Da Allora In Poi

Ever After: c'era più di una Cenerentola in questo racconto

>

Il 31 luglio ha segnato il 20° anniversario di Sempre Dopo: Cenerentola quest'anno e non potremmo essere più grati per l'adattamento. Con Drew Barrymore e Dougray Scott, Da allora in poi segue la linea della narrativa storica, ambientando il racconto nella Francia dell'era rinascimentale con personaggi storici reali al posto dello sfarzo e degli elementi fantastici a cui tutti siamo abituati.

Molti di questi cambiamenti includono il nostro principe Henry (Dougray) essere fidanzato con il reale di un paese vicino, e la nostra protagonista che incontra effettivamente il principe prima del ballo - e persino portando avanti una storia d'amore segreta prima che alla fine la cerchi per la sua mano ( beh, piede) nel matrimonio.

Uno dei cambiamenti più sottovalutati che differenziano questa versione di Cenerentola, tuttavia, è che la nostra protagonista non è l'unico membro della famiglia che subisce abusi per mano della malvagia matrigna.



Ever After Jacqueline

Credito: Twentieth Century Fox

All'inizio del film, incontriamo Danielle De Barbarac (Barrymore), la figlia di un mercante che ha appena conosciuto la sua nuova matrigna, la baronessa Rodmilla De Ghent (Anjelica Huston), e le sue due sorellastre, Marguerite (Megan Dodds). e Jacqueline (Melanie Lynskey). Man mano che il film va avanti, raggiungiamo i soliti segnali di Cenerentola: Danielle è relegata a essere una domestica che dorme davanti al caminetto, ottenendo così il soprannome di Cenerentola. Proprio come Danielle viene insultata, però, anche la sorellastra Jacqueline riceve alcuni insulti.

Non parlare a meno che tu non possa migliorare il silenzio, le viene detto mentre recita come dovrebbe parlare una signora in mezzo ai capricci di sorella Marguerite. È abbondantemente chiaro che Marguerite è la preferita delle due figlie di sua madre ed è diventato più evidente pochi istanti dopo, quando i tre trapianti stanno facendo shopping e vediamo Rodmilla che cerca una spilla da comprare per Marguerite mentre Jacqueline se ne sta in disparte a fare uno spuntino. Questo si ripete più avanti nel film quando a Marguerite viene presentato un bellissimo completo di pavoni per il ballo, mentre a Jacqueline viene data una testa di cavallo e le viene persino detto che dovrebbe tirare la carrozza se potesse portarli lì più velocemente.

A differenza della maggior parte delle rivisitazioni di Cenerentola, Rodmilla non approfitta di avere due (tecnicamente tre) cavalli in corsa per così dire e riduce le sue probabilità concentrandosi esclusivamente su una figlia. È per e con Marguerite che cospira per ottenere il favore della famiglia reale nel tentativo di far avanzare il loro status.

Non è stato espressamente discusso il motivo per cui Rodmilla ne scelga uno piuttosto che l'altro - anche dicendo a Jacqueline che cosa fa Marguerite è per tutti loro - ma affina due qualità di Jacqueline che non le piacciono: il suo corpo e i suoi convenevoli verso Danielle.

In diverse scene, Rodmilla si assicura di far vergognare Jacqueline, incluso un momento in cui la prima dice alla seconda che avrà bisogno di un vestito più stretto nonostante l'abito attuale sia abbastanza stretto così com'è: se non si respira, non si può mangiare. Inoltre impedisce a Jacqueline di assaggiare il cioccolato che il principe offre alla famiglia durante una passeggiata con loro.

Abito Ever After Jacqueline

Credito: Twentieth Century Fox

Body shaming a parte, sembra che Rodmilla non sia molto contenta dell'idea che Jacqueline abbia un qualsiasi tipo di interazione piacevole con la sua sorellastra.

In un'interazione tra i Gent, Marguerite chiede a sua sorella, Onestamente, Jacqueline, da che parte stai? quando mette in dubbio il loro schema per usare l'abito (e la dote) di Danielle per attirare il principe Henry. In un altro, Rodmilla respinge il disgusto di Jacqueline per il trattamento più brutale di Danielle dicendo che l'unica ragione per cui Jacqueline partecipa al ballo è per il cibo.

Anche al ballo in questione, si vedono Rodmilla e Marguerite in piedi insieme mentre Jacqueline è di lato, ma non da sola. Anche se sobria, Jacqueline ha il suo piccolo per sempre felici e contenti, proprio come Danielle. Sebbene Rodmilla avesse indotto Marguerite a catturare l'attenzione del principe, ciò che lei non notò fu il capo della guardia reale, il capitano Laurent (Peter Gunn), che aveva un occhio per la figlia meno favorita.

Ever After palla

Credito: Twentieth Century Fox

All'inizio del film, il tentativo fallito di Jacqueline di attirare l'attenzione del Principe ha fatto ridere il Capitano, e più tardi al ballo, la coppia si è ritrovata a indossare costumi simili mentre esaminava il tavolo del cibo. È evidente che questo è qualcosa che i due hanno in comune - l'amore per i cibi deliziosi - ed è ovvio che lui è attratto da lei quanto lei lo è a causa del loro leggero flirt. Questo porta Jacqueline ad allontanarsi dalla sua famiglia e ad impegnarsi con lui in shock e simpatia invece di unirsi a sua madre e sua sorella che si divertono a degradare Danielle davanti alla corte.

Quando la storia si avvicina alla fine, Jacqueline viene ritrovata con il Capitano quando il Principe torna in sé e si rende conto di aver trovato un suo pari in Danielle, e Jacqueline viene trascinata in questa unità dopo aver rivelato (con leggero disgusto) il destino dell'amata del monarca dopo la sua caduta in disgrazia alla mascherata.

Alla fine, Jacqueline non solo si è procurata una consorte legata ai reali, ma è anche liberata dagli abusi verbali di sua madre, che, insieme a Marguerite, è stata punita per i loro intrighi e crudeltà. Non si vergognerà più del suo aspetto e del cibo che consuma, e non si sentirà più come la sorella che nessuno di importante amerà, poiché presumibilmente ha ottenuto un posto alla corte reale e un corteggiatore per giunta!

E così, proprio come Danielle, anche Jacqueline vivrà per sempre felici e contenti.



^