James Cameron

Ecco la versione di 'Aliens' di James Cameron che non hai mai visto

>

Quello che è iniziato come uno degli incontri più deludenti nella carriera di James Cameron lo ha portato a fare alieni , uno dei più grandi successi di fantascienza mai pubblicati, anche se anche dopo quel primo incontro storico, alieni non è scoppiato dal petto completamente formato. Ci vorrebbe del tempo prima che questo classico horror d'azione trovi il suo cuore di dramma familiare.

Nel 1983, Cameron ha incontrato alieno i produttori Walter Hill e il compianto David Giler per parlare di un altro progetto che non era legato al classico horror di fantascienza. Avevano letto Cameron's Il Terminator sceneggiatura e voleva trovare qualcosa su cui lavorare insieme, ma, come ha ricordato Cameron sul alieni Commento in Blu-ray, il suo discorso non stava andando molto bene. Cameron poteva dire dalle espressioni facciali dei produttori che a loro non piaceva nessuna delle mie idee.

Tuttavia, Cameron si è immediatamente rianimato quando Hill e Giler hanno lanciato un loro lancio. Prima che Cameron lasciasse l'incontro, Giler si è presentato con un commento che avrebbe cambiato per sempre la carriera del regista e avrebbe avuto un impatto sulla storia di Hollywood: Bene, abbiamo quest'altra cosa... Alieno II .



la vendetta del finale sith

Dopo tre lunghi giorni e otto bricchi di caffè, Cameron ha sfornato un trattamento di 50 pagine per quello che sarebbe diventato alieni , il primo ibrido action-horror del suo genere, pubblicato 35 anni fa questa settimana, il 18 luglio 1986. Per più di tre decenni, alieni ha regnato come uno dei migliori sequel mai realizzati, grazie in gran parte al modo in cui Cameron avvolge l'emozionante e spaventoso giro sulle montagne russe attorno a un dramma familiare sorprendentemente sincero e commovente incentrato su Ellen Ripley (Sigourney Weaver), una ragazza orfana, Newt ( Carrie Henn) e un brizzolato marine spaziale, Hicks (Michael Biehn). La dinamica tra la traumatizzata Ripley e Newt costituisce il cuore pulsante del film che sanguinose esplosioni di petto minacciano di distruggere. Quella relazione è uno dei motivi principali per cui alieni è così rivedibile. Ma, ripensando al trattamento originale di Cameron, è sorprendente vedere quanto di quella dinamica fosse originariamente mancante.

Mentre Newt è ancora in questa prima bozza della storia, datata 21 settembre 1983, il viaggio emotivo che lei e Ripley condividono sulla strada per diventare madre e figlia surrogate è leggermente più che logoro. A differenza di alieni taglio del regista - dove apprendiamo che non solo Ripley ha perso 57 anni della sua vita mentre fluttuava nello spazio in criosonno, ma ha anche perso una figlia - il bambino di Ripley è vivo (anche se molto vecchio) in questo trattamento. Ma odia sua madre e lo dice a Ripley tramite una chiamata simile a FaceTime. La dolorosa realizzazione di Ripley, che sarebbe stato meglio morire piuttosto che sopravvivere solo per tornare in una casa e in una famiglia che non vogliono avere niente a che fare con lei, aiuta a creare il vuoto nella vita di Ripley che sarà presto riempito da una missione di salvataggio a LV -426.

NEWT_Alieni

Credito: 20th Century Fox

Ripley incontra ancora Newt durante la sua missione nella colonia, che si trova sullo stesso pianeta in cui lei e il suo equipaggio a bordo della Nostromo hanno incontrato per la prima volta (e fatalmente) lo xenomorfo nel 1979 alieno . Ma a quell'incontro mancano piccoli, ma essenziali, momenti di costruzione del personaggio come quello che Ripley e Newt condividono nell'infermeria. Nella versione teatrale, confinata in questa stanza fredda e sterile, il caldo lato materno di Ripley brilla mentre pulisce la faccia sporca di Newt e si sdraia con lei per un pisolino prima di essere attaccati da facehuggers. Questo non è il caso del trattamento originale, che nega anche a Ripley una delle sue scene più necessarie: Trovare Newt sulla colonia stessa. Nella bozza originale, Ripley è ancora a bordo della navicella, quindi sono i Marines che localizzano la ragazza perduta e spaventata quando cercano i sopravvissuti nella colonia.

Da questo punto in poi nel trattamento, mentre la struttura narrativa generale rispecchia in gran parte quella del prodotto finale, molti dei dettagli e delle scene chiave sono radicalmente diversi. I Marines trascorrono molto tempo fuori dal processore di atmosfera di terraformazione della colonia shake 'n bake, sulla superficie del pianeta, per difendere il complesso da potenziali intrusi alieni. Hicks e la sua unità parcheggiano il veicolo corazzato (l'APC) che Ripley guida nel film fuori dall'ingresso principale del complesso e usano le sue pistole a torretta per spazzare i nemici in avvicinamento, invece di confinarsi all'interno del complesso come fanno nel film finale.

Il trattamento originale spinge anche Bishop, che è un androide nobile e buono nel film finale, in una direzione un po' più oscura, che convalida la convinzione di Ripley che non ci si può fidare della sua specie. Nella versione precedente, Bishop pilota la Sulaco, non un'altra navicella, per salvare Ripley e gli altri. Una volta che Ripley arriva alla zona di atterraggio, Bishop le comunica via radio una brutta notizia: non verrà a prenderla. Il rischio che gli alieni lascino il pianeta è troppo grande e la programmazione di Bishop non gli permetterà di salvare alcune vite se ciò significa potenzialmente ucciderne migliaia. Ripley lo maledice e se ne va, lasciandoli bloccati.

Hicks1

Credito: 20th Century Fox

intervista a un vampiro con le zanne

Anche il crescente legame tra Newt e Ripley, con Hicks che diventa una figura paterna, è in qualche modo messo da parte a favore dell'espansione del mondo degli alieni e della loro biologia. I droni alieni in questa versione della storia hanno un pungiglione sulla coda, come quello di uno scorpione, che può inabilitare le loro vittime prima di riportarle nell'alveare alieno per essere imbozzolate. Con il tempo che scorre quando il complesso minaccia di esplodere, Ripley, Newt e Hicks si lasciano punti dagli alieni per essere riportati nel loro nido, dove attende l'unica speranza di fuga dei nostri eroi: una navetta.

Una volta nel nido, la storia originale sembra piantare i semi per una creatura che alla fine avremmo visto nel 1997 Alieno: Resurrezione — un alieno albino. Invece dell'ibrido bianco-osso, alieno-umano come abbiamo visto in Risurrezione , questa bestia è xenomorfo puro ed è una specie di falegname (sì), con una sonda che espelle una resina usata per costruire l'alveare che altri alieni tentano di evacuare rimuovendo le uova deposte dalla regina. Cameron introduce anche una casta di droni guerrieri alieni; sono armati di tubuli che consentono loro di aggirare lo stadio facehugger e di impiantare direttamente i chestburster negli ospiti riluttanti.

Uno di quegli aspiranti ospiti è Hudson (il defunto Bill Paxton), che, durante una precedente incursione con gli alieni, è stato rapito e riportato all'alveare. È qui che muore Hudson - negato l'ultima resistenza eroica che il film finale gli offre. Invece, quella specie di sacrificio viene data a Hicks. Intrappolato nel muro dell'alveare e impregnato di un alieno, Hicks ordina a Ripley di raggiungere la nave e lasciarlo indietro. Con riluttanza, Ripley va, vola via nella navetta e usa i bruciatori di scarico del velivolo per incenerire la camera delle uova della regina.

Una volta che Ripley pilota la navetta di ritorno sulla Sulaco in orbita di LV-426, combatte e sconfigge la Regina Aliena. Newt, per qualche ragione, è privo di sensi durante questo combattimento epico. Ma si sveglia in tempo per chiamare la mamma di Ripley, proprio come fa nel film, prima che Ripley e il suo nuovo bambino cadano nel criosonno.

AlienQueen_Pic2

Credito: 20th Century Fox

tempo di avventura marceline e finn

Sebbene la versione originale di Cameron avesse la maggior parte degli ingredienti chiave in atto, il regista e il suo team hanno impiegato del tempo per trovare la giusta alchimia tra azione e dramma dei personaggi per rendere Aliens il capolavoro che è considerato oggi. Il processo per trovare ciò che il film voleva veramente essere ha coinvolto lo sviluppo della sceneggiatura (ovviamente), l'implementazione I suggerimenti di Weaver sul set per quanto riguarda l'esplorazione dei momenti emotivamente più onesti per il suo personaggio e la messa a punto del film in post-produzione. Un momento cruciale in alieni Lo sviluppo è arrivato dopo che un primo screening di test ha rivelato dove questa corsa sulle montagne russe si è immersa nel ritmo o ha deviato fuori dal percorso tematico.

Con la data di uscita che si avvicina rapidamente e Cameron che lotta per onorare il mandato della Fox di avere il film a 120 minuti, alieni produttore (e l'allora moglie di Cameron) Gale Anne Hurd ha dato un suggerimento che salverebbe il film: taglia l'intera terza bobina. Quella bobina consisteva nella nostra introduzione iniziale a Newt e al fatale incontro della sua famiglia con l'astronave aliena che ospitava i resti dello Space Jockey e una stiva piena di uova aliene. (Da allora i fan hanno sezionato questo filmato con la sua inclusione nel director's cut di Cameron, che è stato rilasciato per la prima volta nel 1991 su Laserdisc.) Rimuovendo quel terzo rullo, insieme ad alcune linee di dialogo ridondanti, Hurd e Cameron hanno scoperto che alieni funziona meglio più passa il tempo con Ripley e i Marines che lottano per mettere da parte le loro divergenze che provocano attriti e cercano di sopravvivere a un calvario che Ripley ha a malapena superato da sola la prima volta. Più velocemente il film metteva l'accento sui personaggi e sul legame tra i sopravvissuti Newt e Ripley, più velocemente il film poteva consegnare il suo considerevole carico emotivo al pubblico.

L'azione in alieni è incredibile, ovviamente, ma la trama emotiva del film è il motivo per cui lo celebriamo ancora il 35 luglio dalla sua uscita. alieni è una storia su ciò che i genitori farebbero per proteggere i propri figli, sia umani che sanguinanti e viscidi che depongono le uova. È anche una storia sulla famiglia, quella che condividi con il sangue e quella che sanguina con e per te. Sulla carta, Ripley, Newt e Hicks non dovrebbero funzionare. Questi individui, uniti da un trauma condiviso, non dovrebbero essere nella stessa stanza e tanto meno nella stessa squadra. Ma, come sostiene il film, è la definizione di famiglia. Lo trovi dove puoi e combatti per averlo. E se perdete tutti quell'incontro, beh, allora lo fate anche insieme.

Quelle grandi idee emotive hanno trovato la loro strada in ogni film che James Cameron ha realizzato. Nel bene e nel male, e con vari gradi di successo, costruisce i suoi film attorno a una storia d'amore – romantica o platonica – e racconta quella storia usando personaggi con cui ridiamo ma mai. Personaggi su cui non possiamo fare a meno di investire a lungo termine. Se tiri fuori tutto alieni ' set pieni di azione e fantastici tocchi fantascientifici - perdi il combattimento Power Loader, SmartGun di Vasquez, tutto - quello che ti rimane è il motivo per cui l'eredità del film resiste: i personaggi.

Cameron raddoppia il bilancio emotivo che i nostri personaggi sopportano durante la loro storia elettrizzante, l'incubo vivente a cui riescono a malapena a fuggire e ne escono dall'altra parte meglio – e più integri – di quando hanno iniziato. Sa che il pubblico non può ottenere questa dinamica da nessun'altra parte, ed è per questo che alieni risuona ancora molto tempo dopo che i titoli di coda sono usciti.



^