Grande Macchia Rossa

Immergersi nella Grande Macchia Rossa di Giove

>

La navicella spaziale Juno è recentemente passata sopra i poli del pianeta enormemente enorme Giove per la nona volta. La sua orbita è estremamente allungata, quindi quando si tuffa e urla sopra le cime delle nuvole gioviane, vede da vicino solo una striscia abbastanza stretta di beni immobili.

netflix luglio 2020 che va e viene

Quindi non ha sorvolato l'iconica Grande Macchia Rossa di Giove fino a luglio 2017, sfrecciando oltre a 200.000 chilometri all'ora (che è veloce ) a 9.000 km sopra le nuvole che gelano l'anima. Le immagini che ha restituito sono terribilmente fantastiche come ci si potrebbe aspettare, ma ora ne ricaviamo anche la scienza.

Scienziati planetari abbiamo analizzato i dati tornato sul posto da Giunone, e ha scoperto alcune cose interessanti al riguardo. Sappiamo da molto tempo che lo Spot è una gigantesca tempesta più grande della Terra, un vortice ad alta pressione che gira da secoli (almeno). Ma quanto è profondo?



Giunone può vedere sotto lo strato superficiale della Grande Macchia Rossa fino alle profondità più calde sottostanti utilizzando un rilevatore sensibile alle microonde. Ciò consente agli scienziati di mappare le regioni sotto lo spot a una profondità di centinaia di chilometri. Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRIIngrandire

Giunone può vedere sotto lo strato superficiale della Grande Macchia Rossa fino alle profondità più calde sottostanti utilizzando un rilevatore sensibile alle microonde. Ciò consente agli scienziati di mappare le regioni sotto lo spot a una profondità di centinaia di chilometri. Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRI

Profondo . Le 'radici' della tempesta scendono per circa 300 chilometri. È abbastanza superficiale rispetto ai suoi 16.000 km di estensione (il rapporto è circa lo stesso della larghezza di una pila di 50 fogli di carta da lettere rispetto al loro spessore), ma comunque profondo; le tempeste sulla Terra non sono nemmeno un decimo di quelle alte. Naturalmente, Giove è atmosfera per molto tempo, centinaia o addirittura migliaia di chilometri prima che la pressione la comprima in una strana forma di liquido.

I ragazzi di JPL hanno messo insieme un video che combina i dati di Giunone con un'animazione per darti un'idea di questo:

Animazione che mostra la rotazione della Grande Macchia Rossa di Giove, che è, ehm, una grande macchia rossa nell'atmosfera. In realtà è un anticiclone ad alta pressione largo 16.000 chilometri e profondo almeno 300 km. Questa animazione utilizza le immagini della navicella spaziale Juno insieme a modelli del vento generati in un computer per calcolare come soffiano i venti e come circola l'atmosfera all'interno dello spot.

L'animazione dura circa 4 secondi e si ripete più volte.

Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Gerald Eichstadt/Justin Cowart

GIF originale: https://www.jpl.nasa.gov/spaceimages/details.php?id=PIA22178

Abbiamo tutti sbavando sulle magnifiche immagini JunoCam di ritorno dalla navicella spaziale, ma è importante ricordare che questa particolare telecamera è stata installata principalmente come servizio pubblico, in particolare per scattare quelle immagini sbalorditive. Otteniamo la scienza da loro, ovviamente, ma Giunone è carica di altri strumenti progettati per comprendere l'interno di Giove.

Cosa che, noterò, non capiamo molto bene. Non siamo nemmeno sicuri che Giove abbia un nucleo! I primi risultati di Giunone indicano Giove potrebbe hanno un nucleo, ma è indistinto e più grande di quanto si pensasse in precedenza. Speriamo che la conoscenza si rafforzi man mano che la missione procede.

Un altro strumento, lo strumento rivelatore di particelle energetiche di Giove - sì, abbreviato JEDI - è progettato per rilevare le particelle subatomiche lanciate dal campo magnetico immensamente forte del pianeta. Sappiamo da molto tempo che Giove ha diverse fasce di radiazioni attorno a sé, simili a quelle della Terra Cinture Van Allen , ma i nuovi dati di Giunone mostrano che ce n'è uno nuovo, precedentemente sconosciuto, molto vicino alle cime delle nuvole. È stato rilevato perché Giunone è volato attraverso di esso! In esso, gli ioni di idrogeno, zolfo e ossigeno (atomi privati ​​dei loro elettroni, che si caricano positivamente e quindi possono essere influenzati dai campi magnetici) vengono sferzati a velocità molto elevate, grandi frazioni della velocità della luce. Le fonti di questi atomi potrebbero essere state Europa e Io, due delle grandi lune di Giove .

corridore della lama del botteghino 2049

La quantità di radiazioni nella magnetosfera di Giove è intensa, abbastanza da uccidere abbastanza rapidamente un essere umano non protetto (ovviamente, senza protezione avresti anche problemi con la mancanza di aria e anche il solido congelante). Giunone è corazzato come un carro armato per proteggerlo, ma anche in quel caso non durerà per sempre. Dovrebbe essere operativo almeno nel 2019, ma staremo a vedere. Giove è terrificante.

Anche Giove è figo. Ma è meglio, credo, visto da una distanza di sicurezza. Sono felice di lasciare che Giunone sia lì e lo faccia per noi umani fragili e ottusi.

*Penso che abbiano preso in prestito la colonna sonora da Spazio:1999 .



^