Fumetti Di Meraviglia

Decostruire il mito di Stan Lee, non importa quanto possa far male

>

Non ho mai aderito al credo del 'non incontrare i tuoi eroi'.

Perché non vorresti incontrare le persone che ti ispirano? Non ha mai avuto molto senso per me. Grazie a una potente miscela di circostanze e semplice stupida fortuna, ho avuto la possibilità di incontrare molte persone che stimo molto. E con pochissime eccezioni, quegli incontri sono stati tutti positivi. E nessuna è stata un'esperienza così positiva come il momento in cui ho incontrato Stan Lee.

In realtà ho avuto la fortuna di incontrarlo diverse volte, tra il 1993 e il 2012. Ogni volta, non importa quanto breve o caotica fosse l'ambientazione, era tutto ciò che speravi che 'Stan The Man' fosse: affascinante, energico e pronto con un rapido storia e una risata. La sua capacità di interagire con le persone e mettere un sorriso sui loro volti è stato un dono.



Ecco perché leggere Il vero credente: l'ascesa e la caduta di Stan Lee , un nuovo libro di Abraham Riesman, è un pugno così doloroso allo stomaco.

Il libro non si limita a svelare alcuni dei grandi miti sulla vita di Stan. Richiede praticamente un riesame della sua eredità come uno dei grandi creatori di fumetti. Scavando più a fondo di qualsiasi altro libro su Stan abbia mai fatto, Riesman ha fornito l'immagine più chiara di chi fosse Stan Lee e, cosa più importante, chi non fosse. Come Stan Stan dichiarato da... beh, da quando ho iniziato a leggere fumetti, è una dura verità da affrontare.

copertina del libro VERO CREDENTE

Credito: Crown/Penguin Random House; Design della giacca: marchio Christopher; Immagine di copertina: Allan Amato

A Stan è stata quasi sempre concessa la parte del leone del merito per personaggi come Spider-Man, Daredevil, i Fantastici Quattro e gli X-Men. Per decenni, quando i fumetti erano ancora trattati come oggetti usa e getta 'è solo per bambini!' media, i giornalisti che non avevano idea di come venivano creati i fumetti chiedevano al simpatico ragazzo della Marvel con il nome accattivante da dove provenivano eroi come Thor e Iron Man. Stan raccontava le sue storie divertenti, che diventavano più alte ogni volta che raccontava le storie. Come sottolinea il libro, poiché i media mainstream non si preoccupavano davvero dei fumetti, nessuno ha seguito o contestato le affermazioni di Stan. Le prove contraddittorie che potevano dimostrare che Stan non era accurato erano là fuori da trovare. Sono esistite interviste sui giornali e registrazioni radiofoniche in cui Stan aveva raccontato diversi resoconti di come gli eroi della Marvel hanno preso vita. La maggior parte dei giornalisti ha semplicemente scelto di prendere Stan in parola.

La verità è che quegli eroi e i loro cattivi accompagnatori e cast di supporto sono stati creati in tandem con artisti come Jack Kirby, Steve Ditko, Don Heck e Larry Lieber (il fratello di Stan, di cui parleremo di più tra poco). Lee ha inventato un processo di lavoro che sarebbe diventato noto come il 'Metodo Marvel'. Lui e l'artista avrebbero tracciato la storia, l'artista avrebbe poi disegnato la storia in base alla loro conversazione, ed essenzialmente avrebbe costruito la storia. Lee avrebbe quindi aggiunto il dialogo dopo il fatto. Questo stile unico ha aiutato a mantenere i treni in orario e ha dato a Stan il tempo di scrivere praticamente tutti i fumetti che la Marvel stava pubblicando in quel momento.

l'incredibile ritorno a casa dell'uomo ragno

I vantaggi del Metodo sono evidenti: ha fatto risparmiare tempo a Stan e ha liberato artisti come Jack Kirby e Steve Ditko per liberare i loro poteri creativi. Ma quel processo confuso ha anche reso difficile determinare chi ha fatto cosa alla Marvel. Mentre i fumetti della compagnia attiravano l'attenzione dei media senza precedenti negli anni '60, Stan, in virtù del fatto di essere l'editore e lo scrittore della linea, oltre ad essere un personaggio carismatico, è diventato il volto della Marvel.

Il suo lavoro come capo cheerleader della Marvel è importante quanto qualsiasi ruolo che ha interpretato alla Marvel. Stan era considerato uno dei migliori editor di fumetti che abbia mai avuto, e i suoi dialoghi spiritosi ed emotivi hanno contribuito a dare personalità ai colorati eroi che la Marvel stava introducendo. Ma era nel suo ruolo di principale addetto alle pubbliche relazioni della Marvel che Stan sembrava sempre più a suo agio. Nessuno nella storia dei fumetti è mai stato così bravo a vendere e promuovere i fumetti come Stan.

C'è una storia in Vero credente coinvolgendo il compianto Denny O'Neil, che ha lavorato brevemente come assistente di Stan durante il periodo di massimo splendore della Marvel degli anni '60. Uno dei suoi primi incarichi è stato quello di scoprire come Stan potesse ottenere una laurea ad honorem. O'Neil ha condiviso la storia per sottolineare quanto fosse importante la fama per il suo capo. Nel libro, viene citato come dicendo di Stan, '[era] il primo uomo che abbia mai conosciuto che voleva davvero essere ricco e famoso'.

Doveva aspettare che accadesse. Anni dopo, avrebbe trovato maggiore fama come Re del Cameo nei film Marvel, ma negli anni '60, quando i media lo chiamarono per la prima volta, Stan accettò la parte. Ha diffuso la buona parola sulla Marvel in ogni giornale, programma radiofonico e campus universitario che riusciva a trovare. Il problema è che sembrava quasi sempre rivendicare la maggior parte del merito per il successo della Marvel per se stesso. Per anni, al di fuori dell'industria dei fumetti, le affermazioni di Stan sono state accettate come vangelo.

sarah michelle gellar buffy l'ammazzavampiri

Ma la storia e la verità rimangono imbattute e, con il passare del tempo, ha iniziato a venir fuori. Le affermazioni di Stan iniziarono ad essere messe in discussione, prima nelle pubblicazioni di fumetti e infine in punti vendita principali . Lo stesso Riesman ha realizzato un approfondimento per Avvoltoio nel 2016 che ha affrontato la questione del credito che Stan meritava per il successo della Marvel. Quella storia è stata l'impulso per il nuovo libro, che va più in dettaglio per mostrare da quanto tempo Lee aveva messo da parte i suoi collaboratori sui loro meritati complimenti.

Ad esempio, di volta in volta quando gli intervistatori gli chiedevano di spiegare perché Steve Ditko avrebbe inspiegabilmente rinunciato Incredibile uomo Ragno e Marvel al culmine della magica corsa Ditko-Lee, o perché la sua relazione con Jack Kirby è andata in pezzi, Lee ha distorto la realtà per adattarla alle sue stesse intenzioni. Era come se non potesse affrontare la propria colpevolezza, quindi ha inventato i suoi scenari. 'Ditko non mi ha mai detto perché era arrabbiato', ha detto Lee. 'A tutt'oggi non ho idea di cosa ho fatto per farlo smettere', diceva Lee.

Con Kirby, Lee è stato più magnanimo e ha riconosciuto il contributo di Jack a titoli come Fantastici Quattro e Il potente Thor . Nel Vero credente , l'autore fa persino riferimento a un'intervista del 1965 incredibilmente rivelatrice (è alle pagine 100-101) in cui Stan ammette che Kirby stava contribuendo almeno quanto Stan alla storia. Ecco una citazione di Stan tratta da quell'intervista e ristampata nel libro di Riesman:

'E' così bravo con le trame, sono sicuro che è mille volte meglio di me. Quasi inventa le trame per queste storie. Tutto quello che faccio è un po' di editing... potrei dirgli che è andato troppo oltre in una direzione o nell'altra. Certo, di tanto in tanto gli darò una trama, ma praticamente siamo entrambi gli sceneggiatori delle cose.'

Stan Lee, 2004

Credito: Vince Bucci/Getty Images

Ricorda, questa intervista risale a un'epoca - la metà degli anni '60 - in cui i crediti nei fumetti non erano ancora una cosa, e non c'era un grande dibattito su chi meritasse il merito per cosa. Non c'era alcun incentivo, nessuna ragione, per Stan a mentire su chi ha gestito quale parte del processo creativo. E così ha dato una delle risposte più oneste che probabilmente abbia mai dato sulla vera dinamica nella più grande collaborazione creativa che i fumetti abbiano mai visto.

Il dibattito Kirby vs. Lee divide da anni i fan dei fumetti. I sostenitori di Kirby affermano che Kirby è stato la forza trainante dietro collaborazioni come l'epica FF gestisci la coppia ingegnerizzata, o la saga mitologica spaziale in cui hanno intrecciato Thor . Lee era solo lungo per il viaggio per riempire i palloncini di parole, dicono.

I difensori di Lee ribattono dicendo che la scrittura e la guida di Stan - dopo tutto, è accreditata dell'idea di far vivere gli eroi della Marvel in un universo strettamente connesso - è stata importante quanto qualsiasi immagine per il successo della Marvel. Ma come osserva il libro di Riesman, ci sono decenni di storia prima e dopo i suoi giorni epocali alla Marvel da sostenere come prova del genio creativo di Jack Kirby. Ha co-creato Captain America nel 1941 e ha scritto romanzi e libri sui mostri negli anni '50 quando i supereroi sono caduti in disgrazia. Dopo aver lasciato la Marvel nel 1970, stufo della raffica pubblicitaria di Lee, dei bonus non pagati e, sì, della mancanza di credito per il suo lavoro nell'ideazione delle storie, Kirby è atterrato alla DC come un vichingo su tutte le furie.

Il quarto mondo che ha realizzato per la DC non è stato un successo durante la sua corsa originale negli anni '70, ma i personaggi e le idee che Kirby ha creato per quelle serie sono sbalorditivi. Molte rimangono figure chiave nel mito DC di oggi. La buona fede creativa di Kirby è indiscutibile. Stan invece no.

Prima e dopo quell'incredibile periodo degli anni '60 in cui la Marvel ha capovolto i fumetti, ci sono pochissime prove a sostegno dell'argomento che Stan fosse la principale forza creativa. Nelle memorie di Stan, Excelsior! , si è descritto come l'hack per eccellenza durante gli anni '40 e '50, quando ha supervisionato la produzione mediocre dei fumetti della Marvel (allora Timely Comics). Dopo l'Età dell'Argento, è stato promosso a editore e scriveva solo occasionalmente. L'ultimo personaggio principale che ha co-creato è stato She-Hulk, nel 1980.

L'intero mito di Stan Lee si basa su questa base instabile: che dobbiamo credere che un uomo che ha trascorso due decenni nei fumetti senza creare un singolo personaggio o una storia memorabile, sarebbe improvvisamente il principale responsabile del singolo più grande periodo creativo nella storia dei fumetti. .. e che non si avvicinerebbe mai più alla creazione di qualcosa di lontanamente sostanziale. Come ha senso in qualche modo ragionevole?

avatar l'ultimo cast del cartone animato dominatore dell'aria

I Kirby-Lee sono spesso presentati come la versione a fumetti di Lennon-McCartney. Il problema con il confronto è che dopo lo scioglimento dei Beatles, sia John che Paul hanno continuato a creare per un altro decennio. Che tu preferisca i dischi socialmente consapevoli di Lennon o che tu abbia scavato nello stile power-pop dei Wings è irrilevante; il punto è che entrambi stavano ancora sparando su tutti i cilindri, in modo creativo.

Dopo la loro rottura, il confronto Kirby-Lee non è vicino. Kirby era di gran lunga il creatore più rilevante.

Voglio essere chiaro. Rivalutare l'eredità di Stan non significa ignorare i suoi contributi. La Marvel, e forse l'industria dei fumetti nel suo insieme, non esisterebbe oggi senza la guida editoriale di Stan e l'esperto di pubbliche relazioni. Ha trasformato il coinvolgimento dei lettori in una forma d'arte. Tutte quelle interviste e lezioni universitarie che ha fatto, per quanto egoiste fossero, hanno aiutato a legittimare i fumetti. Ho sempre creduto che il suo dialogo abbia contribuito a dare agli eroi della Marvel le personalità che li hanno resi infinitamente più riconoscibili rispetto ai pesanti titani della DC. E chiunque abbia letto il Quarto Mondo e il lavoro Marvel degli ultimi giorni di Kirby su Black Panther e Capitan America sa che i dialoghi frenetici di Kirby sono stati brevi rispetto alla sceneggiatura fluida di Stan.

Ma dopo aver letto questo libro, e molti altri che hanno esaminato più da vicino il problema, non ha senso continuare a credere che Stan Lee meriti il ​​merito principale per la creazione dell'universo Marvel. Le prove semplicemente non lo supportano. Forse gli aspetti più professionalmente dannosi di Vero credente sono gli esempi che mostrano i momenti in cui Stan non solo ha rivendicato più credito di quanto avrebbe dovuto, ma ha anche rifiutato di prendere provvedimenti per condividere i riflettori con i suoi artisti. Nemmeno suo fratello minore Larry Lieber era esente dal furto di credito di Stan. Il libro spiega come Stan abbia affermato di aver scritto molti dei fumetti di fantascienza/mostri che hanno dominato la pubblicazione di Timely alla fine degli anni '50, anche se Lieber insiste sul fatto che in realtà ne ha sceneggiato la maggior parte.

So che questo libro farà arrabbiare alcune persone. È comprensibile. Stan è una figura amata nella cultura pop. Ci sono molti dettagli che lasceranno i fan a bocca aperta e forse con il cuore spezzato. In particolare, i capitoli che guardano agli ultimi anni di Stan sono dolorosi da leggere. Quando ho finito di leggerlo, la parola che meglio descriveva come mi sentivo era... disillusa.

Ho iniziato questa rubrica parlando di come dovresti voler incontrare i tuoi eroi. Stan Lee è stato uno dei miei per molto tempo. L'ho messo sul mio personale Mount Rushmore anni fa. Rimarrà lì? Onestamente non sono sicuro. Ma sono ancora grato di aver avuto la possibilità di incontrarlo e parlare con lui, proprio come sono felice di sapere tanto quanto ora so di Stan.

Imparare che il tuo eroe ha i piedi d'argilla non è mai facile, ma è necessario. Lo dobbiamo ai nostri eroi per mantenerli agli standard che ci hanno ispirato a cercare di raggiungere. È nostro dovere nei loro confronti esigere la verità, non importa quanto spiacevole o sgonfiante possa rivelarsi.

ron perlman la bella e la bestia

Qual è la tua storia preferita scritta da Stan Lee? Trovami su Twitter / Instagram e fammi sapere!

Non dimenticare che Behind the Panel è una serie multipiattaforma. La nostra serie di video è piena delle mie interviste approfondite con incredibili creatori di fumetti. Il podcast Behind the Panel è una serie di documentari audio che offre una visione unica dei tuoi creatori e storie preferiti. Dai un'occhiata, pensiamo che ti piaceranno.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBCUniversal.



^