Ai Confini Della Realtà

I primi due nuovi episodi Ai confini della realtà fanno riferimento a questi quattro episodi classici

>

La più famosa serie televisiva antologica di fantascienza e horror di tutti i tempi è tornata.

Lunedì mattina, la nuova versione di Jordan Peele di Ai confini della realtà ha abbandonato i suoi primi due episodi in streaming. Per le persone che sono fan di Specchio nero ma mai guardato Ai confini della realtà , questa nuova versione dell'iconica serie Rod Serling degli anni '60 sembrerà familiare, ma anche, forse, stonata nella sua immediatezza. a differenza di Specchio nero , l'originale zona crepuscolare non si soffermava sull'iperbole tecnologica. Invece, i migliori colpi di scena speculativi nella Zona sono più vicini ai riflessi horror che alla fantascienza ammonitrice. In questo modo, la nuova versione della serie è esattamente come l'originale. Ma ci sono anche connessioni più profonde.

Anche se uno dei primi due episodi ha un titolo e una struttura sorprendentemente simili a un episodio della serie originale, le prime storie sono andate in onda nel nuovo zona crepuscolare non lo sono veramente adattamenti diretti o remake di episodi classici in particolare. Ma ci sono alcuni elementi molto familiari in questi episodi. Infatti le prime due novità Zone crepuscolari sembra riferirsi a circa quattro episodi della serie classica. Ecco come si rompe.



**Avviso spoiler: ci sono spoiler in vista per i primi due episodi di Ai confini della realtà : 'Il comico' e 'Incubo a 30.000 piedi'.**

comico twilight zone2

Credito: CBS

'Il comico'

uomini in nero piccoli alieni

Interpretato da Kumail Nanjiani nei panni di Samir, l'omonimo comico, questo episodio dà una svolta faustiana all'arte tramite cabaret. Fino a che punto andresti per diventare un grande comico? Quando Samir parla con una sfuggente comica famosa (Tracy Morgan) nel bar di un cabaret, gli viene rivelato il potere di fare grandi battute: basta fare i nomi delle persone reali sul palco. Una volta che Samir inizia a farlo, tutti quelli che menziona nel suo atto, dal suo cane ai rivali comici, cessano di esistere. In sostanza, Samir tesse intorno a sé un universo parallelo in continua evoluzione, finché anche lui smette di essere reale.

In termini di capacità di sbarazzarsi delle persone attraverso una sorta di potere psichico, questo episodio rende un leggero omaggio all'episodio originale 'It's a Good Life', in cui un ragazzo (Bill Mumy) minaccia tristemente di mandare le persone al campo di grano se non lo rendono felice. Non sappiamo dove Samir mandi le persone che elimina dalla realtà, ma l'assetto è simile.

Più interessante, però, questa storia fa riferimento a un episodio meno famoso di Zone chiamato 'Un bel posto da visitare'. In quello, un criminale si sveglia per ritrovarsi in un mondo in cui non può perdere. Crede di essere morto e di essere andato in paradiso. Alla fine dell'episodio, però, non riesce a sopportare tutto il facile successo e chiede invece di essere mandato all'inferno, solo per scoprire che è già lì.

Alla fine, quando Samir finisce per far parte del grande dipinto nel retro del locale, questo sembra un intelligente riferimento all'opera di Rod Serling Altro grande spettacolo dell'orrore, Galleria Notturna . In quella serie antologica, un'opera d'arte inquietante era spesso al centro delle storie e le persone finivano all'interno dei dipinti più di una volta.

incubo scott twilight zone.JPG

Attestazione:CBS

'Incubo a 30.000 piedi'

Un po' ovviamente, questo episodio fa riferimento al famosissimo originale zona crepuscolare episodio chiamato 'Nightmare at 20.000 piedi', in cui William Shatner interpreta un uomo con un piano che crede di vedere un mostro in agguato sull'ala. In questa versione, al titolo vengono aggiunti 10.000 piedi e non c'è nessun mostro sull'ala.

di che colore è una cometa

Ora, Adam Scott interpreta un giornalista investigativo iperattivo di nome Justin che ascolta un podcast inquietante che descrive in dettaglio una tragedia su questo volo, come se fosse già successo. Paradossalmente, Justin finisce creare il proprio destino ascoltando le informazioni nel podcast. E i mostri, in questo caso, non sono davvero letterali, ma invece, l'arroganza di Justin, il razzismo casuale, il disturbo da stress post-traumatico e la paranoia. Tuttavia, solo perché tutti sappiano di cosa stiamo parlando, una piccola versione in miniatura del gremlin che ha incasinato William Shatner è visibile tra i rottami dell'aereo alla fine dell'episodio, tra le onde della spiaggia, deridere il protagonista.

Ma, al di là dell'ovvio omaggio aereo/mostro, il dispositivo della trama di questo episodio in realtà fa più riferimento all'episodio 'A World of His Own', che è stato il finale di stagione della prima serie di Ai confini della realtà , nel 1960. In quell'episodio, uno sceneggiatore ha un registratore specifico che sembra controllare la sua realtà, che si adatta perfettamente al podcast iper-preveggente di Adam Scott. Anche 'A World of His Own' si ricollega a 'The Comedian', per una ragione specifica: se lo sceneggiatore taglia delle sezioni del nastro e le distrugge, le persone menzionate lì cessano di esistere.

Quindi, da qualche parte, in questo momento, Jordan Peele ha un podcast con tutti i nostri nomi? Se ci menziona in quel podcast, anche noi cesseremo di esistere?

Ai confini della realtà va in onda su CBS All-Access. Nuovi episodi escono ogni lunedì alle 9:00 ET.




^