Arya Stark

Game of Thrones ha sempre riguardato gli Stark, e questa stagione finale lo dimostra

>

La fine di uno dei più grandi spettacoli mai apparsi sui nostri schermi televisivi è vicina. Pochi spettacoli hanno generato più conversazioni e indipendentemente dalle proprie opinioni sull'ultima stagione , sarà un peccato vederlo passare nella lunga notte. Guardando indietro a un decennio di andirivieni di Westeros e oltre, viene da chiedersi cosa Game of Thrones ' eredità sarà, e se questa stagione l'avrà cambiata. Tuttavia, su chi fosse veramente la storia, questa è una risposta relativamente facile.

**ATTENZIONE SPOILER: ci sono spoiler per l'episodio più recente di Game of Thrones sotto!**

Molti hanno concentrato i loro argomenti e la loro ira sulla traiettoria di Daenerys come protagonista. Penso che sarebbe sempre diventata Mad Queen, come testimoniano le stagioni di bruciare vive le persone e affermando che avrebbe preso ciò che era suo con il fuoco e il sangue. Indipendentemente da ciò, elide un punto cruciale: Game of Thrones ha sempre riguardato gli Stark. Daenerys è un personaggio superficiale, una falsa pista di un falso modello che crede che il suo diritto divino di avere il trono sia suo. Il cuore della storia è come gli Stark sono sopravvissuti e hanno prosperato, gettati in un mondo di politica, inganno e guerra diverso dall'apparentemente idilliaco Grande Inverno della loro giovinezza.



Al centro, lo spettacolo della HBO ha sempre riguardato le prove e le tribolazioni dei restanti bambini Stark, derubati del loro padre troppo fedele nella prima stagione, e la loro madre troppo fedele e il fratello maggiore non molto tempo dopo. Queste prime perdite sono state tutte strazianti e scatenate dalla rabbia (sebbene la nostra ira fosse concentrata sugli antagonisti immaginari, non sugli scrittori dello spettacolo). Ha anche preparato la tavola per gli Stark rimanenti. Come avrebbero vissuto e giocato in questo mondo che era deciso a distruggerli? Finindo in cima, ovviamente. (Tranne Rickon. Scusa, Rickon.)

Il Trono di Spade Stagione 8 Bran

Foto: Helen Sloan/HBO

Mentre le persone agitano i pugni contro gli archi e le morti dei loro personaggi periferici preferiti, solo i bambini Stark di base hanno sperimentato archi di personaggi che sono stati anche lontanamente soddisfacenti, o francamente, importanti. Il viaggio di Bran dall'essere stato spinto fuori da una finestra all'essere il faro onniveggente della storia di Westeros è un ottimo esempio. Jaime lo gettò fuori da una finestra, poi finì per essere schiacciato da un castello che cadeva. Tutto riconduce agli Stark.

giocattoli che stiamo tornando

Si potrebbe sostenere che tutti abbiamo tifato per la famiglia del nord per tutto il tempo, sperando che ce la facessero a superare ogni episodio, aggrappandosi a sedie e cuscini in una foschia guidata dall'ansia mentre correvano per salvarsi la vita e dopo aver preso una decisione stupida decisione stupida (guardandoti, Jon Snow). Ognuno è arrivato a simboleggiare qualcosa di profondo, e non solo perché Bran è diventato strano con il suo schtick di Corvo con tre occhi.

Sansa Stark ne Il Trono di Spade

Credito: HBO

Sansa, facilmente il più equilibrato dei bambini Stark, è diventato il diplomatico e il miglior giocatore di The Game. La sua trasformazione è riassunta al meglio nelle sue stesse parole, passando dalla porcellana all'avorio all'acciaio. Ha sofferto cose orribili e brutali, ma ha perseverato attraverso di loro - e molto spesso, ha preteso la giusta vendetta con mano abile. Porta con sé le sue cicatrici, ma la sua resilienza e determinazione a fare del bene alla gente di Winterfell e a non diventare un'altra vittima di inutili litigi politici l'ha resa una leader impeccabilmente forte e capace, più che degna di governare.

Sembra essere l'unica ad avere una visione chiara di qualunque tradimento sia in atto in quel momento, ma quando offre una guida saggia, viene ripetutamente sminuita o messa da parte. Eppure, si scopre sempre che ha ragione. Piuttosto che lasciare che questo risentimento si trasformi in rabbia, Sansa mantiene invece la sua attenzione sulla sua gente e fa ciò che è meglio per loro. Nessun personaggio ha mostrato tanta crescita come Sansa, e questo è particolarmente importante perché non è una guerriera, ma abbraccia la sua femminilità. L'importanza di questo, che le donne femminili possano essere forti e potenti, è una delle lezioni più importanti che lo spettacolo ci ha effettivamente dato e ci ha permesso di celebrare.

Arya Stark Game of Thrones stagione 8 episodio 5

Credito: HBO

Il viaggio di Arya è stato forse il più importante. Un tempo giovane sgualdrina, è riuscita a farsi strada attraverso il servizio di Tywin Lannister, pseudo-scudiero di The Hound (RIP), e un viaggio a Braavos per diventare un uomo senza volto. Si è allenata per diventare un'assassina per anni e per vedere e sconfiggere la Morte perfezionando la sua arte attraverso l'addestramento sia dentro che fuori Westeros. Avrebbe senso per il Re della Notte simboleggiare la morte che Arya avrebbe dovuto affrontare e sconfiggere, ma dopo 'The Bells', direi il contrario. Il Re della Notte non era che un precursore del vero volto della morte: la guerra. Guerra vera, insensata, orribile.

Arya ha visto il vero volto della morte ad Approdo del Re: il brutale massacro di innocenti in battaglia, le urla dei terrorizzati, la madre che ha cercato di salvarla bruciata per sempre in un abbraccio cinereo con suo figlio. Questo è il vero terrore della morte, il suo vero volto. E l'ha cambiata. Il Mastino l'ha mandata via, liberandola dall'essere schiava della vendetta - com'era lui - e a sua volta i suoi occhi erano veramente aperti al vero Dio della Morte.

Quale risultato avrà su di lei, dovremo aspettare fino al finale per scoprirlo, ma il momento morbido e tranquillo in cui ha scelto un cavallo bianco per uscire da Approdo del Re potrebbe suggerire la sua scelta finale. Forse sposerà Gendry, dopotutto. O forse Daenerys sarà l'ultimo nome sulla sua lista e potrà finalmente trovare un po' di pace.

Il Trono di Spade Jon Snow

Credito: HBO

Jon è stato il collegamento tra Stark e Targaryen, sebbene in base alla sua armatura e alla mentalità generale, si considera ancora il primo nel suo cuore. Essendo cresciuto non credendo di essere più che il bastardo di Ned Stark, la scoperta di Jon che non era solo uno Stark vero, ma anche un Targaryen ed erede del Trono di Spade, lo ha più che gettato per un giro. E mentre questa rivelazione andava bene, il suo vero viaggio era la sua umiltà e lealtà (fino alla colpa). Il suo tempo su The Wall lo ha reso un uomo così come qualcuno da cui le persone erano attratte (fino a quando non si sono ammutinati).

Nonostante rivendichi la sua fedeltà a Daenerys, Jon ha dimostrato più e più volte che quando arriva il momento critico, si allineerà con la sua vera famiglia. Sarà quella lealtà, quel sincero desiderio di fare del bene, che sarà la forza trainante del finale, specialmente dopo la battaglia di King's Landing. Non vuole il trono, e forse questo è di per sé il suo rifiuto della sua eredità Targaryen. Alla fine della giornata, Jon Snow vuole essere uno Stark. La famiglia è al centro del motivo per cui gli Stark fanno quello che fanno. La loro lealtà reciproca guida molte delle loro decisioni, e questo si riflette da tempo nel personaggio di Jon. Alla fine, potrebbe dover uccidere la sua parte Targaryen una volta per tutte in nome di Daenerys, una volta amante.

Si può solo teorizzare su come Game of Thrones finirà questa domenica su HBO, ma una cosa è certa, gli Stark avranno un ruolo da svolgere; questa è la loro storia.

edera velenosa batman e pettirosso

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBCUniversal.



^