Opinione

Abbracciare il tuo vero sé — Rivisitare Inaba e Persona 4 dieci anni dopo

>

Il Shin Megami Tensei serie di videogiochi sono un po'... strane. Non lo dico come negativo, anzi, tutt'altro. Questi giochi sono dotati di una narrazione avvincente, intricati dungeon crawler, personaggi che dichiarerai miglior ragazzo o miglior ragazza e colonne sonore che farai esplodere in macchina mentre vai al lavoro: non lo vedrai mai arrivare!

Questo è particolarmente vero per il Persona franchise, che è sempre pieno di simbolismo e argomenti correlati abilmente mascherati da battaglie con i boss e macinazione di livelli.

La prima volta che ho posato gli occhi su un Persona gioco era con Persona 3 , dove evochi Pokémon abbagliati sparandoti alla testa tra classi, club scolastici e waifus. Sulla carta, sembra che il più eccitante degli anime si sia ubriacato e si sia collegato a una PlayStation e, come ogni buon anime da capogiro, le stranezze sono una facciata per una trama molto più profonda. E tu sai cosa? Mi sono goduto ogni secondo da brivido, pensavo che non ci sarebbe mai stato un gioco che mi sarebbe rimasto impresso come questa jam di Atlus.



non sono un simpatico scheletro

Poi, 10 anni fa, mi è stato presentato Persona 4 .

È il mio JRPG preferito di tutti i tempi. Diavolo, oserei dire che è il mio videogioco preferito, punto!

Persona 4: d'oro

Credito: Atlus

Sembra abbastanza semplice: un gruppo disordinato di liceali sta cercando di risolvere una serie di omicidi in corso nella loro piccola città. È come un maturo valutato Scooby Doo in cui le vittime vengono lasciate appese all'antenna televisiva. C'è anche un orso parlante.

Eh, se un alano può abbaiare parole leggibili, possiamo fare i conti con un orso che fa giochi di parole arroganti.

Questo è un ambiente molto più spensierato di Persona 3 . Non stai camminando davanti alle bare mentre vai al tuo dormitorio o combattendo la rappresentazione fisica della morte. Ma non lasciarti ingannare, perché il gioco ricorda le sue radici e prende rapidamente una svolta per lo strano. C'è un mondo dentro i nostri televisori, un canale su cui la gente può sintonizzarsi e testimoniare il 'vero sé' di qualcuno, la forma che cercano di sottomettere a favore di una facciata di normalità.

La formula di Persona 4 fa qualcosa del genere: il personaggio A viene rapito e gettato nel mondo della TV. A mezzanotte in punto, la loro 'ombra' viene vista in TV, versare tutti i tipi di tè bollente. Come personaggio principale, sta a te entrare nella televisione e salvarli, e ogni dungeon rappresenta un aspetto diverso e bizzarro della vita del personaggio A.

boku no hero academia live action

Una volta arrivato al personaggio A, li trovi faccia a faccia con il loro doppelganger dagli occhi gialli, negando la loro intera esistenza. Questo porta all'ombra che si capovolge e si trasforma in una bizzarra rappresentazione del personaggio A. Da letterali uccelli in gabbia a tizi muscolosi circondati di fiori, che implorano di essere accettati, questa è la battaglia del boss, e tutti combattono fino alla morte - un po', perché nessuno muore effettivamente. Invece, il personaggio A fa i conti con chi è veramente e la sua ombra si trasforma in un personaggio, il Pokémon abbagliato di cui ho parlato prima. Quindi procedono a utilizzare quella versione potenziata di se stessi per aiutarti a salvare il mondo.

È uno dei momenti di 'credi in te stesso' più soddisfacenti che abbia mai avuto in qualsiasi forma di media.

Ogni personaggio che si unisce alla tua squadra ha il proprio arco narrativo, in cui devono affrontare ciò che sono convinti sia una parte negativa di loro, quando in realtà è qualcosa che devono abbracciare per raggiungere il loro pieno potenziale. Gelosia, solitudine, frustrazione, incertezza, lotte con il genere, domande sulla sessualità: questi sono tutti argomenti con cui il nostro cast di adolescenti deve affrontare. Nonostante l'idea che tali argomenti siano troppo 'adulti' per i sedicenni, siamo realisti: ci siamo messi tutti in discussione tra una lezione e l'altra, perché il liceo è l'alta stagione della crescita e dello sviluppo personale. Questo è esattamente ciò che questo gioco esplora, un giorno alla volta, in un intero anno scolastico giapponese.

che morirono tutti nella guerra infinita

Ciò che consolida questo gioco come uno dei preferiti è che tutti i sentimenti che emergono dal mondo televisivo sono trattati come legittimi, reali e qualcosa da accettare, non conquistati. Il più delle volte ci viene detto che le nostre emozioni non positive sono brutte, qualcosa che dovrebbe essere sconfitto invece di parlarne e comprenderlo appieno. Questo è particolarmente vero se sei una donna di colore. Siamo annunciati come tosti forti e onnipotenti che possono salvare tutti da se stessi... o siamo sminuiti per essere troppo rumorosi e troppo orgogliosi, di solito un mix ipocrita di entrambi. In conclusione: raramente veniamo visti come esseri umani reali, che respirano con sentimenti e ammettere qualsiasi tipo di emozione oltre a 'indipendente', 'forte' e 'impertinente' è visto come un tabù.

Quindi immagina di essere una strana ragazza nerd nera come me, aggrappata a un controller PlayStation 2 e ricevere un messaggio di 'abbraccia il tuo vero sé' ed essere ricompensata per averlo fatto. Non uccidi l'ombra quando vinci la battaglia; quello che fai in realtà è creare un'apertura per il personaggio A per camminare, scusarsi, abbracciarlo completamente e diventare la migliore versione di se stesso così facendo. Quando arrivi all'ultimo membro del gruppo, non provi nemmeno a impedirgli di negare chi sono veramente. Ti viene detto di lasciare che se ne occupino perché la negazione, a quel punto, viene trattata come parte del processo.

Naturalmente, il gioco segue i passi del suo predecessore. C'è una colonna sonora avvincente, un sacco di waifu tra cui scegliere e decisioni difficili come scegliere tra il Drama Club e l'allenamento di calcio. Ma proprio come il suo predecessore, c'è un messaggio più grande nella bottiglia, uno che risuona ancora in me 10 anni dopo.



^