Eli Craig

Il consiglio geniale che il regista di Tucker & Dale Eli Craig ha ricevuto da Clint Eastwood

>

Eli Craig si è costruito una reputazione come regista intelligente e dai molti talenti mescolando abilmente horror e commedia in modi intelligenti e sovversivi. I suoi due lungometraggi finora, Tucker & Dale contro il male e la nuova versione di Netflix piccolo male , fungono sia da satira che da omaggio a una serie di sottogeneri horror, trasformando le loro teste in slasher e tropi soprannaturali (e spesso in modo piuttosto violento).

Craig è cresciuto intorno a Hollywood - sua madre è l'attrice premio Oscar Sally Field - ma gli ci è voluto molto tempo per riconoscere e abbracciare pienamente il suo DNA narrativo. Come spiega in questo primo sondaggio SYFY WIRE, il lungo viaggio di Craig per diventare una nuova voce di genere ha richiesto molti anni pieni di colpi di scena, svolte e improbabili parole di saggezza da una leggenda.

eli_craig_adam_scott.jpg

Credito: IMDB/Netflix



Qual è stata la prima sceneggiatura che hai scritto?

Eli Craig : Prima di tornare alla scuola di cinema ero un attore. Anche prima ero una guida alpina e lavoravo a Outward Bound. Ho scalato tutte queste montagne, come il Denali in Alaska, e ho condotto viaggi sull'Aconcagua, che è la vetta più alta dell'emisfero occidentale. Ero davvero preso da quel mondo e c'era questo libro di Joe Simpson intitolato Toccando il vuoto .

Ho opzionato quel libro e ho scritto una sceneggiatura basata su di esso. Era un film d'azione sull'arrampicata. Quella sceneggiatura era stata effettivamente opzionata, con il libro, dalla compagnia di Tom Cruise all'epoca. Questo era nei miei primi anni '20. È stato un momento pazzesco in cui ho avuto questa sceneggiatura che ho scritto opzionato dalla compagnia di Tom Cruise. Poi ho avuto anche questo piccolo ruolo in questo film di Clint Eastwood. Era davvero piccolo.

Entrambe le cose mi sono crollate addosso. Non hanno fatto quel film e il ruolo è stato praticamente tagliato fuori da quel film di Clint Eastwood. È stato allora che ho deciso di tornare alla scuola di cinema e ho iniziato a scrivere cose davvero diverse dopo la scuola di cinema. Hanno lasciato scadere l'opzione sul libro. Poi qualcun altro ha scelto l'opzione e ha fatto un film dannatamente buono, Toccando il vuoto .

È stato un po' straziante perché era come, 'Aspetta un minuto, il mio copione è proprio qui.' Allora non ottieni alcun credito. Qualcun altro va e lo fa. È stato allora che ho iniziato a scrivere davvero le mie cose, perché ogni volta che scrivi basandoti su un libro, scrivi sempre quella cosa che potrebbe andare in pezzi e qualcun altro ce la farà.

Qual è stato il primo cortometraggio che hai realizzato?

cosa facciamo nell'ombra?

Facevo questi piccoli cortometraggi d'avventura. Io e mio fratello, che è anche uno scrittore, gireremmo queste commedie, a volte commedie horror, sceneggiando cose. Di solito sono io quello che va in giro con la telecamera e mio fratello recita. Ci saremmo letteralmente bagnati di sangue. Mio fratello aveva questo sketch comico intitolato 'The Young and The Breastless'.

Mia madre era quasi troppo incoraggiante. Era tipo, 'Sei un narratore. Devi solo continuare a farlo. Questo è ciò che dovresti fare.' Una volta che mi sono davvero appassionato a livello professionale, mi sono reso conto di quanto fosse difficile il gioco. Non stavo davvero facendo soldi, davvero lottando per guadagnarmi da vivere. Ero tipo, 'Mi hai convinto a farlo. Mi hai detto che ero bravo in questo e che non ricevo amore da nessuno».

Penso che, in un certo senso, avesse ragione. Sono una di quelle persone che non sarebbero mai felici di lavorare in un lavoro d'ufficio o qualcosa del genere. Non c'è scelta. Devo avventurarmi su qualche montagna o avventurarmi su un set cinematografico. Cercando di fare l'oro con la merda.

Cosa volevi fare da grande?

Volevo essere un vero sopravvissuto nei boschi. Forse deriva dal mio background da film dell'orrore. Sono cresciuto a Los Angeles, una specie di dentro e intorno a Hollywood. Ne avevo davvero un'avversione. Penso che, in parte, sia perché mio padre era un appaltatore che viveva in Oregon. Sono cresciuto a Los Angeles con mia madre, che era un'attrice. Ero diviso tra questi due mondi.

Ho scelto il mondo di mio padre, che era uscire e costruire case, cacciare, pescare e guardare film dell'orrore. Sono andato al college a Boulder, in Colorado, e mi sono appassionato all'arrampicata e all'alpinismo. Quindi è davvero tutto ciò che volevo fare da molto tempo.

Poi, verso i vent'anni, ho capito che volevo fare qualcosa di più. Ero tipo, potrei bilanciare l'arrampicata su roccia e l'avventura con forse essere un attore? Poi sono tornato a Los Angeles e ho giocato con entrambi, e ho capito che recitare non faceva per me e mi sono spostato verso la scrittura e, infine, verso la regia.

Chi è il tuo eroe artistico?

Per molto tempo, direi a bruciapelo che è stato Sam Raimi. Forse perché ho studiato i suoi film più di ogni altra cosa. Poi, davvero, è diventato Edgar Wright per molto tempo solo per quella combinazione di umorismo in mezzo alla calamità. Questo è un po' il modo in cui vedo la vita, l'umorismo in mezzo alle calamità. Poi ce ne sono di ovvi come Steven Spielberg, che mi ha colpito in modo così profondo, crescendo con i suoi film. Poi Stephen King. Genio.

baggins il signore degli anelli

Qual è stata la scena più difficile che hai dovuto girare o scrivere?

piccolo male è stato difficile per me perché volevo questo risultato con esso e non sapevo bene come arrivarci. C'erano due scene lì dentro che erano particolarmente difficili. Uno è questa transizione verso il legame di Gary con Lucas e come lo farò in un breve lasso di tempo in un parco acquatico. Pensavo di doverlo fare con una specie di tropo. Non volevo che impiegasse molto tempo perché poi tutti lo avrebbero visto arrivare da un miglio di distanza. È stata la cosa più difficile che abbia mai scritto.

Anche in quel film, la scena del massaggio alla schiena in cui Evangeline Lilly spiega come ha dato alla luce l'Anticristo. Senza dire molto, sta chiaramente dicendo: 'Sono stata violentata in questo culto dal diavolo'. Quella sottile linea di oscurità e, tuttavia, mantenerla abbastanza leggera.

La cosa più difficile per me da filmare è stata questa sequenza finale nel convento con Gary che salva il bambino. Abbiamo girato l'intera sequenza del convento, inclusa questa roba del monster truck, in tre giorni. Abbiamo avuto qualcosa come 120 allestimenti in tre giorni. Perché avevamo un budget così basso, e avevamo effetti visivi e una grande folla di persone, e tutte le acrobazie avvenivano con un budget molto, molto, molto limitato. Dovevamo solo sapere, sempre, esattamente dove stavamo andando senza alcun margine di errore.

Qual è stato il tuo giorno migliore sul set e cosa è successo?

Uno dei giorni più divertenti che ho avuto, perché ho una parte di me di otto anni così allegra, è stato quando siamo saliti sul monster truck piccolo male . Ho avuto questa idea di loro che sfondano un posto di blocco della polizia. Tutti mi dicevano: 'Risparmierai denaro se non lo fai. E se hanno solo un minivan e corrono laggiù?' Perché avere questa cosa che sarà così difficile da girare, e prendere tempo, e tutto il resto?

dove posso guardare mandalorian?

Ero tipo, 'Perché sarà fantastico! Devi fidarti di me. Dobbiamo prendere il monster truck, dobbiamo sfondarlo attraverso un posto di blocco della polizia, perché è una mia fantasia e sarà fantastico.'

Quindi abbiamo una presa. Questa donna, Shelley, arriva con il suo monster truck ShellCamino dalla Carolina del Nord e si schianta contro queste due auto della polizia che abbiamo installato e va in onda a soli 20 piedi di altezza, e atterra lì. Nessuno è ferito. È stato come il più grande colpo che abbia mai avuto. Ero così entusiasta.

Qual è stato il tuo giorno peggiore sul set?

Per fortuna non ho mai fatto male a nessuno. È sempre la cosa più spaventosa di qualsiasi acrobazia. Sono fortunato perché non ho avuto una giornata davvero orribile sul set. Direi che probabilmente il giorno peggiore che ho avuto, il che non è poi così male, è stato solo il nostro primo giorno di riprese piccolo male . Tutti erano fuori sincrono. Le telecamere erano malfunzionanti.

Ce n'è un altro però. Il mio giorno più difficile è stato durante il mio cortometraggio alla USC, dove abbiamo dovuto costruire una stanza. Ho fatto questo film chiamato il Tao di Pong . Una commedia romantica sul ping pong taoista. Abbiamo dovuto costruire un set, ed è solo un film per studenti, quindi abbiamo costruito il set sul palco della USC. Quando arriviamo, la mia scenografa e il suo team di tre persone hanno lavorato tutta la notte, ma non è stato fatto nulla. Quindi dobbiamo scattare primi piani e poi fare marcia indietro mentre procediamo.

Non abbiamo fatto la stanza quando ne avevamo bisogno, quindi abbiamo dovuto fermarci tutti nel bel mezzo delle riprese, incluso il nostro reparto di ripresa e finire di costruire il set. Poi torna a sparare. Quindi abbiamo avuto una giornata di 23 ore di riprese. Tutti sentivano che stavano per morire e tutti mi odiavano. Questo è stato probabilmente il più difficile. Uno di quei giorni di riprese senza budget in cui tutto va storto.

Qual è il miglior consiglio o suggerimento creativo che tu abbia mai ricevuto?

Ho avuto questo piccolo ruolo in questo film di Clint Eastwood chiamato Cowboy spaziali . Era giusto quando stavo cercando di capire: sapevo di essere uno scrittore decente, ma volevo davvero dirigere le mie cose. Non sapevo quale fosse il prossimo passo. Volevo davvero essere assunto solo per dirigere la mia sceneggiatura, ma nessuno lo avrebbe fatto perché non avevo abbastanza cose dietro da mostrare, a parte le mie piccole commedie horror realizzate quando avevo nove anni.

Guardavo sempre cosa faceva Clint Eastwood. Ho avuto questo momento per essere sul set con questa leggenda. Ero seduto accanto a lui al video village. Non credo si sia nemmeno accorto che ero lì. Stavo guardando quando stavano girando qualcos'altro nei monitor e lo stavo guardando.

Alla fine, mi ha guardato e ho avuto questo momento. Ha iniziato a parlarmi e mi ha detto: 'Cosa vuoi fare veramente?' Ho detto: 'Sai cosa voglio davvero fare? Voglio capire come dirigere le mie cose.' Clint mi guarda e tira giù gli occhiali da sole, dice, 'Vuoi fare il regista?' Ero tipo, 'Uh huh.' Era tipo, 'Allora vai a fare il regista.' Poi si rimise gli occhiali da sole e chiamò 'Azione'.

Sono andato via e ho fatto questo documentario. L'ho diretto, cosa che non è andata da nessuna parte, ma mi ha spinto a fare domanda per la scuola di cinema di specializzazione alla USC. Ero tipo, okay, almeno così avrò l'opportunità di avere molti debiti e di giocare e dirigere le cose. Penso che sia stato il momento del 'fallo e basta'. Fallo e basta, se è quello che vuoi fare. E ho seguito il suo consiglio.

Piccolo Male 2

Credito: IMDB

Se potessi cambiare una cosa in uno dei tuoi progetti, quale sarebbe?

Cerco di non guardare indietro una volta che qualcosa è stato fatto. Cerco davvero di fare tutto il possibile per rendere il film giusto. Non credo che cambierei nulla, anche se so che entrambi i miei film sono imperfetti e posso indicare 100 cose che direi che vorrei tornare indietro e cambiare. Ma in realtà, penso di aver imparato da quelle aree che sono imperfette. Allo stesso tempo, penso che a volte siano più adorabili per essere leggermente imperfetti. Se fai Cittadino Kane , Non so dove vai da lì.

Qual è il tuo progetto dei sogni?

in cosa è codificata Stardew Valley?

Ho questa specie di amore-odio con i film d'azione grandi e divertenti. Una sorta di film d'azione di fantascienza e CGI. C'è una parte di me che, un giorno, vorrebbe avere la possibilità di fare un divertente film d'azione di fantascienza con degli elementi comici. Non so ancora cosa sia. Non necessariamente Marvel, ma qualcosa in quel grande universo d'azione.

L'altro aspetto sarebbe solo fare più cose che sono sovversive nelle sue aspettative. Immagino che sia in grado di connettersi con le persone e condurle in un luogo che accetta un po' di più gli altri. Sono un po' stufo di quanto sia polarizzato il nostro tempo.

A cosa stai lavorando dopo?

Sto lavorando in questo momento con Blumhouse. In realtà è divertente perché è Blumhouse e Red Hour. Red Hour è la compagnia di Ben Stiller e tutti sanno chi è Blumhouse. È davvero un gigante della commedia e un gigante dell'orrore che si sono messi insieme per fare un disastro di ritiro aziendale. Penso che sia il momento di infilzare un po' il mondo aziendale. È fondamentalmente un ritiro aziendale andato storto.



^