Ryan Murphy

Evan Peters sull'interpretazione di 6 leader di cult separati in American Horror Story: Cult

>

ATTENZIONE SPOILER: Storia dell'orrore americana: Culto gli spoiler infestano qui sotto!

Se non sei stato al passo con Storia dell'orrore americana: Culto , ti stai perdendo un corso di perfezionamento sulla paura, come insegnato da AHS il veterinario della serie Evan Peters. Ma Peters ha dovuto imparare i suoi modi orribili da qualcuno. O molti sinistri, nel caso di questa stagione.

In una lunga e informativa intervista sul processo tisico dell'attore, Peters ha detto Il giornalista di Hollywood che ha incanalato non meno di sei leader di setta, che interpreterà tutti prima o poi in questa stagione. Oltre al suo personaggio principale, Kai Anderson, leader del culto in fiore dalla faccia di Cheeto e che si scatena su Fox News, Peters sta anche assumendo i ruoli dei veri controllori mentali Andy Warhol, Charles Manson, David Koresh, Jim Jones e Marshall Applewhite. (Ragazzo, Warhol è stato sicuramente raggruppato in qualche cattiva compagnia lì!)



Per realizzare un'impresa del genere, Peters ha lavorato più duramente e si è immerso nell'oscurità più a fondo di quanto non sia mai stato, il che a quanto pare ha influenzato la sua psiche a volte.

'La sfida come attore di interpretarli tutti era piuttosto scoraggiante, e Kai è il più feroce di tutti i leader del culto. È stato un personaggio difficile da interpretare, con molti alti e bassi e molta oscurità,' Peters ha detto . 'Sono entusiasta di avvolgere e andare in vacanza.'

Forse anche il fatto che ha influenzato la psiche di Peters è stato il fatto che non sapeva nemmeno in anticipo che avrebbe trascorso così tanto tempo in più sullo schermo. Il creatore Ryan Murphy non gli ha detto molto prima dell'inizio delle riprese, è semplicemente apparso un giorno nella roulotte dell'attore e ha detto, ho bisogno che tu sia Andy Warhol.

'A questo punto ero profondamente coinvolto, esausto e sopraffatto da Kai, ed ero proprio come, 'Oh. OK. Lo farò assolutamente.' (Ride).'

Apparentemente Peters era così bravo che Murphy gli ha chiesto di interpretare il resto dei leader di setta pazzi e molto più assassini. Naturalmente, se hai guardato lo spettacolo, probabilmente ti starai chiedendo come queste figure della vita reale si inseriscano nel Michigan moderno. Beh, non rovina, ma Peters ci assicura che in realtà è basato sulla storia.

La prima stagione di Culto era assolutamente terrificante, e gran parte di ciò era dovuto alla performance di Peters, che era avvincente carburante da incubo. Quando sei in un episodio pieno di pagliacci assassini, e non sei davvero un pagliaccio ma sei ancora la parte più spaventosa dello spettacolo, allora sì, hai fatto i compiti del terrore.

(attraverso Il giornalista di Hollywood )




^