Steven Spielberg

E.T. vs Poltergeist: due facce della stessa medaglia di Spielberg?

>

Era l'estate del 1982 e Steven Spielberg aveva due grandi film di successo in uscita contemporaneamente, distribuiti a una settimana di distanza l'uno dall'altro a giugno. uno era E.T.: L'extraterrestre , che ha diretto e per il quale ha ideato la storia. L'altro era Poltergeist , di cui è stato produttore e coautore della sceneggiatura. Sebbene il direttore di Poltergeist cosa Tobe Hooper ( Il massacro della motosega del Texas ), è stato ampiamente creduto per anni che Spielberg fosse il 'regista ombra' del film. Uno sguardo al film lo conferma: assomiglia molto al lavoro di Spielberg e a nulla che Hooper abbia mai fatto prima o dopo.

Ad ogni modo, Spielberg è stata la principale forza creativa di entrambi i film, e uno sguardo più attento rivela che, in molti modi, sono in larga misura paralleli tra loro, con una grande differenza. Nel E.T. , l'elemento sconosciuto iniettato nella vita di una famiglia suburbana è benevolo e proviene interamente da un altro pianeta; in Poltergeist , l'incognita è malevola e fa parte di questo mondo. L'uscita di questi due film così ravvicinati, entrambi contenenti elementi tematici e narrativi che erano nella mente di Spielberg all'epoca, suggerisce che fossero – inconsciamente da parte di Spielberg o meno – intesi come immagini speculari.

l'incubo prima delle zucche di natale

Entrambi i film riconducono probabilmente alla stessa fonte: Cieli Notturni . Dopo aver finito Incontri ravvicinati del terzo tipo -- un'altra storia di contatto con alieni che si rivelano amichevoli -- Spielberg voleva affrontare il lato oscuro dello stesso concetto e ha inventato la storia per Cieli Notturni , che seguirebbe gli esseri umani sotto l'orribile attacco di alcuni esploratori alieni davvero cattivi. Spielberg ha avuto una sceneggiatura commissionata (da John Sayles), ha elaborato i disegni delle creature (di Rick Baker) e aveva persino un regista in mente: Hooper. Ma alla fine ha deciso di concentrarsi su un solo elemento della storia - uno degli alieni si rivela gentile e fa amicizia con un ragazzo di una famiglia distrutta - e Cieli Notturni diventato E.T.



Ma forse Spielberg non ha abbandonato Cieli Notturni completamente, prendendo l'idea di una terrificante intrusione ultraterrena e trasformando il suo film 'scienza horror' in un vero e proprio film horror con Poltergeist . E con entrambi E.T. e probabilmente Poltergeist provenienti dallo stesso DNA - Cieli Notturni -- sembra quasi ovvio ora che le due immagini emergano come una visione Jekyll e Hyde dello stesso concetto di base.

Diamo un'occhiata ai fatti: entrambi i film sono ambientati in una periferia bucolica, quasi con lo stampino, della California. Entrambi sono incentrati su famiglie con tre bambini la cui età è approssimativamente allineata, sebbene la composizione di queste due famiglie sia leggermente diversa. Entrambi prevedono l'intervento negli eventi della storia da parte di agenzie esterne, nel caso di E.T. , è il governo, mentre in Poltergeist è un team di parapsicologi. E, naturalmente, entrambi i film sono messi in moto da quelle famiglie che entrano in contatto con quelle forze sconosciute di cui abbiamo parlato prima, una radicata nella teoria scientifica e l'altra saldamente radicata nel soprannaturale.

Ma cosa stava cercando di dire Spielberg con i suoi film gemelli, uno pieno di oscurità e l'altro di luce? La risposta, forse, sta nella storia personale dell'uomo stesso. Spielberg era uno dei quattro figli nati da Arnold e Leah Spielberg, e la famiglia apparentemente idilliaca è andata in frantumi quando la coppia si è separata. Steven è andato a vivere con suo padre in California, mentre Leah e le tre sorelle di Steven sono finite in Arizona.

come leggere manga berserk

L'idea di una famiglia divisa, e di genitori troppo distratti dalle proprie preoccupazioni per prestare molta attenzione ai propri figli, è stato un tema costante durante l'intera carriera cinematografica di Spielberg. Se gli artisti creano la loro arte in parte come un modo per risolvere le questioni della vita umana e del comportamento che li sconcertano, allora la domanda sul perché le persone si disinnamorano - con se stesse, tra loro e con le loro famiglie - e si allontanano è l'unico indovinello che ha perseguitato Spielberg per tutta la sua vita.

Nel Poltergeist , i Freeling sono essenzialmente integri e praticamente l'archetipo perfetto di una famiglia americana suburbana - che è probabilmente il modo in cui un giovane Spielberg vedeva il proprio clan. L'adolescente Steven non riusciva a capire le forze che hanno separato sua madre e suo padre, dividendo la sua famiglia in due fazioni, proprio come i Freeling non possono capire i poteri soprannaturali che stanno tentando di distruggerli. Il mistero di come l'unità apparentemente indistruttibile che conosciamo come la famiglia possa implodere così all'improvviso e così drasticamente potrebbe essere spiegato solo - a Steven Spielberg intorno al 1982 - nei termini più violenti e soprannaturali possibili.

Quella configurazione familiare è già fratturata in E.T. ; Mary (Dee Wallace) è una mamma single nel film e non ci viene mai detto dove sia il suo ex marito. Sappiamo solo che il suo secondogenito, Elliott (Henry Thomas), è solo e perso senza quella struttura familiare tradizionale. Ci vuole una forza esterna nella forma di un alieno saggio e benevolo - che rappresenta la scienza, la tecnologia e le storie di immaginazione in cui il giovane Steven stesso è fuggito - per dare a Elliot un sentimento di amore e speranza ancora una volta.

Poltergeist riguarda la tentata distruzione dell'unità familiare da parte di forze che non possiamo comprendere o controllare; ha solo un (relativamente) lieto fine perché Spielberg non riesce quasi mai a concludere con una nota desolante. Ma E.T. ci porta una famiglia che non è riuscita a superare intatta lo strizzatore, e mostra come quella famiglia abbia bisogno anche di un intervento esterno, un po' più comprensibile, per metterla almeno sulla strada della guarigione. Dall'interno della sua stessa psiche e della sua lotta con i concetti di amore e famiglia, Steven Spielberg ci ha regalato due dei più grandi film di genere di tutti i tempi... forse senza nemmeno rendersi conto che in molti modi stava raccontando una grande storia.



^