Spazio

La Terra potrebbe non essere sola, perché pianeti alieni come il nostro potrebbero nascondersi dietro la luce delle stelle

>

Le stelle possono spesso fungere da torce nello spazio, proiettando fasci di luce su oggetti che altrimenti rimarrebbero nascosti nell'oscurità, ma i pianeti sconosciuti possono essere oscurati dal loro bagliore.

cos'è un meta scherzo?

Vediamo il nostro sistema solare come la norma solo perché viviamo qui. Al di là del nostro territorio cosmico, circa la metà dei sistemi stellari sono binari (e il nostro potrebbe essere stato una volta ), quindi vivere un'alba o un tramonto su uno dei loro pianeti sarebbe come stare in piedi su tatooine . Realtà fantascientifica a parte, potremmo non sapere nemmeno che molti di questi pianeti esistano, dal momento che una nuova ricerca ha scoperto che precedenti ricerche sugli esopianeti forse si stavano perdendo su molti pianeti simili alla Terra in questi sistemi binari.

Circa la metà di tutte le stelle che si trovano in sistemi binari potrebbe significare che il bagliore di questi sistemi ha reso impossibile vedere fino alla metà dei pianeti esistenti di dimensioni vicine alla Terra. Tali pianeti potrebbero essere molto più comuni di quanto si pensasse in precedenza, e alcuni di essi potrebbero anche essere abitabili.



Nei sistemi di esopianeti contenenti stelle ospiti binarie, c'è un pregiudizio osservativo contro il rilevamento di transiti di pianeti di dimensioni terrestri a causa della diluizione della profondità di transito causata dalla stella compagna, hanno detto gli astronomi dell'Ames Research Center della NASA in uno studio condotto da Katie Lester e recentemente pubblicato in Astrofisica Solare e Stellare .

TESS aveva originariamente trovato questi sistemi stellari, ma identificarli come binari richiedeva soprattutto una visione ad alta risoluzione. Questo è il motivo per cui Lester e il suo team hanno utilizzato i telescopi gemelli al Osservatorio Gemelli del NOIRLab della National Science Foundation (NSF) per determinare quali punti luminosi apparentemente singoli osservati da TESS provenissero effettivamente da due stelle contemporaneamente. TESS, come altri telescopi che perlustrano l'universo alla ricerca di esopianeti, utilizza il metodo dei transiti per trovarli. Quando l'orbita di un pianeta lo porta di fronte alla stella (almeno dal punto di vista del telescopio) e transita su quella stella, TESS vede un oscuramento nella luce di quella stella.

Ciò che può rendere problematico il metodo del transito è che alcuni pianeti potrebbero non essere abbastanza grandi da bloccare abbastanza luce da un sistema stellare binario per poterlo registrare come transito. Non aiuta quando le stelle binarie che sono vicine tra loro vengono facilmente scambiate per una sola stella. A seconda delle dimensioni e della luminosità delle loro stelle, anche i pianeti più grandi potrebbero passare inosservati. Gli astronomi invece si sono affidati interferometria speckle . Questa tecnica coinvolge matematica, hardware e tecnologia avanzata che consentono ai telescopi terrestri di raggiungere il limite di diffrazione — la risoluzione massima alla quale il telescopio può osservare senza che la qualità dell'immagine venga compromessa.

rimorchio diesel vin cacciatore di streghe

Gli strumenti speckle 'Alopeke su Gemini North in Hawai'I e Zorro su Gemini South in Cile raggiungono il limite di diffrazione scattando migliaia di immagini a rapida esposizione che congelano visivamente l'atmosfera. Questi vengono poi ulteriormente perfezionati dall'intervento matematico ed elaborati attraverso un software specializzato per produrre immagini abbastanza chiare da competere con un telescopio spaziale. I telescopi spaziali hanno una vista così straordinaria perché non hanno l'atmosfera terrestre nel modo. Le immagini di macchie fanno apparire lo spazio come se la Terra non avesse atmosfera.

Grazie all'imaging a macchie, Lester e il suo team sono stati in grado di ottenere una visione così chiara delle stelle binarie che altrimenti sarebbero state troppo vicine per distinguerle.

Altri studi di imaging hanno suggerito questa scarsità di binari molto strettamente separati in sistemi che ospitano esopianeti, ma l'incompletezza a piccole separazioni rende difficile districare i compagni inosservati da una vera mancanza di compagni, hanno detto nello studio.

steve rogers capitan america 2

Anche i noti sistemi stellari binari hanno avuto una seconda occhiata con il telescopio WIYN al Kitt Peak National Observatory, sempre nell'ambito del programma NSF NOIRLab. Mentre in precedenza si sospettava che il bagliore delle stelle binarie potesse impedire la visibilità dei pianeti in transito, questo è il primo studio a fornire prove osservative reali di ciò. Sapere se una stella è singola o binaria potrebbe rivelare se ci sono piccoli pianeti in un sistema. Quando sono in transito in un sistema binario, la sua luce intensa potrebbe facilmente inghiottirli.

Allora, alieni? Troppo presto per quello, ma potremmo almeno finire per trovare altre Terre che potrebbero avere quello che serve perché una qualche forma di vita sopravviva là fuori.



^