Batman

Gli scrittori e gli artisti DC rivelano le loro storie a fumetti preferite di Batman

>

Se chiedi all'editore, scrittore e creatore di lunga data della DC Comics Paul Levitz, la magia di Batman risiede nelle molte diverse interpretazioni del Cavaliere Oscuro nel corso degli anni. Nelle pagine di migliaia di fumetti, sul grande schermo nei film live-action, in un videogioco sul tuo telefono, Batman ha vissuto innumerevoli avventure.

'Molti di noi lo vedono in modo diverso e lo portano in vita in quel modo', ha detto Levitz a SYFY WIRE. 'L'abilità di Denny [O'Neil], Frank [Miller], Neal [Adams]... così tanti altri nei fumetti, e Tim Burton e Chris Nolan nel film, di vedere aspetti diversi del personaggio è meravigliosa.'

Con così tante storie e archi di Batman tra cui scegliere, i fan di Batman possono sempre discutere su quale sia il migliore, ma che dire della tua prima esperienza con Caped Crusader? Tutti, dai fan ai creatori più famosi, hanno visto per la prima volta Bruce Wayne nella Batcaverna, la prima volta che lo hanno visto indossare mantello e cappuccio, la prima volta che lo hanno visto affrontare il Joker. Tutti hanno un primo fumetto di Batman.



Abbiamo chiesto a più di una dozzina di creatori di Batman del loro primo e/o numero preferito di Batman e di spiegare perché ha lasciato un segno su di loro. L'unica regola? Non potevano scegliere qualcosa su cui lavoravano direttamente.

Detective Comics #475 (Lo scrittore Denny O

Detective Comics #475 (Sceneggiatore Denny O'Neil, Disegni di Dick Giordano)

Per Levitz è stato un problema, perché ha lavorato così da vicino su così tanti titoli di Batman durante il suo mandato alla DC.

'Due storie che sicuramente non ho toccato sono 'Non c'è speranza in Crime Alley', quando Denny ha aggiunto una bella dimensione umana alla tragedia di Wayne, e 'The Batman Nobody Knows', scritta da Frank Robbins, entrambi disegnati da Dick Giordano, ' ha detto Levitz. 'Quest'ultima storia mi è sembrata molto semplice e umana.'

Per quanto riguarda la prima volta che ha visto Batman sulle pagine della DC Comics, Levitz ha detto che probabilmente è successo nel 1963.

'Potrei essere entrato a Fumetti investigativi #319 o giù di lì. Un ragazzo più grande del mio quartiere aveva una scatola di fumetti, e includeva alcuni numeri di quel momento', ha detto. 'Sorrido guardando la copertina, un po' stupida per gli standard moderni, ma mi riporta al dramma della battaglia in montagna.'

Ecco cosa hanno ricordato altri narratori della loro prima lettura di Batman:

Detective Comics #230 (sceneggiatore: Bill Finger, disegnatore: Sheldon Moldoff)

Detective Comics #230 (Sceneggiatore: Bill Finger, Disegnatore: Sheldon Moldoff)

Steve Englehart

Batman, The Batman Chronicles, Batman: Detective Oscuro, Batman: Leggende del Cavaliere Oscuro, Detective Comics

I problemi più significativi per me iniziano con Fumetti investigativi #230, dell'aprile 1956, perché è la prima volta che vedo Batman. L'arte era la tipica roba di 'Bob Kane' della metà degli anni '50, ma la storia è stata la prima apparizione del Cappellaio Matto, che mi ha introdotto nel mondo di strani cattivi di Batman e allo stesso tempo mi ha fatto conoscere Batman. Anche con l'arte zoppa, c'era qualcosa di operistico nel concetto.

Ma quello stesso mese, abbiamo avuto Batman #99 con 'Il Fantasma della Bat-Cave'. Questo era un altro lato di Batman, che ha affrontato un crimine apparentemente impossibile in una stanza chiusa e lo ha risolto attraverso la conoscenza scientifica. Non è quello che ha fatto Superman. E poiché era l'intero fumetto di Batman, c'era anche una storia di Penguin e una storia su Batman che viaggiava nel tempo, cosa che a quanto pare faceva abbastanza spesso - tutte e tre con i disegni di Bob Kane. L'arte di Bob Kane era brutta ma caratteristica, e caratteristica era interessante.

Per favore, ricorda che questo era il 1956, tra la Golden Age e la Silver Age, e fondamentalmente quello che avevamo per i supereroi era Superman, Batman e Wonder Woman. Questo è tutto. E questo Batman ha promesso di essere molto più interessante degli altri due. Ovunque sono finito con Batman, dopo averlo filtrato attraverso la mia mente in via di sviluppo per i successivi due decenni, è iniziato con questi due libri.

Un promemoria che senti di tanto in tanto è 'È sempre il primo problema di qualcuno'. Questi erano i miei.

Batman #156 (Sceneggiatore: Bill Finger, Disegni: Sheldon Moldoff, Charles Paris)

Batman #156 (Sceneggiatore: Bill Finger, Disegni: Sheldon Moldoff, Charles Paris)

Peter Milligan

Detective Comics, Batman Confidential, Legends of the Dark Knight e La resurrezione di Ra's al Ghul

Non tanto per la sua qualità – era una storia piuttosto folle di dubbia merito – ma per il posto che ha nella mia memoria, un numero di Batman che ricordo è 'Robin Dies at Dawn'.

Ero in ospedale quando ha trovato la sua strada verso di me. Ho avuto una 'malattia misteriosa', che di per sé suona come qualcosa dei fumetti della Silver Age. Passavo un giorno o due sentendomi bene e poi cadevo nella febbre e nel quasi delirio. Fu durante uno dei miei periodi normali che una delle infermiere mi consegnò alcuni vecchi fumetti che aveva preso dal mucchio di fumetti e libri nel reparto pediatrico. Uno di questi era 'Robin Dies at Dawn', scritto da Bill Finger, con i disegni di [Charles] Paris e [Sheldon] Moldorf.

Due cose mi hanno colpito del fumetto. Primo: la copertina esagerata, che mostra un Batman piangente che tiene in braccio un Robin morto. Secondo: già da bambino ero consapevole di quanto fosse magnificamente inopportuno dare a un giovane paziente che per quanto ne sapeva sarebbe morto, se non all'alba, poco dopo, un fumetto come questo. Anche così, forse a causa del mio stato di stordimento sono davvero entrato nella folle storia del mondo alieno e della banda di gorilla. Sono scivolato in uno dei miei stati febbrili prima di arrivare alla fine del fumetto. Quando mi sono ripreso, il fumetto era sparito, passato a qualche altro giovanotto malato. Quindi non sapevo come fosse finita.

'Si scopre che sia Robin che io siamo sopravvissuti!!'

Batman #232 (sceneggiatore: Denny O

Batman #232 (Sceneggiatore: Denny O'Neil, Disegni: Neal Adams)

Larry Hama

Batman, Batman: Legends of the Dark Knight, Batman: Shadow of the Bat, Batman: Toyman

Il lavoro di Dick Sprang sul Batman della Golden Age è stato il primo che ha attirato la mia attenzione da bambino, ma a quei tempi non c'erano davvero 'archi'. I tre archi di Batman che mi hanno colpito sono la corsa di Denny O'Neil/Neal Adams, quella di Frank Miller Cavaliere Oscuro , and David Mazzucchelli's Batman: Anno Uno .'

Batman #253 (Sceneggiatore: Denny O

Batman # 253 (Sceneggiatore: Denny O'Neil, Disegni: Dick Giordano, Irv Novick)

Will Murray

Le ulteriori avventure di Batman

Due delle storie di Batman più consequenziali mai pubblicate erano crossover. È risaputo che la prima storia di Batman era un adattamento di un romanzo pulp del 1936 con L'ombra, i compagni del pericolo. Di conseguenza, Batman è letteralmente una versione a fumetti del grande eroe pulp. Entrambi erano milionari che combattevano bizzarri cattivi e si intrattenevano con il commissario di polizia residente. Bill Finger, che ha scritto quella storia iniziale di Batman, ha ammesso che il suo primo racconto di Batman era un 'decollo' di un romanzo di Shadow. 'Decollo' è un modo educato per dire 'adattamento non autorizzato'.

Per quanto riguarda l'artista Bob Kane, una volta ha ammesso: 'Suppongo che sia il costume incappucciato dell'Ombra che il ruolo della doppia identità, così come le straordinarie acrobazie di Douglas Fairbanks Sr., abbiano fatto di più al mio subconscio per creare il personaggio e la personalità di Batman. di qualsiasi altro fattore.' Fairbanks aveva interpretato un precedente eroe vestito di ebano, Zorro, quindi qui Kane sta confessando che Batman è una combinazione di Zorro e dell'Ombra.

I due crociati incappucciati degli anni '30 probabilmente non si sarebbero mai incontrati - dopotutto, erano rivali quando entrambi avevano i loro fumetti negli anni '40 - ma negli anni '70 la DC Comics acquisì i diritti per L'ombra e ha lanciato il suo famoso titolo Shadow, inizialmente disegnato da Mike Kaluta. Licenza alla mano, DC ha deciso che i due ex rivali si sarebbero incontrati, anche solo per scopi promozionali incrociati. Si sono incrociati nelle pagine di Batman #253, novembre 1973.

Con un occhio alla storia parallela di entrambi i personaggi, lo sceneggiatore Denny O'Neill ha inventato un approccio intrigante. Da L'ombra è stato ambientato negli anni '30 e '40, e Batman ha continuato ad evolversi oltre il suo arco temporale originale, ha creato una storia intitolata 'Who Knows What Evil––?' in cui sono inquadrati come appartenenti a due diverse generazioni di eroi. Ad ovest, in un luogo chiamato Tumbleweed Crossing, Bruce Wayne sta seguendo un anello di contraffazione, con l'aiuto di una figura oscura e misteriosa che non vede mai chiaramente. Poiché questa è prima di tutto una storia di Batman, è raccontata dal suo punto di vista. Anche quando l'Ombra si infila nel dito, non si rivela mai. Ma Batman sospetta la verità.

L'artista Irv Novick ha tenuto l'Ombra fuori dalla luce del sole del deserto fino al climax, che è stata la parte migliore della storia. Tornando a Gotham City, Batman e l'Ombra si incontrano faccia a faccia. Lì, l'Ombra si complimenta con il Cavaliere Oscuro per una carriera di successo nella lotta al crimine e essenzialmente dà la sua benedizione.

'Lo considero un magnifico complimento!' risponde Batman. 'Non l'ho mai detto a nessuno... ma sei stata la mia più grande ispirazione... sarei onorato di stringerti la mano!'

'L'onore è mio!' restituisce l'Ombra mentre i due combattenti del crimine si stringono la mano. Esce dall'Ombra, ridendo, presumibilmente con soddisfazione.

Un anno dopo, per Batman #259, O'Neill e Novick ripetono la loro magia in 'Night of the Shadow.' Ancora una volta, O'Neill sta giocando con il passato storico di Batman. Nelle sue prime avventure, il Caped Crusader portava un'automatica solitaria. Dopo un episodio particolarmente a sangue freddo in Fumetti investigativi 32, DC ordinò a Finger e Kane di cessare e desistere raffigurando Batman con una pistola. Hanno rispettato.

Kane in seguito ha osservato: 'Non pensavamo che ci fosse qualcosa di sbagliato nel fatto che Batman portasse una pistola perché l'Ombra ne usava una'.

Nei fumetti, non è mai stato spiegato il motivo per cui il personaggio ha abbandonato la sua automatica per sempre, fino a quando Denny O'Neill non è riuscito a spiegarlo circa tre decenni dopo. Tra questi due racconti, impariamo di più sulle motivazioni di Batman e sul suo approccio alla lotta contro il crimine che in altre centinaia di storie. Ed è per questo che sono così significativi.

Se il fumetto Shadow di DC fosse continuato per un terzo anno, senza dubbio questi due combattenti del crimine si sarebbero incontrati di nuovo. E oggi scriverei di una trilogia di storie consequenziali. Si può solo ipotizzare cosa avrebbe potuto fare O'Neill in un terzo go-round. Ma mi sembra di sentire la risata del Joker essere soffocata da quella di un altro...

E posso solo chiedermi cosa L'ombra il creatore, Walter B. Gibson, avrebbe detto di tutto questo. Una volta ha deriso Batman definendolo una 'versione da clown dell'Ombra'. Eppure dopo La rivista dell'ombra piegato nel 1949, Gibson è passato ai fumetti e ha sceneggiato una manciata di storie di Batman. Uno dei suoi ultimi racconti era interpretato anche da Batman. Gibson ha scritto 'The Batman Encounters Grey Face' in modo che se si fosse presentata l'occasione, avrebbe potuto semplicemente cambiare i nomi dei personaggi e sarebbe diventata un'altra storia di Shadow, indistinguibile da tutte le altre.

Ecco quanto sono concettualmente vicini questi due personaggi. E perché quegli storici crossover si distinguono dal torrente di storie di Batman scritte negli ultimi ottant'anni...

Batman: The Killing Joke (Sceneggiatore: Alan Moore, Disegni: Brian Bolland)

Batman: The Killing Joke (Sceneggiatore: Alan Moore, Disegni: Brian Bolland)

Ron Marzo

Batman Saga, file segreti dei cattivi di Batman, Batman/Alieni. Batman: Tesori nascosti, Batman/Tarzan, La leggenda del cavaliere oscuro

Penso che ci siano più storie fantastiche con Batman che con qualsiasi altro personaggio dei fumetti. Per me, è un trio che è uscito tutto nella stessa epoca: Il ritorno del Cavaliere Oscuro di [Frank] Miller e [Klaus] Janson, Batman: Anno Uno di Miller e [David] Mazzucchelli, e Lo scherzo dell'uccisione di [Alan] Moore e [Brian] Bolland. Sono usciti tutti quando stavo riscoprendo i fumetti e alla fine mi indicavo una carriera nei fumetti, quindi tutti hanno avuto un'enorme influenza su di me. Ognuno è una versione abbastanza diversa di Batman: Batman Rookie, Batman nella sua perfezione e un Batman brizzolato. Ma la scrittura e l'arte su ciascuna di esse sono superlative e ognuna mi ha mostrato le possibilità insite nei fumetti come mezzo di narrazione. Il ritorno del cavaliere oscuro soprattutto è stato come un fulmine a ciel sereno. Il formato, la storia, tutto mi ha lasciato senza fiato. Li rileggo tutti almeno una volta all'anno.

Batman: Gotham Adventures #26 (Sceneggiatore: Scott Peterson, Disegni: Tim Levins, Terry Beatty, Lee Loughridge)

Batman: Gotham Adventures #26 (Sceneggiatore: Scott Peterson, Disegni: Tim Levins, Terry Beatty, Lee Loughridge)

Devin Grayson

Batman: Gotham Knights, Batman/Joker: Switch, Nightwing e Huntress

Le mie storie di Batman preferite sono quelle che trovano un equilibrio tra il suo status mitologico e la sua umanità, e penso che ciò sia spesso dimostrato in modo più efficace nei fumetti che sono deliberatamente resi accessibili ai bambini. Un grande esempio è Batman: Gotham Adventures #26 di Scott Peterson e Tim Levins.

La storia, 'In Arms', ha un mistero che sta risolvendo come detective, molta azione, suspense e umorismo, un ottimo esempio della misura in cui la sua reputazione lo precede e di come lo usa a suo vantaggio, un bel riconoscimento della sua connessione con Alfred e molteplici illustrazioni della sua compassione, il tutto mentre porta in giro un bambino, in stile Lupo Solitario e Cucciolo.

lorena ritorno al futuro

Ci sono probabilmente modi più succinti per dimostrare chi è Batman che mostrargli proteggere la vita di un bambino in situazioni sempre più pericolose mentre lo si tiene anche sbagliato, ma non sono sicuro che ce ne siano di migliori. Una delle sue qualità distintive per me è sempre stata la misura in cui ha dovuto sacrificare aspetti del normale sviluppo umano per diventare straordinario come lui. Questa storia lo mostra molto chiaramente, sottolineando anche come la sua decisione di fare le cose in quel modo, sebbene a volte problematica, sia indiscutibilmente eroica.'

Detective Comics # 235 (Sceneggiatore: Bill Finger, Disegni: Sheldon Moldoff)

Detective Comics #235 (Sceneggiatore: Bill Finger, Disegni: Sheldon Moldoff)

Jerry Ordway

Batman Annual, Batman: L'adattamento ufficiale del fumetto

Durante i primi anni '60, ricordo di aver letto un Batman o Detective Comics Annual che aveva una ristampa di una storia precedente in cui Batman racconta del costume da pipistrello nella Batcaverna che indossava suo padre. Il padre di Bruce Wayne vestito da Batman? Era una specie di concetto strabiliante per me da bambino, che Bruce stesse seguendo le orme di suo padre. È una storia carina e mi ha ispirato a scrivere una storia a tema simile per il fumetto Potere di Shazam , dove Billy Batson si trova in un mondo alternativo dove suo padre e sua madre non solo vivevano ancora, ma erano diventati dei supereroi!

Negli anni '70 ero più o meno un fan della Marvel, ma ero passato alla DC Comics per seguire quello di Jack Kirby. Nuovi Dei cose. A un certo punto, mi sono abbonato a otto fumetti DC tramite un'offerta di abbonamento e ho aggiunto il Batman fumetto per compilare l'ordine. Più tardi, nella posta ho ricevuto questa fantastica storia di Batman/Due Facce, realizzata da Denny O'Neill e Neal Adams! Wow, ne sono rimasto sbalordito. Era il numero 234, e nel numero, Batman è alla mercé di Due Facce, legato a una nave che affonda, sul punto di annegare. Due Facce lancia la sua moneta, e questa si ferma a faccia in su senza cicatrici. Poi deve salvare Batman! Ho solo pensato che fosse una storia fantastica e diversa, e Batman non avrebbe potuto sembrare più figo, con il suo mantello che sventola elegantemente dietro di lui! Neal e Denny sono diventati i miei creatori di Batman preferiti.

Alcuni anni dopo, Steve Englehart, Marshall Rogers e Terry Austin cambiarono di nuovo le cose, con il loro breve periodo Fumetti investigativi , con Englehart che inizia come scrittore sul numero #469 e Marshall Rogers che si unisce come disegnatore sul numero #471. È stata una cosa fantastica e la loro storia di Joker è stata davvero memorabile. La serie ha reintrodotto alcuni cattivi da tempo dimenticati e ha aggiunto un nuovo interesse amoroso, Silver St. Cloud, che ha scoperto che Bruce Wayne era Batman. Wow, solo una bella combinazione di buona storia e grande arte lunatica.

Da bambino di 8 anni, ero un grande fan del 1966 Batman show televisivo, ma poi all'età di 10 anni l'avevo lasciato indietro per gli eroi Marvel Comics più adulti (una versione di 10 anni di 'adulti'). Ho perso interesse per Batman per alcuni anni fino a quando ho visto quella storia di Due Facce, e poi ho iniziato a seguirlo Batman e Fumetti investigativi ancora.

C'erano delle cose davvero buone che venivano fatte in Fumetti investigativi prima dell'era Englehart/Rogers/Austin, quando Archie Goodwin è subentrato come editore forse nel 1973. Batman come personaggio, penso, spesso tira fuori il meglio dai creatori. Con così tante fantastiche interpretazioni di Batman, lo spirito competitivo costringe le persone a provare a superare queste storie che leggono da fan, sai?

Detective Comics #439 (Sceneggiatore: Steve Englehart, Trama e matite: Vin & Sal Amendola)

Detective Comics #439 (Sceneggiatore: Steve Englehart, Trama e matite: Vin & Sal Amendola)

Gail Simone

JLA: Classifield, Birds of Prey, Batgirl

La mia storia di Batman preferita non è appariscente e nemmeno particolarmente nota. Ma ha plasmato per sempre la mia visione di Batman. Era in uno speciale di 100 pagine che ho trovato a una svendita da bambino. Eravamo poveri, non avevo accesso a un negozio di fumetti, quindi li compravo ogni volta che potevo. La storia è 'La notte dello stalker', da Fumetti investigativi # 439. Ed è interessante, perché Batman non parla mai in tutta la storia.

'Batman è testimone di un crimine insensato, quasi identico a quello che si è concluso con la morte dei suoi genitori. E qualcosa si rompe in lui, temporaneamente. Insegue i tiratori, in silenzio e senza sosta. Li terrorizza, e non è una recita, è semplicemente diventato davvero questa creatura della notte che ha sempre giocato a essere. E l'ultimo momento, quando affronta un ritratto dei suoi genitori con il cappuccio abbassato, ha spezzato il mio cuore da bambino.

“È scritto dal grande Steve Englehart e disegnato con sensibilità dal terribilmente sottovalutato Sal Amendola; a volte sembra un film di Orson Welles, tutto ombra e presagio. Ma fino ad oggi, la trovo la migliore versione di una versione cautelativa di Batman, un Batman che va troppo oltre. E mi ricorda che Batman che si comporta come Wolverine non è affatto Batman.'

Batman #1 (Sceneggiatore: Bill Finger, Paul Gustavson Artista: Bob Kane, George Papp, Paul Gustavson, Raymond Perry)

Batman #1 (Autore: Bill Finger, Paul Gustavson
Artista: Bob Kane, George Papp, Paul Gustavson, Raymond Perry) Courtesy: DC Comics

Michael Uslan

Il ragazzo che amava Batman

[Il mio preferito è] Batman #1, perché non solo Robin era nuovo di zecca, ma questo numero ha introdotto sia il Joker che Catwoman, elevando la mitologia di Batman a un nuovo livello. [Al secondo posto,] Denny O'Neil e Neal Adams introducono Ra's al Ghul, Talia e la Lega degli Assassini. Questo arco ha davvero ridefinito il ritorno all'oscurità di Batman nei fumetti post the Batman Serie TV.

[Finalmente,] 'La notte dello stalker' da Fumetti investigativi #439 ha riportato Bruce Wayne all'inizio del suo incubo e ha portato i lettori a vivere un'esperienza emotiva e straziante, confermando quanto sia umano Batman e perché deve fare quello che fa.

Batman #404 (Sceneggiatore: Frank Miller, Artista: David Mazzucchelli)

Batman #404 (Sceneggiatore: Frank Miller, Artista: David Mazzucchelli)

Becky Cloonan

Batman, Detective Comics

Batman: Anno Uno di Frank Miller e David Mazzucchelli, che è, secondo me, un fumetto quasi perfetto. La storia è stata raccontata così tante volte da allora che se la stai leggendo solo ora per la prima volta potrebbe essere difficile vedere cosa ci fosse di così innovativo, ma il moderno Batman - il detective grintoso come lo conosciamo oggi, e la sua relazione con il duro Gordon - sembra davvero che sia iniziata qui.

L'arte di Mazzucchelli è sublime. Per me, lui è la vera star qui. Ogni pagina è come un film noir che prende vita! Le sue linee sono sciolte ma deliberate, bilanciando i dettagli contro il bianco e nero con facilità apparentemente senza sforzo. Riesce a creare arte che è allo stesso tempo iconica ed emotiva, e non importa quanto a lungo guardo le pagine trovo sempre qualcosa di nuovo di cui meravigliarmi.

Anno uno è un libro breve, ma racchiude un pugno enorme. Se non l'hai letto, fatti un favore e prendilo. Per me, è qui che inizia tutto.

Batman #250 (Sceneggiatore: Frank Robbins Artista: Dick Giordano)

Batman #250 (Sceneggiatore: Frank Robbins Artista: Dick Giordano)

Jordan B. Gorfinkel

Batman: Terra di nessuno, The Batman Chronicles, Batman: Knightfall, Detective Comics, Batman: File segreti di Terra di nessuno

Sto cercando di ricordare il nome della storia. Sono abbastanza sicuro che l'abbia scritto Denny O'Neil. Breve storia di Batman, Bruce Wayne con i bambini intorno a un falò, tutti raccontano la loro impressione di Batman. *Spoiler Alert* Alla fine Bruce salta fuori indossando il suo costume di Batman ei bambini pensano che sia debole. Significativo per me perché racchiude tutto ciò che è fantastico del personaggio di Batman e del potenziale della storia: c'è un Batman per ogni generazione, genere, background … è un mito infinitamente adattabile, e questa è la chiave della sua longevità. E il punto è fatto in una storia molto divertente, sorprendente, piena di suspense e divertente. E io amo i fuochi da campo.

Detective Comics #469 (Sceneggiatore: Steve Englehart, Disegni: Walt Simonson)

Detective Comics #469 (Sceneggiatore: Steve Englehart, Disegni: Walt Simonson)

J.M. DeMatteis

Batman & Spider-Man: New Age Dawning, Batman: Absolution, Batman: Legends of the Dark Knight, Batman: Two-Face - Crime and Punishment, Detective Comics

Uno dei miei ricordi primordiali è di 6 o 7 anni, sdraiato sul pavimento del soggiorno con pastelli e una pila di fogli da disegno, cercando di replicare una linea per linea di copertina di Batman dell'era Dick Sprang/Sheldon Moldoff. Per molti versi, quella versione di Bats con la mascella quadrata e un po' goffa (ok, più che leggermente) è quella che amo più di ogni altra. E non c'è storia che abbia avuto un impatto maggiore sulla mia giovane coscienza impressionabile di 'Robin Dies at Dawn' in Batman #156, che presenta una delle più grandi copertine nella storia del personaggio.

L'intera storia si è rivelata un imbroglio - un'allucinazione derivante dalla partecipazione di Batman a un esperimento di isolamento gestito dal governo - ma ha comunque avuto un enorme impatto su di me. Fino a quella rivelazione finale, Little Me credeva davvero che Robin fosse morto e io ero sia stupito che addolorato. Non ho mai dimenticato quella storia o quell'immagine di copertina inquietante.

Guardando i racconti di Batman più moderni, non c'è niente di meglio della classica corsa di Steve Englehart-Marshall Rogers. Batman è davvero il Cavaliere Oscuro, ma è anche completamente umano. I cattivi sono scritti alla perfezione e le storie sono piene di avventura, immaginazione e cuore.

Detective Comics #500 (sceneggiatore: Alan Brennert, disegnatore: Dick Giordano)

Detective Comics #500 (sceneggiatore: Alan Brennert, disegnatore: Dick Giordano)

Scott M. Beatty

Batman: Gotham Knights, Batman Begins: The Visual Guide, The Batman Handbook: The Ultimate Training Manual, Batman: The Ultimate Guide to the Dark Knight

Non riesco a pensare a un compito più difficile che restringere le mie storie di Batman preferite. I miei 'preferiti' sono innumerevoli numeri uno-e-fatto, interi run e persino i più oscuri racconti dell'Età dell'Argento che inducono lamenti con il Cavaliere Oscuro che sventa gli invasori alieni o è costretto a indossare varianti imbarazzanti del suo mantello e cappuccio ... storie che oggi sembrano antitetici alla nostra esperienza culturale condivisa di chi è Batman.

La maggior parte degli studiosi di Batman sosterrebbe che è TUTTO questo, e non posso non essere d'accordo. Personalmente, ho optato per il 'frutto basso' qui, storie che ho letto da bambino che hanno contribuito a definire Batman per me nei miei anni formativi come Bat-Fanboy. Il primo è 'To Kill a Legend' di Alan Brennert e Dick Giordano da Fumetti investigativi #500, che suppongo sia appropriato visto che stiamo sbandando verso il punto di riferimento millesimo numero di Fumetti investigativi . Questo, di per sé, mi fa sentire disperatamente vecchio.

'To Kill a Legend' ha tutti i tropi di una buona 'Imaginary Story'. In esso, il mistico errante della DC Comics 'The Phantom Stranger' trasporta il Dynamic Duo in un luogo in cui Batman è effettivamente in grado di cambiare il corso degli eventi che lo hanno trasformato nel famigerato 'Crime Alley' di Gotham City. Il Cavaliere Oscuro riesce effettivamente a salvare i suoi genitori. Beh, per essere onesti, è un universo parallelo Thomas e Martha Wayne. Ma il singolo crimine che ha plasmato un orfano in lutto in Batman viene fermato... da Batman.

Nella mia mente, la ragion d'essere di Batman è sempre stata il fatto che l'unico crimine che non ha potuto prevenire (o vendicare) sono stati gli omicidi che lo hanno creato. In 'To Kill a Legend', Batman ha risparmiato il giovane Bruce Wayne di quella realtà alternativa dalla disperazione e dalla solitudine che lo hanno sempre definito. 'Quello che è scappato' NON è scappato. È il più grande successo di Batman, ed è una storia di Batman che in realtà finisce felicemente.

Non penso che tu possa leggere Batman ... o scrivere Batman ... cupo, grintoso o qualsiasi sua variazione ... senza credere intrinsecamente che il Cavaliere Oscuro tenga fermamente un barlume di speranza di fronte alla disperazione della criminalità andato incontrollato. Batman non è pessimista. Solo un ottimista potrebbe credere, mentre conduce una guerra inesorabile al crimine, di avere la minima possibilità di ribaltare le cose in qualche modo.

Il mio secondo classificato è Batman e gli Outsiders #1 di Mike W. Barr e Jim Aparo. A parte Aparo che mi definisce il Cavaliere Oscuro qui, in innumerevoli Batman e Fumetti investigativi racconti, e nelle sue collaborazioni mensili con altri personaggi DC nel tanto amato Il coraggioso e l'audace , questo spin-off di B&B ha mostrato Batman al suo meglio.

In 'Guerre finite... Guerre iniziate!' Batman chiede aiuto alla Justice League quando l'amico di Bruce Wayne, Lucius Fox, viene rapito e trattenuto per chiedere un riscatto a Markovia, un paese europeo dell'universo dei finti fumetti sull'orlo della guerra civile. Quando la Lega declina a causa del suo patto di non diventare politico (diciamo le super-persone che vegliano sulla Terra da una fortezza spaziale orbitante), Batman dà loro un pezzo della sua mente, si ritira all'istante e poi forma il suo super- squadra per portare a termine il lavoro.

Va detto che la Fox era anche a capo della Wayne Enterprises, una presunzione portata decenni dopo nell'opera di Christopher Nolan. Cavaliere Oscuro trilogia interpretata da Morgan Freeman. Ma dicendo alla Justice League di andare all'inferno perché la vita di un uomo era più importante dell'impotenza politica, Batman ha rivelato ai lettori che cose come l'amicizia e gli obblighi erano importanti per lui quanto la sua risoluta guerra al crimine.

E amico, quella copertina... Il Cavaliere Oscuro di Aparo che parlava a squarciagola con la JLA mentre i suoi nuovi partner stavano a guardare... è una da incorniciare. Inoltre, ha cambiato il gioco per Batman. Prima di questa storia, la breve lista di aiutanti e collaboratori di Batman sarebbe stata sostituita da una rete di eroi ed eroine che la pensano allo stesso modo. Non era più solo una Bat-Squad o una Batman Family. Per vincere una guerra al crimine, aveva bisogno di un esercito di pipistrelli. Gli outsider era solo l'inizio di una storia che ogni moderno Bat-writer dovrebbe riconoscere come un cambiamento nel modo in cui Batman opera, eliminando le regole e infrangendo le norme per fare ciò che è giusto e giusto.




^