R.l. Stine

'Fear Street' non è un adattamento diretto, ma l'autore R.L. Stine afferma che Netflix 'ha lo spirito giusto'

>

di Netflix Via della paura la trilogia potrebbe non essere basata su nessun libro di R.L. Stine 's serie di libri più venduti con lo stesso nome, ma secondo l'autore stesso, il team creativo coinvolto ne ha catturato l'essenza: ogni film è ambientato in un anno diverso (1994, 1978 , e 1666 ), ognuno segue un diverso insieme di protagonisti e ognuno si svolge all'interno della stessa regione geografica più ampia di Shadyside.

'Fear Street è nata perché stavamo cercando di capire come si fa una serie di romanzi horror?' Stine dice a SYFY WIRE. 'La maggior parte delle serie ha gli stessi personaggi libro dopo libro e non puoi davvero farlo. Sarebbe ridicolo avere le stesse due persone e veder accadere loro tutte queste cose orribili».

Poster di strada della paura

Credito: Netflix



La trilogia cinematografica, che ha debuttato la scorsa settimana con il suo ultimo film, ha il sigillo di approvazione di Stine. 'Non hanno usato molto dai libri, ma ne hanno colto lo spirito'.

aqua teen fame forza adulto nuotare

Una cosa fondamentale che i film mantengono intatta, tuttavia, è il coinvolgimento delle famiglie Fier e Goode, entrambe protagoniste della serie Fear Street Sagas. Sebbene Sarah Fier non abbia un posto di rilievo nei libri di Stine, ha un ruolo importante nei film, con la sua maledizione su Shadyside che continua fino al 'presente' nel 1994, nonostante sia stata uccisa nel 1600. Nel frattempo, lo sceriffo Nick Goode è un altro dei discendenti dei fondatori della città che cercano di combattere contro i mali di Shadyside.

'Sapevamo fin dall'inizio che volevamo creare una rivalità familiare', dice Stine a proposito del suo approccio ai libri, che ha visto i Fiers (che alla fine avrebbero cambiato l'ortografia del loro cognome in 'Fear' e quindi avrebbero continuato a hanno una strada intitolata a loro) si scontrano con i Goodes nella maggior parte delle puntate di quella serie. 'Volevamo che la famiglia Fier e la famiglia Goode fossero eternamente maledette e che combattessero sempre l'una contro l'altra e portassero sempre sfortuna l'una per l'altra'.

Sebbene aspetti della relazione Fier-Goode possano essere stati modificati quando la serie è passata da una pagina all'altra, un altro aspetto del Via della paura i libri entrano nei film. Nel complesso, la trilogia ha un lieto fine per un film horror, qualcosa che Stine dice di aver imparato a sue spese quando ha scritto e pubblicato Il migliore amico , che vede il suo protagonista finire in prigione mentre l'assassino stesso va in libertà.

'L'unica volta che ho fatto un finale infelice, [i lettori] l'hanno odiato. Si sono rivoltati contro di me', ricorda Stine. 'Mi ha seguito ovunque e quindi ho scritto un sequel per dargli un lieto fine. Dovevano avere un lieto fine, e questa è una cosa molto importante in Via della paura. '

RL Stine

Credito: Scholastic

Will Smith non nel giorno dell'indipendenza 2

Stine ha sperimentato in prima persona l'importanza di quella particolare caratteristica quando ha parlato con uno psicologo infantile anni fa, quando il Via della paura i romanzi venivano ancora pubblicati mensilmente. 'Questa paziente veniva a trovarlo ogni settimana e recitava semplicemente' Via della paura complotti a lui. Ed era una specie di modo per lei di affrontare le sue paure.'

Ovviamente Stine non scrive più Via della paura libri, concentrandosi principalmente sul Pelle d'oca ora, una serie che scrive da quasi 30 anni, avendo spaventato generazioni di bambini e i loro amici con tutto, da un manichino ventriloquo malvagio che prende vita (Slappy), o come si vede nella sua ultima uscita: Zombi di quinta elementare . Parte di ciò è dovuto al fatto che ha esaurito ogni trama a cui riesce a pensare quando si tratta di uccidere adolescenti immaginari, avendo persino trasformato una versione immaginaria di suo figlio in un vampiro alla fine di un particolare libro.

quanto tempo è passato nei morti che camminano?

Ma ciò che spaventa i bambini e gli adolescenti è cambiato così tanto? Dopotutto, anche il più recente Via della paura è ancora ambientato negli anni '90. Secondo Stine, non è che i giovani di oggi non abbiano cicatrici come facevano i bambini degli anni '90. Invece è una questione di tecnologia.

'I telefoni cellulari hanno rovinato ogni trama misteriosa. Questa è l'unica cosa che è cambiata', afferma Stine. 'Devo sbarazzarmi dei telefoni cellulari molto presto nel libro o non hai una storia. Nel Via della paura libro, Il numero sbagliato , le ragazze stanno ricevendo telefonate terrificanti. Ora guarda solo la parte anteriore del telefono. Lei sa chi è e il libro è finito».

RL Stine Fear Street La copertina del numero sbagliato

Credito: Simon & Schuster Children's Publishing

Sebbene scrivere horror per i lettori più giovani non sia cambiato molto, l'industria editoriale si è evoluta molto nel corso degli anni, soprattutto con la spinta a una maggiore rappresentazione nei libri per bambini e nel genere per giovani adulti.

'Voglio spaventare tutti', dice Stine del suo approccio. 'La cosa dei miei libri è che c'è pochissima caratterizzazione. Sono tutti completamente guidati dalla trama. Riguardano tutto ciò che accade dopo. Questo è tutto. E in un Pelle d'oca libro, descrivo quasi a malapena i personaggi perché voglio che i lettori si identifichino con il protagonista.'

è il canone delle guerre dei cloni del 2003?

Continua: 'Sono tutti in prima persona e tutto è visto attraverso gli occhi del protagonista. Voglio che il lettore immagini se stesso come quella persona. Quindi non faccio molta caratterizzazione.'

Stine ha visto e apprezzato tutti e tre Via della paura film, ma in realtà non guarda o legge molto horror quando non è al lavoro creando il suo, preferendo invece tuffarsi in un buon thriller di Harlan Coben o Michael Connelly, avendo recentemente finito e amato La legge dell'innocenza . E proprio come molti altri fan della cultura pop, si è divertito Bridgerton e Dolcezza , ed è attualmente tutto raggiunto Loki .

'Mi piacciono i film dell'orrore che sono spiritosi e divertenti allo stesso tempo. Non sono semplicemente horror. mi piace il Grido film. Hanno un altro livello, [più] satirico [e] meta. Ho davvero ammirato quei film. e Capanna nel bosco . Quel film inizia con adolescenti intrappolati in una capanna e si rivela essere qualcosa di completamente diverso. Mi piace', dice Stine.

'Non mi piace molto l'horror', ammette.

L'ultimo Pelle d'oca romanzo , Zombi di quinta elementare, adesso è disponibile. Tutti e tre Via della paura i film sono in streaming su Netflix.



^