Danny Mcbride

Danny McBride di Halloween spiega perché rimuovere il canone fratello-sorella ha reso il nuovo film più spaventoso

>

Il tanto atteso primo trailer di Halloween , l'imminente reboot/sequel del classico originale del 1978 di John Carpenter, è finalmente arrivato venerdì, e da allora i fan hanno raccolto i dettagli che ha rivelato. Ci sono, ovviamente, ancora numerosi misteri su questa nuova storia alternativa di ciò che è seguito al primo film, ma il trailer ne chiarisce uno quasi immediatamente: Michael Myers e Laurie Strode (Jamie Lee Curtis) non sono fratello e sorella.

Fin dal 1981 Halloween II , la rivelazione che Laurie e Michael erano effettivamente imparentati è stato un elemento chiave del mito del franchise, nel bene e nel male. In quel film, la notizia che Laurie è la sorella minore biologica di Michael, data in adozione con i documenti sigillati per proteggerla, è stata usata per spiegare perché Michael stava ancora perseguendo caparbiamente Laurie sopra tutti gli altri, mentre nel primo film sembrava solo stalking babysitter in generale al ritorno nella sua città natale. Questo è stato successivamente ampliato in Halloween 4 per includere l'inseguimento di Michael della giovane figlia di Laurie, Jamie (Laurie era apparentemente morta in un incidente d'auto) e poi ulteriore sviluppato in Halloween H20 quando si scoprì che Laurie aveva simulato la sua morte e viveva sotto falso nome.

Sappiamo da tempo che il nuovo film, diretto da David Gordon Green da una sceneggiatura di Danny McBride, si sarebbe comportato come se nessuno dei sequel fosse esistito e avrebbe ripreso Laurie e Michael 40 anni dopo il primo film, e ora sappiamo che spazzare via quei sequel anche include cancellare ogni legame di sangue tra i due personaggi. parlando con IGN durante una visita al set, McBride ha spiegato perché voleva fare quel cambiamento.





^