Primi Mesi

Primi: Cannibal Holocaust, il primo film horror found footage, è ancora terrificante

>

Se chiedi agli spettatori occasionali di nominare il primo film horror con filmati trovati, la maggior parte direbbe Il progetto Blair Witch . Il finto documentario del 1999, diretto da Eduardo Sanchez e Daniel Myrick, è stato sicuramente una sensazione e ha fatto un sacco di soldi al botteghino. Il progetto Blair Witch ha anche dato il via alla popolarità del sottogenere, portando a film come Attività paranormale , V/H/S , e [REG] , così come innumerevoli parodie porno - il segno di ogni film di successo.

Ma non è stato il primo film con filmati trovati. Quell'onore appartiene a Olocausto cannibale , un famigerato film di sfruttamento italiano uscito nel 1980. L'allestimento: un quartetto di documentaristi americani si dirige in Amazzonia per documentare la vita delle tribù cannibali autoctone. Dopo due mesi senza notizie dalla troupe cinematografica, un antropologo guida un gruppo in Amazzonia per cercarli. Dopo aver preso parte a una cerimonia cannibale, all'antropologo vengono consegnate le bobine della troupe cinematografica... o tutto ciò che ne rimane.

Una rete vuole disperatamente mandare in onda il filmato inedito, ma l'antropologo insiste per proiettarlo per loro, poiché è inquietante. Il resto del film è composto quasi interamente dal filmato girato dalla troupe cinematografica condannata. Si scopre che la troupe (e non per la prima volta) ha messo in scena molti incontri orribilmente violenti per rendere il loro film più interessante ed emozionante. Quando i dirigenti finalmente vedono il filmato, decidono che non può essere mandato in onda e che dovrebbe, infatti, essere distrutto.



Cannibal Holocaust - scena di festa

Olocausto cannibale è stato ispirato dai film mondo degli anni '60, in particolare Mondo Cane , che è stato uno dei primi. I film di Mondo erano documentari che raccoglievano filmati salaci e violenti di rituali tribali e guerre che pretendevano di essere educativi mentre si limitavano a fare appello agli interessi lascivi del pubblico. Si ipotizzava che molti film del mondo fossero effettivamente messi in scena, più o meno nello stesso modo in cui i registi in Olocausto cannibale inscenarono le loro atrocità.

Gli anni '70 e '80 erano pieni di film di sfruttamento atroci e spaventosi. Ma Olocausto cannibale è andato ben oltre. Molte persone credevano che il film nel film fosse autentico. Le scene inquietanti del film - tra cui una donna impalata dalla vagina alla bocca, l'aborto ritualizzato e lo stupro di gruppo - erano incredibilmente esplicite, portando alcune persone a credere che Olocausto cannibale era uno snuff film (in cui le persone vengono uccise davanti alla telecamera esclusivamente a scopo di lucro e intrattenimento).

L'accusa di omicidio è stata avanzata nei confronti del regista Ruggero Deodato. Deodato aveva assunto attori sconosciuti per la maggior parte dei ruoli, e parte dei loro contratti stabiliva che non potevano fare pubblicità per il film, al fine di mantenere la pretesa che il film fosse reale. Deodato ha dovuto produrre i suoi attori in tribunale per far cadere le accuse di omicidio.

L'elemento dei filmati trovati è stato uno dei motivi principali per cui il film è stato considerato autentico. Pensaci: quando hai visto Il progetto Blair Witch o Attività paranormale per la prima volta, non hai pensato, anche per un minuto, che potesse essere un vero e proprio documentario? Immagina se fosse la prima volta che quella tecnica aveva sempre stato usato. Naturalmente la gente crederebbe che sia genuino. Ma non era l'unico motivo.

Deodato non era solo un altro regista di sfruttamento trito e ritrito. Si è formato con alcuni dei migliori registi italiani dell'epoca, tra cui Roberto Rossellini e Antonio Margheriti. Il film è stato girato quasi interamente in esterni nelle vere foreste pluviali della Colombia, utilizzando tribù locali di popolazioni indigene. Molte delle tribù con cui Deodato ha lavorato praticavano il cannibalismo, anche se non nel modo ritualizzato rappresentato nel film.

Poi ci sono gli omicidi di animali. Sì, tutti gli omicidi di animali nel film sono autentici. Il film è spesso diffamato per queste scene, e sono molto difficili da guardare. Il British Board of Film Censors ha deciso che questo filmato non era peggiore di, diciamo, la morte di animali in Apocalisse ora. Tutta la carne di questi animali uccisi è stata data alla gente del posto, che l'ha mangiata con apprezzamento. Questo filmato legittimo ha aggiunto all''autenticità' complessiva del film.

Nonostante tutte queste polemiche, alcuni critici sostengono che Olocausto cannibale ha un commento sociale. Il film mostra efficacemente che le cosiddette persone 'civili' della moderna società occidentale non sono migliori dei nativi 'non civilizzati'. Si potrebbe anche sostenere che il film sia una dichiarazione sull'etica giornalistica o la sua mancanza.

Olocausto cannibale L'eredità brutale e controversa di questo film spesso mette in ombra il fatto che sia stato il primo film con filmati trovati. Sono seguiti centinaia di film e programmi TV che utilizzano questa presunzione, ma pochi hanno il realismo o l'abilità per essere memorabili.

Non potremmo mostrarti le immagini più raccapriccianti di questo film, come questo , lo scatto più iconico di Olocausto cannibale . Fai una ricerca su Google, se hai lo stomaco per farlo.



^