Game Of Thrones

Game of Thrones non sta andando fuori dai binari: è più simile ai libri che mai

>

L'ultima stagione di Game of Thrones sarebbe sempre stato controverso. Questo è uno spettacolo che ha ispirato un'appassionata fanbase, e per molti di loro, questo è un periodo di dolore e separazione emotiva tanto quanto è un attesissimo finale televisivo. Non è quindi una grande sorpresa che un fenomeno sia sorto nelle ultime due settimane della serie, mentre il gioco finale dello spettacolo va a posto. C'è una parte del fandom che prende a calci i piedi, batte le lenzuola e fa del suo meglio Fred Savage: 'Nonno! Stai rovinando la storia!' agli showrunner, arrabbiati per come si sta svolgendo la trama.

È una risposta comprensibile. Dopotutto, a differenza delle prime stagioni, non ci sono romanzi per gli showrunner David Benioff e D.B. Weiss da seguire. C'è uno schema di punti significativi della trama da colpire dall'autore George R.R. Martin, che è stato tenuto segreto al pubblico, ma per il resto è tutto. Inoltre, ci sono cambiamenti che lo spettacolo ha apportato lungo la strada che ha significato che questa stagione finale diverge da quello che alla fine sarà nel libro finale di Martin. È facile per i fan dichiarare che i colpi di scena che non amano siano il risultato degli showrunner che 'hanno rovinato le cose'.

Tuttavia, Martin's Una canzone di ghiaccio e di fuoco serie ha una formula, e gli eventi di 'La lunga notte' e 'L'ultimo degli Stark' lo seguono fino al tee. Sono storie che si muovono in modo diverso dalla fantasia tradizionale, con momenti che un tempo sarebbero stati un finale climatico che arrivano molto prima. Molti potrebbero cavillare con le prime stagioni di adattamento dello show, ma una cosa che la serie ha sempre fatto è aver inchiodato quel ritmo. La morte di Ned non arriva alla fine del primo libro, Un gioco di troni , ma con oltre 100 pagine e diversi capitoli da completare, lasciando a Martin tempo e spazio per esplorare la risposta a 'Cosa succede quando l'eroe muore?'



Le Nozze Rosse sono ancora precedenti, cadendo verso la fine del terzo medio, intorno alla pagina 575 della pagina 925 Tempesta di spade . Sulla scia, Martin pone la domanda 'E se essere The Good Guys non ti proteggesse?' Il matrimonio di Joffrey segue circa 100 pagine dopo, con la controreplica 'E se essere The Bad Guys non ti salverà neanche?' Il libro va poi per dozzine di capitoli che trattano le ricadute di entrambi.

Game of Thrones L'ultimo degli Stark

Lena Headey e Pilou Asbæk in Game of Thrones (Credito: HBO)

Martin ha detto prima dell'inizio della stagione 8 la serie stava tagliando abbastanza vicino al suo finale pianificato, e finora la formula si adatta, nonostante alcune ovvie e necessarie modifiche tecniche. La scelta di rinominare gli 'Altri' del libro in 'White Walkers' sulla scia di Perso usare 'Altri' come nome per i mistici cattivi significava che in fondo alla linea 'Il Grande Altro' che li guida (e non è ancora apparso sulla pagina) doveva essere rinominato. Gli showrunner hanno usato 'The Night King', che è un altro personaggio interamente nei libri.

Tuttavia, possiamo dedurre che nel futuro libro di Martin, Gli Altri arriveranno a Winterfell, guidati da qualcuno che rappresenta un Grande Male. L'inverno cadrà per mano di qualcuno dalla parte dei vivi. Allora rimarranno centinaia di pagine, con la domanda 'Cosa succede dopo che il bene sconfigge il male?'

L'ultimo degli Stark speso un episodio lungometraggio rispondendo a questa domanda, tornando con una risposta esattamente nichilista e misantropica come i lettori si aspettano dalla visione del mondo di Martin: non molto.

Sconfiggere il male non è magia. Non cresci due pollici o perdi 20 libbre; non sbianca i denti né migliora la vista. Il mondo continua a girare; il metabolismo e la digestione sono gli stessi del giorno prima. Soprattutto, non ti rende migliore o più intelligente. L'errore di Daenerys nell'episodio è che crede che aver sconfitto il Re della Notte sia in qualche modo una prova che affrontare Cersei sarà più facile di quanto sembrava il giorno prima, nonostante abbia perso più della metà del suo esercito, con la maggior parte dei membri rimanenti feriti. La sua logica: dopo aver sconfitto il male più grande, il piccolo male dovrebbe essere semplice. Destra?

Sbagliato. Inoltre, sembra che i draghi di Daenerys non la vinceranno magicamente nemmeno in questa guerra. Anche questo è in linea con la formula che guida Una canzone di ghiaccio e di fuoco . L'onore di Ned non era l'armatura diamantata che gli spettatori presumevano. Le buone intenzioni di Tyrion come Primo Cavaliere del Re non lo hanno tenuto al sicuro né nella battaglia di Blackwater Bay né dall'essere usato come capro espiatorio per la morte di Joffrey. La giusta causa degli Stark non ha impedito loro di essere assassinati, il riconoscimento di Jon Snow che gli Altri / Estranei sono il vero nemico non ha impedito ai Guardiani della notte di ammutinamento.

Daenerys crede di avere il diritto divino di governare. Come sottolinea seccamente Tyrion, camminare nel fuoco e far nascere alcune creature magiche è un'esperienza piuttosto convincente su questo fronte. Tuttavia, a questo punto, i fan dovrebbero riconoscere che un personaggio non è mai più in pericolo a Westeros di quando crede ipocritamente nel bene delle proprie azioni.

Questa è la stessa storia che i libri e lo spettacolo hanno sempre raccontato, anche se a volte i fan lo dimenticano. Fa parte del 'realismo grintoso' nella fantasia di Una canzone di ghiaccio e di fuoco , la cosa che rende la serie diversa. Ciò che è notevole è quanto gli spettatori continuino a sperare in un lieto fine e quanto sia sconvolgente per tutti quando uno non è disponibile, nonostante questo sia ciò che Game of Thrones ha sempre consegnato. Il finale agrodolce che stavamo aspettando sarebbe sempre stato più incline al finale amaro. Happily Ever Afters non deve essere applicato.




^