Screamgrrls

Come il remake di La notte dei morti viventi degli anni '90 ha reinventato Barbara

>

L'originale La notte dei morti viventi è considerato in lungo e in largo come un classico del genere e uno dei primi esempi di un film che ha bombardato la sua corsa teatrale solo per ottenere un enorme seguito di culto come film di mezzanotte. Un film dell'orrore con una protagonista nera, che commenta il razzismo nell'America rurale della fine degli anni '60, e condito con quello che all'epoca era uno dei cruenti più grafici mai apparsi sullo schermo potrebbe non essere stato appetibile per il pubblico cinematografico in generale su la sua uscita, ma non si può negare il suo impatto nel corso dei decenni. Indipendentemente da ciò, semplicemente non c'era nessun altro film nemmeno lontanamente simile a questo nel 1968, e la sua assoluta individualità ha giocato un ruolo non trascurabile in ciò che lo ha reso così indimenticabile.

Poi c'è il remake del 1990, che a suo tempo era ampiamente considerato come una 'cinica presa di denaro' dal pubblico. George Romero, l'uomo che aveva diretto il film originale, ha riscritto la sceneggiatura che aveva originariamente scritto con John Russo. Russo è diventato un produttore e Tom Savini, collaboratore di lunga data di Romero, ha assunto le funzioni di regia. Romero ha trascorso gran parte del tempo fuori dal set e Savini è stato lasciato a impegnarsi in battaglie con i dirigenti aziendali che avevano una visione diversa per il film dalla sua. Questo remake è stato certamente creato da persone che avevano trascorso diversi anni in debito per il loro film rivoluzionario e avevano paura che qualcun altro sarebbe saltato dentro e sarebbe stato pagato per un remake. Tuttavia, ha apportato alcune modifiche interessanti, una delle quali è stata la rivisitazione di Barbara.

qual è il mio scopo burro?
barbara 2

Credito: Columbia Pictures



Nella versione del 1968 di La notte dei morti viventi, Barbara va al cimitero per visitare la tomba di sua madre con il suo insopportabile fratello Johnny, che si risente del tempo che gli occorre dalla sua vita apparentemente avvincente e la prende in giro durante la scena di apertura con la sua famosa frase, 'Stanno venendo a prenderti, Barbara! ' Barbara sopravvive a malapena a un attacco di zombi che vede suo fratello morto e fugge in una fattoria vicina. È qui che incontra Ben, il protagonista del film, che la aiuta a mantenere la calma e cerca di trasformare la casa in una piccola fortezza nella speranza di durare tutta la notte. Altri personaggi si presentano, tra cui gli adolescenti ben intenzionati Tom e Judy e il molto meno ben intenzionato Harry Cooper, insieme a sua moglie Helen e alla figlia che presto sarà zombificata.

Dall'inizio, La notte dei morti viventi ha portato gli zombi fuori dal regno del mistico e li ha inseriti esattamente nel mondo del commento sociale. Harry Cooper rappresenta me, il primo individualismo americano, e ostacola i tentativi essenzialmente socialisti degli altri di sopravvivere per tutta la notte insieme, giocando un ruolo non da poco nella loro morte quando il suo costante dibattito che fa perdere loro tempo costa loro la possibilità di sopravvivere. Alla fine, quando Ben chiama una banda di uomini bianchi armati di fucile dopo essere sopravvissuti alla notte contro ogni previsione e la loro risposta è di sparargli immediatamente, non si può fare a meno di chiedersi se questa sarebbe stata la loro risposta a un sopravvissuto bianco. . Il seguito dà a Ben un finale completamente diverso e si potrebbe obiettare che diventa meno rilevante nella rivisitazione, ma c'è qualcosa di degno di nota che in questa interpretazione così come nella prima, abbiamo un uomo bianco che urla di fronte a un Uomo di colore, che si rifiuta di aiutare perché ha deciso senza prove concrete che Ben non può sapere di cosa sta parlando. Sebbene gli zombi servano come fattore motivante, queste sfumature razziali sono gli elementi più essenziali della storia.

barbara 5

Credito: Columbia Pictures

Il Ben originale è stato interpretato dal grande Duane Jones, che in seguito avrebbe diretto l'incredibile film sui vampiri Ganja & Hess , mentre la nuova versione ci ha regalato Tony Todd nel ruolo. Todd è un indiscutibile re del genere, e la sua interpretazione di Ben dà vita al remake che altrimenti non avrebbe avuto. Nel frattempo, l'attrice e stuntwoman Patricia Tallman è stata coinvolta per interpretare una nuova Barbara. Tallman ha una presenza sullo schermo significativamente diversa e le sue ovvie capacità rendono un po' difficile da credere la prima scena di lei che armeggia sfortunatamente in un cimitero. Tuttavia, il film la raggiunge rapidamente e presto vediamo una versione completamente nuova del personaggio. Le interazioni tra Barbara e Ben diventano un nuovo punto culminante per la storia. Nel film originale, Barbara era più un esercizio per la pazienza di Ben che un alleato contro le orde di zombi. Qui, Barbara ascolta, osserva e offre il suo aiuto a Ben. Sebbene gli eventi caotici del film si svolgano ancora contro il favore di Ben, ha finalmente una complice sinceramente disponibile e equilibrata in Barbara.

Il film originale vedeva Barbara soffrire di uno shock acuto e incapace di agire oltre qualche grido, salvo un ammirevole momento di eroismo che sfortunatamente finisce con la sua morte, ma questa ripresa aderisce a un nuovo mondo dell'orrore in cui le ragazze finali erano diventate la norma. Non offre molto al tropo in generale, ma è molto più facile vedere Barbara pensare a come uscire dai problemi piuttosto che agitarsi impotente durante gli eventi che le accadono. Ben muore ancora, ma Barbara spara a Harry Cooper a causa del suo coinvolgimento nella morte di Ben, dando agli spettatori almeno un leggero senso di catarsi.

barbara 4

Credito: Columbia Pictures

Alla fine del film, Barbara ha perso la fiducia nell'umanità. Mentre osserva una folla tormentare e torturare gli zombi che hanno catturato, mormora: 'Siamo noi. Noi siamo loro e loro siamo noi', che è una lettura letterale delle intenzioni del film originale due decenni dopo il fatto. È difficile dire dove Barbara vada da qui, ma il suo senso di rabbia provocatoria per l'ingiustizia fatta a Ben e l'orrore che ha vissuto lei stessa potrebbe dare al pubblico una controparte tangibile dei propri sentimenti. Trasformare Barbara in una tosta armata di pistola potrebbe sembrare un po' condiscendente di per sé guardando indietro, ma non si può negare che sia una svolta migliore da prendere che semplicemente replicare il suo ruolo nell'originale.

Incredibili 2 segno di bambina

Dopo questo remake, il personaggio di Barbara è apparso in numerosi fumetti non canonici, tra cui Le cronache degli zombi di Barbara. In questa serie, appare più o meno come una continuazione della ripresa che vediamo su di lei qui, ma il suo aspetto è ipersessualizzato e ci perdiamo alcune delle sfumature che sono andate nella sua interpretazione. Le protagoniste femminili toste come le unghie sono facilmente usate per fare alcune dichiarazioni abbastanza anti-femministe nell'arte e, purtroppo, la trasformazione di Barbara ha portato ad alcune scelte piuttosto strane negli adattamenti dei fumetti non affiliati. Tuttavia, anche se l'esistenza di Barbara come personaggio è stata piuttosto rocciosa, l'interpretazione di Tallman ha sostenuto il remake del 1990 e ci ha dato più sviluppo del personaggio da parte sua e di Ben entrambi attraverso le loro interazioni sullo schermo, rendendo alla fine difficile liquidare il remake come inutile.



^