Il Punitore

Frank Castle e il lato dolce segreto di The Punisher

>

A cosa pensi quando pensi al Punitore?

Probabilmente, il tuo primo pensiero va all'omicidio, o alla violenza, o alla sua lunga carriera nei fumetti come un vigilante in costume tutt'altro che sottile con uno spietato gusto per la vendetta, o il suo simbolo del teschio che ha subito un serio uso improprio al di fuori della cultura pop ultimamente. E non ti sbaglieresti se la tua mente corresse lungo queste linee, ma non siamo qui oggi per parlarne Quello versione del Punitore, un personaggio molto complesso con una storia altrettanto complicata.

No, stiamo parlando del Punitore, altrimenti noto come Frank Castle, interpretato da Jon Bernthal nella serie Marvel Netflix di breve durata – e perché potrebbe effettivamente essere un bae segreto.



All'inizio è difficile da capire: come può un personaggio con una lunga storia di violenza, che adotta il mantra di 'occhio per occhio' piuttosto letteralmente, anche essere degno dello status di bae in primo luogo? Ma le qualità che sono inerenti ad alcuni degli eroi più svenuti del romanticismo possono, in effetti, essere notate nel ritratto di Bernthal, inclusi alcuni esempi molto specifici che indicano il suo potenziale.

Un tipo meditabondo, torturato, per lo più silenzioso che ha subito una perdita inimmaginabile dopo la morte di sua moglie e dei suoi figli? Dai un'occhiata. Antieroe riluttante che difende i deboli ed è disposto a proteggere i suoi amici e le persone a cui tiene? Dai un'occhiata. Un uomo pieno zeppo di battute sul papà e una sorprendente dose di domesticità? Triplo controllo. La maggior parte di questi strati può essere attribuita al talento di Bernthal, l'ultimo attore ad offrire la sua interpretazione di Frank Castle dopo una serie di lungometraggi di discutibile successo, che hanno trasformato il personaggio in un uomo più tridimensionale e meno in un archetipo piatto . Sì, Frank è il Punitore, ma è anche un mantello che il pubblico gli ha offerto e che non indossa con onore o con una quantità significativa di orgoglio. Sì, si vendica dopo che la sua famiglia è stata brutalmente assassinata, ma non uccide indiscriminatamente; la sua vendetta è limitata esclusivamente a coloro che hanno contribuito alle sue più grandi perdite. Ha un codice morale di base - nessun innocente, specialmente donne o bambini - e ha un debole particolarmente grande per i cani. Guarda le pagine di quasi tutti i romanzi rosa in questi giorni e troverai innumerevoli eroi che condividono caratteristiche che definiscono in modo simile.

Non è solo il senso etico di Frank a spingerlo a risparmiare donne e bambini; è un uomo di famiglia nel cuore, e la parte più tragica del suo personaggio sta nel fatto che ciò che amava di più gli è stato strappato via – terribilmente, violentemente, in seguito rivelato essere orchestrato da uno dei suoi amici più cari. Il suo incubo ricorrente più frequente è il giorno della loro morte, un sogno che si ripete presto nel corso della serie e spesso per ricordare al pubblico quanto pesa sulla sua mente.

Ma anche nel suo dolore, non si scaglia, tranne contro le persone che praticano loro stessi quel tipo di violenza. Non è un misogino; rispetta le donne, addirittura interviene per difendere e proteggere personaggi femminili come Karen Page e Beth Quinn in più occasioni, contro minacce che vanno da stronzi ubriachi a un veterano che soffre di PTSD. E il suo amore per i bambini non può essere sottovalutato – in effetti, un punto fermo nella prima stagione di Il Punitore sottolinea quanto siano istintivamente profonde le tendenze del padre di Frank.

Il Punitore Stagione 1

Netflix

Quando la mamma single Sarah Lieberman 'accidentalmente' investe Frank con la sua auto, non sa che il loro incontro apparentemente casuale è in realtà molto propositivo da parte di Frank. Le sue ripetute offerte di aiutarla in casa - prima nel riparare il danno che ha inavvertitamente causato alla sua auto, poi nel riparare una porta del garage rotta, poi nell'aiutare sua figlia Leo a riparare un lavandino che perde - non sono completamente altruistiche. All'inizio, sono progettati come leva contro il partner di Frank Micro, noto anche come David Lieberman, che ha simulato la propria morte per proteggere sua moglie e i suoi figli dopo che la sua esposizione dei segreti del governo ha minacciato la loro sicurezza. Frank non è molto contento del fatto che Micro abbia portato alla luce il suo passato tramite un attacco furtivo, e cerca di stabilire una relazione amichevole con la famiglia dell'altro uomo da usare come potenziale merce di scambio. Frank non conta di affezionarsi, o anche di preoccuparsi lontanamente del figlio e della figlia di Micro, o di cosa succede quando lui e Sarah iniziano ad aprirsi l'un l'altro su come ci si sente a perdere un coniuge.

Ovviamente, il marito di Sarah non è tecnicamente morto, e la famiglia Lieberman è felicemente riunita entro la fine della prima stagione, ma guardare la sottotrama svolgersi fino a quel punto sembra il momento clou di qualsiasi fanfiction domestica. Frank potrebbe iniziare a cercare di conoscere Sarah e i bambini per un motivo molto specifico che in gran parte non ha nulla a che fare con loro, ma mentre continua a rendersi disponibile per i loro bisogni - anche presentandosi spontaneamente alla porta di Sarah con fiori in una scena - sviluppa più di un'amicizia con la famiglia e, si potrebbe sostenere, si sostituisce temporaneamente come padre surrogato quando il figlio Zach inizia a recitare all'indomani dell'assenza di suo padre. In molti modi, il crescente attaccamento di Frank ai Lieberman mette in mostra uno dei suoi desideri più profondi e inconsci: trovare di nuovo la vera felicità, qualcosa che si rende conto che non è disponibile per lui mentre è in una missione violenta. Ma questo non gli impedisce di cercare di perseguirlo in alcune occasioni.

All'inizio della seconda stagione, Frank si trova in un posto molto diverso da quello in cui è finito. È in viaggio, vive sotto uno pseudonimo e lontano da tutto ciò che ha a che fare con il Punitore – e per il primo episodio, a almeno, sembra che potrebbe effettivamente riuscire a tornare alla normalità. Viene in aiuto della suddetta Beth al bar dove lavora, e la conversazione che segue è quella che li porta attraverso diversi giri di drink (dalla parte di Frank) prima che decidano di tornare a casa sua per un po' tra -azione dei fogli. Su una nota puramente sete, la scena che segue è cocente caldo, ma a livello emotivo, è in qualche modo infuso da una sorprendente quantità di tenerezza tra di loro. Beth è la prima persona con cui Frank si è aperto da molto tempo - a un certo punto, condivide il suo vero nome con lei e le racconta della perdita della sua famiglia per il desiderio di mantenere le cose oneste tra di loro, ed entrambi esprimono il sollievo che deriva dal non sentirsi così soli, almeno mentre sono l'uno nelle braccia dell'altro. È un'avventura di una notte che non porta nessuna delle qualità distintive del termine; quando Frank cerca di sgattaiolare fuori la mattina dopo, viene catturato dal giovane figlio di Beth e i tre alla fine fanno colazione insieme al vicino ristorante.

The Punisher Stagione 2 con Beth

Netflix

Ovviamente, Il Punitore è uno spettacolo che spesso ci ricorda l'inutilità dei tentativi di Frank di trovare la vera felicità, e quando una giovane donna di nome Amy si imbatte nel bar la notte seguente con degli assassini alle calcagna - la stessa notte in cui Frank ha appena deciso di mettere radici e forse cerca di far funzionare le cose con Beth a lungo termine — la lotta che ne consegue mette a rischio Beth, la donna a cui Frank ha appena iniziato a interessarsi. Beth è coinvolta nel fuoco incrociato e, mentre alla fine sopravvive, Frank si rende conto che il suo ruolo di Punitore non è qualcosa che può perdere così facilmente, non quando potrebbe inavvertitamente mettere in pericolo delle vite non riuscendo a proteggerle. È un tema che viene rivisitato più avanti nella stagione quando torna a New York, ricoverato in un ospedale sotto custodia della polizia, e riceve una visita inaspettata da Karen, che gli ricorda che non è troppo tardi per concedersi ciò che vuole. Ma l'aspetto più tragico del personaggio di Frank, anche se incarna segretamente la maggior parte delle qualità di un eroe romantico, è che non sarà mai convinto di merita romanza; Rischierà tutto per salvare gli altri rifiutandosi di lasciare che facciano lo stesso per lui, e questo include allontanarsi dalla possibilità di un lieto fine.

L'eventuale annuncio di Il punitore la cancellazione di Frank dopo la conclusione della seconda stagione – insieme all'intera serie di spettacoli Marvel su Netflix – ha posto fine all'evoluzione di Frank sul piccolo schermo prima che avesse mai avuto davvero la possibilità di emergere. Con la sua lunga e combattuta battaglia contro i suoi demoni più personali che finalmente volgeva al termine, il potenziale per lui di crescere ancora di più c'era, solo per essere interrotto troppo presto. Il ritratto di Bernthal ci ha suggerito la sensibilità e la vulnerabilità che esiste sotto la violenza e la vendetta, qualcosa che non è sempre reso evidente in altre iterazioni del personaggio. È difficile non pensare a cosa sarebbe potuto essere se lo show fosse stato permesso di continuare, ma una cosa è certa: nelle due stagioni che abbiamo ottenuto, ci è stata data una rappresentazione umanizzata, completamente sviluppata e silenziosamente profonda di Frank Castle.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^