Opinione

Una storia con la demenza ha reso Twin Peaks: The Return un orologio duro

>

Anche se non l'hai mai guardato Cime gemelle , probabilmente ne sai qualcosa per osmosi culturale. C'è una piccola città nell'America centrale, una ragazza viene trovata morta, l'FBI si presenta e le cose diventano strane e surreali, con persone che parlano al contrario e indizi criptici forniti da una signora che culla un tronco tra le braccia. In superficie, questa è una spiegazione abbastanza decente di Cime gemelle , ma sfiora molto di ciò che lo rende uno spettacolo così difficile, affascinante e complicato da guardare.

Cime gemelle segue inizialmente la storia dell'agente speciale dell'FBI Dale Cooper (interpretato da Kyle MacLachlan) mentre visita la piccola cittadina rurale di Twin Peaks, nella speranza di risolvere l'omicidio di Laura Palmer, una giovane donna apparentemente amata che viene trovato lavato su una spiaggia. Cooper viene presentato come un investigatore eccentrico ma efficace, un po' disconnesso dalle norme sociali, ma affascinante, educato e intuitivo. È simpatico, aperto a trovare indizi nei sogni o in tazze di caffè dannatamente buone, e si fida del suo istinto sopra ogni altra cosa.

Nel corso delle prime due stagioni dello show ci viene presentata una serie di personaggi memorabili provenienti da tutta la città, le cui vite diventano parte dell'identità dello show tanto quanto Cooper o il mistero dell'omicidio di Laura. Queste due stagioni riguardano la comprensione dell'intreccio tra gli abitanti di questa piccola città, che rimane una sorta di costante durante i primi episodi dello show. Quando tutto il resto svanisce, si tratta di capire la città, tanto quanto il crimine che vi è avvenuto.



Il creatore dello spettacolo, David Lynch , non ha mai voluto risolvere l'omicidio di Laura Palmer nello show, credendo che fosse il mistero centrale che ha permesso al resto della trama misteriosa dello show di funzionare, ma la sua mano è stata forzata dai produttori dello show. L'assassino di Laura è stato rivelato durante la seconda stagione dello show, costringendo Lynch a lasciare lo show dopo i suoi sei episodi contrattuali, e quando alla fine è tornato, ha portato Lynch a fare dei passi piuttosto drastici con la direzione della trama dello show.

coraggio il cane codardo cgi

Lynch è tornato a lavorare su Cime gemelle per un paio di episodi alla fine della seconda stagione dello show, ma invece di fornire risposte e conclusioni ai fan, ha usato gli ultimi episodi per creare un nuovo mistero. Il nostro protagonista, Dale Cooper, sembrava che il suo corpo fosse posseduto dal fantasma di un malvagio serial killer, un doppelganger, e nessuno dei personaggi che avevamo passato innumerevoli ore a guardare ne aveva idea.

Twin Peaks Bob

Credito: ABC

E così è stato. Per 20 anni, è lì che si è svolta la trama di Cime gemelle si è conclusa, con un nuovo enorme mistero e nessuna chiusura. È una parte importante del motivo per cui lo spettacolo è finito con un seguito così cult, questo spettacolo con un simpatico cast di personaggi ha creato un enorme cliffhanger per il suo eroe, e per alcuni decenni i fan non hanno avuto altro da fare che speculare e sperare in più episodi di Cime gemelle per essere creato un giorno.

Spiego tutto questo contesto, perché è importante capire qualcosa su David Lynch prima di andare avanti. Come creatore, non gli piace che gli altri decidano dove dovrebbero andare le sue trame, e non gli piace che le sue narrazioni finiscano in modo ordinato. Così, dopo 25 anni di silenzio, quando Twin Peaks: Il ritorno finalmente andato in onda come terza stagione, non dovrebbe essere una sorpresa che si sia discostato drasticamente da ciò che il pubblico pensava di voler vedere.

perché Anakin odia la sabbia?

Dove i fan avevano trascorso 25 anni aspettandosi di vedere il loro programma preferito riprendere esattamente da dove era stato interrotto - con Dale Cooper che conosciamo e amiamo come protagonista, cercando di trovare un modo per tornare a Twin Peaks per catturare l'assassino che corre in giro con il suo faccia - quello che abbiamo invece ottenuto è stato uno spettacolo ambientato in gran parte al di fuori di Twin Peaks stesso, seguendo personaggi diversi dal Dale Cooper che conoscevamo. Portava lo stesso nome, ma il nostro protagonista era sostanzialmente irriconoscibile.

Per la stragrande maggioranza di Twin Peaks: Il ritorno , Kyle MacLachlan suona una versione di Dale Cooper che, dopo 25 anni intrappolato nella Red Room, fugge di nuovo nel mondo, calato nella vita di Dougie, un uomo che assomiglia a Cooper ma sta vivendo una vita molto diversa. Cooper è intrappolato in un corpo sconosciuto, in una vita sconosciuta, e nel trasferimento perde una parte significativa di ciò che è.

Twin Peaks Dougie

Credito: Showtime

Si sveglia con una moglie e un figlio che non conosce, incapaci di parlare o comunicare i suoi bisogni. Non riesce a ricordare chi è oa gestire compiti di base come vestirsi o andare in bagno da solo. Sembra che segua solo istruzioni molto semplici, o ripeti a pappagallo parole che ha sentito usare da altri, ed è costretto a cercare di navigare in una vita che non sembra capire.

Per la maggior parte Il ritorno , vediamo un personaggio che riconosciamo, che sembra qualcuno di importante per noi, incapace di ricordare chi è, o di comunicare adeguatamente i propri bisogni. Il nostro eroe una volta competente sembra proprio come ha sempre fatto, ma è quasi irriconoscibile a causa di quanto della sua personalità è scomparso.

Come qualcuno con una storia familiare di condizioni di salute mentale degenerative, così come amici di famiglia affetti da condizioni simili, ho dovuto più di una volta nella mia vita vedere qualcuno che conoscevo iniziare a perdere la connessione con se stesso e il mondo. Molto di quello che ho vissuto nel corso degli anni era presente in Il ritorno , rispecchiato dal viaggio di Cooper.

Mia nonna, che è morta dopo una battaglia con un tumore al cervello, ha iniziato dimenticando le parole qua e là, divertendosi e frustrandosi quando non riusciva a ricordare come si chiamava il telecomando della TV. Alla fine, non riusciva a ricordare dove fosse, o chi fossi io, per periodi di tempo ragionevolmente lunghi, con solo brevi finestre di lucidità. La maggior parte delle volte, pensava di essere molto più giovane di lei e pensava di essere da qualche altra parte nel paese.

C'era un uomo anziano che viveva dall'altra parte della strada rispetto a me che cresceva e soffriva di demenza. Ricordo che una volta andò a casa nostra completamente nudo a tarda notte, prendendo le nostre posate dal cassetto della cucina e cercando di portarle a casa con lui. Alla fine sua moglie lo raggiunse, si scusò, ci restituì l'argenteria e lo portò a casa. Diventava sempre più fragile e si arrabbiava e si confondeva se veniva lasciato solo, perdendo rapidamente traccia di dove o quando si trovava. Prendersi cura di lui è diventato il lavoro a tempo pieno di sua moglie.

Ho perso persone nella mia vita a causa di una varietà di condizioni nel corso degli anni, ma le condizioni di salute mentale degenerative sono forse alcuni dei modi emotivamente più difficili per vedere portare via qualcuno che conosci. Vederli diventare lentamente qualcuno che riconosci visibilmente, ma che è diventato un po' un estraneo per te, è incredibilmente stridente. Che sia intenzionale o meno, Twin Peaks: Il ritorno mi ha ricordato l'esperienza di vivere intorno a qualcuno che sta lentamente perdendo le capacità mentali, mentre è ancora fisicamente presente. Ha reso la maggior parte di quella stagione molto difficile da guardare, ma ha servito bene la narrativa della stagione.

Dal guardare il figlio di Dougie che deve aiutarlo a fare colazione al vederlo lottare per trovare la strada di casa, è difficile guardare un personaggio che conosciamo, che in precedenza era così indipendente e autosufficiente, fare affidamento così tanto sulla compassione e sulla cura di coloro che lo circondavano sopravvivere. Dougie viene portato nel suo ufficio ma non ricorda cosa avrebbe dovuto fare lì. È riconosciuto, ma da persone che non riesce a collocare. Gli è stato chiesto di completare compiti che non ricorda mai di aver ricevuto. Sta fluttuando nella vita chiedendo agli altri di indicargli la giusta direzione, sperando che le cose vadano bene.

cast star trek prossima generazione

È per molti versi reso ancora più difficile da guardare dai suoi momenti di lucidità, i momenti in cui il Dale Cooper che ricordiamo risplende in superficie. Dal suo amore per il caffè che persiste ai suoi riflessi pronti nei momenti di pericolo fisico, la sua capacità di dire quando le persone stanno sdraiate e i suoi barlumi di memoria del suo precedente lavoro, continuiamo a vedere lampi della persona che sappiamo è lì dentro, ma non osare sperare di connettersi con. Dale Cooper è chiaramente ancora lì da qualche parte, ma non riesce a connettersi con abbastanza della sua identità per andare da qualche parte in cui la gente lo conosce e può aiutare adeguatamente.

tammy e il t rex
Twin Peaks Dougie

Credito: Showtime

Quei momenti di lucidità, in cui ricorda qualcosa che gli piaceva bere, o una parola che aveva un significato per la sua vecchia vita, rafforzano solo il fatto che la maggior parte delle volte quella persona che ricordiamo semplicemente non è presente. Senza quei momenti di lucidità, sarebbe stato più facile andare avanti e accettare che la persona che conoscevamo se ne fosse andata.

Ma per tutta la stagione, la luce brillante che mi ha tenuto a guardare è stato il sostegno della famiglia, degli amici, della moglie e dei colleghi di Dougie. Le persone che lo conoscevano meglio potevano vedere che stava lottando e hanno fatto di tutto per cercare di aiutarlo a continuare a vivere una vita il più normale possibile. Hanno cercato di fare concessioni, di farlo sentire incluso e di farlo sentire amato. A volte hanno faticato a capire cosa voleva o di cui aveva bisogno, ma hanno fatto di tutto per cercare di tenerlo incluso nel mondo.

Ogni scena che Cooper ha trascorso come Dougie, ero sul bordo del mio sedile, sperando che non gli accadesse nulla di male, sperando che evitasse il dolore e la sofferenza che non riusciva a capire. Ogni volta che qualcuno lo apprezzava, lo sosteneva o apprezzava la sua presenza nel mondo, sembrava che valesse la pena fare ogni sforzo che il mondo aveva fatto per tenerlo incluso. Era l'unica scintilla luminosa in una stagione spesso tesa e inquietantemente sconosciuta.

Entro il Twin Peaks: Il ritorno , l'agente Cooper alla fine recupera la sua memoria e il suo senso di sé. Si assicura che le cose siano sistemate in modo che la famiglia che si è presa cura di lui possa avere una vita confortevole, e noi otteniamo il sollievo finale, anche se solo per pochi episodi, di vedere la persona che ci era mancata per tutto questo tempo tornare da noi. Ma, in realtà, raramente è così. Le condizioni degenerative di salute mentale ci privano delle persone più vicine a noi, e proprio come la maggior parte degli episodi durante Il ritorno , può essere incredibilmente difficile da vedere svolgersi.



^