Fbi

Quindi l'FBI ha rilasciato alcuni file di Bigfoot. Quali sono le probabilità che il sasquatch sia reale?

>

L'FBI ha, finalmente, rilasciato i file sulla sua indagine Bigfoot. Il breve tuffo nella verità dietro uno dei criptidi più famosi è iniziato con la corrispondenza di un certo Peter Byrne, direttore del Bigfoot Information Center and Exhibition, in Oregon. Ed è finita... beh, scopriamo se la verità è ancora là fuori.

netflix perso nel robot spaziale

UN X-FILE DALLA VITA REALE

Byrne scrisse per la prima volta all'FBI nell'agosto del 1976, scrivendo che il suo istituto aveva lavorato per sei anni per scoprire la verità, qualunque essa fosse, su Bigfoot. Byrne aveva scoperto di recente un campione di tessuto contenente quindici capelli e della pelle che non era riuscito a identificare. Partendo dal presupposto che l'FBI avesse precedentemente esaminato i presunti peli di Sasquatch - informazioni riportate nella pubblicazione del 1975 del Atlante ambientale di Washington — Byrne ha chiesto all'FBI di dare un'occhiata al suo campione. Byrne ha ulteriormente chiarito nella sua lettera: 'Per favore, comprendi che la nostra ricerca qui è seria. Che questa è una domanda seria che ha bisogno di una risposta.'



Il 10 settembre dello stesso anno, Byrne ricevette una risposta da Jay Cochran Jr., assistente del direttore della divisione dei servizi scientifici e tecnici presso l'FBI. Cochran ha dichiarato che l'agenzia aveva ricevuto diverse richieste in merito alle attività del Bureau nell'esaminare le prove di Bigfoot, dalla pubblicazione del Atlante ambientale di Washington , 'Tuttavia, non siamo stati in grado di individuare alcun riferimento a tali esami nei nostri file'.

Un memorandum incluso nei documenti rilasciati conferma che il Atlante ha riferito che 'un campione di peli di Sasquatch è stato analizzato dall'FBI e si è scoperto che non apparteneva a nessun animale conosciuto'. L'editore dell'Atlante, il dottor Steve Rice, è stato contattato dall'FBI in relazione alla sua fonte, che il dottor Rice non è stato in grado di individuare o fornire.

Campione di capelli Bigfoot dell'FBI

Campione di capelli e tessuto fornito al laboratorio dell'FBI. Credito: FBI Records: The Vault.

Byrne contattò ancora una volta l'FBI nel novembre del 1976 e richiese un'analisi comparativa del suo campione. Ha incluso un ritaglio di una foto di Bigfoot, solo per chiarire il suo intento. Cochran ha risposto poche settimane dopo affermando: 'Il laboratorio dell'FBI conduce principalmente esami di prove fisiche per le forze dell'ordine in relazione a indagini penali. Occasionalmente, caso per caso, nell'interesse della ricerca e dell'indagine scientifica, facciamo eccezioni a questa politica generale. Con questa comprensione, esamineremo i capelli ei tessuti menzionati nella tua lettera».

Con la richiesta di Byrne accolta, il campione è stato consegnato al Laboratorio dell'FBI, via posta, da Howard S. Curtis, Vice Presidente Esecutivo dell'Academy of Applied Science di Boston, Massachusetts. Cochran diede la sua risposta finale, a Curtis, nel febbraio del 1977, affermando che, dopo un esame che includeva 'uno studio delle caratteristiche morfologiche come la struttura delle radici, la struttura midollare e lo spessore della cuticola oltre ai calchi di scala', e il confronto con campioni di capelli noti , l'FBI ha trovato una corrispondenza. Erano peli di cervo.

Così finì una relazione di sei mesi tra l'FBI e un ricercatore di Bigfoot, e il... i documenti completi possono essere trovati nel caveau online dell'FBI . I risultati sono stati più o meno come previsto. Nonostante la conclusione sia tutt'altro che spettacolare, c'è qualcosa di meraviglioso in questa interazione civile e in un'indagine onesta su una questione così marginale.

Byrne sta facendo un serio tentativo di conoscere la verità. Quando non è stato in grado di confermare l'origine della sua scoperta, ha cercato un occhio esterno per rivedere le sue scoperte. Questa è la radice della buona scienza. E, mentre spesso ridiamo di coloro che sposano un interesse per il soprannaturale, Byrne ha ragione che questi possono essere argomenti di ricerca seria. Dopotutto, continuano a verificarsi avvistamenti della presunta creatura sfuggente. Che si tratti di un animale reale o di qualche altra spiegazione, è una domanda a cui solo la scienza può rispondere.

LA PROVA PER BIGFOOT

La prova principale dell'esistenza di Bigfoot si presenta sotto forma di avvistamenti individuali. Non solo le persone moderne, in tutto il mondo, affermano di aver visto grandi ominidi non umani, ma c'è una precedenza storica per l'affermazione.

Folklore dei popoli indigeni raccontato di uomini selvaggi , grandi ominidi pelosi che vagavano per il paesaggio. Queste leggende permeano le linee culturali e i continenti.

Mentre Bigfoot è principalmente una leggenda nordamericana, esistono storie simili un po' ovunque le persone vivano. Quasi ogni cultura ha la propria versione; lo Yeti in Himalaya, lo Yowie in Australia, il Mapinguari in Sud America, il Mande Barung in India, lo Yeren in Cina, l'elenco potrebbe continuare.

L'universalità della narrativa dell'uomo selvaggio attraverso le culture umane è, per alcuni, una prova convincente dell'esistenza di queste creature. È difficile immaginare come sarebbero emerse leggende disparate indipendentemente l'una dall'altra senza che ci fosse qualcosa di vero. Detto questo, la comunità scientifica, in generale, non è d'accordo.

A parte i resoconti orali e gli avvistamenti individuali, le prove principali dell'esistenza di una creatura simile a Bigfoot sono impronte e campioni di capelli. Questo è un buon punto per iniziare a cercare. Se una tale creatura esistesse, ci aspetteremmo che lascerebbe qualche traccia dietro. Tracce, campioni di tessuto e scat sono comunemente usati quando si rintracciano animali identificati, quindi perché non usare tattiche simili in questo caso.

cast dell'uomo nell'alto castello

Sebbene nulla di tutto ciò sia una prova conclusiva, è sufficiente che quasi il 30 percento della popolazione degli Stati Uniti concluda che Bigfoot sia sicuramente o probabilmente reale, secondo un sondaggio .

QUINDI, COME, BIGFOOT È REALE O NO?

Insomma, non lo sappiamo davvero. La giuria è ancora fuori sull'esistenza di Bigfoot. La scienza, per definizione, non può rivelarsi negativa. Tutto ciò che può fare è rivedere le prove disponibili e determinare se supporta un'ipotesi o meno. Finora, non sembra buono. Anche se l'assenza di prove non è uguale alla prova di assenza, abbiamo buone ragioni per essere scettici.

Certamente, scopriamo sempre nuove specie. Lo scorso anno sono state scoperte oltre 270 nuove specie , da solo, che vanno dalle piante ai rettili e ai mammiferi. Sebbene la maggior parte di loro fossero invertebrati e alcuni fossero estinti. È raro scoprire un nuovo grande mammifero vivente, anche se non inaudito . La stragrande maggioranza delle specie appena scoperte sono molto piccole e vivono in luoghi difficili da raggiungere. Sembra improbabile che ci sarebbero varie popolazioni di grandi primati che vivono tra di noi senza qualche prova concreta.

Vale la pena ricordare che non stiamo parlando di un singolo animale. Bigfoot, se esiste, deve necessariamente appartenere a una popolazione più ampia. È richiesto un numero minimo di individui per mantenere una specie e consentire la diversità genetica necessaria per la sua sopravvivenza continua. Per accettare l'esistenza anche di un solo Bigfoot, devi accettare l'esistenza di moltissimi. Tutti loro sono i campioni del mondo del nascondino, capaci non solo di rimanere nell'ombra, ma anche di eliminare qualsiasi prova che siano mai stati lì.

Nonostante gli avvistamenti, i calchi delle tracce e i campioni di capelli raccolti, non abbiamo trovato una sola prova conclusiva dell'esistenza di questi animali. Dove sono i corpi? Dove sono gli artefatti?

È molto più probabile che Bigfoot e le sue numerose varianti in tutto il mondo siano esse stesse un artefatto, non di qualche creatura reale, ma del nostro desiderio collettivo di un tempo ormai lontano. Il nostro desiderio di un mondo con dentro la magia, un mondo in cui non siamo soli .

Potrebbe essere il momento per noi di accettare che Bigfoot esiste solo nei nostri cuori, una manifestazione della nostra fame di mistero e scoperta, di vedere cosa c'è oltre quella cresta o dietro quell'albero. Questa è una buona cosa, una scintilla che dovremmo coltivare, perché conduce alla verità . E, come suggeriva Byrne in quelle lettere di 40 anni fa, non è questo il punto?



^