femminile per immergersi nella storia per gli uomini intorno a lei.

Nel The Last Stand , la storia della Fenice Oscura è ampiamente inclusa nel disordinato dibattito sulla possibilità di una 'cura' mutante. Il nostro unico vero indizio che Jean sia diventata 'buia' è che improvvisamente inizia a indossare capi di abbigliamento Hot Topic distintamente anni '90, incluso un corsetto estremamente inutile e dall'aspetto scomodo. Nel Fenice Oscura , un film che porta letteralmente il suo nome, Jean ha meno da fare rispetto a molti dei personaggi maschili del film, e la storia è basata sul dolore di Charles e persino di Erik in vari punti, ma quasi mai sul suo.

Lost in the shuffle è l'idea che la storia di Jean sia qualcosa che ha valore nel suo giusto, fuori e lontano da chi le sta intorno. Dopotutto, è difficile essere adeguatamente inorriditi dal passaggio di Jean all'oscurità quando abbiamo visto così poco della sua vita da eroe. E la profondità della sua caduta può essere adeguatamente contestualizzata solo se ha un ruolo abbastanza forte negli X-Men che la sua decisione di allontanarsi da loro sembra effettivamente una perdita per entrambe le parti.

Gran parte della storia dei fumetti di Jean è guidata da quanto si preoccupa per i suoi compagni di squadra e quanto loro, a loro volta, si preoccupano per lei. Nei film, tuttavia, anche se ci viene detto che lei e Scott sono profondamente innamorati e che lei e il resto degli X-Men sono vicini, non fanno molto per mostrarci nessuno di questi fatti. In entrambi i set di X-Men film, la relazione tra Jean e Scott sembra esistere perché la loro storia a fumetti dice che deve, e poco o nessun tempo sullo schermo è dedicato alla loro storia d'amore. Le altre amicizie di Jean non sono menzionate, e la sua relazione con il Professor Xavier è un pasticcio illuminante che i film sembrano poco propensi a guardare troppo da vicino. (Tranne quando, ovviamente, è ora che Charles si senta in colpa per questo.)

Famke Janssen come Jean Gray

Famke Janssen come Jean Gray / Credit: Fox

Dalla sua prima apparizione sullo schermo in questo franchise, il ruolo di Jean è stato di supporto nella migliore delle ipotesi, e il suo vero trauma viene spesso sfruttato ma mai veramente esplorato. Come personaggio, lo scopo principale di Jean sembra esistere per Scott e Logan per litigare o fornire a Charles un dilemma morale di cui preoccuparsi. La lotta di Jean con l'immenso potere che si agita dentro di lei – con sede a Phoenix o meno – è un ripensamento, nella migliore delle ipotesi.

è Bill Burr nel mandaloriano

Anche la sequenza più intrigante di Fenice Oscura , in cui Jean va a trovare Magneto nella speranza che possa aiutarla a capire l'esca oscura delle sue nuove abilità senza giudicarla per loro, alla fine diventa tutto incentrato sul dolore di Erik per la morte di Raven. Non sarebbe stato questo un punto di partenza perfetto per discutere di come si sente Jean - sull'uccisione di un amico, o sul non odiare del tutto l'idea di queste nuove abilità cosmiche che le sono state imposte? Abbiamo già visto cosa succede quando Magneto subisce una perdita. Non è carino, ma non è nemmeno una storia nuova.

Ad essere onesti, The Last Stand e Fenice Oscura ognuno ha momenti piacevoli e diversi pezzi favolosi. E sia Janssen che Turner sono dei grandi Jeans, che fanno del loro meglio per trasmettere la forza e il dolore di un personaggio che è, nella migliore delle ipotesi, definito in modo piuttosto nebuloso. Ma poiché gli X-Men si uniscono all'universo Marvel e questo franchise viene inevitabilmente riavviato per la terza volta, vale la pena dire: non siamo condannati a ripetere questi errori per sempre. O, almeno, non dobbiamo esserlo. Non c'è motivo per questo X-Men i film devono concentrarsi su Charles, o Erik, o Logan, o anche Scott.

La nuova generazione di X-film può lasciare che siano le donne a prendere l'iniziativa e raccontare le storie di questi personaggi che tutti noi stavamo aspettando di vedere. Lascia che sia Jean ad aprire la strada, per una volta, invece di essere sempre lasciato indietro.



^