Venere

Pianeti ostili come Mercurio e Venere potrebbero dirci come la vita, uh, trova un modo

>

La vita come la conosciamo è stata lo standard per cercare tutto ciò che potrebbe insinuarsi su altri pianeti. La maggior parte degli organismi che intendono rimanere in vita sulla Terra ha bisogno di ossigeno, acqua, luce e un certo intervallo di temperatura per evitare di congelarsi o friggere. Ma aspetta.

Tipi di vita come non l'abbiamo mai conosciuta sono già stati trovati sulla Terra. Alcuni microrganismi possono sopravvivere in pozze di veleno o ambienti senza luce quasi privi di ossigeno. Altri non hanno nemmeno bisogno di sostanze organiche per sopravvivere. Ci sono batteri che si rimpinzano di metano, quindi è possibile che qualcosa di simile si nasconda nei laghi di metano ed etano della luna di Saturno, Titano. Questa non è certo la vita come la conosciamo. Quindi saremmo davvero così scioccati se qualche pianeta lontano generasse la vita come non la conosciamo?

Michael Way del Goddard Institute for Space Studies della NASA e Alexis Rodriguez del Planetary Science Institute credono che siamo stati troppo veloci per scartare Venere e persino Mercurio come se avessero, o abbiano mai avuto, vita. Venere è tossica ed entrambe bruciano, aspetti che sfidano i criteri che normalmente usiamo per identificare gli ambienti abitabili. Ma cosa succede se la nostra idea di a pianeta abitabile significa che stiamo trascurando i luoghi improbabili in cui la vita si nasconde? Se un mondo inospitale come Venere avesse acqua in passato e potrebbe avere microbi nella sua atmosfera, ciò potrebbe influenzare il modo in cui cercheremo la vita aliena in futuro.



Tutto risale alla citazione di Jeff Goldblum ascoltata in tutto il mondo: La vita, uh... trova un modo.

Penso che trovare la vita su Venere confermerebbe semplicemente ciò che già sappiamo su Earth, Way, coautore di uno studio pubblicato su Astrofisica terrestre e planetaria , ha detto a SYFY WIRE. Se dai alla vita abbastanza tempo (nel caso della Terra quasi 4 miliardi di anni), la vita troverà un modo per riempire quasi tutte le nicchie ecologiche su un pianeta.

La maggior parte delle forme di vita della Terra ha bisogno di ossigeno, acqua e un cocktail di amminoacidi che si collegano alle proteine ​​che formano il DNA. Non puoi semplicemente unire le proteine ​​e aspettarti che la vita emerga da lì. Tutto ciò di cui hanno bisogno gli organismi per sopravvivere su questo pianeta può essere trovato qui, poiché è da qui che la vita è strisciata fuori e questo fornisce una base per ciò che potremmo aspettarci durante la ricerca di alieni. L'enfasi qui è su potevo . E se la vita su un pianeta lontano nascesse allo stesso modo, da elementi e composti che esistono tutti su quel pianeta, ma le sue (ipotetiche) forme di vita non sono come potremmo mai immaginare?

Venere

Forse Venere (sopra) e Mercurio (sopra) sono troppo brutali per la vita come la conosciamo... ma per quanto riguarda la vita come non la conosciamo? Credito: NASA

Se mai fossero stati trovati microbi nell'atmosfera di Venere. rafforzerebbe ulteriormente le argomentazioni sulla robustezza dei processi evolutivi per trovare un modo affinché la vita persista anche quando un pianeta passa da uno stato temperato come la Terra moderna a un mondo devastato come Venere, ha affermato Way. È possibile finché la transizione non è troppo rapida in modo che l'evoluzione abbia il tempo di adattarsi.

Il caos puro potrebbe descrivere al meglio l'universo primordiale. Protopianeti e pezzi di roccia che in seguito sarebbero diventati parte di questi pianeti o sarebbero andati via da soli come asteroidi o addirittura pianeti canaglia si stavano scontrando l'uno con l'altro con abbandono. Nel processo di questa costante testata e piantagione di faccia, hanno anche scambiato diversi composti che sono (almeno sulla Terra) associati alla vita, come sostanze organiche e volatili. Se c'è mai stata acqua su Mercurio o Venere, è venuta da un incontro ravvicinato con la Terra o viceversa?

Il ritrovamento di numerose superfici volatili su Mercurio comprende una delle scoperte più critiche della navicella spaziale MESSENGER (MErcury Surface Space ENvironment GEochemistry and Ranging), Rodriguez ha detto in uno studio di cui è coautore, pubblicato su Rapporti scientifici .

Mercurio è enorme Base bassa , che in precedenza si presumeva fosse formato da un impatto sconosciuto, è stato scoperto da Rodriguez e dal suo team come due miliardi di anni più vecchio del resto del pianeta quando hanno dato un'altra occhiata ai dati di MESSENGER. Ora credono che sia stata un'enorme dolina che è il risultato del crollo di montagne e altri terreni, intrappolando sostanze volatili e altri composti che potrebbero essere stati terreno fertile per i microbi primordiali. L'acqua è uno di questi volatili.

La presenza di questi terreni caotici diffusi supporta l'esistenza di profondi ... materiali crostali superiori ricchi di volatili con distribuzioni sovraregionali, che, a livello regionale, hanno subito un collasso graduale e strutturalmente controllato, Rodriguez ha detto .

La domanda è se la vita che si suppone si sia adattata a un ambiente brutale come quello di Mercurio abbia bisogno di acqua. Per ora, l'unica cosa vivente che sappiamo che vive su un altro oggetto nello spazio sono quei tardigradi che si sono riversati sulla luna in un incidente di lander e quei micro-turisti sono volati dalla Terra. Ciò non significa ancora che Mercurio o Venere siano pianeti morti. Ci sono microbi terrestri che possono sopravvivere a radiazioni killer paragonabili a quelle di Mercurio. Mentre Way crede che l'unica vita in grado di sopravvivere su Venere sarebbe anche microbica, tali microbi potrebbero fluttuare nelle sue nuvole nocive.

Osservare le forme di vita più robuste sulla Terra (estremofili) rende evidente che la maggior parte di Venere è inabitabile da quasi tutte le forme di vita sulla Terra, ha detto Way. Questo non vuol dire che l'evoluzione non possa trovare percorsi alternativi per il successo, ma probabilmente sono ben oltre la nostra attuale immaginazione. Dobbiamo tornare indietro e campionare l'atmosfera di Venere e vedere cosa potremmo trovare.



^