Altro

Tagli profondi: Veronica

>

Il mondo dell'orrore è vasto. Con così tanti film attraverso lo spettro di bilancio , coinvolgimento in studio, qualità, disponibilità e, soprattutto, puro terrore della vita, aiuta ad avere professionisti formati che analizzano alcune delle offerte più vecchie e/o meno conosciute . È qui che entra in gioco il Team Fangrrls con Deep Cuts, la nostra serie dedicata a portare le gemme nascoste dell'orrore fuori dal caveau e nei tuoi incubi. Oggi guardiamo Veronica, il film horror in lingua spagnola di cui potresti non aver sentito parlare.

Nel 2017 sono usciti due film horror in lingua spagnola con un cast prevalentemente femminile, entrambi chiamati Veronica ed entrambi sono attualmente in streaming su Netflix. Uno di questi è stato molto pubblicizzato come uno dei film più spaventosi di tutti i tempi, così presumibilmente terrificante che gli spettatori di Netflix sono spegnendolo a metà .

Ho guardato l'altro.



quanto è grande la galassia?

Dato che ho evitato gli spoiler, mi ci è voluto più tempo di quanto voglia ammettere per rendermi conto che non stavo guardando il così spaventoso-devi-spegnerlo-e-guardare-GBBO Veronica dal regista spagnolo Paco Plaza, che ha anche realizzato REC. Invece, il film che ho visto era un pezzo teso, in bianco e nero, dei registi messicani Carlos Algara e Alejandro Martinez-Beltran con Olga Segura e Arcelia Ramirez. A parte una versione più giovane della protagonista Verónica e un personaggio madre per lo più senza parole (ma importante), sono le uniche due persone nel film e nessun uomo appare sullo schermo.

Un ex psicologo, mai nominato, vive da solo in montagna. Riceve una telefonata da un vecchio collega che le chiede di assumere una nuova paziente, Verónica de la Serna. Nonostante i numerosi tentativi successivi, la psicologa non riesce mai più a contattare l'amica. Per una sorta di trattamento intenso, Verónica rimane con lo psicologo nella sua casa isolata. Verónica terrorizza e incuriosisce immediatamente il suo nuovo dottore. Dopo aver subito un trauma profondamente sepolto quando era più giovane, Verónica ora agisce sessualmente, tentando di sedurre il suo medico e impegnandosi in un forte amor proprio a tarda notte.

Le attrici sono eccellenti, in particolare Ramirez, ma la vera star è la cinematografia, soprattutto quando il film raggiunge la sua svolta (un po' prevedibile ma non proprio come pensavo sarebbe stata). Nonostante i suoi paesaggi mozzafiato, il film è girato con semplicità ingannevole e la sua influenza hitchcockiana rende la visione eccezionalmente bella. A volte la telecamera è quasi nascosta, quindi noi spettatori ci sentiamo come se stessimo guardando qualcosa che non dovremmo essere, e altri, si sofferma solo su un'attrice, molto da vicino. In alcuni momenti la telecamera è completamente ferma, in altri una faretra a mano libera ci dà l'esatta sensazione di perdere il controllo come il nostro psicologo.

In questo modo, il film è esperienziale: la tensione raggiunge livelli quasi claustrofobici. Anche noi siamo intrappolati in questa casa con tutto ciò che sembra accadere al suo interno. C'è qualcosa che non va, ma non riusciamo a metterci le dita sopra. Tutto esiste in questo stato onirico, al limite del surreale o solo leggermente medicato. C'è un'oscurità per Verónica, per lo psicologo, per questa casa e questa proprietà, anche per i funghi che mangiano ad ogni pasto. E mentre si avvicina l'orgasmo, non ci sentiamo mai sistemati, anche quando ci rendiamo conto di cosa sta realmente accadendo.

Questo Veronica non era affatto pieno di spaventi. Non aveva nessuno che mi venisse in mente, in effetti. Ma con la sua colonna sonora minimale, una mano abile nell'inquadrare le inquadrature e un incessante senso di disagio, Veronica sta da solo. Non è di nessuno Altro Veronica.



^