Disney

Tanti auguri, La Bella e la Bestia, il film che ha ridefinito la Disney

>

Negli anni '80, la Walt Disney Company era in un periodo di oscurità. Il leggendario re dell'animazione americana e dell'intrattenimento familiare era caduto in disgrazia. Dopo la morte del suo illustre leader e sedicente autore, l'azienda ha avuto un vuoto di creatività e leadership che ha faticato a colmare. C'erano dei bei film in questo periodo che facevano soldi, tipo I soccorritori , ma i tentativi dello studio di riconquistare la magia di Walt li avevano lasciati con un calo degli incassi al botteghino e un calo del plauso della critica. Non ha aiutato che la concorrenza fosse aumentata durante questo periodo in cui l'ex animatore Disney Don Bluth è diventato indipendente e ha iniziato a realizzare quel tipo di film unici e adatti alle famiglie che in precedenza erano di dominio esclusivo della House of Mouse. Un tentativo di ristabilirsi come i titani del mezzo ha portato a Il Calderone Nero , un disastroso flop battuto al botteghino da Il film degli orsetti del cuore e un errore così costoso che i leader della compagnia furono tentati di chiudere del tutto l'animazione alla Disney.

Tra il declino dei successi finanziari nell'animazione, i film d'azione falliti e i costi gonfiati del loro nuovo progetto di parco a tema, Epcot, la società è arrivata pericolosamente vicina alla bancarotta. Le cose hanno cominciato a cambiare quando il decennio ha lasciato il posto agli anni '90. Il grande detective dei topi ha fatto affari abbastanza rispettabili da incoraggiare altri film d'animazione. La Sirenetta ha dato vita al nuovo rinascimento dell'animazione Disney. Ma il film che ha cambiato il gioco per la Disney, il film che ha creato un cambio di paradigma nella loro intera prospettiva, è arrivato nel 1991: un piccolo film chiamato La bella e la bestia .

Per generazioni di donne, Belle è stata una svolta, una principessa Disney con le sue ambizioni, le sue motivazioni e i suoi sogni che si estendevano oltre il matrimonio con un bel principe. Ogni tanto qualcuno tenta di sostenere che Belle sia una creazione antifemminista o vittima della Sindrome di Stoccolma. Queste generalizzazioni disinvolte trascurano ciò che rende Belle così sorprendente, sia come creazione del 1991 che come icona senza tempo. Belle ha una spina dorsale. Apprezza l'educazione e l'auto-miglioramento mentre coloro che la circondano la disprezzano per non essere conforme ai loro ideali. Mentre i residenti del villaggio cedono facilmente alla paura e all'ego, alimentati da Gaston, lei rifiuta strenuamente di partecipare. Non vede la Bestia come un progetto o un ragazzaccio che può aggiustare, come alcuni sostengono che faccia, ma piuttosto lei chiede rispetto da lui e poi inizia a vedere il suo lato migliore quando fa uno sforzo attivo per non essere un idiota. Nei primi film Disney, specialmente quelli dell'Età dell'Oro come Cenerentola e Bianco come la neve , le principesse sono simboli più che persone. Come con molte fiabe, servono come immagini per raccontare la morale o le favole e non hanno necessariamente bisogno di essere ulteriormente sviluppate oltre. Belle è nettamente diversa da quella. Ha un arco narrativo, una personalità, un livello di indipendenza solitamente non concesso a tali eroine, e il film è molto più il suo viaggio che quello della Bestia.



Per qualsiasi ragazzino degli anni '90, vedere un'eroina libresca che non si inchinava ai bulli o ai misogini e si rifiutava di alimentare i fuochi della paura significava davvero qualcosa. Significa ancora qualcosa nel canone Disney. Ogni principessa che ha seguito le sue orme sta cercando di replicare quel modello, spesso senza una sottotrama romantica per legarlo insieme.

La Disney ha fatto grandi film da allora La bella e la bestia . Gli anni '90 sono stati un ricco periodo creativo in cui lo studio ha rafforzato la sua formula di fiabe musicali e rivisitazioni classiche, e l'ultimo decennio successivo La principessa e il ranocchio ha portato allo studio nuovi successi. Eppure non ha mai veramente ripreso quella sensazione fulminea che è arrivata con Belle, la Bestia e una rosa. Era un film in cui le stelle si allineavano perfettamente e cose del genere non possono essere copiate artificialmente. In un'epoca in cui l'intrattenimento per bambini è saturo di pacchiani riferimenti alla cultura pop che sono datati nel momento in cui vengono pronunciati e in cui così tanti studi pensano che il loro pubblico divorerà qualsiasi vecchia spazzatura, La bella e la bestia si sente senza tempo rispettoso dei suoi fan.

Il remake live-action del film dell'anno scorso, con Emma Watson e Dan Stevens, ha cercato di mantenere il confine tra una ricreazione servile dell'originale e un aggiornamento tempestivo, ma ha finito per rovinare ciò che ha reso la storia così speciale. Ha spiegato eccessivamente dove non erano necessarie risposte e ha cercato di assecondare i pignoli della malafede che si sono lamentati di buchi di trama inesistenti. Lo studio e i realizzatori erano così preoccupati di rendere la storia moderna che hanno trascurato ciò che la rendeva così senza tempo. È una storia sul non giudicare le persone in base alle apparenze, sul valutare le qualità che ti rendono unico, sul rifiuto del conformismo e del bigottismo meschino anche quando ti lascia solo contro il mondo.

La bella e la bestia è la storia di Belle, una nerd ambiziosa che odia la misoginia e chiama in causa il bullo cittadino privilegiato che fomenta l'odio. Cosa potrebbe esserci di più senza tempo?

La bella e la bestia Belle


^