Egitto

La prima mummia incinta mai trovata in Egitto è in attesa da quasi 2000 anni

>

Quando un team di scienziati ha utilizzato le scansioni TC per scartare virtualmente una mummia sulla cui bara era stato inciso il nome del sacerdote maschio Hor-Djehuty, non sembrava essere chi avrebbe dovuto essere. Non era certo la cosa più scioccante di questa scoperta, però.

L'archeologa e antropologa Marzena Ożarek-Szilke dell'Università di Varsavia ha guidato un team di ricercatori che stavano per terminare le loro indagini sulla mummia – il cui scheletro era alquanto delicato per un uomo – quando qualcosa è venuto alla loro attenzione. Già dalle scansioni erano certi che si trattasse del corpo di una donna. Quello che non si aspettavano era qualcosa che sembrava un minuscolo piede dentro il suo addome.

Il marito di Ożarek-Szilke, un egittologo, fu il primo a notare come padre di tre figli. Ulteriori scansioni e radiografie hanno rivelato che questa donna era morta incinta.



Questa mummia offre nuove possibilità per gli studi sulla gravidanza nei tempi antichi, che possono essere confrontati e correlati ai casi attuali, hanno detto gli scienziati in uno studio recentemente pubblicato su Rivista di Scienze Archeologiche , aggiungendo che questo esemplare getta luce su un aspetto non studiato delle antiche usanze funerarie egiziane e interpretazioni della gravidanza nel contesto dell'antica religione egiziana.

La mummia egiziana viene scansionata

Scansione di una mummia egiziana. Credito: Leon Neal/AFP/Getty Images

Quello che sembrava essere un caso di scambio di identità si è rivelato essere il prima mamma incinta mai trovato in Egitto. Poiché la tecnologia attuale è abbastanza avanzata da vedere oltre gli involucri, la mummia di questa donna, il cui nome rimane sconosciuto, non ha mai avuto bisogno di essere scartata. Era nata nella classe d'élite di Tebe (che è probabilmente il motivo per cui poteva permettersi una mummificazione decente ed è stata trovata tra le tombe reali), e la radiologia ha rivelato che era stata inviata nell'aldilà con molti amuleti magici. Era di età compresa tra 20 e 30 anni e incinta di circa 26-30 settimane. Sebbene fosse stata imbalsamata, il feto era rimasto intatto dentro di lei, ma perché?

Gli antichi egizi consideravano la denominazione come l'essenza stessa di una persona . Le anime dei morti potevano entrare nell'aldilà solo se venivano nominate. Le anime senza nome sarebbero perse per sempre e legate alla terra, vagando nell'etere. L'unico modo per garantire il passaggio dell'anonimo era l'attaccamento a qualcuno che era stato nominato. Per questo si ritiene che il feto non sia stato né asportato né mummificato perché finché è rimasto nella madre, anche dopo la morte, è stato visto come parte del corpo della madre. Non aveva nome perché non aveva ancora visto nulla al di fuori dell'utero. Gli imbalsamatori l'hanno lasciato nella madre in modo che potesse passare all'altro mondo come parte di lei.

Tuttavia, se il feto è stato lasciato all'interno della madre a causa della sua mancanza di personalità attraverso gli occhi degli antichi egizi, allora cosa può spiegare il due feti mummificati quelle sarebbero state le figlie del re Tutankhamon se fossero davvero nate? La regina di Tutankhamon, Ankhesenamun, ha abortito almeno due volte (è impossibile sapere se abbia avuto più aborti all'inizio della gravidanza). Alcuni egittologi danno la colpa alla consanguineità. Sebbene i feti abortiti non fossero sopravvissuti, avevano comunque lasciato il corpo della madre. Non facevano più parte del suo corpo. Questo forse spiega il motivo per cui sono stati mummificati. Sebbene i feti non fossero nominati individualmente, le bande d'oro su entrambe le bare erano incise con 'The Osiris'.

Se questo fosse davvero il motivo per cui il feto di questa mummia è stato lasciato dentro di lei e i feti abortiti di Tutankhamon e Ankhesenamun non lo sono stati è ancora ipotetico. Sebbene anche la causa della morte sia sconosciuta, non era un segreto che il tasso di mortalità fosse alto per le donne incinte nell'antico Egitto, che pregato Tawaret , dea della fertilità e del parto. Molti morirono anche di parto. Poiché è stata imbalsamata con così tanta cura, tracce di sangue sono state conservate in alcuni dei suoi tessuti molli, ed esaminarli potrebbe almeno provare o escludere agenti patogeni o altre tossine.

[La mummia incinta] apre nuove possibilità di ricerca sulla gravidanza nell'antichità e sulle pratiche legate alla maternità, gli scienziati hanno detto . Un approccio critico all'interpretazione delle mummie egiziane è [anche] necessario, poiché molte di esse non corrispondono alle loro bare.



^