Orrore

Nel profondo della realizzazione del nuovo libro di Night Vale

>

Ieri ha segnato l'uscita di Divora! , un nuovo romanzo ambientato nell'universo del Benvenuti a Night Vale podcast. Iniziato nel 2012, il podcast è una trasmissione fittizia bisettimanale di Night Vale Community Radio ospitata da Cecil Palmer (doppiato da Cecil Baldwin) che, nel corso degli anni, ha esplorato i viaggi nel tempo, la guerra nucleare, le realtà alternative e l'amore. Da allora si è espanso in un vero e proprio impero di abietto orrore che afferma la vita.

Le due menti creative dietro Benvenuti a Night Vale sono gli scrittori Jeffrey Cranor e Joseph Fink. Ho parlato con Jeffrey del nuovo libro, della scrittura in team e della gestione dei segreti in un mondo di mistero.

Come sei riuscito, insieme a tutto il resto che fai, a spremere due romanzi completi? Penso che molte persone impiegherebbero cinque anni e mezzo solo per farlo.



Jeffrey Cranor: (Ride) Sai, molto è solo pianificazione e programmazione. Ma aiuta molto avere un co-sceneggiatore. Hai qualcuno che apparentemente sta scrivendo metà del lavoro richiesto per un romanzo, quindi un romanzo di 100.000 parole è di 50.000 parole, giusto? L'altra cosa è che scriviamo il podcast da cinque anni, al contrario della persona che si siede per scrivere un romanzo nuovo di zecca, che deve creare personaggi, un'ambientazione, regole e un intero arco narrativo per il loro mondo. Avevamo già un sacco di quel set up. Quindi è bello poter scrivere un romanzo ambientato in un mondo che è ampiamente scritto. Scritto da diversi anni.

Questo è il tuo secondo romanzo, dopo Benvenuti a Night Vale .

Sì.

E ho notato che ogni libro usa la parola 'f***' esattamente una volta.

Oh veramente? È davvero interessante.

super mario bros wii u

Si. Ero curioso di sapere se fosse un sistema di valutazione autoimposto o solo una coincidenza.

(Ride) Sai, è divertente, non ci avevo davvero pensato. Anche se cerchiamo di essere un po' giudiziosi in quanto non ha molto senso con i personaggi che abbiamo costruito. Non abbiamo davvero scritto un personaggio che sarebbe necessariamente qualcuno che giurerebbe molto. E quindi è una di quelle cose in cui, se usato con parsimonia, a quanto pare si distingue un po' di più.

Jeffrey Cranor

Jeffrey Cranor

In questo romanzo, hai scelto di far venire il tuo personaggio principale al di fuori di Night Vale. Nell'ultimo libro i tuoi protagonisti erano la madre di un'adolescente mutaforma e una donna che è rimasta bloccata per decenni all'età di 19 anni. Questi sono problemi di Night Valean. Ma Nilanjana viene dall'Indiana. Perché hai scelto questa volta di concentrarti su qualcuno che si sta ancora abituando a come funziona Night Vale?

Penso che offrisse solo una prospettiva diversa e nuova sulla città. Penso che una delle bellezze di un romanzo sia che lo fa uscire un po' dalla formattazione del podcast. Il podcast è per lo più limitato alla registrazione di Cecil di quello che sta succedendo, e nei libri possiamo girovagare molto di più. Quindi è interessante prendere il punto di vista di qualcuno che in realtà non è di lì, proprio come il lettore di romanzi. Inoltre è stato anche un po' un incidente, perché volevamo che Carlos lo Scienziato fosse il personaggio principale. E abbiamo già stabilito che Carlos e il suo team di scienziati sono tutti outsider. Quindi, una volta deciso, ci siamo detti 'Bene, questa è la direzione in cui dobbiamo andare!'

Carlos è uno dei personaggi principali del podcast, ma lo vediamo solo attraverso gli occhi di (suo marito) Cecil. Ora all'improvviso lo vediamo come una persona reale, con un posto in città, che è fallibile. Hai deciso che volevi farlo specificamente in questo libro?

Si. Carlos è un personaggio così buono e lo vedi solo dal punto di vista di Cecil. Sai, Cecil lo ama così tanto e dice cose così carine su di lui. Ed è interessante vederlo al lavoro, e vederlo nella sua vita, quindi non è solo inquadrato come un partner romantico, o qualcosa del genere. Quindi ci permette di completare un po' di più la sua persona, e anche di riempire altre cose oltre al fatto che è attraente, un buon marito e una brava persona. E anche quali sono le cose che sbaglia? Quali sono le cose che lo rendono davvero fallibile? Che è ciò che ci rende umani, credo.

A Carlos non piace essere toccato, e ha difficoltà a leggere le emozioni, che è una caratterizzazione molto distintiva che non credo di aver mai colto dal podcast. Come hai deciso di caratterizzarlo così?

Abbiamo presentato Carlos come quest'uomo davvero bellissimo con bei capelli e denti perfetti. Era una specie di classico sconosciuto misterioso, come un vecchio personaggio di fantascienza degli anni '50. E penso che una volta che lo hai impostato in quel modo, è davvero romanzato, senza tutte queste altre qualità più realistiche di un essere umano - qualcuno a cui non piace essere contattato fisicamente tanto, qualcuno che ha difficoltà a leggere le persone, quelli genere di cose. Quindi, piuttosto che impostarle come cose iniziali come 'Oh, è una sfida amare questa persona', che penso faccia davvero schifo, diventa più interessante. Una volta che abbiamo già un personaggio che sembra abbastanza perfetto, è bello costruire tutte queste qualità che portano comunque a qualcosa di veramente bello. Sono più ricchi di bei capelli e denti perfetti.

Allo stesso modo, questo è il meno importante che Cecil sia mai stato. È un personaggio periferico, menzionato solo in termini di Carlos. È stata una decisione che hai preso inizialmente, volendo concentrarti quasi interamente sugli altri personaggi?

Si. Nel primo romanzo includiamo le trasmissioni radiofoniche di Cecil alla città. Molto di questo è dovuto al fatto che è il nostro primo romanzo e lo chiamiamo Benvenuti a Night Vale . Quindi volevamo facilitare ai lettori il concetto di Night Vale come romanzo, senza rimuovere il formato podcast, mantenendo comunque molti elementi al suo interno. E tornando al punto precedente, che i personaggi del primo romanzo erano persone che vivevano in città - ha senso che tutti in città ascoltino quello spettacolo abbastanza regolarmente. Sarebbe stato alla radio, sarebbe stato in sottofondo, sarebbe stato qualcosa a cui Diane avrebbe potuto sentire e reagire. E nel caso di Nilanjana, potrebbe esserne perfettamente consapevole, ma non ne è sempre terribilmente agganciata. Da estranea non l'avrebbe sentita così tanto.

Valle della notte

Credito: Getty Images

Nel podcast, il Dio sorridente sembra inequivocabilmente malintenzionato. Ma le cose che accadono nel libro non sembrano così male come quello che è successo al povero Kevin in Desert Bluffs.

guarda missione impossibile fallout reddit

Penso che il Dio sorridente sia malintenzionato allo stesso modo in cui lo sono gli dei nel nostro mondo reale. Come leggere la Bibbia crescendo, sono tipo 'Questo è un dio malvagio!' E non era tanto per dire 'Oh, sono ateo, Dio è terribile.' Non lo penso affatto. Ma penso che molte volte agli estranei una religione possa sembrare davvero terribile. Puoi scegliere i versetti della Bibbia per far sembrare che Dio sia una persona vendicativa, o trovare regole e leggi che fanno sembrare quella religione piuttosto disumana. E disumano. E quindi penso che questa fosse l'idea con il Dio Sorridente - che avremmo avuto questa religione che dall'esterno sembra davvero terribile. E proprio come con il Dio giudeo-cristiano dell'Antico Testamento, quel Dio sembra aver fatto cose orribili alle persone che lo amavano. Quindi penso che fosse parte della tradizione che ci stavamo costruendo attorno.

Night Vale assume diverse forme. Ci sono i libri, e c'è il podcast, e ci sono gli spettacoli dal vivo, e ognuno ha la sua atmosfera molto distinta. C'è uno stile in cui ti senti più a tuo agio a scrivere?

Ho sempre amato scrivere per lo spettacolo dal vivo, perché vengo da un background teatrale. Quindi, come drammaturgo, è davvero divertente scrivere cose, avere qualcuno che le esegue davanti a te e davanti a un pubblico, e far reagire le persone. È una specie di cosa viva, giusto? Lo metti su e lo porti in tour e pensi 'Questo davvero non sta atterrando bene.' E a volte la risposta è che dobbiamo riscriverlo, ea volte la risposta è che Cecil dirà: 'No no no, dammi un altro paio di spettacoli, penso di poterlo fare funzionare'. E di solito trova qualcosa, ed è piuttosto sorprendente. All'improvviso una battuta che non avresti mai pensato fosse affatto divertente, era solo una specie di commento, all'improvviso Cecil la rende esilarante. Quindi, proprio come drammaturgo, è davvero gratificante.

Hai un episodio preferito? Uno di cui ti senti più orgoglioso di aver scritto, o solo uno che ti piace ascoltare?

Sai, ci sono così tante ragioni diverse per cui un episodio è il mio preferito in un dato momento. Direi che i due episodi che vengo commentati di più come i preferiti dalla gente sono gli episodi 'A Story About You' e 'The Sandstorm'. Adoro davvero gli episodi ['The Sandstorm'] perché è stato divertente scrivere un doppio episodio intorno alla stessa storia. E poi abbiamo anche presentato Kevin R. Free, il nostro amico attore, che interpreta Kevin, il che è stato davvero fantastico. Penso che per me quando abbiamo fatto 'The Sandstorm', quello è stato il mio primo momento preferito nel fare il podcast. Ricordo che Joseph mi ha inviato un'e-mail con il primo taglio audio dell'episodio di Kevin. L'ho scaricato sul mio telefono mentre stavo andando al lavoro. E la stavo giusto ascoltando in un bar quella mattina, e stavo piangendo. Stavo piangendo, stavo ridendo così forte. È stato così meraviglioso. E Kevin era così perfetto. Era tutto ciò che volevo che fosse. Sì, torno spesso a 'The Sandstorm' come uno dei miei preferiti.

E ovviamente 'A Story About You' è stato il nostro primo approccio diverso alla formattazione, raccontando una storia su 'te' come persona. E penso che sia stato il primo momento in cui ci siamo detti 'Sì, possiamo uscire da come vogliamo farlo.'

Quindi ci sono state alcune grandi rivelazioni nel podcast di recente sul perché Night Vale è così separato dal resto del mondo. Hai intenzione di affrontarlo di più o lo manterrai semplicemente come qualcosa di cui essere a conoscenza?

Possiamo o no. Penso che per noi, non abbiamo mai avuto a che fare con le risposte. E abbiamo sicuramente sentito da persone che dicono 'Voglio risposte! Perché è così?'

Oh cavolo, ne ho un paio... potrei avere un paio di domande in cerca di risposte.

Oh, certo, e potrei averli o meno per te. Alcune risposte sono davvero semplici. Ad esempio, 'Oh, conosco la risposta e non posso dirtelo' o 'Conosco la risposta ed eccola qui, perché non è così importante.' E penso che per noi l'intera storia di Huntokar fosse legata all'arco dell'ultimo anno di persone che avevano bisogno di guardare il mondo intorno a loro e capire di cosa si trattasse. E per noi spiegare tutto questo non era tanto 'Oh, è ora che diamo risposte' e più una questione di 'Penso che sia davvero importante che la gente lo capisca e che la gente in città lo capisca.' E penso che fosse davvero così. Non ci siamo mai posizionati come uno spettacolo come Perso , o anche più recentemente Gli avanzi , dove dici 'Ho bisogno di sapere perché è successo'. Alcune cose verranno spiegate perché è divertente spiegare certe cose, come la storia di Huntokar. Ma per la maggior parte penso che sia come il nostro mondo, dove non otterrai tutte le risposte che desideri. E a noi va bene così, e speriamo che lo siano anche tutti gli altri.

Ho la sensazione che a volte butti dentro le cose e poi anni dopo torni da loro e dici 'Oh sì, potremmo trasformarlo in qualcosa', e all'improvviso diventa questo enorme mito intorno a qualcosa che era una linea divertente tre anni fa.

Sì, è così che funziona il Dog Park, giusto? Nel corso del tempo abbiamo continuato a tornarci perché era un'idea carina, ma alla fine è diventata una cosa del tipo 'Oh wow, questo è davvero un punto fermo della stranezza di questa città'. C'è qualcosa di veramente mistico che sta accadendo lì che possiamo sicuramente esplorare.'

Divora!

Vivo a Providence, Rhode Island, dove H.P. Lovecraft è di. Quindi, sono sicuro di non essere il primo a chiederlo, ma sento che avrei deluso la mia città se non chiedessi: quanto costa H.P. Lovecraft influenza il tuo lavoro?

valeriana e la città dei mille pianeti alieni

Penso allo stesso modo in cui H.P. Lovecraft influenza chiunque scriva qualsiasi tipo di horror. C'è qualcosa di veramente interessante nel modo in cui crea per i suoi racconti un mondo in cui non puoi vedere tutto. Ci sono cose che i personaggi vedono a cui non si ha mai uno sguardo completo, che penso sia al centro dell'horror in generale, e specialmente con un podcast, dove non c'è visuale. Ad esempio, uno spavento in un dramma audio sarebbe terribile da fare alle persone. Non giochiamo con l'horror in questo modo. Lo suoniamo più nello stile di H.P. Lovecraft, e penso anche molti altri scrittori. Puoi anche guardare qualcosa come quello che David Lynch ha fatto con l'horror. Proprio ieri sera ho visto - non so se conosci il film L'invito di un paio di anni fa?

L'invito ? Non.

È un horror davvero bello, molto serrato. È una combustione lenta, ma fin dall'inizio non sei sicuro di cosa stia succedendo qui, e nemmeno il personaggio principale. E ti lascia con un senso di terrore e destino imminente in qualsiasi momento. Dici, per favore, che qualcuno esca con un coltello! Tipo, per favore, fai qualcosa! E mentre non ci sono necessariamente mostri come Cthulhu o qualcosa del genere, penso che sia ugualmente ispirato da qualcosa come H.P. Lovecraft - tutte le cose che non ti è permesso vedere, ma sai che ci sono. È davvero orribile.

Sono curioso dell'Altromondo del deserto. Sembra che la sua natura sia leggermente cambiata. Nel podcast, sembrava che Carlos fosse felice di essere lì, stava pensando di restarci, e ora è diverso. Cosa ha determinato questo cambiamento?

Non credo che l'Altromondo del Deserto sia cambiato così tanto perché lo guardavamo come un qualsiasi posto... come parlare come qualcuno che è a New York in questo momento. L'ho sempre adorata, anche da bambino cresciuto in Texas, ho sempre pensato che New York City fosse una città fantastica per tutti i suoi problemi. Ma ricordo che quando Joseph si trasferì qui, penso che a Joseph non sia mai piaciuto. Penso che ci siano diverse prospettive su dove vuoi essere.

Sicuro.

E penso che certe persone vadano lì, e si sentano perse e desolate, e dove sono andati tutti? E cosa sono questi giganti in guerra? Cosa sono questi strani rumori? Un millepiedi gigante, cosa sta succedendo? E penso che per qualcuno come Carlos, o anche Dana, apprezzerebbe l'avventura, Dana perché può riferire su di esso, e Carlos perché è uno scienziato e non potrebbe desiderare un posto migliore da esplorare, per fare test e studia e scrive riviste su. Penso che fosse più una questione di chi c'è e la loro prospettiva su di esso.

Quindi, una volta che sei tornato a casa tua, dove hai persone che ami, la prospettiva di un luogo in cui stavi solo facendo cambia davvero?

Si. E parte della sfida per l'anno in cui Carlos è stato nel Desert Otherworld e si è separato da Cecil ha avuto il vantaggio di mettere sostanzialmente in relazione la mia vita con esso. Sono sposato e devo andare spesso fuori città. E così diventa questa strana dicotomia in cui amo davvero andare in tour. Mi piace viaggiare. Amo fare tutte queste cose. Ma è allo stesso tempo meraviglioso e terribile. Perché sono lontano da casa mia. Quindi c'è questa strana battaglia che deve essere sempre messa a terra a casa. Quindi penso che fosse una cosa simile con Cecil e Carlos, Cecil che diceva 'Uh, allora, torni a casa?' Questo genere di cose. 'Che bello, sono davvero orgoglioso di te. Buon lavoro per la tua carriera.' Quindi penso che ci sia anche un po' di quello.

Un'altra domanda: cosa vorresti dire che non ti ho già chiesto?

Penso che la cosa che dico normalmente nelle interviste sui libri e sugli spettacoli dal vivo è che cerchiamo di scrivere questi spettacoli dal vivo e questi romanzi in un modo che chiunque possa vederli. Non è necessario che tu conosca affatto il podcast. I romanzi da soli sono storie autonome. Divora! non è il seguito del primo romanzo. È semplicemente un altro offset in quel mondo. Se ti piace il romanzo, probabilmente ti piacerebbe il podcast, ma sono cose completamente separate.

***

berserk: l'arco dell'età dell'oro i

Come qualcuno che ha ascoltato ogni episodio del podcast, posso confermare che non è un prerequisito per godersi il romanzo. È un'adorabile meditazione sull'umanità, servita con una generosa dose di stranezze che tutti dovrebbero essere in grado di sostenere. Ma se sei stato ossessivamente al passo con Cecil e le parole 'Huntokar' e 'Tempesta di sabbia' hanno significato qualcosa per te, rimarrai ancora più affascinato da questa nuova incursione a Night Vale.

Divora! ora è in libreria. È un libro meraviglioso, sia dentro che fuori, e che tu sia appassionato di religione, scienza o mostri di sabbia, c'è qualcosa che fa per te.

(Dal momento di questa intervista, ho guardato L'invito su Netflix ed è, infatti, molto buono).



^