Vampiri

Tagli profondi: la fame

>

Il mondo dell'orrore è vasto. Con così tanti film in tutto lo spettro del budget, del coinvolgimento dello studio, della qualità, della disponibilità e, soprattutto, della pura paura di vivere, è utile che professionisti qualificati analizzino alcuni dei le offerte più vecchie e/o meno conosciute. È qui che entra in gioco il Team Fangrrls con Deep Cuts, la nostra serie dedicata a portare le gemme nascoste dell'orrore fuori dal caveau e nei tuoi incubi. Oggi esaminiamo il film di vampiri lesbici degli anni '80 di Tony Scott La fame.

è la canzone del sud razzista

Un professore di studi cinematografici una volta mi ha detto che, quando si tratta di rappresentazioni cinematografiche dei vampiri, ogni generazione ha avuto il vampiro di cui aveva bisogno. La durevolezza della metafora del vampirismo significa che può essere modellata per adattarsi a qualsiasi tema o idea sul mondo che ha un creatore. Per l'era di Bram Stoker, Dracula divenne la paura della società britannica per l'ignoto straniero fatto carne. Durante i periodi di incertezza finanziaria e l'emergere di angoscia millenaria, chi potrebbe incolpare le persone per aver trovato conforto nelle scintille indistruttibili di crepuscolo , dove il denaro, l'invecchiamento e la morte erano irrilevanti perché potevi essere carina e vivere per sempre? Gli anni '80 avevano una serie diversa di paure: il reaganismo stava raggiungendo il suo apice, l'avidità era buona e l'AIDS era diventata l'epidemia divorante che le persone più potenti del mondo cercavano di ignorare attivamente.

Altri film sui vampiri dell'epoca e delle sue conseguenze hanno affrontato la crisi dell'AIDS in modi interessanti: Abel Ferrara's la dipendenza reimmagina il vampirismo come un'allegoria della tossicodipendenza, ma nessuno di loro aveva la potenza o l'approccio stilistico del dramma horror di Tony Scott del 1983, La fame . Interpretato da Susan Sarandon, Catherine Deneuve e il leggendario David Bowie, l'adattamento del romanzo di Whitley Strieber è ormai una sorta di classico di culto, ma il suo approccio unico a un genere ben conosciuto merita uno sguardo più approfondito.



catherine_deneuve_the_hunger.gif

La fame si apre con Miriam Blaylock (Deneuve) e il suo compagno John (Bowie) che frequentano un club dove i Bauhaus stanno eseguendo 'Bela Lugosi's Dead' (nel caso avessi bisogno di un suggerimento su come questo film si avvicina ai classici tropi del genere horror). Miriam, millenaria, è con la sua compagna dal XVIII secolo. La coppia è incredibilmente glamour e può attirare chiunque con un semplice sguardo. Riportano gli ospiti a casa per banchettare, pugnalandoli al collo con un coltellino e banchettando.

In seguito, smaltiscono i cadaveri e tornano alle loro vite come newyorkesi dell'alta borghesia, ricchi e invidiati e in grado di trascorrere le loro giornate nel tempo libero e nella musica. Il vampirismo nella sua incarnazione moderna e più accettata è sempre stato legato a idee di ricchezza. Per molti, la parola vampiro suscita immediatamente immagini di aristocratici ben vestiti in castelli stravaganti che si mescolano solo con il meglio della società. Nel La fame , a quell'idea viene data la lucentezza degli anni '80: grandi spalline, case a schiera incredibilmente eleganti con interni minimalisti e completa libertà di avere tutto ciò che vuoi. Le persone cadono ai piedi di Miriam e John non solo perché sono eccezionalmente attraenti - anche se credeteci, lo sono totalmente - ma perché trasudano potere e privilegio. Ottenere tutto viene loro naturale.

Il sogno inizia rapidamente a disfarsi, poiché John sviluppa l'insonnia, quindi inizia a invecchiare drammaticamente. Nel giro di pochi giorni, i precedenti 200 anni circa lo raggiungono. La promessa di vita eterna di Miriam era vera, ma ha dimenticato di dire che l'eterna giovinezza sarebbe stata temporanea. Queste sono le scene più emozionanti del film. Sono passati più di due anni da quando abbiamo perso David Bowie – e fa ancora male – e vedere il suo personaggio avvizzire in una figura invecchiata in un così breve periodo di tempo è davvero difficile da digerire. In effetti, John invecchia più di quanto lo stesso Bowie sembrava, il che rende tutto più difficile da sopportare come spettatore. Al momento dell'uscita del film, le notizie erano piene di storie sull'aumento dell'epidemia di AIDS, spesso accompagnate da fotografie di malati il ​​cui aspetto era drasticamente cambiato in pochi mesi. È difficile ignorare questi paralleli durante la visione La fame : Un libertino bello e apparentemente sano si trasforma in un guscio di uomo prima ancora di capire cosa sta succedendo.

david_bowie_the_hunger.gif

John cerca la gerontologa, la dottoressa Sarah Roberts (Sarandon), specializzata in invecchiamento e sonno. I suoi esperimenti coinvolgono scimmie che invecchiano rapidamente, che osserva con calma e sigaretta in mano. È una donna in carriera che investe poco nella propria vita amorosa e, come Miriam, ha sempre il controllo. John va da lei per chiedere aiuto, ma lei lo considera un vecchio tremante e lo ignora. Quando vede di persona quanto velocemente è invecchiato in poche ore, è troppo tardi per aiutarla. Ora a un livello di decrepitezza angosciante, John chiede a Miriam di ucciderlo e porre fine alla sua miseria, ma lei gli dice che non c'è fine a questo. Come ultimo atto d'amore, lo porta in soffitta e lo mette in una bara, dove trascorrerà il resto del tempo gemendo per la fuga insieme agli altri ex amanti di Miriam che hanno subito la stessa sorte. Per un film così dolorosamente freddo e distaccato a volte, questa scena di adorazione distorta è uno dei suoi momenti più agghiaccianti.

Miriam, che teme la solitudine più di ogni altra cosa, punta su Sarah come sua nuova compagna. L'attrazione è innegabile e la seduzione è rapida. Presto, la coppia farà sesso molto passionale tra infinite tende fluenti, tutto al duetto di soprano di Lakmé . Sovraccaricato? Completamente. Sguardo maschile come l'inferno? Sì, fondamentalmente. Sexy? Ovviamente! Potrebbe essere la cosa più anni '80 di un film pieno zeppo dell'iconografia del decennio. In un momento in cui l'omofobia non era solo dilagante ma legata agli occhi del pubblico a una malattia terrificante, vedere un film appena Fallo con due donne che fanno il miglior sesso di sempre è rinfrescante e un po' radicale. Come molti formaggi degli anni '80, cammina su questa linea sottile tra l'essere caldo e il potere, ma anche un po' offensivo; molto un caso di due passi avanti, un passo indietro.

Miriam stessa è un personaggio difficile con cui simpatizzare. È potente e ipnoticamente seducente, ma è anche un'abile manipolatrice che ha fatto passare innumerevoli persone all'inferno senza mai avvertirle del loro inevitabile destino. È discutibile se provi un sincero rimorso per ciò che fa - ancora e ancora - perché è impegnata a ripetere gli stessi errori per l'eternità. Prima ancora che John, in mancanza di un termine migliore, sia morto, lei sta preparando un'adolescente inconsapevole per essere la sua sostituzione. Quando viene uccisa, decide subito che Sarah sarà la sua nuova compagna, ma ovviamente non le chiede mai il suo contributo. Miriam è l'ultima seduttrice bisessuale, così comunemente trovata nel cinema horror ed erotico dell'epoca. Di solito, la bisessualità in queste storie è codificata come cattiva - un altro segno della devianza del cattivo o delle inclinazioni innaturali - ma qui non ha quell'implicazione. Non è cattiva perché è bisessuale, è cattiva perché distrugge vite e si diverte solo con la compagnia di uomini e donne. È una differenza fondamentale, una di cui molti film non si preoccupano nemmeno, ma quando cerchi una solida rappresentazione bisessuale nella cultura pop, queste cose contano.

la_fame.gif

Durante il loro amore, Miriam nutre Sarah con un po' del suo sangue e presto inizia a trasformarsi. Qui, il vampirismo è rappresentato direttamente come un'infezione, un'invasione del corpo che non ha una cura conosciuta. Per una dottoressa come Sarah, questo è il destino più crudele e che sarebbe sembrato fin troppo rilevante all'uscita del film. Impazzita dalla fame, Sarah uccide il suo ragazzo, poi cade tra le braccia di Miriam stordita. Sembra che sia pronta ad accettare l'inevitabile fino a quando non si pugnala e costringe Miriam a ingerire il suo sangue. Questo trasferimento di fluidi corporei sembra fare il trucco - è uno dei momenti più confusi del film e non viene mai veramente spiegato - e Miriam cade alla sua morte, soffrendo il destino di invecchiamento che i suoi amanti hanno attraversato mentre guardavano, essendo emersa dalle loro bare come mummie nel vederla diventare polvere. Anche loro sono liberi dall'agonia una volta che lei passa.

Il finale è dove il film cade a pezzi. La scena finale di Sarah, che vive una vita eterna con Miriam ora nella bara, è stata aggiunta per volere dello studio nel caso in cui il film avesse avuto abbastanza successo da giustificare un sequel. Non ha davvero molto senso, qualcosa di cui Susan Sarandon ha parlato apertamente per anni dopo la sua uscita. Abbiamo appena visto morire entrambe le donne e ora sono passate a questo? Risolve anche la domanda centrale che Sarah deve affrontare: vorresti una vita più lunga se significasse vivere essenzialmente come una tossicodipendente? Sarah lo rifiuta e accetta la morte, ed è questo che rende il momento così potente. Virare su un'inversione a U come il film lo rovina, e rifiuta anche le regole che ha stabilito i precedenti 90 minuti. Quando il tuo film riguarda principalmente l'umore e la tensione, non fa bene alla storia ignorare quella sottile costruzione del mondo a favore di un climax da sequel.

Al giorno d'oggi, La fame è una strana bestia che sembra allo stesso tempo una reliquia e una storia ante litteram. Sono innegabilmente anni '80, sia nello stile che nel tema, ma è anche il tipo di versione postmoderna della storia dei vampiri che avrebbe dominato il genere negli anni 2000. Non ci sono zanne, né mantelli, e il sole non riduce in polvere nessuno. Qui, i vampiri sono predatori di classe e gusto, ma non per questo meno spietati a lungo termine. La paura dell'infezione e del degrado fisico è scoraggiantemente senza tempo, quindi mentre la preveggenza dei paralleli dell'epidemia di AIDS non è attualmente in prima linea nelle nostre menti, il potere di La fame resti. Potrebbe non essere tenuto in grande considerazione da molti critici, ma La fame è ancora un film che richiede la tua attenzione, in particolare se ti piacciono i vampiri, l'horror erotico o David Bowie. E davvero, non lo facciamo tutti?



^