Comete

Niente panico! Ma una cometa gigantesca è attualmente in arrivo verso il Sole

>

Durante la scansione di dati più vecchi da un rilevamento telescopico del cielo, gli astronomi hanno scoperto a molto oggetto interessante : Chiamato 2014 UN271, è un gigantesco pezzo di ghiaccio e roccia che normalmente trascorre il suo tempo lontano, lontano oltre Nettuno, ma ora si sta dirigendo verso il sistema solare e si avvicinerà al Sole quanto Saturno nei prossimi dieci anni!

Per essere chiari, molte nuove comete che troviamo scendono abbastanza vicino al Sole dopo aver trascorso millenni là fuori nel nero, ma questa è diversa per diversi motivi.

Uno è quanto sia ridicolmente allungata la sua orbita: va da circa 1,6 miliardi di chilometri dal Sole (appena fuori dall'orbita di Saturno*) a un 2 . sbalorditivo trilioni chilometri fuori. Quello è un quinto di anno luce! Da quella distanza la gravità del Sole è così debole che un sussurro potrebbe spingere questa cosa nello spazio interstellare.



Un altro è la sua dimensione. Una grande cometa potrebbe essere larga 50 chilometri (la dimensione della famosa cometa Hale-Bopp che ha visitato il sistema solare interno negli anni '90). Questo potrebbe essere - e mi sto ancora riprendendo da questo - un'incredibile larghezza di 200 chilometri.

Santo cielo!

L'orbita e la posizione attuale (nel 2021) della megacometa 2014 UN271 appena scoperta. L'orbita è inclinata di 90° rispetto al piano dei pianeti e si avvicina al Sole quanto Saturno. Credito: NASA/JPL-CaltechIngrandire

L'orbita e la posizione attuale (nel 2021) della megacometa 2014 UN271 appena scoperta. L'orbita è inclinata di 90° rispetto al piano dei pianeti e si avvicina al Sole quanto Saturno. Credito: NASA/JPL-Caltech

star trek ben oltre le stelle

2014 UN271 è stato trovato nei dati del Dark Energy Survey, un enorme progetto per mappare circa 1/8 dell'intero cielo per diversi anni. La missione principale dell'indagine è mappare centinaia di milioni di galassie e migliaia di supernovae per comprendere meglio la forma, le dimensioni e l'espansione dell'Universo.

Tuttavia, può anche vedere alcune cose significativamente più vicine a casa, come i corpi del sistema solare. Questi si muovono molto lentamente da una notte all'altra e il software può essere scritto per guardare le immagini scattate in momenti diversi per cercare oggetti in movimento. La prima immagine conosciuta del 2014 UN271 è stata nel 2014, quindi è stata ribattezzata a quella data.

La scoperta è stata annunciata il 19 giugno 2021 , e anche da allora l'orbita è stata aggiornata alcune volte. Sto usando gli ultimi numeri di il database JPL Minor Planet qui. Ma in generale, l'orbita è molto lunga e l'oggetto molto grande.

Pedro Bernardinelli, uno degli astronomi della squadra, postato questa immagine di esso , una combinazione di diverse immagini scattate nel corso degli anni.

[Il suo commento nel tweet è che non si è ancora visto alcun degassamento; più su questo sotto.]

2014 UN271 è ciò che chiamiamo un oggetto transnettuniano, o TNO. Questa è una classe di oggetti che orbitano attorno al Sole oltre Nettuno e sono disponibili in una varietà di forme, dimensioni, orbite e così via. Alcuni sono piuttosto grandi. Plutone è tecnicamente il più grande che conosciamo, con una larghezza di circa 2.400 km (la distanza da Denver a Washington, DC). Molti di quelli trovati si trovano nell'intervallo 100 - 1.000 km, ma questi oggetti sono così lontani che ne abbiamo trovati solo una manciata dei trilioni che sono là fuori.

Una visione più ampia dell'orbita del 2014 UN271, che lo mostra rispetto all'orbita di Nettuno. La sua orbita si estende per circa due trilioni di chilometri dal Sole, ma si avvicina a circa 1,6 miliardi. Credito: NASA/JPL-CaltechIngrandire

Una visione più ampia dell'orbita del 2014 UN271, che lo mostra rispetto all'orbita di Nettuno. La sua orbita si estende per circa due trilioni di chilometri dal Sole, ma si avvicina a circa 1,6 miliardi. La posizione contrassegnata è dove sarà nell'anno 2200. Credito: NASA/JPL-Caltech

2014 UN271 trascorre la maggior parte dei suoi 600.000 anni circa in orbita a centinaia di miliardi di chilometri dal Sole, e l'unico motivo per cui è stato trovato è perché è solo a circa 3 miliardi di km da noi in questo momento, all'incirca la distanza di Nettuno da il Sole. È così che è stata trovata anche la sua dimensione. Per una data luminosità che vediamo sulla Terra, un oggetto lucido è più piccolo e uno scuro più grande. Se assumiamo che rifletta il 4% della luce solare che lo colpisce (ragionevole, dal momento che è una media decente per i TNO) è largo 200 chilometri. Ma potrebbe essere più scuro e più grande, o più riflettente e più piccolo. Lo sapremo meglio nei prossimi anni.

Non sappiamo di cosa sia fatto esattamente questo oggetto, ma dato quello che sappiamo sui TNO, è probabilmente un mix di ghiaccio d'acqua e roccia, oltre ad altre cose congelate come anidride carbonica, metano, azoto e simili. È troppo piccolo per essere rotondo; la sua gravità è troppo debole per schiacciarsi in una sfera (il più piccolo oggetto conosciuto come quello nel sistema solare è la luna di Saturno Mimas, larga 400 km), quindi è molto probabilmente di forma irregolare.

Ogni oggetto rotondo nel sistema solare con un diametro inferiore a 10.000 km, mostrato in scala.Ingrandire

Ogni oggetto rotondo nel sistema solare con un diametro inferiore a 10.000 km, mostrato in scala. Credito: Emily Lakdawalla; dati da NASA/JPL, JHUAPL/SwRI, SSI e UCLA/MPS/DLR/IDA, elaborati da Gordan Ugarkovic, Ted Stryk, Bjorn Jonsson, Roman Tkachenko ed Emily Lakdawalla.

Quindi è più simile a una cometa di Brobdingnagia che a un minuscolo pianeta. Il che mi fa pensare: si comporterà come una cometa? Voglio dire, vedremo l'attività da esso mentre si avvicina al Sole, con i ghiacci che si trasformano in gas in modo che sviluppi una testa sfocata e una lunga coda? Potrebbe, dal momento che abbiamo visto l'attività di altri oggetti che si avvicinano il più possibile a questo .

Date le sue dimensioni, se inizia a darsi da fare, potrebbe diventare molto più luminoso. Senza attività dovrebbe arrivare a circa la magnitudine 18 al massimo avvicinamento, che è ancora 1/100.000nsbrillante come la stella più debole che puoi vedere ad occhio. Ci vorranno grandi telescopi per vederlo. Ma se diventa attivo, beh, vedremo.

E mi chiedo: fa il suo approccio più vicino all'inizio del 2031. È presto, ma forse abbastanza tempo per mettere insieme una sonda da inviare. L'Agenzia Spaziale Europea sta costruendo una missione chiamata Comet Interceptor che è specificamente progettato per cercare comete provenienti dallo spazio profondo che sono nel loro primo viaggio in entrata nel sistema solare interno (come la cometa Borisov del 2019). Questo è diminuito molte volte negli ultimi miliardi di anni, ma mi chiedo se l'ESA farà un'eccezione per questo? Non abbiamo mai avuto la possibilità di vedere qualcosa di simile da vicino prima. Alcune lune dei pianeti esterni sembrano TNO catturate, ma sono state sicuramente alterate nel corso degli eoni dal pianeta ospite e dalla vicinanza al Sole. Vedere da vicino un nuovo TNO di queste dimensioni e per una visita prolungata sarebbe straordinario .

Mi aspetto che presto ne riceveremo molte immagini (al momento, purtroppo, Hubble è offline , quindi si spera che i più grandi 'scopi terrestri' possano dare un'occhiata). Saranno solo puntini, anche quando si avvicinerà nel prossimo decennio, ma c'è molto che possiamo imparare da un punto. Rimani sintonizzato!

quanti film folli ci sono

[Suggerimento dello scudo di Whipple all'astronomo T. Marshall Eubanks che ha twittato su questo , che è dove l'ho visto per primo.]

* … e da qui il titolo di questo post; non si avvicina mai a circa 1,5 miliardi di chilometri dalla Terra, quindi non siamo assolutamente in pericolo da questo oggetto (e perché ho scritto 'Sole' nel titolo e non 'Terra'). So che molte persone si preoccupano per queste cose, quindi posso assicurare che stiamo bene. Intendiamoci, mi aspetto di vedere molti titoli mozzafiato dai soliti siti web di spazzatura su un oggetto gigante diretto verso la Terra dalle gelide profondità del sistema solare! Ignora quei pozzi neri clickbait e rimani con gli astronomi che sanno di cosa stanno parlando.



^