Batman: La Serie Animata

La femme fatale condannata di Batman: Mask of the Phantasm

>

Generalmente considerato un po' un classico di culto, Batman: Maschera del Fantasma uscì nelle sale il giorno di Natale del 1993, avendo ricevuto uno scarso budget promozionale, e uscì prontamente nelle sale senza riuscire a fare molto colpo. Sebbene i film dei principali studi cinematografici generalmente non perdano davvero denaro e MotP alla fine ripulito nel video e alla fine ha realizzato un profitto, è ancora considerato un fallimento al botteghino, come lo sono molti film, perché non ha cancellato il suo budget durante la sua uscita iniziale. Uno dei pochi esempi esistenti di film d'animazione basato su fumetti uscito nelle sale, la storia è una miscela di elementi delle storie Batman: Anno Uno e anno due , entrambi hanno dato uno sguardo più da vicino a come esattamente il protagonista è passato da Bruce Wayne a Batman.

Ci ha anche presentato quelli che a prima vista sembrano essere due personaggi diversi che si fondono in uno: il vigilante omicida Phantasm e l'amore perduto di Bruce, Andrea Beaumont. Rivelata essere la stessa cosa alla fine del film, l'apparente impotenza in stile femme fatale di Beaumont viene riprodotta fino all'ultimo minuto, quando scopriamo che non è solo una truffatrice da giardino: è un vigilante fisicamente alla pari con Batman e che infligge la propria vendetta, incurante di chi o cosa viene catturato nel fuoco incrociato. Più simpatico del tuo vampiro standard, ma anche un combattente più abile e un maestro manipolatore, Andrea è un personaggio interessante che purtroppo non vedremo mai più molto dopo questo film. Eccezioni come un sequel di fumetti che è stato rilasciato come edizione annuale nel 1996 e le ricomparse del personaggio dei fumetti che l'hanno ispirata a parte, Andrea Beaumont è un altro personaggio che meritava un po' più di quello che ha ottenuto dal mondo.

Maschera del Fantasma inizia in un grattacielo con un gruppo di cattivi il cui incontro viene interrotto da un Batman molto arrabbiato. Uno dei criminali tenta di fuggire e viene ucciso da un altro vigilante mascherato, fisicamente simile a Batman ma molto più terrificante. Questo è il Fantasma, un killer dalla voce profonda che insegue l'elemento criminale di Gotham e infligge una punizione più sanguinosa per i suoi crimini, consentendo a Batman di prendersi la colpa agli occhi del pubblico.



motp2

Credito: Warner Bros. Animation

Un infelice e senza scopo Bruce Wayne riflette sul suo amore perduto, Andrea Beaumont, a cui si era proposto molto tempo fa nei suoi primi giorni come vigilante. Si sono incontrati sulla tomba di sua madre, dove lui si imbatte in lei che apparentemente borbotta tra sé e sé, rendendosi conto solo dopo che l'ha interrotta che sta parlando con la lapide di sua madre. Bruce e Andrea flirtano un po' prima che lei salga in macchina e si allontani dal cimitero. Lei viene a trovarlo pochi giorni dopo, e diventano un oggetto. Dopo un po', Bruce visita la tomba dei suoi genitori per dire loro che è felice e che non può diventare l'eroe che aveva promesso loro che sarebbe diventato. Lui propone ad Andrea, e lei dice di sì. Poco dopo, è costretta a lasciare Gotham a causa del debito di suo padre, per il quale viene successivamente assassinato. Restituisce l'anello di Bruce e svanisce, apparendo ai giorni nostri insieme ai problemi di Bruce con il Fantasma. Alla partenza di Andrea, abbracciò quella che percepiva come l'impossibilità della propria felicità e divenne Batman.

Bruce si rende conto che il Joker era uno dei criminali che hanno fatto diventare Beaumont il Fantasma per vendicarsi, e si reca al vecchio parco di divertimenti del padre di Beaumont, Il mondo del futuro, che è caduto in rovina ed è diventato la casa del Burlone. Hanno tutti una rissa, che porta Beaumont ad avere la meglio sul Joker mentre urla dalle risate. Batman la supplica di lasciarsi andare, ma lei non può. Preferirebbe andare in fiamme con il Joker piuttosto che vivere in un mondo in cui esiste. Più tardi, le viene mostrato di sopravvivere, ma confessa a uno sconosciuto che è morta dentro. Con il loro amore andato e il loro rispettivo futuro in questione, il film volge al termine cupo.

motp9

Credito: Warner Bros. Animation

Il copione per MotP è fantastico, e dà al pubblico molto da masticare per quanto riguarda la psicologia di Bruce Wayne e come vede Batman come una creatura in qualche modo più grande di lui. Mentre questo gli dà uno scopo, è anche il più grande ostacolo alla sua felicità. Questo è ulteriormente approfondito nel podcast sempre affascinante Le sessioni di Arkham in la loro puntata dedicata al film , ma il fatto è che Bruce ha diviso ciò che vuole e ciò di cui Batman ha bisogno in due mondi inconciliabili. Mentre Andrea inizialmente lo contesta, alla fine lo conferma.

Da parte sua, Andrea è un personaggio davvero affascinante, e si distingue da quello che si potrebbe definire un vampiro da giardino. La sua abilità di combattente la mette fisicamente nello stesso regno di Bruce, e la sua scelta consapevole di presentarsi come un maschio quando commette i suoi crimini aggiunge un certo elemento di consapevolezza di come questi uomini vedono le donne e una mancanza di tolleranza per giocare secondo le loro regole. Piuttosto che dimostrare di essere una minaccia, si affida al loro pregiudizio di genere per ottenere la caduta su di loro.

Ancora più interessante e unico per un interesse amoroso di un supereroe, Andrea prende assolutamente zero risate da Bruce o Batman. Non tollera il suo moralismo e si rifiuta di permettergli di fare l'eroe per lei. Per quanto provi un grande affetto per lui, la sua accettazione della propria malvagità rispecchia l'abbraccio della sua identità di Batman. I suoi errori sono tragicamente, ovviamente evitabili, ma insiste nel farli da sola. All'inizio, Batman crede di metterla in pericolo con le sue scelte, solo per scoprire in seguito che non avrebbe avuto tale preoccupazione per il suo pericolo per lui. L'amore che Andrea prova per lui non è meno reale per la sua disponibilità a sacrificarlo sull'altare della propria vendetta.

motp6

Credito: Warner Bros. Animation

Sarebbe impossibile affrontare la qualità complessiva di questo film senza menzionare il cast, che è eccellente anche da uno spettacolo che ha prodotto interpretazioni memorabili coerenti da parte dei suoi attori. Un cameo dell'amato caratterista Dick Miller di Gremlins e Secchio di Sangue accanto a un ruolo un po' più importante da La trilogia del padrino 'S Abe Vigoda ha dato il tono alla grandezza fin da The Bat (gioco di parole). Kevin Conroy è tornato da TAS per interpretare il ruolo di Batman. Ben noto per aver interpretato Bruce Wayne per una parte significativa del mondo animato DC, la sua voce è quella che molte persone associano definitivamente al personaggio.

fan di TAS riconoscerà il lavoro svolto sulla colonna sonora da Shirley Walker, una compositrice che in seguito citerebbe il suo lavoro su questo film come uno dei migliori della sua carriera. Seguendo la struttura di base del tema della serie animata e partendo da lì, la versione espansa della colonna sonora rende l'ascolto davvero fantastico. C'è una canzone R&B apparentemente fuori luogo che la chiude chiamata I Never Told You cantata da Tia Carrere. Alla fine, lo status di Carrere come una stella nascente che aveva appena recitato nel primo Il mondo di Wayne film lo rende un'altra curiosità interessante.

Mark Hamill torna con la sua interpretazione iconica e esagerata del Joker. L'abbraccio specifico dell'umorismo maniacale e delle cattive battute del Joker di Hamill è diventato considerato una delle migliori versioni del cattivo. La sua risata stridula e incontrollabile è più evidente che con qualsiasi altra ripresa, ma è proprio ciò che lo rende così felicemente a disagio da guardare. Anche se lancia continui giochi di parole, come ad esempio Che cos'è un veterano come vuoi con un due timer come me?, non c'è mai un momento in cui non sia completamente terrificante. I suoi movimenti sono troppo aggressivi, i suoi lineamenti sono troppo rigidi e il suo tono ha una furia di fondo che fa capolino abbastanza spesso che il pubblico non dimentichi mai che è lì. Hamill ha ricevuto molti elogi per il suo Joker, e tutto il clamore è vero; è uno dei migliori attori che abbia mai interpretato il ruolo, e Maschera lo mostra al top del suo gioco.

motp7

Credito: Warner Bros. Animation

Un nuovo arrivato per il franchise è stata Dana Delany come voce di Andrea Beaumont. Ancora una volta, Delany è fantastica nel ruolo, e il suo aspetto volutamente freddo che copre a malapena una vulnerabilità spinosa si presenta perfettamente. La sua interpretazione ha impressionato così tanto i produttori dello spettacolo che in seguito, quando Superman ha ricevuto la sua eccellente e sottovalutata serie animata, è stata scelta come Lois Lane. Sebbene il suo tono sia immediatamente riconoscibile come Lane per molti fan dell'universo animato DC, la sua performance qui merita di essere catturata. Beaumont e Lane sono due personaggi molto diversi, ma hanno una cosa in comune: sono duri come le unghie e Delany fa un ottimo lavoro su entrambi.

L'estetica di TAS è eseguito in modo impeccabile, con la sua versione molto specifica di Gotham, composta da angoli rigidi, paesaggio urbano tentacolare e design art déco monocromatico. L'alta qualità dell'animazione è forse la cosa più importante che distingue lo spettacolo così lontano dagli altri cartoni animati del suo tempo. L'aspetto lunatico dell'animazione rende la visione eccellente. Sebbene alcune vecchie copie del film siano un po' confuse, da allora è stato rimasterizzato e il mondo è migliore per questo.

Indipendentemente da quando lo vedi o da come lo guardi, Maschera del Fantasma vale ancora completamente il tuo tempo. Gli elementi che sembrano datati si fondono così bene con l'atmosfera intenzionalmente retrò della serie animata. Il risultato finale è un elegante neo-noir con l'ulteriore complessità di una storia sulle origini di Batman e la classica storia di una storia d'amore condannata. Forse la cosa più importante è che Bruce Wayne è al massimo della sua comprensione mentre si affanna per capire il misterioso Beaumont. Posizionarla nel sempre più complesso mito di Batman come la donna che lo ha spezzato in modo che potesse rinascere è stata una scelta interessante e inaspettata. Non solo ha affrontato quella sfida, ma ha sovvertito il tropo esagerato della femme fatale essendo intelligente, compassionevole e gentile, ma non permettendo a se stessa di essere dissuasa dal percorso scelto, né da Batman né da nessuno.

motp5

Credito: Warner Bros. Animation

formica e il regno quantico della vespa


^